Non ci sorprendiamo poi se l'Italia va in rovina…

Home Forum SALUTE Non ci sorprendiamo poi se l'Italia va in rovina…

Questo argomento contiene 19 risposte, ha 8 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Medico omeopata 9 anni fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 20 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #55812

    Medico omeopata
    Partecipante

    Farmaci, la spesa arriva a 25 miliardi
    Per gli italiani ingoiare una pillola è come bere un caffè

    Dal 2000 il consumo è aumentato del 60 per cento, le più utilizzate medicine per il cuore

    MILANO- Un'abitudine consolidata. Un po' come bere il caffè alla mattina. È questo il paragone che emerge nel rapporto Osmed (Oservatorio nazionale sull'impiego dei medicinali) che ha presentato lo studio relativo al 2008. Ogni connazionale, infatti, consuma in media una dose e mezza di farmaco al giorno, con un trend che ha fatto registrare una crescita del 60% dal 2000. Complici il peso delle patologie croniche, legato all'invecchiamento della popolazione, ma anche le abitudini di tipo socio-culturali.

    I FARMACI- Come ogni anno in cima alla classifica dei farmaci più utilizzati compaiono quelli contro le malattie cardiovascolari, seguiti da quelli gastrointestinali, del sistema nervoso centrale, gli antimicrobici e gli antineoplastici. La sostanza più prescritta nel 2008 è risultata il ramipril (43,9 Ddd/1000 abitanti die). A seguire l'acido acetilsalicilico usato come antiaggregante piastrinico (40,5 Ddd/1000 abitanti die) e l'atorvastatina (27,7 Ddd/1000 abitanti die).

    LA SPESA- Nel complesso, la spesa farmaceutica totale, comprensiva della prescrizione territoriale e di quella offerta attraverso le strutture pubbliche (Asl, aziende ospedaliere, policlinici universitari ecc.) è stata di 24,4 miliardi di euro, di cui il 75% rimborsata dal Servizio sanitario nazionale. In media, per ogni cittadino italiano, lo Stato ha speso 410 euro. Mentra quella territoriale complessiva, pubblica e privata – rivela ancora il Rapporto Osmed – nel 2008 risulta stabile rispetto al 2007. Quella a carico del Ssn, invece, è diminuita dell'1% a causa dell'aumento del ticket (+20%) e di una diminuzione dei prezzi (-6,9%). Quest'ultima è dovuta a forme diverse di distribuzione quali quella diretta e per conto. La Calabria con 277 euro pro capite è la Regione con il valore più elevato di spesa pubblica per farmaci di classe A-Ssn, mentre la Provincia autonoma di Bolzano con 149 euro è quella con la spesa minore.

    Fonte:
    Corriere.it
    http://www.corriere.it/cronache/09_luglio_09/farmaci_caffe_b985bbd6-6c7d-11de-864b-00144f02aabc.shtml

    Ps: notate come Bolzano, una delle città più ricche e avanzate d'Italia, anche a livello culturale, abbia la minor spesa pro-capite di farmaci. Lì si curano quasi tutti con la medicina alternativa e con uno stile di vita sano ed ecologico.


    #55813
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    I servizi di informazione stanno lavorando al massimo, il panico la loro arma.


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #55814
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    credo che per un cambiamento di massa servirebbe una migliore informazione, che è altamente manipolata, le persone si sentono insicure a rivolgersi alla medicina alternativa e sanno anche poco come fare, purtroppo l'ignoranza è sempre stata una grande alleata per controllare le masse.


    #55815

    Medico omeopata
    Partecipante

    Si Richard, hai sollevato un grave problema: manca quasi completamente l'informazione su tutto ciò che non sia la realtà ufficiale o, ancora peggio, c'è disinformazione.
    Purtroppo l'informazione è guidata dai soldi e dagli interessi politici quindi siamo noi che dobbiamo andarcela a cercare, soprattutto in internet che è l'unico mezzo veramente libero e gratis. Starà poi a noi decidere come comportarci e a chi rivolgersi secondo il nostro ragionamento logico, il nostro intuito e la nostra coscienza. Non devono essere le linee guida imposte da “altri” a decidere per noi.
    Io cerco di fare la mia parte con il mio sito di omeopatia (e di medicina in generale), devo ammettere però che sono pochissimi i medici non convenzionali che fanno altrettanto.
    Ma è una cosa che faccio volentieri, l'apprezzamento degli utenti e la consapevolezza di fare una cosa, credo utile, ripaga ampiamente degli sforzi fatti.

    Un saluto a tutti.


    #55816

    iniziato
    Partecipante

    …inoltre anche dopo esserti svenato in spiegazioni letteralmente a 360 ° le persone restano invischiate nelle abitudini e nei luoghi comuni quando va bene, quando va male è invece troppo tardi e ti rendi conto che hanno addirittura fatto amicizia con le proprie carenze e sono esse a governare le persone.


    #55817
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Oliviero Toscani, fotografia arma civica nel progetto Nuovo paesaggio italiano

    Di Paola Pagliaro
    [code][/code]

    Oliviero Toscani, il celebre fotografo milanese conosciuto per le sue campagne ad alto impatto emotivo (vedi quella sull’anoressia e quella sull’abbandono dei cani), sceglie la fotografia come arma civica nell’ambito di un progetto Nuovo paesaggio italiano, che ci vedrà tutti protagonisti. Di cosa è presto detto: se è facile andare in vacanza armati di macchina fotografica e scegliendo di immortalare solo i paesaggi più belli, che dire di tutte le foto non scattate? Contano forse più delle altre: abbiamo il dovere civico di immortalare lo scempio: che si tratti di coste erose, di spiagge invase dai rifiuti piuttosto che di campi arati situati a pochi passi da industrie e discariche, il nostro obiettivo deve focalizzarsi su un territorio, quello italiano, ricco di bellezze e paesaggi suggestivi, ma anche profondamente martoriato e maltrattato.
    La foto-delazione intesa da Oliviero Toscani come arma civica contro lo scempio ed il degrado del paesaggio italiani. E il progetto Nuovo paesaggio italiano ha come armi bianche un archivio multimediale, un sito internet che esporrà gli Mms e i video inviati da noi cittadini. E c’è da scommettere che ne vedremo delle brutte.
    Toscani ha presentato l’iniziativa in questi giorni insieme all’accademico dei Lincei e direttore della Scuola Normale superiore di Pisa Salvatore Settis, al vicepresidente del Fai Marco Magnifico, e all’imprenditore edile, Vittorio Moretti, viticoltore presidente della holding Terra Moretti. Magnifico attribuisce molta importanza alla crescita di una coscienza civica come strumento di salvezza del territorio italiano:
    Arma vincente contro la morte del paesaggio italiano, quello dipinto da Leonardo e Raffaello, sono l’educazione e la crescita della consapevolezza civile.

    Stando a quanto affermato da Moretti, gli italiani devono riscoprirsi artigiani del bello:
    Nuovo Paesaggio Italiano ha la forza di risvegliare una coscienza estetica di cui noi italiani siamo sempre stati orgogliosi. Bisogna tornare a essere bravi artigiani del bello e costruire con cultura. Un paesaggio ordinato non è solo bello, ma è segno di cura, e la viticoltura, in Franciacorta come in Toscana, ha saputo dare forza al territorio.

    Ed è lo stesso Toscani a ricordarci le armi in nostro possesso per denunciare il degrado, prima tra tutte proprio la fotografia, invitando tutti ad essere

    delatori contro lo scempio paesaggistico, fate sì che la fotografia diventi utile memoria storica dell’umanità. Non voglio essere né nostalgico né conservatore. Ambientalismo vuol dire costruire il necessario e costruirlo bene.

    Le immagini inviate dai cittadini verranno aggregate in murales composti come lo schema del Dna in un rotolone fotografico lungo 100 metri, che verrà esposto in ogni città: prima tappa sabato 10 luglio a Suvereto, presso la cantina toscana Petra progettata da Mario Botta. Settis ha spiegato che Nuovo paesaggio italiano è un progetto di mobilitazione pubblica:
    sulle cose di bellezza pubblica: c’è molto bisogno di azione popolare perché è in corso una mutazione genetica: con la cementificazione, gli eco-mostri, l’abusivismo, e i condoni, gli italiani stanno facendo a pezzi i paesaggi del Belpaese costruiti nei secoli. Come ha detto il poeta Zanzotto, siamo arrivati allo sterminio dei campi, che è il rovescio della medaglia dello sterminio nei campi.

    Per partecipare ed inviare le vostre foto e video avete a dispozione tre canali:
    email: info@nuovopaesaggioitaliano.it;
    contatto skype: nuovopaesaggioitaliano;
    mms: +39 3381163674.

    http://www.ecologiae.com/oliviero-toscani-nuovo-paesaggio-italiano/17072/


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #55818
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    29 miliardi di euro per navi, caccia, bombardieri ed elicotteri. È ora di tagliare la spesa, quella militare

    http://www.polisblog.it/post/7822/29-miliardi-di-euro-per-navi-caccia-bombardieri-ed-elicotteri-e-ora-di-tagliare-la-spesa-quella-militare


    https://www.facebook.com/brig.zero

    #55819
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Carabiniere contravvenziona vip. Distaccato ad altro reparto, accusa malore e finisce al pronto soccorso
    Roma, 21 giu – Il Maresciallo dei carabinieri Daniele Benegiano non immaginava che elevare contravvenzioni al codice della strada lo avrebbe condotto ad essere convocato dai superiori, ad essere destinato ad un altro reparto e, addirittura, a finire al pronto soccorso.
    Il sottufficiale, unitamente all’appuntato Domenico Moscatelli, con cui faceva da tempo coppia fissa in pattuglia per le strade di Roma, durante lo svolgimento del servizio, aveva contestato infrazioni del codice della strada ad alcuni generali di altre forze armate e ad altissimi funzionari dell’Amministrazione.
    http://www.grnet.it/carabinieri/85-carabinieri/1497-carabiniere-contravvenziona-vip-distaccato-ad-altro-reparto-accusa-malore-e-finisce-al-pronto-soccorso.html


    #55820
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    Ridurre la pensione ai parlamentari ? Voti Contrari 498 su 525

    Questa mattina ascoltando radio 24 ho scoperto che Antonio Borghesi il 21 Settembre 2010 ha presentato una mozione per ridurre la pensione ai parlamentari, o meglio per rapportarla alla pensione di tutti gli altri lavoratori italiani.

    Prima di tutto guardiamo come e' andata la votazione:

    (Presenti 525 Votanti 520 Astenuti 5 Maggioranza 261 Hanno votato sì 22 :ummmmm:
    Hanno votato no 498).
    E quando mai si e' vista una maggioranza cosi schiacciante. :hehe:

    Chiedo ai presentatori se accedano all'invito al ritiro dell'ordine del giorno Borghesi n. 9/Doc. VIII, n. 6/5, formulato dal Collegio dei questori.

    ANTONIO BORGHESI. Signor Presidente, noi non possiamo ritirare quest'ordine del giorno, perché crediamo che su questo punto sia necessario intervenire.

    L'abbiamo inserito nella contromanovra alla manovra economica del Governo, che è stata trasformata in un progetto di legge che qui non abbiamo potuto poi votare perché il Governo ha posto la questione di fiducia, ma riteniamo che questo sia un tema al quale i cittadini sono giustamente sensibili. Penso che nessun cittadino e nessun lavoratore al di fuori di qui possa accettare l'idea che gli si chieda, per poter percepire un vitalizio o una pensione, di versare contributi per quarant'anni, quando qui dentro sono sufficienti cinque anni per percepire un vitalizio. È una distanza tra il Paese reale e questa istituzione che deve essere ridotta ed evitata. Non sarà mai accettabile per nessuno che vi siano persone che hanno fatto il parlamentare per un giorno – ce ne sono tre – e percepiscono più di 3.000 euro al mese di vitalizio. Non si potrà mai accettare che ci siano altre persone rimaste qui per sessantotto giorni, dimessisi per incompatibilità, che percepiscono un assegno vitalizio di più di 3.000 euro al mese. C'è la vedova di un parlamentare che non ha mai messo piede materialmente in Parlamento, eppure percepisce un assegno di reversibilità. Credo che questo sia un tema al quale bisogna porre rimedio e la nostra proposta, che stava in quel progetto di legge e che sta in questo ordine del giorno, è che si provveda alla soppressione degli assegni vitalizi, sia per i deputati in carica che per quelli cessati, chiedendo invece di versare i contributi che a noi sono stati trattenuti all'ente di previdenza, se il deputato svolgeva precedentemente un lavoro, oppure al fondo che l'INPS ha creato con gestione a tassazione separata. Ciò permetterebbe ad ognuno di cumulare quei versamenti con gli altri nell'arco della sua vita e, secondo i criteri normali di ogni cittadino e di ogni lavoratore, percepirebbe poi una pensione conseguente ai versamenti realizzati. Proprio la Corte costituzionale, con la sentenza richiamata dai colleghi questori, ha permesso invece di dire che non si tratta di una pensione, che non esistono dunque diritti quesiti e che, con una semplice delibera dell'Ufficio di Presidenza, si potrebbe procedere nel senso da noi prospettato, che consentirebbe di fare risparmiare al bilancio della Camera e anche a tutti i cittadini e ai contribuenti italiani circa 150 milioni di euro l'anno.
    Per questo motivo, chiediamo che la Camera si esprima su questo punto e vogliamo davvero dire che non c'è nulla, ma proprio nulla, di demagogico in questa nostra proposta (Applausi dei deputati del gruppo Italia dei Valori).

    PRESIDENTE. Avverto che è stata chiesta la votazione nominale mediante procedimento elettronico.
    Passiamo ai voti.
    Indìco la votazione nominale, mediante procedimento elettronico, sull'ordine del giorno Borghesi n. 9/Doc. VIII, n. 6/5, non accettato dal Collegio dei questori.
    Dichiaro aperta la votazione.
    (Segue la votazione).

    Comunico il risultato della votazione: la Camera respinge (Vedi votazioni).

    (Presenti 525
    Votanti 520
    Astenuti 5
    Maggioranza 261
    Hanno votato sì 22
    Hanno votato no 498).

    La cosa che mi lascia perplesso che questa notizia e' passata in sordina, i giornali – se pubblicata – l'hanno inserita tra la Rubrica L'idraulico che c'e' in te e La relativita' ristretta come quando e perche'. #fisc

    [youtube=425,390]UmKufgXHItQ.

    http://news.illecito.com/politica/ridurre-la-pensione-ai-parlamentari-voti-contrari-498-su-525.html

    :to: scusate … ho messo questa notizia sulla salute perchè … mi ha fatto venire il #sich un attacco di ulcera duodenale :grrr: , un momento di schizofrenia paranoide !dodge . :ummmmm: comunque tutto a posto … ti ho fatto ridere bene … :si: allora continua a dormire sonni tranquilli :zzz:
    :bay:


    https://www.facebook.com/brig.zero

    #55822
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 20 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.