lo strano destino del PIO ALBERGO TRIVULZIO (togliere ai pov

Home Forum L’AGORA lo strano destino del PIO ALBERGO TRIVULZIO (togliere ai pov

Questo argomento contiene 0 risposte, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da  paolodegregorio 7 anni, 7 mesi fa.

Stai vedendo 1 articolo (di 1 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #137239

    paolodegregorio
    Partecipante

    – lo strano destino del PIO ALBERGO TRIVULZIO –
    (togliere ai poveri per dare ai ricchi)

    Ai primi del 1900 a Milano vi era una borghesia che pensava ai vecchietti. Si faceva carico del problema degli anziani con generose elargizioni e lasciti, e così nacque il Pio Albergo Trivulzio.
    Oggi, che siamo una democrazia civile e matura, quella stessa istituzione soccorre i più forti, offrendo le case di sua proprietà ai vip, agli amici degli amici, alle cricche del potere politico.
    Raramente filosofeggio, ma oggi mi domando quale mutazione genetica sia avvenuta nella coscienza degli italiani al punto di trasformare una opera caritatevole in una enorme operazione affaristica.

    Tralasciando la vicenda che 20 anni fa innescò “mani pulite” e riguardò il Pio Albergo e Mario Chiesa che, in nome del “socialismo craxiano”, rubava ai vecchietti, mi domando cosa sia avvenuto nella testa dei dirigenti di questa associazione benefica, che li vincolava all’assistenza e al disinteresse economico, fino a farlo diventare l’ufficio di collocamento immobiliare della Milano che conta.
    A nulla sono servite le regole scritte, né quelle morali, l’associazione benefica è stata trascinata nella generale decadenza di ogni valore, favorita da un clima politico e sociale fatto di illegalità, abusi, impunità, in una Milano piena di droga, al servizio solo del successo, delle speculazioni, della moda, dove si decide cinicamente di far ammalare di cancro tanti bambini per le polveri sottili del traffico, piuttosto che fermare gli affari.

    Certo, di fronte all’esempio di un premier che con quel ghigno beffardo racconta agli italiani che lui soccorre economicamente povere ragazze in difficoltà, da cui non pretende nulla, ecco servito il clima di cinismo, omertà, impunità, menzogna, che oggi pervade tutta la nostra società e si è elevato a sistema.
    Se aggiungiamo che organizzazioni potenti come la mafia. Le P2 e P3, il Vaticano, in questo clima sguazzano felici come pasque, ecco il vero ritratto della nostra italietta. In declino economico ed etico, senza speranze e senza futuro, senza opposizione, con tanti individui soli e disperati fino al punto di non andare più a votare, dove si muore di lavoro tutti i giorni, dove troppi giovani non hanno di meglio da fare che ammazzarsi il sabato sera, ubriachi e impasticcati.
    Il pesce puzza dalla testa, dice un vecchio adagio.
    Forse se Silvio facesse la fine di Mubarak si incomincerebbe a rivedere un po’ di luce.
    Paolo De Gregorio
    21 febbraio 2011


Stai vedendo 1 articolo (di 1 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.