La Ue dice sì al mais Ogm per l'alimentazione umana

Home Forum SALUTE La Ue dice sì al mais Ogm per l'alimentazione umana

Questo argomento contiene 20 risposte, ha 13 partecipanti, ed è stato aggiornato da  skorpion75 8 anni, 7 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 21 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #58406

    skorpion75
    Partecipante

    La Commissione Europea ha autorizzato l’utilizzo di 3 nuovi mais OGM e di barbabietola da zucchero, anch’essa transgenica. I consumatori sono presi in assedio.

    Si tratta del mais Mon810 (Monsanto), il Bt11 (Syngenta), il 1507 (Pioneer-Dow) e la barbabietola H7-1 tollerante all’erbicida glifosato, prodotta invece dalla tedesca Kws Saat Ag in associazione con la Monsanto. La decisione è stata adottata dopo il giudizio positivo dell’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) che nel suo report di 27 pagine afferma che sostanzialmente fino ad oggi non sono state prodotte prove sufficienti a dimostrare che i 3 mais OGM siano dannosi per la salute animale e umana. Le autorizzazioni riguardano l’importazione, la commercializzazione e la trasformazione ma non la coltivazione sul suolo dell’UE per tutte e due le coltute geneticamente modificate. In particolare per i tre tipi di mais la richiesta d’autorizzazione riguarda alimentazione umana, animale e trasformazione industriale, mentre la barbabietola transgenica sarà destinata esclusivamente alla produzione industriale di zucchero e sciroppi.

    Il nuovo mais OGM è stato sviluppato congiuntamente da Monsanto, Pioneer Hi-Brend, un business di DuPont e da Dow Agroscience LLC, una sussidiaria completamente controllata da Dow Chemical Company. Così di conseguenza anche i prodotti di mais OGM contenenti le caratteristiche di protezione Herculex RW insieme al Roundup Ready Corn 2 (conosciuto come 59122/NK603) sono stati autorizzati per l’importazione nell’Unione Europea. Rispetto agli OGM Bt11 e 1507 lo stop era stato imposto già dal commissario all’ambiente Stavros Dimas, che aveva presentato all’EFSA 11 nuovi studi che ponevano in luce gli effetti negativi di questi due mais OGM sull’ ecosistema. Ma secondo l’EFSA gli studi proposti da Dimas non riportano novità tali da giustificare ancora un parere negativo. Già autorizzati in otto paesi nel mondo , i nuovi “modelli” di mais OGM saranno anche inclusi nell’etichettatura e tracciabilità dei prodotti e dei loro derivati. Il fatto è che ora la Commissione Europea potrebbe chiedere ai suoi Stati mebri, ad esempio, alla Francia di ritirare il divieto di coltivazione del Mon810, anche se la maggioranza qualificata può sempre rifiutarsi di accogliere l’indicazione della Commissione e far si che in Francia continui a sussistere il divieto per gli OGM. Dal 2004, quando è decaduta la “moratoria de facto” sulle nuove colture OGM (applicata dall’autunno 1998), la Commissione Europea ha approvato 15 prodotti OGM (quasi sempre varietà di mais), tutti per l’importazione e nessuno, finora, da coltivare su territorio UE. Fatto alquanto curioso è che in nessuno di questi 15 casi c’è stata la maggioranza qualificata favorevole dei diversi Stati membri. Secondo il sistema di tracciabilità della legislazione europea, tutti i prodotti contenenti materiale geneticamente modificato devono indicarlo chiaramente sull’etichetta, accanto alla lista degli ingredienti e con caratteri delle stesse dimensioni. A questo sistema sfuggono all’obbligo di etichettatura i prodotti contaminati accidentalmente con OGM fino allo 0,9% del loro contenuto. Ad oggi la maggior parte dei prodotti OGM importati in Europa riguardano mangimi per animali, di cui deve essere indicata comunque in etichetta l’origine transgenica. Tuttavia, ogni singolo prodotto di origine animale (come carni, uova, latte e latticini) provenienti da questo bestiame alimentato con colture OGM non deve essere sottoposto ad alcun obbligo di etichettatura. La notizia è stata diffusa da http://www.genitronsviluppo.com. I consumatori ora sono accerchiati.

    http://www.aamterranuova.it/article3939.htm


    #58407
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    MONSANTO? Caspiterina va! Guardate il banner sulla Monsanto che sta nella colonna sinistra del sito!


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #58408

    Anonimo

    Ci vogliono proprio rovinare, è una loro scelta di vita. Che vadano a………gambe all'aria.


    #58409

    windrunner
    Partecipante

    Una piccola News. E' sconcertante che non vogliano far trapelare la ricerca per motivi… ECONOMICI. Ecco cosa siamo noi per loro… un PROFITTO.


    Si ammalano i topi che mangiano OGM

    LONDRA – Nutriti con un mais geneticamente modificato che potrebbe presto entrare in commercio in Europa, topi da laboratorio hanno sviluppato reni più piccoli del normale, una diversa composizione del sangue e altre gravi anomalie fisiche, sollevando timori che anche la salute degli esseri umani potrebbe essere messa a rischio mangiando cibo Ogm. La scoperta non viene dagli oppositori dell’uso della biotecnologia in campo alimentare, bensì da uno dei giganti del settore, la Monsanto, che produce tra l’altro il mais in questione e lo ha somministrato ai topini a scopo sperimentale.

    L’azienda non aveva mai reso pubblici i risultati della ricerca, ma un suo rapporto segreto è pervenuto al quotidiano “Independent”, che ieri lo ha pubblicato in prima pagina con un titolo accusatorio: “Il cibo Ogm fa male ai topi. Cosa può provocare negli umani? Abbiamo diritto di saperlo“.

    Nell’esperimento, parte di un dossier di 1139 pagine, a un gruppo di topi è stato somministrato mais normale mentre un altro gruppo ha ricevuto mais geneticamente modificato, il “Mon 863″. I primi non hanno registrato alcun disturbo. Nel secondo gruppo di topi, viceversa, sono emerse serie anomalie genetiche. Proprio in questi giorni l’Unione Europea deve decidere se approvare l’importazione in Europa del mais prodotto dalla Monsanto. La settimana scorsa un voto a livello di commissione ha respinto l’importazione di Mon 863, ma i delegati di dieci paesi europei, tra cui la Gran Bretagna, hanno votato a favore. Ora è probabile che la decisione finale sarà presa a livello più elevato, dai ministri dei venticinque membri Ue.

    Ufficialmente, la Monsanto rifiuta di rendere pubblico il rapporto perché conterrebbe “informazioni riservate che possono giovare alla concorrenza”. Un portavoce della società fa inoltre notare che il Mon 863 “è stato decretato sicuro da nove autorità internazionale nel 2003″.

    Ma vari esperti non sono tranquilli: “I risultati del rapporto sono estremamente preoccupanti dal punto di vista medico, sono esterrefatto dal numero di differenze significative riscontrate nei topolini nutriti con mais modificato”, commenta Michael Antoniu, specialista di genetica molecolare del Guy’s Hospital Medical School. Vyvyan Howard, docente di biologia molecolare della Liverpool University, chiede che l’intero studio condotto dalla Monsanto sia reso pubblico al più presto. La vicenda richiama un esperimento simile condotto sette anni fa dal ricercatore britannico Arpad Pusztai su topi nutriti con patate Ogm: anch’egli riscontrò gravi anomalie genetiche negli animali e, pur essendo un accanito sostenitore del cibo geneticamente modificato, le rese pubbliche. Lo scienziato venne licenziato, criticato aspramente dal governo e costretto da un ordine giudiziario a tacere per mesi sulla sua scoperta.

    Fonti:
    http://www.repubblica.it/2005/d/sezioni/scienza_e_tecnologia/ogm/topi/topi.html
    http://www.stampalibera.com/?p=6905


    #58410
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    io direi che diviene sempre piu necessaria una qualche sorpresina dal sole nel picco del 2012
    il sole non sta incrementando o diminuendo attività, si sta riorganizzando,sta cambiando
    stiamo a vedere i fatti..


    #58411
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    il guaio è che non possiamo avere le garanzie sul nulla, abitiamo nelle città, il cibo che si trova nei negozi non è sicuro, nulla è sicuro….possiamo sperare solo in un cambiamento che sarà però per i nostri figli e nipoti….spero!!!!!


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #58413

    windrunner
    Partecipante

    Ma… nel piccolo si potrebbe anche cominciare a non acquistare nulla che abbia provenienza OGM (visto che almeno per adesso hanno l'obbligo di scriverlo). Caso diverso è per le carni… dove non sappiamo il mangime che viene utilizzato a meno che… (almeno per chi ancora la mangia) non si vada in posti fidati dove ci viene mostrato quello che mangiano… di conseguenza ciò avrebbe anche un'impatto minore sull'ambiente visto che per poterci fidare dovremmo andare direttamente dai produttori nelle zone a noi limitrofe… basta veramente poco per cominciare, secondo me…

    :bay:


    #58414
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    il problema è che questi signori rifilano quello che gli pare come gli pare da quanto vediamo
    la coscienza in generale necessita di una bella spinta
    noi possiamo andare nei punti d'acquisto di cui ci fidiamo ma questi stessi sono forniti da altri punti e questa roba ogm o altra che si stanno inventando da quanto mi risulta la mettono in circolazione senza chiara indicazione, è quello che cercano di fare in tutti i modi
    possiamo pensarla semplicemente ma purtroppo la situazione la vogliono complicare un po troppo


    #58415

    Erre Esse
    Partecipante

    Si stanno sempre più rivelando per quello che sono (sempre stati): dei nazisti.
    Persone che detestano profondamente il genere umano.


    #58412
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    persone che sono fuori e si mantengono fuori dal concetto frattale della natura, dalla struttura stessa della natura
    perchè non lo capiscono, non lo concepiscono..

    [youtube=425,344]D8IcciRHGvQ
    Voglio parlare della recente pubblicazione The Schwarzchild Proton,non solo accettata ma scelta da un pannello di peer reviewers dell'Università di Liege in Belgio come vincitrice di un prestigioso premio nel campo della fisica, meccanica quantistica, relatività , teoria del campo e gravitazione.
    Questa pubblicazione segna un nuovo paradigma nel mondo della teoria quantistica, descrivendo il nucelo di un atomo come mini-buco nero dove i protoni sono attratti per gravitazione piuttosto che da una misteriosa e indefinita “forza nucleare forte”.
    Questa visione del mondo quantistico produce una unificazione delle forze e predice correttamente i valori misurati per il nucleo dell'atomo.
    Inizia con la densità del vacuum quantistico misurata in 5.16×10^93gm/cm^3, quindi calcola quanta energia dal vacuum esisterebbe in un protone che ha il raggio di 1.32 Femtometri Fm, moltiplicato per 4/3Pir^3 per ottenere il volume .
    La densità è massaxunità di volume, quindi se moltiplicate una densità per un volume ottenete la massa 1:07 contenuta in un protone 4.98×10^55 gr, che corrisponde alla massa dell'intero universo, esistente dentro ogni protone.
    Nassim crede anche che questa sia evidenza dell'entanglement di tutti i protoni ..pensate che ogni singolo protone in ogni singolo atomo del vostro corpo è connesso attraverso il vacuum con ogni altro protone nell'universo, quindi calcoliamo quale proporzione di questa densita energetica totale del vacuum disponibile nel volume di un protone sia necessaria perche il nucleo obbedisca alla condizione di Schwarzchild per un buco nero , dove il raggio di un buco nero ora è di 1.32 Fm , quello del protone, otteniamo 8.85×10^14 gm. Haramein quindi usa questa massa per calcolare la forza gravitazionale tra due protoni di Schwarzschild adiacenti usando questo approccio semiclassico 2:19. Abbiamo una forza gravitazionale di 7.49×10^47 dynes, quindi se calcoliamo la velocità relativistica di due protoni di Schwarzschild che orbitano tra loro, col centro separato dal diametro di un protone, otteniamo 2.99×10^10 cm/s uguale alla velocità della luce nel vacuum!
    Questo significa che i protoni dentro un nucleo possono vedersi come buchi neri che orbitano tra loro alla velocità della luce, un concetto Affascinante. Quindi se calcoliamo il periodo di rotazione del sistema abbiamo 5.55×10^-23s il tempo misurato di interazione della “Forza Forte”! Quindi sembra che la forza forte sia in realtà la gravità quantistica al lavoro per la natura di buco nero del protone di Schwarzschild.
    Ora viene fuori che se segnamo ogni oggetto conosciuto dell'Universo in una scala logaritmica con Massa contro Raggio[color=#ff0000], troviamo una progressione quasi lineare e il protone di Schwarzschild è sulla linea, mentre il Protone Standard è molto fuori[/color], 3:25
    Suggerendo che il modello standard è incorretto, mi è piaciuto come Nassim ha mostrato come ottenere simili risultati usando il volume del protone alla scala di planck moltiplicato per la massa di Planck per ottenere sempre 4.98×10^55 gm/pr.volume la massa dell'universo in ogni atomo
    Questo è importante perche la lunghezza di planck si relaziona direttamente al rapporto aureo e ai numeri di fibonacci elemento matematico chiave per i sistemi che si replicano , la domanda è COSA STA REPLICANDO SE STESSO? E PERCHE'?
    Le risposte arriveranno..
    la pubblicazione di Haramein:
    http://www.theresonanceproject.org/pdf/schwarzschild_proton_a4.pdf


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 21 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.