Paleontologia News

Home Forum PIANETA TERRA Paleontologia News

Questo argomento contiene 4 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da farfalla5 farfalla5 6 anni, 6 mesi fa.

Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #93376
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    ZANZARE GROSSE COME CONIGLI? GRAZIE AGLI UCCELLI NON ESISTONO PIU'

    In passato la Terra era abitata da insetti molto grandi. Tra le cause della loro scomparsa l'arrivo degli uccelli, secondo una nuova ricerca.
    Di sicuro i loro canti costituiscono la colonna sonora della primavera e spesso sono meravigliosi, ma oggi un nuovo studio ci rivela un'altra ragione per amare ancora di più gli uccelli: l'assenza di insetti giganteschi dalle nostre vite quotidiane.
    Oggi sono tra le più piccole creature sulla Terra, ma 300 milioni di anni fa, gli insetti giganti erano abbastanza comuni. Tra questi vi era una specie di libellula che aveva un'apertura alare di circa 70 centimetri.

    “Solo un po' più piccola di quella di un corvo”, ha detto uno degli autori dello studio, Matthew Clapham, paleobiologo presso la University of California. Tra gli insetti moderni più grandi vi sono alcune specie di farfalle e falene che raggiungono al massimo i 30 centimetri di apertura.
    Secondo gli studiosi, le incredibili dimensioni degli insetti preistorici furono favorite dall'aumento dei livelli di ossigeno atmosferico che raggiunse valori molto elevati – fino al 30 per cento- rispetto all'attuale 21 per cento. L'ossigeno supplementare avrebbe fornito molta più energia nella respirazione, permettendo loro di sviluppare corpi più grandi. ( Leggi anche Il mistero delle libellule giganti)
    Nel nuovo studio, i ricercatori hanno creato un database che raccoglie i fossili di oltre 10.500 insetti vissuti negli ultimi 320 milioni di anni. “Quando l'ossigeno aumentò, gli insetti diventarono più grandi. Quando invece è diminuito le loro dimensioni si sono ridotte”, ha spiegato Clapham . Ma circa 150 milioni di anni fa, durante il periodo Giurassico, le cose cambiarono quando accanto ai dinosauri comparvero anche i primi uccelli. Dopo la loro comparsa, infatti, anche se i livelli di ossigeno erano aumentati, gli insetti alati smisero di crescere. “Crediamo che l'ossigeno sia un fattore importante e limitante per la dimensione degli insetti”, ha detto Clapham. “Ma una volta che gli uccelli si sono evoluti, essi sono diventati un fattore molto più vincolante per la dimensione massima degli insetti.”
    La giusta dimensione
    Clapham ha una spiegazione sul perché gli insetti giganti sarebbero caduti preda degli uccelli: “la manovrabilità di qualsiasi oggetto volante dipende dalle sue dimensioni. Gli oggetti piccoli sono molto più maneggevoli di quelli grandi.” In altre parole, gli insetti grandi sarebbero stati dei facili bersagli. Un'altra possibilità è che gli uccelli “rubassero” il pranzo ai grandi insetti. “Le libellule sono animali predatori e si nutrono di insetti più piccoli”. Durante il Giurassico, “gli uccelli e le libellule giganti potrebbero essere state in competizione per lo stesso cibo.”
    Curiosamente, i ricercatori hanno scoperto che gli pterosauri – i rettili volanti che precedono gli uccelli e che pare si nutrissero di insetti – non avrebbero avuto alcun effetto sulle dimensioni degli insetti. “In generale, la dimensione degli insetti che si vede dopo la comparsa degli pterosauri è più o meno quella che ci si aspettava tenendo conto dei livelli di ossigeno”, ha detto Clapham. “Credo che gli pterosauri non fossero così agili nel volo come gli uccelli”.
    Un'altra conclusione del nuovo studio è che, se non fosse per gli uccelli, gli insetti moderni probabilmente sarebbero molto più grandi. Sulla base dei livelli di ossigeno attuali, secondo Clapham, “Gli insetti moderni più grandi, oggi potrebbero essere anche tre volte più grandi di quanto non siano già. Questo non significa che oggi tutti gli insetti sarebbero dei giganti, ma aumentando le dimensioni limite alcuni potrebbero essere più grossi”.
    Il nuovo studio è pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences
    http://www.antikitera.net/news.asp?ID=11727


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #93380
    sphinx
    sphinx
    Partecipante

    Cara o caro lili…perchè scrivi in inglese?


    #93377
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    questo ci prende in giro…


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #93378

    ezechiele
    Partecipante

    e' un programma che scrive sui forum inserendo link a siti commerciali


    #93379
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1339622550=ezechiele]
    e' un programma che scrive sui forum inserendo link a siti commerciali

    [/quote1339622550]
    Eze ma scusa, come fa a iscriversi..????


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.