la teoria di renfield

Home Forum MISTERI la teoria di renfield

Questo argomento contiene 5 risposte, ha 5 partecipanti, ed è stato aggiornato da  ginomica 8 anni, 9 mesi fa.

Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #12586

    ginomica
    Partecipante

    segnalo questo ottimo articolo di Danilo Arona postato su comedonchisciotte,a segno che forse quando meno te lo aspetti,qualcuno dall'esterno di certi “ambienti” inizia ad aprire gli occhi e a vedere disegni superiori inconfessabili dalla scienza e dalla società moderna…ottimo lavoro,qualcosa si muove….
    http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=6753
    :ok!:


    #12587

    Detective
    Partecipante

    E' una teoria, ma per me è una conferma :si:


    #12588
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    sistema di autoprotezione di una coscienza globale
    tutti i protoni dell'universo sono legati


    #12589
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    Bell'articolo (anche se con tutti i suoi “azzardi”).
    Mi piace che venga fatta menzione dell'esperimento di Aspect.
    Quando leggi libri di divulgazione scientifica sulla Fisica Quantistica, ed incominci a leggere di cose bizzarre, quell'esperimento è la classica goccia che fra traboccare il vaso 🙂


    #12590
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    http://www.aeonia.com/how-water-accumulates-orgone?page=4

    Fisica dell'implosione

    Capire l'energia di punto zero dell'universo è capire le cosmologie antiche e la natura dell'universo

    . Gli antichi credevano che l'universo consistesse in un mare vibrante di energia, l'etere che ci circonda. Questo significa che il mondo materiale non consiste in particelle separate ma che la materia è creata da onde stazionarie nell'etere.

    La visione antica del nostro universo è spiegata nella fisica dell'implosione descritta da Dan Winter.
    La fisica di Dan Winter descrive la materia come una disposizione autosostenuta di vortici implodenti nell'etere. L'atomo è semplicemente la disposizione geometrica di questi vortici. Ogni vortice corrisponde a quello che la fisica ufficiale chiama elettrone. Quando i vortici implodenti sono disposti secondo i solidi platonici, i gusci degli elettroni e i loro numeri quantici magnetici, il numero di elettroni nei gusci (2,6,10,14) emergono naturalmente dalle simmetrie di queste forme geometriche. Incastriamo i solidi platonici uno nell'altro per formare frattali e abbiamo un modello di atomo con diversi elettroni.

    Campi di Torsione

    Secondo Dan Winter è la relazione tra gravita ed elettromagnetismo che veniva cercata da Einstein. Gli scienziati Russi chiamano questi campi elettromagnetici implosivi, campi di torsione. L'onda spiraleggiante che implode nel punto fermo è l'onda di torsione. Accedere alla zpe dell'universo è accedere alla matrice energetica che crea la realtà! Dalla gravità stessa!
    ..
    ORa ecco il segreto dell'acqua in relazione all'energia Orgonica, queste strutture icosaedriche risuonano con l'energia di punto zero attraverso la forma! Sono guide d'onda che permettono alla zpe di implodere. I cluster d'acqua icosaedrici si innestano in una matriche di onde implosive che sostengono la materia, come gli atomi delle molecole di acqua. Secondo Dan Winter, l'implosione di questa energia elettromagnetica nella materia è quella che osserviamo come gravità. In altre parole la struttura icosaedrica è una guida d'onda per l'implosione dell'energia orgonica, che permette la superconduzione di queste onde implosive.
    Accade nell'acqua che un vortice di energia elettromagnetica implosiva viene creato, catturando l'orgone o l'energia Chi dall'universo nell'acqua.

    [youtube=425,344]EN9wixbSc98

    [youtube=425,344]D8IcciRHGvQ
    Voglio parlare della recente pubblicazione The Schwarzchild Proton,non solo accettata ma scelta da un pannello di peer reviewers dell'Università di Liege in Belgio come vincitrice di un prestigioso premio nel campo della fisica, meccanica quantistica, relatività , teoria del campo e gravitazione.
    Questa pubblicazione segna un nuovo paradigma nel mondo della teoria quantistica, descrivendo[color=#ff0000] il nucelo di un atomo come mini-buco nero[/color] dove i protoni sono attratti per gravitazione piuttosto che da una misteriosa e indefinita “forza nucleare forte”.
    Questa visione del mondo quantistico produce una unificazione delle forze e predice correttamente i valori misurati per il nucleo dell'atomo.
    [color=#ff0000]Inizia con la densità del vacuum quantistico[/color] misurata in 5.16×10^93gm/cm^3, quindi calcola quanta energia dal vacuum esisterebbe in un protone che ha il raggio di 1.32 Femtometri Fm, moltiplicato per 4/3Pir^3 per ottenere il volume .
    La densità è massaxunità di volume, quindi se moltiplicate una densità per un volume ottenete la massa 1:07 contenuta in un protone 4.98×10^55 gr, che corrisponde alla massa dell'intero universo, esistente dentro ogni protone.
    Nassim crede anche che questa sia evidenza dell'entanglement di tutti i protoni ..pensate che ogni singolo protone in ogni singolo atomo del vostro corpo sono connessi attraverso il vacuum con ogni altro protone nell'universo, quindi calcoliamo quale proporzione di questa densita energetica totale del vacuum disponibile nel volume di un protone sia necessaria perche il nucleo obbedisca alla condizione di Schwarzchild per un buco nero , dove il raggio di un buco nero ora è di 1.32 Fm , quello del protone, otteniamo 8.85×10^14 gm. Haramein quindi usa questa massa per calcolare la forza gravitazionale tra due protoni di Schwarzschild adiacenti usando questo approccio semiclassico 2:19. Abbiamo una forza gravitazionale di 7.49×10^47 dynes, quindi [color=#ff0000]se calcoliamo la velocità relativistica di due protoni di Schwarzschild che orbitano tra loro, col centro separato dal diametro di un protone, otteniamo 2.99×10^10 cm/s uguale alla velocità della luce nel vacuum!
    Questo significa che i protoni dentro un nucleo possono vedersi come buchi neri che orbitano tra loro alla velocità della luce[/color], un concetto Affascinante. Quindi se calcoliamo il periodo di rotazione del sistema abbiamo 5.55×10^-23s il tempo misurato di interazione della “Forza Forte”! Quindi sembra che la forza forte sia in realtà la gravità quantistica al lavoro per la natura di buco nero del protone di Schwarzschild.
    Ora viene fuori che se segnamo ogni oggetto conosciuto dell'Universo in una scala logaritmica con Massa contro Raggio, troviamo una progressione quasi lineare e il protone di Schwarzschild è sulla linea, mentre il Protone Standard è molto fuori, 3:25
    Suggerendo che il modello standard è incorretto, mi è piaciuto come Nassim ha mostrato come ottenere simili risultati usando il volume del protone alla scala di planck moltiplicato per la massa di Planck per ottenere sempre 4.98×10^55 gm/pr.volume la massa dell'universo in ogni atomo
    Questo è importante perche la lunghezza di planck si relaziona direttamente al rapporto aureo e ai numeri di fibonacci elemento matematico chiave per i sistemi che si replicano , la domanda è COSA STA REPLICANDO SE STESSO? E PERCHE'?
    Le risposte arriveranno..
    la pubblicazione di Haramein:
    http://www.theresonanceproject.org/pdf/schwarzschild_proton_a4.pdf


    #12591

    Erre Esse
    Partecipante

    Grazie mille per la segnalazione
    #=

    Certo che se di queste cose cominciano a trattarne anche quelli dell'ambiente di Carmilla, uno spazio di controcultura ma troppo “materialista storico”, come bene è stato notato a un certo punto dell'articolo…


Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.