morte e vita bevono al calice dell'esperienza

Home Forum SPIRITO morte e vita bevono al calice dell'esperienza

Questo argomento contiene 10 risposte, ha 6 partecipanti, ed è stato aggiornato da  ezechiele 9 anni, 6 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 11 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #42571

    ezechiele
    Partecipante

    [youtube=425,344|norel]yBCcwjeO5Qk

    sarebbe gradito un vostro commento alla luce del titolo, questo video mi ha fatto molto riflettere e sto continuando ad ascoltarlo come un mantra…


    #42573

    cenereo
    Bloccato

    cos'è eze…pyriel t'ha dato foco??


    #42574

    Pyriel
    Bloccato

    No no… io non sono stato, dev'essere l'inizio dell'ira di Ezechiele a cui seguirà quella di Pyriel.


    #42575

    ezechiele
    Partecipante

    sul fatto che mi stia infiammando direi che non ci sono dubbi….


    #42576

    xxo
    Partecipante

    [quote1235926085=ezechiele]
    sul fatto che mi stia infiammando direi che non ci sono dubbi….
    [/quote1235926085]
    Eze, potrebbe trattarsi di giusta come di deviata evoluzione.
    Cmq evoluzione è, quindi è giusto che tu ti infiammi.
    Come ognuno di noi del resto.
    A te l'interiore analisi di questi tuo infiammarsi, spetta a te capire se questo momento particolare ti porta su una giusta strada, solo te lo puoi capire fino in fondo.
    Come sai ci sono molti fattori che contribuiscono, tutto ciò che hai letto e che leggi, tutto ciò che hai visto e che guardi……

    Come questo audio video che hai postato.
    Lo reputo interessante, è una ulteriore analisi, giusta come tutto perchè contribuisce nel formare il tuo nuovo essere.
    Le critiche che muovono invideo sono personali.
    Chissà veramente cosa c'è?
    Chi ha la verità?
    Per me nessuno, sia i rettiliani stile menphis che quelli stile video intopic possono essere giusti, come sbagliati.
    In questo oceano distinguere con certezza è utopia.

    Per me.
    L'unica cosa giusta è evolvere, infiammarsi, stando attenti a rispondere in buon modo a tutto.
    Quello in cui credo io sono i flussi energetici.
    Se i rettiliani sono alieni cattivi la direzione è –> paura.
    Se il sobbuglio di informazioni, nwo etc, viene oggettivato la direzione è –> paura.
    Se il presunto cambio d'era (per me obbligatorio) viene preso marginalmente è –> paura.
    Se… se….. se….. se….. è sempre –> paura.

    Tutta questa paura (vedi anche nervosismo ed ira) è energia rilasciata che ha impatto sul tutto, in questo caso rilasciamo negatività che influisce sul prossimo e sulla “materia” in tale modo.

    Quindi, sempre per me, infiammiamoci molto, prendiamoci le “palle” in mano, ma con la forza e la determinatezza di rilasciare energia positiva, sempre, ad ogni costo.
    Questo è un valore imprescindibile!

    Guardando il passato ciò che è successo è stato frutto di nostri lavaggi mentali, ciò che ci hanno fatto credere e pensare è successo.
    Rovesciando il nostro essere, fare, pensare, vibrare, possiamo sicuramente vivere in un pianeta equo.
    Questo stà a noi, a prescindere dai lavaggi e credenze che in base ad un video o ad uno scritto possiamo avere.

    Il futuro lo creiamo noi, facciamo e vibriamo in guista maniera ed incanaliamoci nei buoni flussi energetici. Facciamo in modo che questa leggera onda positiva diventi uno tsunami di grandissime dimensioni, che travolge tutto e tutti.
    Se vogliamo un bel mondo dove vivere dobbiamo crearlo e ciò inizia e continua dentro di noi.


    #42572

    FREESPIRIT
    Partecipante

    perchè non riesco a vederlo? mi dice non disponibile eze, sento che stanno parlando ma nonm vedo nulla


    #42578

    ezechiele
    Partecipante

    grazie xxo!

    non so dirti FREE … altri non lo vedono?

    anche questo mi pare piuttosto in tema

    L'Apparire
    E' chiaro e ovvio alla maggior parte degli esseri umani che lo stato attuale del nostro mondo non è di beneficio per il proseguimento della specie umana.
    Ciò che invece non è altrettanto palese è che ciò che appare nel nostro mondo è il riflesso esteriore, per non poter usare una parola migliore, di ciò che accade nella Coscienza.

    La Coscienza è impersonale, ma allo stesso tempo funziona in modo tale che l'organismo umano, che è l'operatore della coscienza, possa crescere nella comprensione intuitiva di sè. In questo processo lo schema della coscienza cambia e l'esperienza umana come risultato di questo acquisisce una comprensione di sè più profonda.

    Ciò che è richiesto a questo punto nel tempo è lo spezzarsi di ciò che fino ad ora è stato in qualche modo funzionale allo sviluppo dell'umanità, il concetto di ego, e infatti questo è ciò che sta accadendo.

    Questo concetto, che la coscienza stessa ha finora intrattenuto come vero di sè, a parte in pochi casi eccezionali, è l'idea che esista in ogni forma umana un essere separato che abbia una propria volontà per funzionare per conto suo a dispetto di tutto ciò che accade nell'esistenza.

    Questo concetto ha condotto all'idea di separazione e alla sofferenza della coscienza stessa come apparenti individui separati, l'umanità. Non esiste in verità una capacità volizionale, perchè ogni azione che accade attraverso la forma umana è compiuta dall'Intero e non da una apparente parte.

    Il lasciare andare quetso concetto, cosa che può essere fatta solo dalla coscienza stessa, richiede il lasciare andare di tutto ciò che è stato ritenuto vero dall'umanità, tutto ciò che la coscienza stessa, fino a molto recentemente, ha creduto di sè.

    Lo spezzarsi del concetto di ego coinvolge l'affrontare la struttura del concetto di separazione a livello di sensazione, a livello di percezione, e questo implica il sorgere della paura e del restare presenti ad essa senza sviluppare alcuna strategia per evitarla. Sono queste strategie che hanno creato la situazione attuale, tutta basata sul concetto di separazione.

    La paura più grande che conosciamo come individui separati è la paura della morte, ogni altra paura è basata su quest'una. Ogni volta che si è capaci di rimanere presenti alla paura a livello di sensazione, senza un'analisi da parte dell'intelletto, la paura si dissolve, lasciando nulla al suo posto.

    L'ultima paura a cui la coscienza resterà presente, ovvero la paura della mosrte di sè come esseri separati, non lascia nulla dietro di sè, vuoto. Questo vuoto è visto allora essere la Verità di ciscuno e di tutti gli apparenti altri.

    Ciò che è visto accadere nella coscienza al momento è il rompersi del concetto di ego. Mentro esso si dibatte nella sua agonia tira fuori gli artigli per cercare disperatamente di controllare e ritardare la sua fine impellente, cosa che è riflessa all'esterno sullo schermo della coscienza come il controllo imposto dai governi e da coloro che sono al di sopra di essi, ed è chiaro che questo tentativo sta divenendo disperato.

    Ognuno di noi crede di essere un essere separato in mezzo ad altri esseri separati e questa non è la Verità. Noi non siamo un “noi” se non in apparenza, ma una manifestazione di un'unica coscienza. Questa include tutti coloro apparentemente separati e che appaiono come i personaggi negativi di questo gioco della coscienza, siamo tutti un unico Essere. Quando questo fatto è visto è anche visto che tutti gli eventi che accadono sono in realtà il proprio agire e a meno che questo non sia compreso la credenza che non sia così reinforza le azioni di separazione che sorgono nella coscienza.

    La risposta a tutto ciò che sta accadendo come il dispiegarsi degli eventi del mondo è risvegliarsi alla realizzazione che ciò che uno è e in questa realizzazione il mondo cambierà di conseguenza. Laddove la separazione non è più vista le azioni della coscienza non nasceranno più dalla separazione, ma saranno azioni inclusive e di beneficio per tutta l'umanità.

    Questo sta accadendo, non c'è nessuno che lo sta compiendo perchè non c'è nessuno, esiste solo la coscienza stessa che si dispiega e fa sorgere azioni che appaiono come il gioco della esistenza.

    Il risveglio sta già accadendo, per alcuni l'affrontare queste paure è iniziato e per altri i cambiamenti esterni non lascierà altra scelta se non affrontarle, il risultato sarà il risveglio di massa.

    L'Amore è la risposta, l'Amore per coloro che sembrano esseri negativi nel loro agire così come Amore per coloro che appaiono essere l'aspetto positivo di ciò che è essenzialmente un'UNICA Coscienza ininterotta.

    Alla Luce di questo Amore tutto è visto essere il Sè che si risveglia.

    Avasa

    fonte: http://avasashakti.blogspot.com/2008/11/lapparire.html


    #42579

    deg
    Partecipante

    Sentito tutto.
    Eze, c'è poco da dire. E' il vecchio discorso basato sulla psicologia che conosco bene e che non fa una piega!
    Come non quotare? Svegliarsi dall'interno e non aspettarsi che la lotta fra i cattivi e i buoni ci risolvi i nostri problemi, non aspettarsi nulla che non sia dovuto alle nostre azioni, beh, è una cosa che ripeto sempre….
    Il Bene e il Male di sicuro stanno dentro di noi ed è lì che dobbiamo prenderne coscienza, smettere di aver paura ed affrontare il Brutto aiutati dal Bello che spesso dimentichiamo di vedere.
    Questo non esclude, per me, l'esistenza di alieni nell'universo, ma non credo che stiano tutti appresso a noi e ai nostri problemini di quartiere!


    #42580

    ezechiele
    Partecipante

    :hehe:
    eppure son stato la settimana scorsa a una riunione di condominio e mi parevan tutti !alien

    😀


    #42581

    cenereo
    Bloccato

    …eze,hanno risolto il problema di parcheggio?
    l'idea di impilare le astronavi non era male però… !alien 😀


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 11 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.