La dieta vegetariana non è soltanto sana ma anche più sicura.

Home Forum SALUTE La dieta vegetariana non è soltanto sana ma anche più sicura.

Questo argomento contiene 925 risposte, ha 48 partecipanti, ed è stato aggiornato da J-new J-new 1 anno, 9 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 926 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #50028

    governombra
    Partecipante

    si ma uno non puo fare sport se non si alimenta di carne!!!


    #50030
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Eccoti alcuni vegetariani o vegani che si sono cimentati nel mondo dello sport:
    Henry Aaron – uno dei più grandi giocatori di baseball
    Boris Becker – tennista
    James e Jonathan De Donato – record-men mondiali del nuoto stile farfalla
    Emil Deriaz – record mondiale del tiro alla fune
    Dose – alle gare di Lipsia, primo con 30 min di anticipo (unico vegetariano fra i 16 partecipanti)
    Manuela Di Centa – campionessa di sci
    Carl Lewis – campione olimpionico di salto in lungo e di velocità vegano
    Karl Mann – vincitore Dresda-Berlino (202 Km) in 26h 52' arrivando 2 ore prima del secondo classificato
    Miles – campione del mondo di tennis per 10 anni
    Dan Millman – é stato un ginnasta di fama mondiale
    Edwin Moses – Campione olimpionico 400 m
    Martina Navratilova – tennista
    Newmann e Pfleider – vegetariani dalla nascita – campioni di marcia
    Paavo Nurmi – 2 record mondiali corsa a distanza e 9 medaglie olimpiche
    Francois Paradis – campione mondiale di lotta, pesi leggeri
    Bill Pickering – primatista nella traversata a nuoto della Manica
    Alex Rabassa – 32000 Km di marcia in 500 giorni circa
    Murray Rose – record mondiale dei 400 e 1500 stile libero
    Robert Sweetgall – é stato primatista mondiale nella marcia
    Piero Venturato – due volte campione mondiale di tutte le categorie di culturismo
    Zbysko e Cyganewitch – campioni di lotta libera

    Ed inoltre:
    Andersen Hans Cristian (1805 – 1875) – scrittore danese
    Aristotele (384 – 322 a.C.) – filosofo greco
    Bayle Pierre (1647 – 1706) – filisofo francese
    Bernardin de Saint Pierre (1737 – 1814) – scrittore francese
    Bossuet jacques Bénigne (1627 – 1704) – scrittore e oratore francese
    Budda (c. 560 a.C. – c. 483 a.C.) – fondatore del buddismo
    Byron George Gordon lord (1788 – 1824) – poeta inglese
    Calvino Giovanni (1509 – 1564) – riformatore religioso francese
    Capitini Aldo (1899 – 1968) – pedagogista
    Chateaubriand Francois-René (1768 – 1848) – scrittore e uomo politico francese
    Cicerone Marco Tullio (106 – 43 a.C.) – uomo politico, oratore e scrittore romano
    Cincinnato Lucio Quinzio (V sec. a.C.) – uomo politico e generale romano
    Cuvier Georges (1769 – 1832) – naturalista e biologo francese
    Darwin Charles Robert (1809 – 1882) – nuturalista inglese
    Diogene (413 – 323 a.C.) – filosofo greco
    Dostojevskj F. M. (1821 – 1881) – scrittore russo
    Edison Thomas Alva (1847 – 1931) – inventore americano
    Einstein Albert (1878 – 1955) – fisico di origine tedesca
    Emerson Ralph Waldo (1803 – 1882) – filosofo americano
    Epicuro (341 – 270 a.C.) – filosofo greco
    Erodoto (c. 484 – c. 430 a.C.) – storico greco
    Eschilo (525 – 456 a.C) – poeta tragico ateniese
    Esiodo (prima metà VIII sec. a.C.) – poeta greco
    Euripide (485 – 407 a.C.) poeta ateniese
    Flaubert Gustave (1821 – 1880) – romanziere francese
    Feuerbach Ludwig (1804 – 1872) – filosofo tedesco
    Francesco d'Assisi san (1182 – 1226) – fondatore dell'ordine francescano
    Franklin Benjiamin (1706 – 1790) – uomo politico, scienziato e scrittore americano
    Freud Sigmund (1856 – 1939) – neurologo e psichiatra austriaco
    Fromm Erich (1900) – psicoanalista tedesco
    Galeno Claudio (c. 130 – c. 200) – medico greco
    Gandhi Mohandas Karamchand (1869 – 1948) – uomo politico e pensatore indiano
    Giordano Bruno (1548 – 1600) – filosofo italiano
    Giovenale Decimo Giunio (c. 60 – c. 135) – poeta satirico romano
    Goethe Johann Wolfgang von (1749 – 1832) – scrittore tedesco
    Hugo Victor Marie (1802 – 1885) – poeta e scrittore francese
    Huxley Andrew Fielding (1917 ) fisiologo inglese
    Ippocrate (450 a.C. – 377 a.C.) medico greco
    Jung Carl Gustav (1875 – 1961) – psicologo e psichiatra svizzero
    Kafka Franz (1883 – 1924) – scrittore boemo Lamartine
    Alphonse de (1790 – 1869) – poeta francese
    Leibniz Gottfried Wilhelm von (1646 – 1716) – filosofo e matematico tedesco
    Leonardo da Vinci (1452 – 1519) – artista e scienziato italiano
    Levi-Strauss Claude (1908) – etnologo francese
    Locke John (1632 – 1704) – filosofo inglese
    Lorenz Konrad Zacharias (1903) – etologo austriaco
    Lucrezio Caro Tito (98 – 55 a.C.) – poeta latino
    Mahler Gustav (1860 – 1911) – compositore e direttore d'orchestra austriaco
    Marco Aurelio (121 – 180 d.C.) – imperatore romano
    Marcuse Herbert (1898) – filosofo e sociologo tedesco
    Martinetti Piero (1872 – 1943) – filosofo italiano
    Mazzini Giuseppe (1805 – 1872) – patriota italiano
    Menuhim Yeudi (1916) – violinista americano
    Michelet Jules (1798 – 1874) – storico francese
    Mill John Struart (1806 – 1873) – filosofo ed economista inglese
    Milton John (1608 – 1674) – poeta inglese
    Montaigne Michel Eyquem de (1533 – 1592) – moralista francese
    Montessori Maria (1870 – 1952) – pedagogista italiana
    Moravia Alberto (1907) – scrittore italiano
    Newton Isac (1642 – 1727) – scienziato inglese
    Nietzsche Friedrich Wilhelm (1844 – 1900) – filosofo tedesco
    Nijinski Vaslav Fomic (1890 – 1950) – ballerino e coreografo russo
    Orazio Flacco Quinto (65 – 8 a.C) – poeta latino
    Ovidio Nasone Publio (43 a.C. – c. 17 d.C.) – poeta latino
    Paganini Niccolò (1782 – 1840) – violinista e compositore italiano
    Pascal Blaise (1623 – 1662) – filosofo, matematico e fisico francese
    Pitagora (570 – 497 a.C) – filosofo e matematico greco
    Platone (427 – 347 a.C.) – filosofo greco
    Plinio Caio Secondo (23 – 79) – funzionario ed erudito romano
    Plotino (204 – 270 d.C.) – filosofo greco
    Plutarco (46 – 127 d.C.) – filosofo e poligrafo greco
    Porfirio (233 – 305 d.C.) – filosofo greco d'origine siriaca
    Raman sir Chandrasekhara Venkata (1888 – 1970) – fisico indiano
    Rousseau Jean Jacques (1712 – 1778) – scrittore svizzero di origine francese
    Ruskin John (1819 – 1900) – scrittore e critico d'arte inglese
    Russel Bertrand (1872 – 1970) – scrittore, filoso e matematico inglese
    Schelling Friedrich Wilhelm Joseph von (1775 – 1854) – filosofo tedesco
    Schopenhauer Arthr (1788 – 1860) – filosofo tedesco
    Schweitzer Albert (1875 – 1965) – filantropo francese d'origine alzaziana
    Seneca lucio Anneo (4 a.C. – 65 d.C.) filosofo e poeta tragico romano
    Shaw Bernard (1856 – 1950) – autore drammatico, saggista, critico irlandese
    Shelley Percybysshe (1792 – 1822) – poeta inglese
    Sibelius Jean (1865 – 1957) – compositore finlandese
    Socrate (460 – 399 a.C) – filosofo greco
    Sofocle (496 – 406 a C.) poeta tragico greco
    Spencer Herbert (1820 – 1903) – filosofo inglese
    Spinoza Baruch (Benedetto) de (1632 – 1677) – filosofo olandese
    Swedenborg Emanuel (1688 – 1772) . filosofo mistico e naturalista svedese
    Tagore Rabindranath (1861 – 1941) – scrittore, critico, musicista e pittore indiano
    Teofrasto (371 – 288 a.C.) – filosofo e scienziato greco
    Tesla Nikola (1856 – 1943) – ingegnere eletronico americano di origine iugoslava
    Thoreau Herry David (1817 – 1862) – scrittore americano
    Tiziano Vecellio (1488 – 1576) – pittore italiano
    Tolstoi Lev Nikolaevic (1828 – 1910) – scrittore russo
    Van Gogh Vincent (1853 – 1890) – pittore olandese
    Virgilio Marone Publio (70 – 19 a.C.) – poeta latino
    Voltaire fracois Marie Arouet (1694 – 1778) – scrittore e filosofo francese
    Wagner Richard (1813 – 1883) – compositore tedesco
    Washington George (1732 – 1799) – generale e uomo politico americano
    Zamenhoff Lejzer Ludwik (1859 – 1917) – linguista polacco
    Zenone di Cizio (335 – 263 a.C.) – filosofo greco

    Alcuni famosi artisti recenti

    Giorgio Albertazzi – attore
    Brigitte Bardot – attrice
    Pat Boone – cantante
    Celentano – cantante
    Ugo Ceronetti – giornalista
    Edoardo De Filippo – attore / scrittore
    Bob Dylan – cantautore
    Greta Garbo – attrice
    Roberto Gervaso – scrittore
    Michael Jackson – cantante
    Jhon Lennon – cantautore
    Gianni Morandi – cantante
    Jovanotti – cantautore
    Linda McCartney – modella
    Paul McCartney – cantautore
    Sting – cantautore
    Sidney Poitier – attrice
    Red Ronny – cantautore
    Umberto Veronesi – [color=#ff0000]Ministro della Sanità
    [/color]


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #50029

    altair
    Partecipante

    Governombra,
    postare come topic i titoli delle news di AG è uno stile tutto nuovo.
    Speriamo bene 🙂


    #50031

    narvik
    Partecipante

    Io non sono vegetariano, e per quanto riguarda la mia persona essere vegetariano non penso sia così salutare.
    Ho imparato nel corso degli anni ad ascoltare il mio corpo e sicuramente una dieta ricca di fibre vegetali non fa per me.
    Più che seguire una dieta vegetariana o non vegetariana, ogniuno di noi dovrebbe ascoltare meglio ciò che il proprio corpo ha da dire e di conseguenza migliorare le proprie abitudini alimentari.
    Poi devo dire le etichette non mi sono mai piaciute, perchè sono restrittive e limitano le potenzialità dell'uomo.
    Non mi trovo d'accordo neanche quando dite che in generale la alimentazione vegetariana sia più sicura e salutare: tutto oggi purtroppo è contaminato e le coltivazioni non seguono certo un processo naturale di crescita (fertilizzanti antiparissitari ecc.)
    Per poter avere un prodotto realmente sano (mi fanno ridire questi pseudocoltivatori biologici, ma queste persone che sparlano di biologico hanno mai provato veramente a tirare su un prodotto biologico, non per uso personale ma destinato alla vendita? Penso proprio di no anche perchè sennò il prodotto avrebbe dei costi probitivi… e non avrebbe perciò mercato) occorrerebbe trovare dei terreni incontaminati e spendere molti soldi e tempo per coltivare e allevare bestiame (occorrerebbe tornare indietro di molti anni e dedicare esclusivamente la propria vita al lavoro nei campi e all'allevamento di bestiame)
    A questo punto avendo una bistecca effettivamente biologica e un cesto di insalata biologica, io preferirei sempre la bistecca e solo dopo essermi gustato la bistecca mangerei un po di insalata.
    La bistecca contiene troppo colesterolo? Sono le solite caxxate…. certo se uno sta a sedere tutto il santo giorno senza muoversi allora anche un piatto di pasta all'olio fa male!!!! Ma provate a lavorare nei campi tutto il giorno e a mangiare esclusivamente insalate e minestre di verdura (sempre che il Vs. intestino ve lo permetta). Dopo un settimana Vi ricoverano in ospedale di sicuro. Direte voi, ma i Ns. nonni che lavoravano nei campi tutto il giorno, di carne ne mangiavano molto poca; è vero ma mangiavano molte uova e formaggi e bevevano molto latte, oltre alla verdura ed in particolare i legumi (che sono ricchi si di proteine e ferro, ma che mettono sicuramente a dura prova ancora una volta il Ns. intestino)
    E' vero ci sono vegetariani che mangiano anche uova e formaggi…. ma a questo punto non è lo stesso che mangiarsi una bella bistecca fiorentina, o un bel pollo arrosto o un un bel trancio di tonno arrosto o delle semplici acciughe sott'olio in una bella fetta di pane imburrata?
    Mangiare non significa abusare, seguire una dieta equilibrata è importante per il fisico e il cervello, ma deve essere una dieta varia e impostata secondo il Ns. metabolismo
    Ciao a tutti voi


    #50032

    iniziato
    Partecipante

    Sento a priori che sei convinto sulla salubrità della bistecca alla fiorentina , quindi non entro in merito della Tua scelta, della Tua persona e del Tuo metabolismo, effettivamente in natura non esiste un filo d'erba uguale ad un altro ma se ad un filo d'erba anzichè acqua gli dai cocacola quello muore come tutti gli altri.

    Per fare però chiarezza io conosco molti contadini, io stesso sono contadino, lavoriamo la terra da sempre senza usare chimica di alcun genere , vanghiamo e zappaimo quasi tutto a mano, e a fine giornata mangiamo insalata olive cipolle e pane nero, ora io magari sono giovane , ma ho accanto persone che hanno superato i sessant'anni, vegane da ormai più di 30 anni che lavorano con energia direi quasi inesauribile.
    La terra infatti ci da grandissime buone vibrazioni , io personalemte la coltivo a piedi nudi cercando il massimo contatto con il suolo, sia col bello che col cattivo tempo,in quanto non esiste bello o cattivo tempo, ma la nostra armonia con la natura.

    Se le cipolle vogliono uscire usciranno, se non vogliono uscire non possiamo prendercela con la terra, se una carota ci mette mesi a venire su e noi la vorremmo prima , bè pazienza, questa è la natura e forse molti se la sono dimenticata o l'hanno surrogata con il supermercato del lovoglio subito buono a poco prezzo è già cotto , magari forse non sarà poi sano ma va bè …

    Sul tuo discroso mi trovi d'accordo oltre che sulla difficoltà a reperire alimenti effettivamente salubri anche sulle etichette, che effettivamente limitano la persona , quindi vegano, vegetariano , macrobiotico ecc soo solo gusci vuoti, ancor più lo sono dottore, ingegnere ecc… ma questo è un a'ltro discorso.

    Non potrei invece mai tornare indietro nelle scelte fatte e tornare a mangiare carne latte uova e formaggi , perchè la natura che è entrata in me mi ha così radicalemte cambiato in positivo che ho finalmente scoperto cosa voglia dire Vivere e semplicemente vivere.


    #50034

    altair
    Partecipante

    Ho cercato volutamente un esempio estremo.
    Duemila anni fa gli antichi romani costituirono un impero dal nulla. Al culmine della potenza di Roma l'impero di estendeva su buona parte dell'Europa e parte del Medio Oriente. Le legioni per esigenze militari spesso erano costrette a marce forzate di 40/50 km al giorno e a volte si arrivava in vista del nemico e si iniziava a combattere dopo aver lungamente marciato. L'equipaggiamento individuale del legionario poteva raggiungere un peso di circa 30kg.

    Qual'era la loro dieta?

    L'alimentazione dei romani era piuttosto simile a quella dei greci, basata sui prodotti tipici del Mediterraneo, come olio, vino, ortaggi, frutti tipici. Una differenza tra i due popoli riguarda il cereale alla base della puls (polenta, farinata di grano o di farro, alimento base dei Romani):per i greci era l'orzo, per i romani, soprattutto in epoca più antica, il farro. La maggior parte dei piatti era preparata con alimenti di origine vegetale. Nella cucina romana avevano largo impiego i cereali, fondamentali per il loro valore nutritivo, i legumi e gli ortaggi (holera). Non mancavano mai la cipolla e l'aglio per insaporire i piatti. I frutti più apprezzati erano i fichi, le mele, le pere, le castagne, le mandorle. Si consumava pochissima carne.

    Nel caso specifico del legionario romano la dieta giornaliera era costituita dalla zuppa di farro con i ceci.

    Come riportato da Cesare in alcuni passi del “De bello gallico” i legionari combatterono e vinsero grandi battaglie dopo essersi alimentati per lungo tempo, a causa della situazione militare, solo di cereali.


    #50033

    iniziato
    Partecipante

    Interessante il tuo topic.
    Grazie


    #50036

    narvik
    Partecipante

    Scusa voglio farti una sola domanda: ma la aspettativa di vita dei soldati romani quanto era? Non superiore ai 40 anni…..
    Sicuramente la bassa aspettiva di vita allora non era dipesa esclusivamente dalla alimentazione “povera”…..ma certo questo influiva non poco.
    Ritorno a ribadire il mio concetto: ogniuno di noi ha un metabolismo e non ci sono regole che valgano per tutti; l'importante è ascoltare il proprio corpo e non obbligarlo a determinate abitudini alimentari che magari il nostro organismo non tollera……soltanto perchè bisogna essere o “apparire” in un certo modo…
    E poi pensate realmente che i soldati romani se avessero avuto a disposizione carne, pesce, formaggi o uova, avrebbero comunque scelto di essere “vegetariani”?
    Mi fa piacere che c' è ancora chi apprezza il lavoro nei campi, ma ditemi lavorate la terra con l'uso delle proprie mani senza l'ausilio di macchinari per passione per piacere per hobby ecc., o per vivere?
    Perchè se lo fate di lavoro, ditemi come fate perchè io sincermanete non ci riesco……
    Ribadisco nuovamente a me non piacciono le etichette, uno è quello che è e basta (vegetariano, contadino, operaio, imprenditore, avvocato, senatore, ricco, povero, deficente, comunista, fascista, democristiano, puttaniere….), l'importante è che stia bene con se stesso e con gli altri senza dover apparire per quello che non è per non deludere le aspettative degli altri….
    Iniziato, mi fa piacere che tu faccia il contadino e che ti piaccia farlo, anch'io amo la natura e anche a me piace la vita all'aria aperta, (ho anche un appezzamento di terreno di cira 8 ettari che mi sono comprato con i miei pochi risparmi e anch'io non posseggo nessun macchinario agricolo, ad eccezione di un decesplugliatore e di una motosega, non per scelta personale ma perchè non ho i soldi per comprarli) e mi fa piacere che tu sia vegetariano o vegano come dici tu per scelta personale, e che questa scelta ti abbia cambiato in meglio l'esistenza…..
    ma molto spesso mi trovo difronte persone che lo sono diventate solo perchè è giusto esserlo a prescindere: secondo me questo è sinonimo di stupidità, come sono sinonimo di stupidità tutte le scelte personali non scaturite da propri convincimenti ma dettate dalla moda e dal contesto storico-sociale in cui viviamo


    #50035

    altair
    Partecipante

    Narvik,
    l'aspettativa di vita era attorno ai 40 anni, dopo quell'età si era considerati vecchi.
    Tuttavia occorre avere una visione ampia delle problematiche e non tralasciare aspetti importanti.
    Le norme igienico-sanitarie erano inesistenti.
    Di seguito un esempio concreto.

    Nel 1847 il medico tedesco Ignaz Semmelweiss riuscì a far crollare il numero di pazienti affette da febbri puerperali dal 18 all’1,2 per cento solo invitando i propri studenti di medicina, che arrivavano persino a praticare esplorazioni vaginali subito dopo aver eseguito autopsie su cadaveri, a lavarsi le mani con un disinfettante. Semmelweiss non fu molto ascoltato dai suoi contemporanei, ma è considerato l’inventore della moderna asepsi, cioè l’eliminazione totale di germi infettivi mediante sterilizzazione.
    Nel 1854 il medico John Snow dimostrò invece la natura infettiva del colera e la sua trasmissione attraverso acque infette.

    Hai letto bene. Medici che stavano sezionando cadaveri accorrevano ad assistere partorienti senza essersi lavati le mani!

    Il che vuol dire che il concetto di Igiene fino a 150 anni fa non esisteva.

    L'esistenza dei batteri fu scoperta dal medico francese Louis Pasteur nel 1857

    Vogliamo provare ad immaginare qual'era la situazione duemila anni fa?
    Meglio di no.

    Raggiungere i 40 anni era un bel traguardo del tutto indipendente dall'alimentazione.

    L'aspettativa di vita dei vegetariani e vegani odierni è di gran lunga superiore ai 40 anni.


    #50037

    iniziato
    Partecipante

    [quote1189845876=narvik]
    Scusa voglio farti una sola domanda: ma la aspettativa di vita dei soldati romani quanto era? Non superiore ai 40 anni…..
    Sicuramente la bassa aspettiva di vita allora non era dipesa esclusivamente dalla alimentazione “povera”…..ma certo questo influiva non poco.
    Ritorno a ribadire il mio concetto: ogniuno di noi ha un metabolismo e non ci sono regole che valgano per tutti; l'importante è ascoltare il proprio corpo e non obbligarlo a determinate abitudini alimentari che magari il nostro organismo non tollera……soltanto perchè bisogna essere o “apparire” in un certo modo…
    E poi pensate realmente che i soldati romani se avessero avuto a disposizione carne, pesce, formaggi o uova, avrebbero comunque scelto di essere “vegetariani”?
    Mi fa piacere che c' è ancora chi apprezza il lavoro nei campi, ma ditemi lavorate la terra con l'uso delle proprie mani senza l'ausilio di macchinari per passione per piacere per hobby ecc., o per vivere?
    Perchè se lo fate di lavoro, ditemi come fate perchè io sincermanete non ci riesco……
    Ribadisco nuovamente a me non piacciono le etichette, uno è quello che è e basta (vegetariano, contadino, operaio, imprenditore, avvocato, senatore, ricco, povero, deficente, comunista, fascista, democristiano, puttaniere….), l'importante è che stia bene con se stesso e con gli altri senza dover apparire per quello che non è per non deludere le aspettative degli altri….
    Iniziato, mi fa piacere che tu faccia il contadino e che ti piaccia farlo, anch'io amo la natura e anche a me piace la vita all'aria aperta, (ho anche un appezzamento di terreno di cira 8 ettari che mi sono comprato con i miei pochi risparmi e anch'io non posseggo nessun macchinario agricolo, ad eccezione di un decesplugliatore e di una motosega, non per scelta personale ma perchè non ho i soldi per comprarli) e mi fa piacere che tu sia vegetariano o vegano come dici tu per scelta personale, e che questa scelta ti abbia cambiato in meglio l'esistenza…..
    ma molto spesso mi trovo difronte persone che lo sono diventate solo perchè è giusto esserlo a prescindere: secondo me questo è sinonimo di stupidità, come sono sinonimo di stupidità tutte le scelte personali non scaturite da propri convincimenti ma dettate dalla moda e dal contesto storico-sociale in cui viviamo
    [/quote1189845876]

    La terra la coltivo per avere la tranquillità di sapere cosa mangio, se dovessi viverci sarebbe molto difficile a meno di rinuncie sostanziali al mio attuale stile di vita.


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 926 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.