Per me una buona speranza

Home Forum PIANETA TERRA Per me una buona speranza

Questo argomento contiene 27 risposte, ha 13 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Simone 9 anni, 11 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 28 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #73695

    Simone
    Partecipante

    Da repubblica.it

    Obama: “Abbattere tutti i Muri
che dividono popoli e razze”
    Il discorso davanti a oltre 100 mila persone entusiaste
Grande enfasi sulla collaborazione tra Usa e Unione europea

    Obama a Berlino
    BERLINO – Barack Obama verrà presto in Italia: “La amo, un Paese meraviglioso, prometto che verrò appena possibile”, dice il candidato democratico ai microfoni fi Sky Tg 24. Proprio nel giorno in cui, da Berlino, pronuncia un trionfale discorso davanti alla Colonna della Vittoria, applaudito da oltre centomila tedeschi entusiasti: “L'America non può isolarsi, l'Europa neanche. E' arrivato il momento di costruire nuovi ponti, di abbattere i Muri che dividono popoli e razze”.

    “Vogliamo una Unione europea forte – sostiene il senatore dell'Illinois – l'Europa è il migliore partner degli Usa”. E allora, prosegue, “insieme bisogna unirci per salvare il pianeta”. Abbattendo tutte le diversità: tra neri e bianchi, tra musulmani e ebrei, tra ricchi e poveri. “Usa e Europa dovranno fare di più per questo – aggiunge – non vi parlo da candidato americano – ha aggiunto – ma da cittadino del mondo. Non assomiglio agli americani che hanno parlato qui prima di me, la mia storia personale è diversa, una storia americana. Il padre di mio padre era un servo degli inglesi, un cuoco”.

    “Ringrazio la Merkel e il ministro degli Esteri Steinmeier per il benvenuto che mi hanno dato – dice ancota Obama – ma ringrazio soprattutto Berlino. Questa città come molte altre conosce il sogno della Libertà”. E ancora: “Persone del mondo guardate Berlino, dove il Muro è caduto e dove la storia ha provato che non c'è una sfida che non si può combattere per il mondo unito”.

    Tra i suoi passaggi più politici, da segnalare quelli sull'Iran (“deve abbandonare le sue ambizioni nucleari militari”) e sull'Afghanistan: “L'America non può farlo da sola, il popolo afghano ha bisogno delle nostre truppe e delle vostre truppe (europee, ndr)”.

    In definitiva, per Obama, un grande successo. In questo tour europeo che prosegue a Parigi, e che segue le trasferte in Afghanistan e in Israel. E con la capitale tedesca caduta in piena obamamania. E se nel 1963 John Kennedy è passato alla storia per la celebre frase “Ich bin ein berliner”, oggi l'aspirante presidente ha conquistato tutti con un semplice “I love Berlin”.

    La frase è stata pronunciata al termine dei suoi colloqui con il ministro degli Esteri tedesco Frank Walter Steinmeier. Dopo gli incontri con le autorità, tra cui questa mattina il ricevimento in Cancelleria del capo di governo tedesco Angela Merkel, Obama ha fatto una scappata all'hotel di lusso Ritz Carlton, per fare un'oretta di fitness. Poi, il bagno di folla, con circa 100 mila persone pronte a seguire il suo discorso alla Siegessaeule, la Volonna della vittoria, che sorge al centro del Tiergarten.


    #73696
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    e invece a me purtroppo puzza molto

    Tra i suoi passaggi più politici, da segnalare quelli sull'Iran (“deve abbandonare le sue ambizioni nucleari militari”) e sull'Afghanistan: “L'America non può farlo da sola, il popolo afghano ha bisogno delle nostre truppe e delle vostre truppe (europee, ndr)”.

    “Non credete ai falsi profeti…”

    ———
    Ho paura che l'unica forza che ci libererà dalla follia di queste guerre verrà dallo Spazio…oltre alla punizione che ci darà la Terra stessa.
    Obama sta cambiando le sue parole, parla di unione per la pace o di unione in guerra?
    Una guerra infinita al terrorismo, ma chi sono i terroristi?

    [youtube=425,344]Z2OX8jUywDA

    [youtube=425,344]M4402OSnk4Q


    #73697

    sharon
    Partecipante

    scrisse Richard:

    “Non credete ai falsi profeti…”

    Quoto ! :ok!:

    e aggiungo: Bisogna sempre essere molto critici, e guardare

    bene tra le righe! :lente:


    #73698

    Simone
    Partecipante

    Non lo so Richard, probabilmente hai ragione.. ma il fatto di sentir parlare con questi toni un possibile presidente americano, è già qualcosa, al minimo una speranza che qualcosina possa cambiare, poi chissà…


    #73699
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Lo so infatti mi sa che ci stavo cascando anche io…ci speravo e tanti ci sperano, ma qua inizia a parlare in un modo che mi piace meno….mi puzza molto.
    Sembra che McCain usi le parole forti da soldato mentre Obama stia usando quelle dolci, ma che alla fine probabilmente entrambi hanno dei fili attaccati che portano allo stesso burattinaio.

    Stiamo a vedere…ma non me la devono menare con ste armi di distruzione di massa che man mano portano il pericolo prima da un paese poi da un altro e così via..ma voglio dire, quale Paese ha davvero i miliardi e le tecnologie per tirare giù il pianeta?

    ——–
    La “minaccia” proveniente dall'Iran è interamente inventata, con l'aiuto e la complicità del linguaggio mediatico familiare e compiacente che parla delle “ambizioni nucleari” dell'Iran, così come il lessico relativo all'inesistente arsenale delle armi di distruzione di massa di Saddam era diventato di uso comune. A ciò si aggiunge una demonizzazione che sta diventando pratica di uso diffuso. Come ha sottolineato Edward Herman, il presidente Mahmoud Ahmadinejad “ha reso un servizio da manuale nel facilitare [questo processo]”; tuttavia un attento esame del suo ben noto commento su Israele dell'ottobre 2005 rivela quanto in realtà esso sia stato travisato. Secondo Juan Cole, un professore americano di storia moderna mediorientale e dell'Asia del sud presso l'Università del Michigan, e secondo altri esperti di lingua Farsi, Ahmadinejad non ha auspicato che Israele fosse “eliminato dalla carta geografica”. Egli ha detto: “Il regime che occupa Gerusalemme deve svanire dalle pagine del tempo”. Questo, sostiene Cole, “non implica affatto un'azione militare o l'idea di uccidere qualcuno”. Ahmadinejad ha paragonato la fine del regime israeliano alla scomparsa dell'Unione Sovietica. Il regime iraniano è repressivo, ma il suo potere è diffuso ed esercitato dai mullah, con cui Ahmadinejad è spesso in conflitto. Senza alcun dubbio un attacco li unirebbe.

    La opzione nucleare

    L'unica “prova inconfutabile” è la minaccia rappresentata dagli Stati Uniti. Un potenziamento delle forze navali americane è in corso nel Mediterraneo orientale. Ciò è quasi certamente parte di quello che il Pentagono chiama CONPLAN 8022-02, vale a dire il bombardamento aereo dell'Iran. Nel 2004 è stata emanata la Direttiva Presidenziale per la Sicurezza Nazionale n°35, intitolata “Autorizzazione per il Dispiegamento delle Armi Nucleari”. Ovviamente tale direttiva è secretala, ma già da molto tempo si ritiene che essa autorizzi lo stoccaggio e il dispiegamento di armi nucleari “tattiche” in Medio Oriente. Ciò non vuol dire che Bush le utilizzerà contro l'Iran, ma, per la prima volta dai terribili anni della Guerra Fredda, l'uso di quelle che allora erano chiamate armi nucleari “limitate” è oggetto di aperta discussione a Washington. Ciò di cui si sta discutendo è la possibilità di altre Hiroshima e di caduta di materiale radioattivo nell'intero Medio Oriente e in Asia centrale.

    ———-
    http://pix-stef.splinder.com/post/10951180

    ——–

    [youtube=425,344]XPdsqaTkeJg

    ——-

    Penso che per quanto sembrino incredibili, le cose potranno andare anche così

    http://www.menphis75.com/giorgio_bongiovanni.htm

    ———-

    [youtube=425,344]GAF3w7X_Iz0


    #73700
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    L'elezione del Presidente degli Stati Uniti d'America, è tutta falsa, campagna politica e successive votazioni.

    Il Presidente viene deciso a tavolino molto tempo prima, in baso a degli a degli accordi scritti e firmati: guerre da sostenere per muovere il mercato internazionale delle armi, falsi attacchi terroristici, etc etc

    Almeno questo è quanto ho capito io (quindi è solo il mio punto di vista) in questi ultimi anni…


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #73701

    El Mojo
    Partecipante

    Concordo, viviamo in un periodo in cui si è ribaltato il concetto di molte parole; quando sento parlare di pace so che dovrò cominciare a pensare ad una guerra, quando si parla di popoli uniti per la pace so che si intende “popoli uniti per la guerra”, chi parla di leggi “utili per il popolo” sta dicendo: “per controllare il popolo” ecc. ecc. 🙁
    Prossimamente ne vedremo delle belle, a seguito di tante “belle” parole…
    Saluti a tutti
    :bay:


    #73702

    erroll
    Partecipante

    A me pare che da questo discorso , Obama ribadisca tutto quello che è stato fatto precedentemente dagli altri presidenti ed intenda portare avanti la politica internazionale del nwo … guerra all'iran; sicurezza di tutti noi (microchip) etc etc… presidente nuovo che sembra portare libertà ed invece ci aiuterà ad essere più felicemente schiavi e dormienti :zzz:


    #73703
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1216987462=El Mojo]
    Concordo, viviamo in un periodo in cui si è ribaltato il concetto di molte parole; quando sento parlare di pace so che dovrò cominciare a pensare ad una guerra, quando si parla di popoli uniti per la pace so che si intende “popoli uniti per la guerra”, chi parla di leggi “utili per il popolo” sta dicendo: “per controllare il popolo” ecc. ecc. 🙁
    Prossimamente ne vedremo delle belle, a seguito di tante “belle” parole…
    Saluti a tutti
    :bay:
    [/quote1216987462]

    Non dobbiamo essere troppo pessimisti, è la tempesta prima di una nuova Alba per l'umanità, è tutta un'illusione, continuiamo a giocare.

    Fate una cosa, usate la coscienza, ogni tanto pregate come dice Braden, come se la Pace regnasse già sulla Terra..visualizzate.


    #73704

    mysterio
    Partecipante

    L'elezione del Presidente degli Stati Uniti d'America, è tutta falsa, campagna politica e successive votazioni.

    Il Presidente viene deciso a tavolino molto tempo prima, in baso a degli a degli accordi scritti e firmati: guerre da sostenere per muovere il mercato internazionale delle armi, falsi attacchi terroristici, etc etc

    Almeno questo è quanto ho capito io (quindi è solo il mio punto di vista) in questi ultimi anni…

    Concordo..è anche il mio punto di vista..

    Viene creato un finto dualismo..una messinscena per far credere alla gente che un candidato sia diverso dall'altro..ma in realtà tutti coloro che si presentano..a partire dalle primarie..son indottrinati dalle elite di potere e dalle varie lobby(quelle del petrolio..degli armamenti..delle industrie farmaceutiche..ecc..)


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 28 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.