nevicata del secolo a L'Aquila

Home Forum PIANETA TERRA nevicata del secolo a L'Aquila

Questo argomento contiene 29 risposte, ha 5 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Anonimo 6 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 30 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #92694

    Anonimo

    http://www.ilcapoluogo.com/News/Attualita/Voglia-di-centro-in-abito-bianco-nonostante-la-chiusura-77100

    Voglia di centro in abito bianco nonostante la chiusura

    L'Aquila, 4 feb 2012 – Nonostante l'ordinanza di chiusura del centro storico molti aquilani si sono avventurati verso il cuore della città per scattare qualche foto all'inconsueto paesaggio. Per immortalare la nevicata del secolo, dicono. In molti insomma hanno fatto capolino dalle case diventate quasi delle tane aiutati da qualche tiepido raggio di sole.

    Anche i palazzi puntellati sotto le neve, in abito bianco, sembrano aver riconquistato un po' dell'antico fascino. Il pericolo però, viene dal cielo, dai tetti traboccanti di neve come pinte di birra. Tutto chiuso, bar negozi, neanche a dirlo. Nella zona immediatamente vicina al centro storico l'unico supermercato aperto era in via Strinella (ovviamente preso d'assalto) che sta effettuando anche molte consegne a domicilio. Stranamente abbiamo verificato che l'interdizione ai pedoni era imposta dai Quattro cantoni in ogni direzione fatta eccezione per il corso stretto. I cittadini insomma ora possono percorrere a piedi il tragitto che va dalla Fontana luminosa ai Quattro cantoni e non il corso verso piazza Duomo oppure incamminarsi in direzione san Bernardino e piazza palazzo.

    A fermare il traffico pedonale c'è una pattuglia dell'Esercito posizionata strategicamente proprio ai quattro cantoni. Molti gli aquilani rispediti indietro. L'ordinanza emanata dal sindaco infatti prevede una chiusura totale da Piazza Battaglione Alpini a Corso Federico II, da Piazza S. Bernardino ai 4 Cantoni; da Piazza Regina Margherita a Corso Vittorio Emanuele II; fino ad esecuzione e buon esito delle necessarie verifiche tecniche per il controllo di stabilità.

    Bisogna dunque ipotizzare che il corso stretto sia stato già oggetto di controlli e che per questa ragione sia stato riaperto. Si aupica che anche nel resto del centro storico si possa tornare presto alla normalità. Non si quanto questa copiosa nevicata potrà danneggiare gli antichi palazzi del centro già lesionati e puntellati. A.Cal.

    Aggiornato al 04/02/2012 15:18


    #92696

    Anonimo

    http://www.ilcapoluogo.com/News/Attualita/L-Aquila-neve-interviene-l-Esercito-77093

    L'Aquila, neve: interviene l'Esercito
    Evacuate circa duecento persone dai comuni di Balsorano e Capistrello

    L'Aquila, 4 feb 2012 – «A causa delle intense precipitazioni nevose che hanno interessato l'Italia, le prefetture in emergenza hanno chiesto l'intervento dell'Esercito che ha fornito il proprio supporto». E' quanto riferisce una nota dello Stato maggiore dell'Esercito. In particolare, la forza armata ha fornito uomini, mezzi e materiali alle prefetture di Bologna, Venezia, Siena, Frosinone, L'Aquila. Nel capoluogo della regione Abruzzo, i militari del Nono reggimento alpini dell'Aquila hanno evacuato circa duecento persone dai comuni di Balsorano e Capistrello. I militari da ieri sera alle 19 stanno facendo la spola con quattro cingolati da neve BV 206 per portare soccorso alla gente intrappolata dalla neve.

    I mezzi speciali dell'Esercito si sono mossi anche lungo la strada statale 82 e l'autostrada A24 per distribuire viveri e acqua ai passeggeri di un centinaio di veicoli rimasti bloccati dalla neve, alcuni dei quali fermi in galleria.

    Due persone afflitte da gravi problemi di salute sono state trasportate con urgenza presso l'ospedale di Avezzano in seguito all'intervento del personale medico del Nono reggimento Alpini che si trova al seguito della squadra soccorso.


    #92697

    Anonimo

    http://www.inabruzzo.com/?p=108732

    Neve, disastro annunciato (2)

    L’Aquila – NELL’AQUILANO UN GIOVANE MUORE IN AUTO – SCUOLE CHIUSE LUNEDI’ – Un giovane di 34 anni è morto presso L’Aquila nella sua auto, dove si era rifugiato per la bufera di neve. A causarne il decesso potrebbe essere stato il monossido dello scarico dell’auto. Il maltempo, quindi, ha fatto una vittima. Le previsioni del climatologo prof. Guido Visconti dicono che la neve non cadrà ancora nelle prossime ore, mentre potrebbe tornare specialmente sulla costa adriatica martedì, mentre il freddo intenso persisterà. Una pausa provvidenziale, quindi, se davvero ci sara.
    Intanto, il sindaco dell’Aquila ha comunque deciso di tenere chiuse le scuole anche lunedì. Stessa cosa anche a Pescara.
    A-24-25 – Le autostrade tra Abruzzo e Roma, oggi, restano chiuse, mentre è aperta l’adriatica A-14. Centinaia di persone rimaste bloccate nei treni e nei veicoli vengono ancora assistite come si può, alla meglio. Tutti lamentano – tra coloro che sono rimasti bloccati – la totale assenza di informazioni e di notizie. Nessuno si prende la briga di informare gli utenti delle autostrade, dove da poco è scattato un nuovo pesante aumento di pedaggio. Una realtà assurda e offensiva, che richiederà interventi da parte delle autorità.
    Manca la corrente elettrica in molti centri di montagna. La Protezione civile, interpellata, dice di poter solo sollecitare l’Enel perchè provveda. I centri isolati si contano a decine in tutto l’Abruzzo. A Pescara si è deciso di tenere chiuse le scuole anche lunedì e martedì, gli altri sindaci non fanno sapere ancora nulla (sono le 14,30). Situazione difficile a Chieti, dove la neve caduta ha superato i 50 centimetri. Per il sindaco Di Primio nessun fallimento del piano neve, ma solo una situazione eccezionale alla quale è difficile far fronte. Annunciato l’arrivo di 50 militari dell’esercito.
    Nel Teramano, neve alta fino ad un metro nei centri montani, ma a quanto risulta nessuna situazione di emergenza e tutte le comunicazioni possibili. A Lanciano e Vasto molta neve e centri isolati nell’interno.
    Critica, ancora oggi, l’emergenza aquilana: la città è di fatto isolata, come un’ifinità di paesi del circondario. Sono all’opera gli alpini nella Marsica e si raccomanda a tutti di non uscire di casa, se non è proprio necessario. Gravissima l’odissea di centinaia di persone sulla A-24 e lungo la ferrovia Avezzano-Pescara, dove un treno è ancora bloccato. A Roccaraso la neve è alta 1 metro. A Prati di Tivo nel Teramano gli sciatori ne approfittano: ne sono arrivati moltissimi.


    #92698

    Anonimo

    http://www.inabruzzo.com/?p=108712

    Neve, disastro annunciato… (2)

    L’Aquila – Molte le situazioni difficili in tutto l’Abruzzo, ma il peggio è accaduto a L’Aquila e dintorni, e nella Marsica, dove tutto è praticamente bloccato e sono un’infinità le situazioni di emergenza. Persino Telespazio è rimasta isolata. Treni e bus fermi, automobilisti soccorsi mentre congelavano letteralmente dopo ore di bufera.
    Il piano neve a L’Aquila, strombazzato dal Comune appena qualche giorno fa, si è rivelato un pericoloso fallimento totale. Inutile il disperato impegno di tanti lavoratori, perchè l’organizazione si è rivelata fallimentare e confusa.
    Oggi molti quartieri sono ancora bloccati, c’è gente che chiede interventi via e-mail (anche al nostro sito) perchè è inutile tentare di farlo diversamente: telefoni che non rispondono, voci registrare, cadute di linee. Il timore più grande è che riprenda a nevicare, come del resto è previsto. La città è enormemente cresciuta dopo il terremoto, ed evidentemente bisognava progettare piani di interventi del tutto diversi da quelli normali. Ci sono zone dei progetti CASE dove da ieri nessuno ha visto spazzaneve o spargisale. C’è ancora oggi gente che non puà uscire di casa. E’ deprimente che sempre, alla prova dei fatti, piani e servizi falliscano clamorosamente. Nessuno, questa volta, potrà accampare scuse di alcun genere: la nevicata era prevista e annunciata. Voci anonime ci fanno sapere, inoltre, che sia per la Provincia che per il Comune, bisogna parlare di mezzi vecchi obsoleti, che invece di essere sostituiti, vengono riparati con spese tanto ingenti quanto – alla prova pratica – inutili. Una stranezza sulla quale a tempo debito sarà bene fare chiarezza. A chi giova pagare fatture pesantissime, anzichè acquistare mezzi nuovi?


    #92699

    Anonimo
    #92700

    Spiderman
    Partecipante

    Situazione ieri appennino Bolognese:


    #92701

    Anonimo

    http://www.inabruzzo.com/?p=108775

    Le 99 magiche Cannelle

    L’Aquila – Nel mare di guai e di disagi causati dall’eccezionale nevicata di ieri, la città trova anche squarci e momenti di assoluta bellezza, peraltro irripetibile: non nevicava così da 55 anni almeno, ed è logico supporre che non accadrà di nuovo molto presto. Mardin Nazad ha scattato all’imbrunire di oggi (temperatura di -7 gradi) alcune foto nei dintorni delle Fontana delle 99 Cannelle, che vi offriamo per ricordare che, se fossimo un po’ più previdenti e meglio organizzati, la neve l’accoglieremmo più serenamente. Basterebbe non pretendere di fare le solite cose, come se niente fosse, e basterebbe organizzarsi predisponendo mezzi, personale e piani di intervento adeguati. Molti si chiedono, infatti, quando l’Italia (e l’Abruzzo, naturalmente) vanno in pezzi per la neve, come sopravvivono quelle comunità in cui nevica sempre. Saranno maghi o semplicemente meglio organizzati?
    Che senso ha, ad esempio, chiudere le scuole e non gli uffici (almeno quelli pubblici), oppure chiudere con ordinanze a singhiozzo come a L’Aquila. Le scuole saranno chiuse lunedì, ma perchè non anche martedì, visto che è prevista altra neve? Perchè non si fermano agli imbocchi delle strade principali tutti i veicoli non attrezzati? Perchè, al limite, non si vieta la circolazione dei mezzi privati come è stato fatto ad Avezzano?
    Sono molte le domande, una più pressante delle altre. Il personale pubblico al quale è affidata l’emergenza neve, cosa ne sa? Quale esperienza ha? Come possono dei politici muniti di deleghe politiche affrontare situazioni che richiedono un’enorme esperienza? Sarebbe il caso di spedire ogni assessore e ogni dirigente preposto, in questo caso, al piano neve, in località dove ci sanno fare e hanno maggiore esperienza. Difendere una città o un’autostrada dalle neve è un’esigenza molto specifica. Cosa ne sanno i politici arrivati agli assessorati per decisione di un presidente o di un sindaco? O di un partito?


    #92702

    Anonimo

    Ieri ho spalato pe rplotre 6 ore solo per liberare la stradina interna che porta dal cancello al garage, stanotte ha nevicato facendo altri 15cm abbondanti di neve, stamani di nuovo a spalare ma dopo 4 ore è ripreso a nevicare, per fortuna solo 1 ora.
    Nel pomeriggio sono uscito per andare al centro commerciale vicino, l'unico aperto e non ho trovato nulla, o almeno quasi niente!
    Stamani è stato preso d'assalto dalla gente, manco fossimo in guerra.
    Le cassiere mi hanno detto che alcuni nel carrello portano fino a 7 pagnotte!
    Ma che gira nel cervello di certe persone!
    Eppure una vera emergenza l'abbiamo passata 3 anni fa!
    Che insegnamenti danno certi eventi? Niente, nisba, e poi non mi stupisco + se ci controllano con nulla, siamo opeggio dei robot, facilmente manipolabili.
    Mah


    #92703
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Amo la neve, mi dispiace per chi ne ha tanta…


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #92695

    Anonimo

    Invidioso eh?

    A proposito, parliamo di quei centri dove la neve è di casa, e parliamo di vicino L'Aquila:

    Da repubblica.it

    Mezzo Abruzzo fermo per la neve non gli impianti di risalita di Roccaraso e Rivisondoli che non hanno mai cessato di girare. In paese si transita regolarmente così come sono percorribili le strade di accesso all'Aremogna e a Monte Pratello. Disagi solo per le basse temperature che questa mattina hanno raggiunto il minimo stagionale con -16 nel centro del paese.

    Questo fa capire che si può prevenire e anche risolvere il problema, non andare in panne per pochi cm come successo a Roma!
    certo, se poi fanno 2 mt a Bologna….(hi hi)

    Ps:
    io non posso mettere le faccine, nè a casa nè al lavoro, come se spiega?


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 30 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.