Le cause della scemenza

Home Forum L’AGORÀ Le cause della scemenza

Questo argomento contiene 7 risposte, ha 5 partecipanti, ed è stato aggiornato da  my 9 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 8 articoli - dal 1 a 8 (di 8 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #121304

    my
    Partecipante

    Articolo trovato in rete!

    È un errore di Dio (o dei suoi copisti, che è più o meno lo stesso).
    È carenza di qualcosa. (È la teoria di Locke, che i teorici dellintelligenza artificiale hanno fatto propria: scarsa velocità di elaborazione e scarsa memoria).
    È una cicatrice, una ferita. (È la teoria di Horkheimer e Adorno, la si trova nellultima pagina dellimprescindibile Dialettica dellilluminismo.)

    B. A che cosa serve la stupidità
    Teoria greca (ovvero economica).Il boccalone esiste perché io possa fregarlo, così prima ci guadagno e poi rido alle sue spalle. Da qui il proverbio autodifensivo Chi si fida di greco, non ha il cervello seco.
    Teoria dello scemo del villaggio (o dello straniero). Il grullo riassume in sé tutte le caratteristiche e i comportamenti che noi disapproviamo; grazie alla sua melonaggine, ottusità e balorderia, i nostri difetti vengono identificati e messi alla berlina.
    Teoria di san Paolo (ovvero cristiana). I semplici confondono la fiducia dei sapienti nella ragione umana, contrapposta agli imperscrutabili cammini della volontà divina. Perché la Fede dello sciocco è certo meglio dellateismo del Genio.
    Teoria dellautodifesa (o del finto tonto). Di fronte a unautorità vessatoria e crudele (e stupida), fingere di essere ancora più tonti, se non porta grandi vantaggi, almeno consente di minimizzare le perdite.
    Teoria shakespeariana. La stupidità serve ad affinare lintelligenza, come traspare dallottimismo di Celia e Rosalinda in Come vi piace. Le due amiche sembrano assai sicure del fatto che la dabbenaggine di Pietra di Paragone non riuscirà a scalfire la loro intelligenza, e anzi la esalterà. Beate loro. Per gli appassionati, Wittgenstein si sarebbe probabilmente dichiarato daccordo.
    Teoria di Nietzsche. La stupidità serve a essere buoni. Ma esiste anche nel nostro profondo una volontà di stupidità (stretta parente della più celebre volontà di potenza) che ci permette di agire.
    Teoria comica. Gli sciocchi, imitando gli imbecilli, ispirano le nostre migliori risate.

    Avvertenza finale

    Con la stupidità non è possibile barare. Quando si fanno davvero i conti con limbecillità umana, prima o poi si incontra la propria. Ogni nostra riflessione sullidiozia è, in fondo, autobiografia.


    #121305

    deg
    Partecipante

    😀 :K:


    #121306
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    carina
    comunque lo “scemo” è uno dei diversi tipi di esperienze che l'Anima accumula..


    #121307

    my
    Partecipante

    lo “scemo”??? onestamente preferisco parlare di scemenza!


    #121308

    Pyriel
    Bloccato

    [quote1235222162=deg]
    😀 :K: Il dolore che l'uomo incontra non è il castigo di una colpa commessa
    ma l'ultimo rimedio al quale si è costretti a ricorrere
    per fargli comprendere una Verità.
    [/quote1235222162]

    Quando qualcuno ti offre della frutta non accettare mai, potrebbe essere velenosa.


    #121309

    deg
    Partecipante

    [quote1235231993=Pyriel]
    [quote1235222162=deg]
    😀 :K: Il dolore che l'uomo incontra non è il castigo di una colpa commessa
    ma l'ultimo rimedio al quale si è costretti a ricorrere
    per fargli comprendere una Verità.
    [/quote1235222162]

    Quando qualcuno ti offre della frutta non accettare mai, potrebbe essere velenosa.

    “Prima che il gallo canti, tu Pietro mi rinnegherai tre volte”.
    .
    …………………..Svegliatevi, l''Alba è prossima………………….

    [/quote1235231993]

    Niente paura! Arrivano i sette naniiiiiiiiii!!!! :bravo:


    #121310

    Pyriel
    Bloccato

    Ah, non i Sette Grandi?


    #121311
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante



    Cani tinti da tigri e panda, succede in Cina

    I cani in Cina non si portano quasi più in tavola ma di certo il rispetto per gli animali dagli occidentali considerati domestici non ha certamente compiuto grandi passi in avanti. Lo dimostra l’ennesima tendenza shock che, dopo la a dir poco sconcertante moda dei portachiavi con gli animali murati vivi, testimonia ancora una volta fino a che punto altri esseri viventi, e non certo per sopravvivenza, vengano considerati dall’uomo alla stregua di giocattoli inanimati, da modificare, tagliuzzare e plasmare ad uso e consumo della bieca industria dell’intrattenimento umano. Parliamo di cani di diverse razze che vengono dipinti da altri animali: i domestici diventano selvatici. Un cane si trasforma in un panda oppure in in una tigre e così via discorrendo.

    Ma non cercate di trovarci un senso perché non c’è verso di riuscire in questa impresa titanica. E’ semplicemente assurdo e fuori da ogni logica. Quello che vedete nella foto in homepage ad esempio, altro non è che un cane, razza Chow Chow, pitturato di bianco e di nero affinché si tramutasse esteriormente in un panda.
    Lo scorso anno, nell’ambito della mostra Pets Show Taipei, erano già comparsi i primi cuccioli con il pelo tinto di diversi colori, in seguito il trend si è evoluto, se così si può dire, in vere e proprie composizioni di tinture che riproducono belve più o meno feroci, donando ai pets un aspetto da fiera.
    http://www.ecologiae.com/cani-dipinti-panda-cina/42708/


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

Stai vedendo 8 articoli - dal 1 a 8 (di 8 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.