La Deutschland delle palme.

Home Forum L’AGORA La Deutschland delle palme.

Questo argomento contiene 1 risposta, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Spiderman 8 anni, 2 mesi fa.

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #133721

    Spiderman
    Partecipante

    Scandalo tedesco: in Colombia 500 persone sono state evacuate per far posto alla monocoltura di palme da olio. Per la produzione industriale di olio di palma biologico, sempre più richiesto dall'industria alimentare, vengono distrutte le colture locali.
    Un articolo di Report Mainz getta forti ombre su uno dei principali fornitori di olio di palma biologico, la colombiana Daabon, che discredita fortemente il settore del biologico tedesco.

    Per far spazio alle coltivazioni intensive di palme da olio nel luglio del 2009 nella zona di Las Pavas, la Daabon avrebbe scacciato dal territorio 500 persone, incluso donne e bambini.

    Monocolture e agricoltura biologica sono due concetti antitetici, che insieme non dovrebbero mai stare. Ma la seduzione del business facile mette in crisi anche un settore orientato alla sostenibilità ambientale e sociale.
    L'olio di palma biologico è l'ingrediente base per molti prodotti alimentari biologici trasformati. In molti casi la sua presenza è difficilmente rintracciabile perché indiretta, come in margarine, creme da spalmare o altri prodotti confezionati, in altri palese e dichiarata.
    Secondo il servizio del Report Mainz tale olio sarebbe contenuto in molti prodotti dei principali marchi del biologico mondiale, che in Germania sono Alnatura, Rapunzel e Allos.

    Esperanza María Ramírez dell'Agenzia per i Diritti Umani ravvede nello sgombero di Las Pavas un'azione violenta ed illegale. Al contrario l'azienda si presenta come proprietaria degli appezzamenti terrieri e considera l'azione di sgombero del tutto legale.
    Secondo l'inchiesta giornalistica negli scorsi anni la Daabon, con l'aiuto di azioni poliziesche, avrebbe estirpato le coltivazioni di cacao e mais di 123 famiglie e cacciato i contadini dalle loro terre. Su questi terreni sono stati impiantate colture massicce per la produzione di olio di palma biologico.
    L'Agenzia per i Diritti Umani ha sottoposto il caso al Consiglio di Stato Colombiano.
    Alnatura, Rapunzel e Allos per adesso hanno sfoderato i certificati di garanzia della Daabon e si sono dichiarate pronte ad informarsi maggiormente sulle azioni dei loro fornitori. La Rapunzel ha annunciato un'ispezione sul posto e promette di confrontarsi con la Daabon sulla necessita di attuare misure correttive. Dichiarazioni di coerenza etica sono state fatte anche dalla Allos. Ma gli osservatori considerano queste dichiarazioni tardive, perché il controllo della filiera è imprescindibile, soprattutto in un settore che si presenta sostenibile e dal volto umano.
    In Germania, dove le vicende giudiziarie e le rivelazioni della stampa sono prese sul serio, il settore biologico viene duramente messo alla prova, in una probabile perdita di fiducia dei consumatori.

    http://www.aamterranuova.it/article4481.htm


    #133722

    Detective
    Partecipante

    Che vergogna!!! E' spregevole… ~grrr


Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.