La teoria delle stringhe – l'Universo elegante

Home Forum MISTERI La teoria delle stringhe – l'Universo elegante

Questo argomento contiene 34 risposte, ha 16 partecipanti, ed è stato aggiornato da elerko elerko 10 anni, 5 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 35 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #1849
    elerko
    elerko
    Partecipante

    [youtube=425,344]3vV8b5UIhmc
    [youtube=425,344]5PzkFEn6IwA
    [youtube=425,344]Ht3eU9DAfUc
    [youtube=425,344]jD5AHzk_5oU
    [youtube=425,344]Rd9yRIDMTwQ
    [youtube=425,344]T-egGPTXZHU
    [youtube=425,344]iDZ4dYtOUqA
    [youtube=425,344]Cl3xyFgikjw


    #1850

    zret
    Partecipante

    La teoria delle stringhe è un modello fisico-matematico di notevole complessità, che offre una spiegazione quantistica comprendente le quattro forze (o interazioni) fondamentali: la nucleare, la nucleare forte, l’elettromagnetica, la gravitazionale. Gli oggetti basilari di questa teoria non sono le particelle elementari, ma le stringhe che si propagano nello spazio-tempo a dieci dimensioni (superstringa). In tale configurazione concettuale, le particelle elementari corrispondono ai modi di vibrazione delle stringhe, che definiscono la massa-energia di ciascuna particella.

    Certe elaborazioni della teoria delle stringhe, associate alla supersimmetria, implicano un modello in cui il nostro universo interagisce con uno parallelo. Noi in realtà vivremmo in un cosmo parallelo e la nostra esistenza in questo universo sarebbe una proiezione spaziale.

    Alcuni cosmologi ritengono dunque che il nostro universo possa essere l'ombra e che noi esistiamo in realtà in una dimensione parallela. La nostra esistenza in questa “realtà” sarebbe solo una proiezione creata attraverso una manipolazione spazio-temporale per opera di una civiltà extraterrestre di ordine superiore.

    Sempre più la fisica contemporanea sembra, in qualche modo, confermare antiche concezioni filosofiche e religiose (si pensi a Platone ed alla tradizione indiana), secondo le quali il mondo è apparenza, velo di Maya, illusione. Il caso estremo è costituito dalle idee di John Archibald Wheeler, (1911) fisico teorico statunitense, che applica al cosmo la interpretazione di Copenhagen. Tale interpretazione sostiene che i fenomeni quantistici, fintantoché non vengono osservati, esistono solo come onde di probabilità: è l’osservazione a farli “collassare” in uno stato preciso. Wheeler ipotizza che la funzione d’onda dell’universo stesso si sia “congelata” in realtà, solo quando qualcuno guardò il cosmo e ne avvertì l’esistenza. La singolare speculazione di Wheeler ricorda il fondamento del pensiero del filosofo irlandese Berkeley, che affermò: Esse est percipi, ossia “essere significa essere percepito”.

    All’interno di questo breve studio, vorrei soffermarmi, però, non sulle più recenti teorie cosmologiche talora tra loro divergenti, ma sulla possibilità che il reale sia plasmato da una mente aliena in grado altresì di controllare i diversi abitanti delle galassie. Il chimico ed ufologo Sebastiano Di Gennaro, nel suo approfondito ed avvincente studio dedicato all’homo saurus, riporta le varie tipologie delle razze extraterrestri. Dopo aver illustrato quelle canoniche, indugia su un nuovo tipo di classificazione, comprendente la mente comune, gli esterni, i jinn. Così si esprime il ricercatore: “Dai racconti dei rapiti possiamo desumere che le abductions vengono effettuate non solo dai Grigi, ma anche da altre razze come i Rettiloidi, i Nordici e gli Ibridi. Queste razze sono collegate telepaticamente non solo fra loro, ma anche con un’entità superiore che sembrerebbe comandarli anche contro la loro volontà… Nei resoconti di qualche rapito, si fa cenno all’entità che comanderebbe i Grigi: sembrerebbe una sorta di Pianeta pensante”.

    Pare quindi che delle civiltà aliene siano in grado di controllare non solo altre creature, ma pure di modellare la “realtà”, creando ora degli scenari olografici, se non addirittura, secondo le teorie più audaci, di generare l’universo che percepiamo, per mezzo di una sorta di matrice. Alcuni rapiti hanno raccontato che gli alieni erano in grado di elaborare scenari tridimensionali scambiati dalle vittime delle abductions per reali. Se gli extraterrestri sanno manipolare la mente dei sequestrati, introducendo falsi ricordi e proiettando immagini in movimento, forse alcuni di loro possiedono anche le capacità per produrre quel simulacro che chiamiamo “realtà”.

    Resta da stabilire se l’ipotetico popolo alieno abbia dato origine a questo universo-ologramma per nascondere altre dimensioni o per un impulso creativo non dissimile da quello attribuito a Dio. Inoltre, se l’ologramma generato da tale razza non esaurisce tutto il reale, come ci ricorda Giuliana Conforto, essendo solo il velo elettromagnetico, come bisogna concepire gli altri livelli di realtà? Sono sostanziali o sono, come è probabile, anch’essi immagini, sebbene forse più definite?

    Sono tutte domande destinate a rimanere, almeno per il momento, senza risposta, anche se il dubbio che “siamo proprietà di qualcuno”, per dirla con Charles Fort, diventa a volte quasi una certezza. Siamo proprietà di qualcuno che ci ha generato e che si diverte con le sue creature, uomini, animali e piante, come un bimbo che monta e smonta i pezzi del meccano.

    Ciao!!!

    🙂


    #1851

    iniziato
    Partecipante

    caspita zret che bel post che hai scritto, non è che le scie chimiche sopra casa tua sono di natura differente e non ci dici niente … :si:


    #1852

    sharon
    Partecipante

    Ragazzi ci sono, anche se non sono visibile; stò alle prese con le teorie delle stringhe, fisica quantistica, DNA spazzatura ecc.

    Non ho studi scientifici alle spalle, per cui, ogni tanto mi perdo. Ma non mollo: queste teorie sono molto affascinanti.

    E pensare che ho perso tanto tempo con siti che sono solo un pallido riflesso di AG.
    L'importante è avervi trovato, anzi esserci ritrovati!

    Aspettatemi stò arrivandooooo…

    [URL=http://imageshack.us][/URL]

    E' una questione di “appartenenza!”

    Vostra Sharon


    #1853
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    [quote1216416293=sharon]

    Aspettatemi stò arrivandooooo…

    [URL=http://imageshack.us][/URL]

    E' una questione di “appartenenza!”

    Vostra Sharon[/quote1216416293]

    !heart


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #1854

    sharon
    Partecipante

    La teoria degli “Universi paralleli” è una sorta di evoluzione della teoria delle Stringhe o Universo elegante.

    Vede l'Universo in una sorta di membrana che si espande nello spazio vuoto della 11a dimensione, assieme ad altri universi anch'essi membrane.

    In questo modo, si spiegherebbe anche il Big Bang, frutto di una violenta collisione tra membrane (universi paralleli).

    Il tutto parte dalla stranezza che le “particelle” di cui siamo fatti, non hanno un'unica collocazione, ma la particolarità di poter essere contemporaneamente in posti diversi….

    “L'Universo è una sinfonia e le sue leggi, delle armonie suonate sulle sue supercorde.”

    I filmati ne sono 6; ne posto solo uno, poi se volete approfondire, su you tube: Universi paralleli – La macchina del tempo.

    Sharon :bay:

    [youtube=425,344]pITryCFbsIQ


    #1855

    merced
    Partecipante

    Attendiamo fine anno per i primi esperimenti SERI al cern, poi potremo dare valore REALE alla teoria delle stringhe, altrimenti potrebbe finire come tante altre bellissime teorie rimaste solo sulla carta nei decenni passati 😉


    #1856

    ezechiele
    Partecipante

    stasera ne hanno parlato al tg3 … ci sta lavorando in “successore di einstein, che insegna a princeton… e dice che e' “buona”….


    #1857

    xxo
    Partecipante

    [quote1225684831=merced]
    Attendiamo fine anno per i primi esperimenti SERI al cern, poi potremo dare valore REALE alla teoria delle stringhe, altrimenti potrebbe finire come tante altre bellissime teorie rimaste solo sulla carta nei decenni passati 😉
    [/quote1225684831]
    Per me quello che riferiranno a noi popolo degli esperimenti del cern sarà solo una piccolissima parte delle loro scoperte. Ciò che può passare.
    Fanno le loro ricerche grazie ai contributi dei potenti e prima di dire devano obbligatoriamente passare dal regime. Non potranno passare scoperte rivoluzionarie, ne va del potere.

    Niente filtro niente soldi. Niente soldi niente ricerche.
    E così purtroppo vale per tutto.
    La storia ci insegna.


    #1858
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1225699267=xxo]
    [quote1225684831=merced]
    Attendiamo fine anno per i primi esperimenti SERI al cern, poi potremo dare valore REALE alla teoria delle stringhe, altrimenti potrebbe finire come tante altre bellissime teorie rimaste solo sulla carta nei decenni passati 😉
    [/quote1225684831]
    Per me quello che riferiranno a noi popolo degli esperimenti del cern sarà solo una piccolissima parte delle loro scoperte. Ciò che può passare.
    Fanno le loro ricerche grazie ai contributi dei potenti e prima di dire devano obbligatoriamente passare dal regime. Non potranno passare scoperte rivoluzionarie, ne va del potere.

    Niente filtro niente soldi. Niente soldi niente ricerche.
    E così purtroppo vale per tutto.
    La storia ci insegna.
    [/quote1225699267]

    Che sincronicità….ieri ho visto una puntata di Eureka che parlava di stringhe…del esperimento tipo CERN e stamani trovo questo topic di nuovo attivo….non ci capisco nulla, devo studiare un po' questo argomento.
    Zret lo ha descritto in modo direi scientifico….
    sarei d'accordo con te xxo….tanto non ci diranno mai nulla…o casca il sistema e ci sveglieremo tutti più uniti e propensi al collettivo….o se no niente…. ~:(


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 35 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.