LA CONFERMA CHE INDICA L'ERRORE DELLA SCIENZA MEDICA

Home Forum SALUTE LA CONFERMA CHE INDICA L'ERRORE DELLA SCIENZA MEDICA

Questo argomento contiene 13 risposte, ha 5 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Genio 5 anni, 2 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 14 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #61425

    Genio
    Partecipante

    Un Saluto ai Visitatori del Forum di AG

    Svolgendo la ricerca per capire le cause e le cure appropriate per alcune gravi malattie Neurodegenerative e Oncologiche, mi sono accorto sorprendentemente che, il MECCANISMO DI AZIONE DI MOLTI FARMACI NON E' ANCORA CHIARO, infatti, se voi scrivete su Internet la frase: il meccanismo di azione dei farmaci non è chiaro, voi leggerete che per molti farmaci l'esatto meccanismo di azione non si conosce ancora.

    Perchè questa grave mancanza da parte dei Ricercatori e dei Medici?

    La risposta è abbastanza semplice, non si conosce ancora il meccanismo di azione dei farmaci perchè in tutti i farmaci che hanno una qualche minima efficacia per la cura di una qualunque malattia Neurodegenerativa o Oncologica, c'è una SOSTANZA (di solito un'acido) che agisce nella Vasodilatazione Arteriosa, aumentando l'apporto del fondamentale Ossigeno Disciolto Paramagnetico nel sangue.

    I Ricercatori degli Istituti Scientifici di Medicina però non considerano importante la Vasodilatazione Arteriosa perchè, (scusate le ripetizioni) non conoscono il meccanismo che Genera Energia tramite il PARAMAGNETISMO DELL'OSSIGENO IRRADIATO NEL SANGUE, il quale interagisce con l'ELETTROMAGNETISMO dell'Idrogeno attivato dai Potenziali Bioelettrici di Membrana.

    Appare così chiaro che, quando c'è abbondante Ossigeno Paramagnetico nel sangue si verifica un'eccellente Attività Bioelettrica Cerebrale e Organica e noi stiamo Bene, ma quando c'è CARENZA di Ossigeno Paramagnetico indicato dalla diminuzione della pO2 arteriosa, si RIDUCE l'Attività Bioelettrica di tutte le Cellule del Cervello, del Cuore, dei Muscoli, diminuendo l'Energia in tutte le altre cellule del corpo causando in questo modo le malattie Neurodegenerative, Oncologiche, Cardiovascolari e altre malattie.

    Consentitemi di rivolgervi questo suggerimento: armatevi di un pò di pazienza e fate il controllo su Internet del meccanismo di azione dei farmaci, così potrete leggere anche voi che non ho scritto fantasie.
    Mi auguro che qualcuno di voi riesca a capire l'importanza di quello che scrivo.
    Arrivederci


    #61426
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Ieri è morta una mia amica, ennesima vittima delle cure allopatiche….non ne posso più!!!!!


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #61427

    Genio
    Partecipante

    http://www.aimac.it/page.php?idtree=mKyV

    Come potete leggere dallo studio che ho inviato capirete che questo è uno dei tanti esempi che indicano la non conoscenza dell'esatto meccanismo di azione dei farmaci, infatti, il farmaco Interluchina-2 è prescritto per la cura di alcuni tipi di tumore, però, QUAL'E' IL PRINCIPIO DI AZIONE DELL'INTERLUCHINA-2 ?

    Nella descrizione dello studio c'è scritto, NON E' ANCORA CHIARO QUALE SIA IL MECCANISMO DI AZIONE dell'IL-2.

    L'Inteluchina-2 è una proteina prodotta dal nostro organismo e può essere prodotta sinteticamente in laboratorio, quello che è necessario far capire ai Medici è che: il suo meccanismo di azione è quello di agire in una blanda Vasodilatazione Arteriosa, per questo motivo con l'Interluchina-2 come con altri farmaci si è riscontrata una minima efficacia per la cura dei tumori.

    Appare chiaro che, se i Ricercatori di Medicina sapessero che è indispensabile la Vasodilatazione Arteriosa insieme all'aumento della pO2 aumentando in questo modo l'Attività Bioelettrica Cerebrale e Organica per la cura risolutiva delle malattie tumorali, neurodegenerative, e altre malattie, si produrrebbero dei farmaci molto più efficaci di quelli prescritti finora.
    Da parte mia sto descrivendo queste realtà ad alcuni Medici e Ricercatori, ma per loro è difficie accettare le conclusioni di un'autodidatta, per ora sono solo a suggerire queste indicazioni, altra cosa sarebbe se riusciamo a formare un gruppo di Persone che hanno anche solo in parte capito quello che possiamo insieme dimostrare.


    #61428

    pancia37
    Partecipante

    Genio , come dobbiamo fare per fare una confferenza stampa dove tu spiegherai il tutto? bisogna fare confronti con chi se ne intende , e magari chiamare qualche giornale o tv , tu parli di curare il tumore e non solo , è molto importante visto che tu sei l'unico preparato ed esperto in questa cosa , dobbiamo fare in modo che tu ti conffronti il più possibile con specialisti e piano piano la tua ricerca arriverà a tutti ..


    #61430

    Genio
    Partecipante

    Ciao Pancia Ben rivisto e grazie per la risposta, una conferenza stampa dici, magari, prima però è necessario che ad alcuni di noi sia ben chiaro quello che ho descritto riguardo alle cause e le cure per le malattie.

    In alcune occasioni tu e altri Utenti del Forum siete stati determinanti per convincermi che sto seguendo la strada giusta riguardo alla ricerca, per esempio quando hai inviato lo studio del Dottor Warburg, il quale ha scoperto la causa del cancro già alcuni decenni fa, in seguito però questa importante scoperta è stata “insabbiata”, non è stata approfondita.
    Negli anni successivi alla scoperta del Dottor Warburg, alcuni ricercatori e medici, sbagliando, indicarono le cause del cancro nelle mutazioni genetiche, senza capire che le mutazioni sono la conseguenza del cancro e altre malattie NON LA CAUSA.

    Ascolta Pancia, che ne dici di incontrarci in qualche città, così potrai visualizzare tutta la documentazione che ho raccolto in questi anni di ricerca, potrai renderti conto che le descrizioni sulle cause delle malattie che ho indicato finora corrispondono a realtà verificabilissime.
    Resta inteso che l'invito all'incontro per visualizzare la mia ricerca è rivolto a tutti gli Utenti del Forum, sarò ben lieto di dimostrare a chiunque di voi che non scrivo fantasie.
    A risentirci Pancia
    Pino


    #61429

    pancia37
    Partecipante

    Dammi tempo due settimane e vediamo di trovarci , sappi che io non sono un medico , però voglio vedere se convinco un dottore che conosco .
    Penso che sai molto bene quello che dici , se vuoi posta anche una pagina web e anche su facebook con tutte le spiegazioni , nome e cognome di chi sei ect , cosi riesco già a lavorare facendoti conoscere a diverse persone , potrei dire migliaia , oggi è molto semplice con il web specialmente su facebook dove la publicità può raggiungere molte persone malate e professionisti , bisognerebbe che tu postassi una presentazione completa fatta bene e digitalizzata in modo che chiunque voglia sapere o pure conoscerti abbia direttamente i tuoi dati , poi si può pensare anche ad un gruppo , come dicevi , più persone sono meglio e .
    Ci vuole una pagina che spieghi questa strabbigliante teoria in modo che chi è del settore inizzi a farse parecchie domande .. a presto


    #61431

    Genio
    Partecipante

    Bene Daniele, se scrivi nel mio indirizzo email ti invierò i file delle ricerche che ho svolto sul cancro, sull'Alzheimer, sulla SLA, in parte le conosci già, poi vedremo come meglio pubblicarle, probabilmente sei più bravo tu nella divulgazione.

    L'importante è iniziare una collaborazione, tramite la quale potremo indicare a chi di competenza i controlli e le verifiche che sono indispensabili per confermare questa che ancora è una teoria.

    Avanti così Daniele :salu: :salu:


    #61432

    pancia37
    Partecipante

    OK , fatto , ma rimango della idea che una buona pagina facebook con tutto l'occorrente e con tanto di mail ect per interagire sia già un ottimo primo passo , cerca un nome per la pagina che colpisca molto in modo che ad un primo acchito colpisca e susciti subito l'attenzione su questa teoria che potrebbe cambiare la vita di tutti per sempre , che comunque trovo molto vicine anche se non è la stessa cosa , al dottore pierpaoli ..


    #61434

    Genio
    Partecipante

    LA MELATONINA
    NEW PARMA – ott/nov 2008

    Alla vigilia delle vacanze estive qualcuno di voi in procinto di fare una vacanza oltre oceano avrà pensato di ricorrere alla melatonina per mitigare gli effetti del Jet Lag (sindrome del fuso orario). In effetti questo è forse lo specifico utilizzo di questa straordinaria sostanza.

    Ma innanzitutto cos’è la melatonina? La melatonina è un ormone prodotto dalla ghiandola pineale o ipofisi, situata nella parte posteriore del cervello. Dal punto di vista clinico deriva da un aminoacido precursore, il triptofano, che successivamente viene trasformato in serotonina, che a sua volta è convertita in melatonina.

    La principale funzione biologica della melatonina è quella di scandire i ritmi dell’orologio biologico ed è in grado di fungere come direttore d’orchestra di tutti i più importanti ormoni dell’organismo.

    La melatonina è secreta quasi esclusivamente di notte e i suoi livelli sono 10 volte più alti nei confronti del giorno con un picco intorno alle 2 del mattino. Si potrebbe affermare quindi che la produzione di questo ormone, stimolata dal buio, rappresenti un segnale per il nostro corpo che è tempo di dormire. In effetti la melatonina è usata da decenni per trattare i disturbi legati al sonno. Al mattino quando noi percepiamo la luce la secrezione di melatonina cessa e subentrano altri ormoni, come quelli surrenalici (cortisolo, adrenalina), che ci aiutano a metterci in moto.

    Dopo i 30-40 anni la produzione di melatonina cala ed intorno ai 60 anni è circa la metà di un ventenne. E’ forse questa una delle ragioni per cui le persone anziane tendono a dormire meno.

    L’azione della melatonina non si limita ad indurre il sonno ma agisce anche ad altri livelli. E’ uno dei più potenti antiossidanti del nostro organismo, contrastando i radicali liberi che sono quelle sostanze chimiche che causano danni a livello del DNA, delle membrane cellulari, delle proteine del corpo, danni che sono alla base di molteplici malattie legate all’invecchiamento, incluso l’aterosclerosi, il cancro, fino alle rughe della pelle e alla perdita di capelli.

    Una caratteristica fondamentale della melatonina è quella di riuscire a superare la barriera emato-encefalica esercitando così la sua azione protettiva a livello delle strutture cerebrali e prevenendo così talune affezioni degenerative neurologiche come le malattie di Alzheimer e Parkinson.

    Un’altra importante azione della melatonina è quella di potenziare il sistema immunitario sia stimolando il timo a produrre un maggior numero di linfociti T, sia limitando la produzione di cortisolo, l’ormone dello stress dotato di potere immunosoppressivo. La sua azione regolatrice sugli altri ormoni non si limita qui, infatti stimola la produzione del GH, o ormone somatotropo, un ormone anti-age che mantiene la massa muscolare e favorisce la perdita di grasso corporeo, inoltre la melatonina modula la produzione dell’ormone tireotropo (TSH), che spinge la tiroide alla sintesi di altri ormoni come il T3 e il T4.

    Influenza, inoltre, anche la produzione degli ormoni sessuali da parte delle gonadi e delle surrenali, tanto è vero che è stato preso in considerazione un suo utilizzo come anticoncezionale per evitare i rischi di carcinoma collegati all’uso degli estrogeni.

    [color=#ff0000]Dal punto di vista vascolare [color=#ff0000]agisce [/color]tramite il suo effetto vasodilatatore,[/color] abbassa la temperatura corporea e la pressione arteriosa sia nei normotesi che negli ipertesi.

    Ma come incrementare la produzione di melatonina da parte dell’organismo? E’ possibile in maniera naturale manipolando gli alimenti della dieta quotidiana. Ricordate il precursore della melatonina, il triprofano? E’ un aminoacido presente in cibi ricchi di proteine, soprattutto legumi e semi e quindi l’alimentazione non deve essere deficitaria di questo aminoacido, ma anche i carboidrati hanno la loro importanza, perché se consumati nella giusta dose alla sera favoriscono l’ingresso del triptofano nel cervello (questa è una ragione per cui non consumare carboidrati alla sera può ostacolare il sonno). E’ opportuno comunque alimentarsi in maniera misurata in quanto la restrizione calorica favorisce la produzione di melatonina (e la longevità).

    Per quanto riguarda l’attività fisica è bene non allenarsi in modo intenso troppo tardi alla sera in quanto è stato dimostrato che un allenamento intenso, anche di soli 20’, riduce la secrezione di melatonina nelle tre ore successive e causa della produzione di cortisolo e, come ricordate, cortisolo e melatonina sono antagonisti.

    Altre due regole: cercate, durante il periodo diurno di esporvi almeno per un paio d’ore ad una luce intensa e assicuratevi di coricarvi prima di mezzanotte e con tutte le luci spente.

    In certi casi però il nostro organismo non riesce a produrre abbastanza melatonina; vari possono essere i motivi: l’età, l’abuso di alcool e caffeina, l’inquinamento elettromagnetico e radioattivo, alterazioni del ritmo sonno-veglia, luce-buio come nei ‘turnisti’ o nei lavoratori della notte. Bene, in tutti questi casi o altri può essere utile l’utilizzo della melatonina come integratore.

    Il dosaggio consigliato è da 1 a 5 mg. a seconda dell’età. Conviene partire da un dosaggio basso ed eventualmente incrementarlo, se necessario, fino a 10 mg. al dì.

    E’ bene assumerla circa 2 ore prima di coricarsi sempre alla stessa ora e sarebbe meglio, se non ci sono particolari esigenze, prenderla solo in inverno e in estate, tralasciando le stagioni intermedie.

    ____________________________________________

    Buongiorno Daniele e Utenti di AG, in questo studio potete leggere anche voi che, la MELATONINA, la quale si può sintetizzare in un'Integratore, ed è indicata dal Dottor Walter Pierpaoli e da altri Medici, per la prevenzione e cura di alcune gravi malattie, HA UN'EFFETTO VASODILATATORE, però questo importantissimo meccanismo di azione terapeutica non è considerato dai Ricercatori e i Medici, perchè non conoscono l'automatismo dovuto alla Vasodilatazione Arteriosa la quale aumenta l'apporto del FONDAMENTALE Ossigeno Paramagnetico nel sangue (pO2) per merito dell'aumento del quale AUMENTA l'Attività Bioelettrica delle Cellule del Cervello e di altri Organi del Corpo (Cuore e Muscoli) determinando un'efficace prevenzione e cura delle malattie.


    #61433

    Genio
    Partecipante

    http://www.erboristeriarcobaleno.com/melatonina_dr_pierpaoli.html

    Il Dottor Walter Pierpaoli in questo articolo approfondisce i meriti dell'Integratore MELATONINA, ma se avrete pazienza di leggere noterete anche voi, (se ho letto bene) che il Dottor Pierpaoli non indica il VERO meccanismo di azione della Melatonina, LA QUALE FAVORISCE LA VASODILATAZIONE ARTERIOSA, per merito della quale si ottengono una serie di Benefici Organici.

    Per questo motivo tutte le Sostanze che favoriscono la Vasodilatazione delle Arterie, sono fortemente PROTETTIVE, perchè AUMENTANO L'ATTIVITA' BIOELETTRICA DELLE CELLULE DEGLI ORGANI DEL CORPO PIU' IMPORTANTI, i quali sono il Cervello, il Cuore, e tutti i Muscoli del Corpo.
    Molte di queste Sostanze Vasodilatatorie le troviamo nella Frutta e nella Verdura le quali contengono i POLIFENOLI E LE ANTOCIANINE.
    Ecco perchè facciamo prevenzione verso le malattie alimentandoci con abbondante Frutta e Verdura.


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 14 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.