L'uomo che salvò Galilei dal rogo ed il film di Liliana Cavani, Italia, 1968

Home Forum PIANETA TERRA L'uomo che salvò Galilei dal rogo ed il film di Liliana Cavani, Italia, 1968

Questo argomento contiene 1 risposta, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da  marì 9 anni, 1 mese fa.

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #82702

    marì
    Bloccato

    L'Archivio Segreto Vaticano rende noti i documenti originali del processo
    “Il nostro contributo all'anno dell'Astronomia e alla verità storica”
    L'uomo che salvò Galilei dal rogo
    Quando il cardinale scrisse: “Non è un eretico”. E lo scienziato fu prigioniero a vita
    di ORAZIO LA ROCCA

    CITTA' DEL VATICANO – Galileo Galilei fu salvato dal rogo grazie al deciso intervento del suo principale accusatore, il cardinale Roberto Bellarmino (1542-1621). Sembra quasi un paradosso, ma stando ai nuovi documenti che il Vaticano sta per pubblicare, il porporato durante lo storico processo a carico dello scienziato pisano (celebrato presso il tribunale del Sant'Uffizio dal 1616 al 1633) scrisse di suo pugno un documento nel quale specificava che Galilei “non è eretico”, ma che le sue tesi andavano in quella direzione.

    GUARDA I DOCUMENTI ORIGINALI http://www.repubblica.it/2006/08/gallerie/spettacoliecultura/documenti-originali/1.html

    Una precisazione non da poco che bloccò di fatto la infernale macchina dell'allora giustizia papale che avrebbe portato il padre della scienza moderna quasi certamente al rogo come Giordano Bruno.

    Alla fine del processo, Galilei – grazie alla forzata abiura delle sue tesi copernicane che sostenevano con assoluta certezza che è la terra a girare intorno al sole e non viceversa – fu condannato al carcere domiciliare e i suoi scritti inseriti nell'Indice dei libri proibiti e quindi vietati.

    Il testo completo dell'intervento con cui fu salvata la vita di Galilei, unitamente all'intera documentazione del processo finora custodita in Vaticano, vedranno la luce alla fine del prossimo mese di giugno grazie alla pubblicazione del libro “I documenti vaticani del processo di Galileo Galilei” curati dal vescovo Sergio Pagano, prefetto dell'Archivio Segreto Vaticano.

    Non è la prima volta che dal Vaticano vengono pubblicati i testi di uno dei più controversi processi della storia. Il primo Papa che aprì gli archivi a uno studioso francese per analizzare il processo di Galileo fu Pio IX nel 1877. Ma si deve a Giovanni Paolo II – confortato dall'allora cardinale Joseph Ratzinger, prefetto dell'ex Sant'Uffizio – la spinta definitiva verso la completa riabilitazione di Galileo col mea culpa del 2000. Il passo fu preceduto – a livello di studio dei testi del processo – da una prima pubblicazione curata da monsignor Pagano nel 1994. “Ma fu un lavoro non completo e fatto un po' troppo in fretta, con poche note esplicative e qualche lacuna”, ammette con prudenza il prelato.

    Ora, con Benedetto XVI, i documenti custoditi da secoli in Vaticano saranno resi noti “nella loro interezza, con tutte le fonti storiche riportate alla luce con obiettività ed equilibrio”. La nuova edizione – che contiene tutti i testi del processo conservati nell'Archivio Segreto Vaticano, nell'Archivio Storico della Congregazione della Dottrina della fede e nella Biblioteca Apostolica Vaticana – “comprende tutti i documenti relativi ai dibattimenti processuali, una ventina dei quali sono nuovi, nel senso che non sono mai stati presentati al grande pubblico”, anticipa Pagano.

    Il volume – un enorme testo di 550 pagine con 16 tavole raffiguranti le trascrizioni del dibattimento processuale e la sentenza finale – è pubblicato in coedizione dalla Collectanea Archivi Vaticani e dalla Pontificia Academia Scientiarum. Scripta varia.

    “L'Archivio Segreto Vaticano – tiene a precisare il vescovo-prefetto – con questa pubblicazione, fatta nella maniera più umile rifacendosi alle fonti storiche con obiettività a rispetto della verità, ha voluto contribuire a rendere un concreto omaggio all'Anno dell'Astronomia che si sta celebrando in tutto il mondo. Un volume destinato a tutti, studiosi, ricercatori, ma anche a quanti sono amanti della verità storica”.

    fonte
    http://www.repubblica.it/2009/05/sezioni/spettacoli_e_cultura/processo-galilei/processo-galilei/processo-galilei.html?ref=hpspr1


    #82703

    marì
    Bloccato

    GALILEO
    di Liliana Cavani, Italia, 1968

    Sceneggiatura: Tullio Pinelli, Liliana Cavani con la collaborazione di Fabrizio Onofri. Consulenza storica Boris Ulianich

    Personaggi e interpreti:
    Cyril Cusak (Galileo Galilei), Gigi Ballista (Commissario domenicano), Giulio Brogi (Sagredo), Gheorghi Kolaiancev (Giordano Bruno), Nevena Kokanova http://www.bulgaria-italia.com/bg/info/cinema/kokanova.asp (Marina), Nicolai Doicev (Cardinal Bellarmino), Gheorghi Cerkelov (Paolo Sarpi), Marcello Turilli ( Acquapendente, professore di anatomia), Piero Vida (Urbano VIII), Miroslav Mindov (Commissario domenicano), Paolo Graziosi (Lorenzo Bernini), Maia Dragomaska (Figlia di Galilei), Giampiero Frondini (Cardinale), Lou Castel (Giovane monaco del Vaticano).

    Durata: 108m

    In concorso alla XXIX Mostra internazionale d'arte cinematografica Venezia, 1968, ottiene il premio Cineforum italiani (ex aequo con John Cassavetes), riceve il premio Cineclub di Sicilia.

    La vita di Galileo Galilei (1564-1642) dai 28 anni quando ha i primi dubbi sulla veridicità del sistema tolemaico ai 69 anni quando abiura. Imperniato sul tema del dialogo e del conflitto (tra uomo di cultura e autorità; tra il credente e la Chiesa o, meglio, gli uomini che la rappresentano; tra la Curia e la chiesa conciliare), nonostante le rigidità didattiche e le secche illustrative, il film brucia quasi completamente gli schemi convenzionali del cinema biografico e trasforma la ricostruzione del passato in azione presente. E, insieme, la tragedia di un uomo in anticipo sui tempi e la storia di una ingenuità. Fu vietato ai minori di 18 anni. Inspiegabilmente? I censori ne intuirono l'impianto profondamente anticlericale. Prodotto dalla RAI. Non è stato mai trasmesso in TV.

    Fonte: Il Morandini Dizionario dei Film
    http://www.bulgaria-italia.com/bg/info/cinema/galileo.asp

    [color=#0000ff]dice chi lo ha messo in rete che (anche se ha sbagliato il nome della Cavani, ha scritto Laura al posto di Liliana, ma fa niente si capisce lo stesso):[/color]

    GALILEO
    Guarda questo video su video.google.it
    1:30:17 – 1 anno fa
    Il film di Laura Cavagna sulla vita di Galileo Galilei, censurato a gran forza dal Ministero degli Interni.

    [link=hyperlink url] [/link]

    Buona visione :bay:


Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.