Pietre dal cielo

Home Forum MISTERI Pietre dal cielo

Questo argomento contiene 15 risposte, ha 4 partecipanti, ed è stato aggiornato da  zret 9 anni fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 16 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #11270

    zret
    Partecipante

    Vence ed i suoi dintorni sono noti tra gli ufologi per gli avvistamenti di sfere luminose e poiché si sospetta che, nella zona, sia ubicata una base militare sotterranea. Sono numerose inoltre la manifestazioni inesplicabili che si ripetono nella località francese sita all'interno del Dipartimento delle Alpi Marittime: malfunzionamenti di apparati elettrici ed elettronici, sparizioni, sincronicità, orbs, riflessi assurdi…

    Tuttavia il fenomeno più inquietante è la caduta di pietre che sovente danneggiano il parabrezza e la scocca delle autovetture. A tale proposito Pierre Beake, autore del corposo saggio Les mystères du Col de Vence, 30 ans de investigations, o.v.n.i., apparitions, Poltergeist, Agnières, 2009, scrive: “Le pietre che cadono mi paiono il fenomeno più spettacolare rilevato a Col de Vence. Queste ricorrenti manifestazioni ci hanno indotto a porci domande ed a riflettere… La prima reazione, in tali circostanze, è di supporre l'intervento di persone che, in contesti propizi, lancerebbero questi sassi. […] Nondimeno l'esame dei luoghi ci ha indotto a scartare questa eventualità. Sono eventi che si ripetono da molti anni… Le traiettorie sono incompatibili con lanci provenienti da strapiombi. In effetti, i proiettili non descrivono delle curve, ma precipitano verticalmente. Si è anche constatato che le pietre non rotolano quasi dopo l'impatto, a causa di una particolare inerzia. Ciò accredita il fatto delle traiettorie verticali, non oblique o radenti.[…] Le pietre sono di differenti dimensioni: alcune sono piccole come monete, le più grosse hanno le dimensioni di un pugno chiuso e pesano da qualche decina a qualche centinaio di grammi. I sassi provengono dall'ambiente circostante… Bisogna notare anche che in caso di impatto sulla carrozzeria, il danno non è sistematico. Abbiamo assistito, increduli, ad impatti molto violenti che non hanno lasciato ammaccature.[…] Questa fenomenologia ha conosciuto un parossismo nel corso dell'inverno del 1996.”

    Come talvolta avviene, la cultura antica riesce a gettare un barlume su una questione tanto enigmatica o, per lo meno, si possono trovare alcuni addentellati di fenomeni attuali in racconti appartenenti ad ere remote. Sono racconti in cui il fregio mitico pare adombrare qualche verità. Così, riflettendo sulle strane piogge di pietre che cadono a Col de Vence, viene in mente un episodio della saga eraclea. E' ricordato nel mito che, allorquando Eracle, ritornando dal paese di Gerione, attraverso il sud della Gallia, Ligi, eroe eponimo dei Liguri, tentò di impadronirsi della mandria che l'eroe conduceva con sé. Ligi ed i Liguri, suoi compagni, attaccarono Eracle cui vennero a mancare le frecce. Sul punto di essere sopraffatto dagli avversari, Eracle rivolse una preghiera al padre Zeus, che lasciò cadere una gragnola di pietre, con le quali l'eroe riuscì a sconfiggere i nemici. La pianura della Crau è testimone ancora di quell'avvenimento, attraverso la gran quantità di rocce e di pietre di cui è disseminata.

    Gli eventi si riferiscono alla decima fatica con Eracle che, su ordine di Euristeo, dovette impossessarsi, riuscendo nell'impresa, dell'armento appartenente a Gerione, mostro figlio di Crisaore e Calliroe, con tre corpi dal ventre in su, ed abitante nella terra di Erizia. A questa circostanza, come ad altre, si abbinano diverse parerga (azioni collaterali), tra cui quella durante la quale il figlio di Zeus confisse le colonne nello stretto di Gibiliterra. Un altro parergon è la lotta contro i Liguri. Eracle uccise i predoni Alebione[1] e Dercino, entrambi figli di Poseidone, dopo che essi avevano tentato di sottrargli i buoi.

    La piana della Crau, non distante da Arles, è una landa punteggiata di massi e, come si accennava, la sua particolare morfologia è associata al mito.[2] La costa meridionale della Gallia è regione eraclea: vi si snodava appunto la Via Eraclea e vi sorgeva Portus Herculis Monoeci, l’attuale Monaco, originariamente scalo fenicio, poi incorporato nel dominio di Massalia (Marsiglia). Fu centro fondato, secondo la tradizione, da Eracle.

    E’ vero che Col de Vence non è ubicata in area vicina alla Piana di Crau, ma la manifestazione delle pietre che cadono dal cielo si riferisce comunque al litorale meridionale della Gallia, con una parziale coincidenza topografica. E’ possibile che antiche narrazioni trasfigurino e tramandino un singolare fenomeno che, a tutt’oggi, sfida ogni tentativo di spiegazione?

    [1] A proposito di Alebione, rammento en passant che il nome di questo personaggio è stato collegato da alcuni paletnologi ad Albione, ossia la Britannia, intesa come terra da cui proverrebbero i Liguri. E' ipotesi tutta da verificare, ma è assodato che Albione nulla c'entra con le “bianche (in latino albus) scogliere di Dover”, poiché nella radice alp-alp, diffusa in molti toponimi, bisogna semmai vedere un antichissimo vestigio di una lingua pre-indoeuropea. La matrice alp-alb significa “monte, altura, poggio”.

    [2] Arles è sita nella regione Provenza, Alpi, Costa azzurra. E’ prossima alla foce del Rodano ed è celebre per i monumenti romani e medievali.


    Riferimenti bibliografici:

    P. Beake, Les mystères du Col de Vence, 30 ans de investigations, o.v.n.i. apparitions, Poltergeist, Agnières, 2009, pp. 132-164
    R. Da Ponte, I Liguri. Etnogenesi di un popolo. Dalle origini alla conquista romana
    Enciclopedia della Mitologia, Milano, 2006, s.v. Alebione, Dercino, Eracle, Ligi

    Fonti classiche:

    Apd. Bibli. 2, 5, 10
    Eust. a Dion. Per. 76
    Pomp. Mela, 2, 5, 78
    Tzet. Chil. 2, 340 ss.

    Ringrazio il gentilissimo Dottor Gianni Ginatta per la segnalazione del libro scritto da Pierre Beake.

    http://zret.blogspot.com/


    #11271

    Detective
    Partecipante

    Hai detto che cadono verticalmente, può forse trattarsi di piccoli meteoriti?
    Ma la cosa è al quanto insolita: i meteoriti, specialmente di così piccole dimensioni si frantumano venendo a contatto con l'atmosfera terrestre.
    Non ho assulutamente la più pallida idea di cosa possa trattarsi.


    #11272

    zret
    Partecipante

    Pare che non siano meteoriti, poiché non contengono ferro meteorico. Sono proprio sassi. Il mistero resta.

    Ciao


    #11273

    marì
    Bloccato

    E se fossero la conseguenza di un tornado … in certi posti si e' assistito a fenomeni strani, come questo che riporto qua:

    In Giappone pioggia di girini e pesci

    Una strana pioggia si è abbattuta sulla città di Nanao e in altri luoghi di Ishikawa, sulla costa del mar del Giappone: sono venuti giù girini e pesci. Gli esperti ed i meteorologi non pensano all’ ipotesi pioggia ma ad un’ intensa e piccola turbolenza, come un mini tornado, o addirittura che possano essere stati trasportati da uccelli, come corvi o gru nipponiche. Ma come spiegare un centinaio di girini di pochi centimetri distribuiti su una superficie di una decina di metri quadrati?
    Per questi rari e suggestivi fenomeni la spiegazione più accreditata resta comunque quella della tromba d’aria che risucchia al proprio interno i malcapitati animali. Quando la perturbazione diminuisce di intensità rane, pesci e tutto quello che é stato risucchiato ricade a terra, a volte completamente congelato se la tromba d’aria si é spinta abbastanza in alto.
    Simili “piogge animali” si sono già verificate in altre aree del pianeta, eccone alcuni esempi:
    Nel 1861 a Singapore piovevano pesci gatto, era la conseguenza di un forte terremoto e di tre giorni ininterrotti di tempesta.
    Più conosciute, anche se certo non sono all’ordine del giorno, le precipitazioni di rane, il caso è stato registrato nel Norfolk, in Inghilterra.
    http://www.9online.it/duepuntozero/2009/10/07/in-giappone-pioggia-di-girini-e-pesci/

    :lente:


    #11274

    Detective
    Partecipante

    Potrebbe essere la spiegazione più ragionevole!!!
    Ma il dubbio resta per il fatto che alcuni sassi sono caduti sui vetri di alcune auto senza romperli!!!?? :hihi:


    #11275

    zret
    Partecipante

    Il problema è che cadono in assenza di uragani e poi la Costa azzurra (ex) non è regione di tornados.

    ?


    #11277

    Detective
    Partecipante

    Oh, che rompicapo!! 😕


    #11278

    marì
    Bloccato

    [quote1257591450=zret]
    Il problema è che cadono in assenza di uragani e poi la Costa azzurra (ex) non è regione di tornados.

    ?
    [/quote1257591450]

    … sulla costa a Maiorca pare di si, guarda il video http://www.youreporter.it/mobile/video_Tre_tornado_sulla_costa_a_Maiorca


    #11279

    Detective
    Partecipante

    [quote1257592095=Marì]
    [quote1257591450=zret]
    Il problema è che cadono in assenza di uragani e poi la Costa azzurra (ex) non è regione di tornados.

    ?
    [/quote1257591450]

    … sulla costa a Maiorca pare di si, guarda il video http://www.youreporter.it/mobile/video_Tre_tornado_sulla_costa_a_Maiorca

    [/quote1257592095]

    Scusa Marì, sicuramente non posso sapere tutto di geografia, ma anche Maiorca si trova in Francia?


    #11280

    marì
    Bloccato

    [quote1257592478=Detective]
    [quote1257592095=Marì]
    [quote1257591450=zret]
    Il problema è che cadono in assenza di uragani e poi la Costa azzurra (ex) non è regione di tornados.

    ?
    [/quote1257591450]

    … sulla costa a Maiorca pare di si, guarda il video http://www.youreporter.it/mobile/video_Tre_tornado_sulla_costa_a_Maiorca

    [/quote1257592095]

    Scusa Marì, sicuramente non posso sapere tutto di geografia, ma anche Maiorca si trova in Francia?

    [/quote1257592478]

    hahaha stai scherzando vero? 😉 Buona giornata bello :hehe:


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 16 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.