Referendum opinioni blog

Home Forum L’AGORA Referendum opinioni blog

Questo argomento contiene 53 risposte, ha 5 partecipanti, ed è stato aggiornato da camillo camillo 1 anno, 5 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 54 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #313166
    camillo
    camillo
    Partecipante

    Le ragioni del No.
    Ecco cosa scrive Marco Travaglio
    http://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/il-libro-che-spiega-perche-no-al-senato-dei-nominati-immuni/

    1. I risparmi del nuovo Senato dimagrito e non più retribuito sono irrisori (una quarantina di milioni all’anno, senza contare i rimborsi spese per sindaci e consiglieri regionali provenienti da ogni parte d’Italia). Comunque non giustificano minimamente la riscrittura di 47 articoli su 139 della Carta. Per risparmiare la stessa cifra, sarebbe bastato decurtare del 10% lo stipendio di deputati e senatori… (Mie riflessioni: NON concordo abbiamo una reale diminuzione di parlamentari almeno 200 in meno e per ognuno attualmente vale il discorso dello spreco, mi sembrano illazioni fantasiose)

    2. Il nuovo Parlamento sarà formato da membri in gran parte non eletti dai cittadini, ma nominati dalla casta (i 2/3 dei deputati, col meccanismo dei capilista bloccati; e tutti i senatori scelti dai Consigli regionali e dal capo dello Stato).
    ( Mie riflessioni: nella legge si dice solamente che i SENATORI saranno eletti tra gli amministratori locali della regione, che a loro volta sono stati eletti direttamente dai cittadini, io direi che è molto meglio così per quanto riguarda i senatori in quanto nelle votazioni regionali c’è un miglio rapporto tra elettore ed eletto. Il discorso di 2/3 deputati Marco Travaglio lo estrae mescolando la legge elettorale al discorso sul referendum, se mai è sulla legge elettorale che deve battersi, qui per il referendum, abbiamo solo una esigua variazione.)

    3. Alla Camera si prevede un abnorme premio di maggioranza al partito più votato. Anche se rappresenta il 25% dei votanti, si accaparra il 54% dei seggi. Premio non di maggioranza, ma di minoranza…
    (Mie riflessioni: Che c’entra? Nel referendum non si tocca nulla sulle elezioni dei deputati della Camera. Sta mescolando continuamente la legge elettorale con il referendum… Questo è un modo per trarre in inganno il cittadino su cosa dice il referendum.)

    4. Alla Camera ogni capolista bloccato potrà candidarsi in 10 circoscrizioni come specchietto per le allodole, ben sapendo che verrà eletto automaticamente in tutte e 10 senza prendere un voto… Poi sceglierà una circoscrizione per sé e ingannerà gli elettori delle altre 9, dove al suo posto uscirà il candidato più votato della lista. Così sarà lui, col gioco delle rinunce, a decidere chi far eleggere e chi sacrificare, a seconda del livello di fedeltà al capo partito.
    (Mie riflessioni: IDEM Che c’entra? Nel referendum non si tocca nulla sulle elezioni dei deputati della Camera. Sta mescolando continuamente la legge elettorale con il referendum… Questo è un modo per trarre in inganno il cittadino su cosa dice il referendum)

    5. Il premier avrà uno strapotere incontrastato e incontrastabile: come “capo” del primo partito, sarà di fatto eletto dal popolo (all’insaputa del popolo). E diventerà il padrone assoluto del governo e del Parlamento. Potrà scegliersi il presidente della Repubblica, ma anche i membri della Consulta e del Csm di nomina parlamentare, i componenti delle Autorità “indipendenti”, l’amministratore delegato e il Cda della Rai. E cambiare la Costituzione a suo piacimento ogni volta che vorrà. Un premierato assoluto…
    (Mie riflessioni: IDEM Che c’entra? Nel referendum non si tocca nulla sulle elezioni dei deputati della Camera. Sta mescolando continuamente la legge elettorale con il referendum… Se Travaglio ha di questi dubbi, più o meno condivisibili in un Italia anarchica, è contro la legge elettorale che deve prendersela. Questo è un modo per trarre in inganno il cittadino su cosa dice il referendum)

    6. Nel nuovo Parlamento, il premier non si ritroverà di fronte alcun contropotere. Nessun controllo “esterno”: il Senato è ridotto a una larva e non può certo controbilanciare la Camera asservita al capo del governo. E nessun controllo “interno”: i diritti delle minoranze parlamentari non sono codificati esplicitamente…
    (Mie riflessioni: ciò che dice Marco travaglio è una balla, infatti sulle leggi costituzionali e importanti che possono cambiare radicalmente le cose i senatori avranno il loro peso, ripeto Marco sta criticando i meccanismi elettorali e lo fa aggrappandosi al referendum.)

    7. La “riforma” regala l’immunità parlamentare a 100 fra sindaci (21), consiglieri regionali (74) e rappresentanti del Quirinale (5) che, non essendo stati eletti per fare i senatori o non essendo proprio stati eletti tout court, non hanno diritto a un simile privilegio… Il che fa prevedere che si candideranno a Palazzo Madama i primi cittadini e i consiglieri con la coscienza sporca oppure già inquisiti che rischiano arresti, intercettazioni e perquisizioni e aspirano allo scudo per mettersi al riparo.
    (Mie riflessioni: Le riflessioni di Marco sono le seguenti: poiché tra i consiglieri regionali e i sindaci vengono eletti i senatori allora QUALORA questi fossero sotto processo riceverebbero immunità in quanto diventati senatori. Intanto fa di ogni erba un fascio parla di centinaia.. e che è? Sono tutti corrotti… ma vogliamo scherzare? I sindaci sono tra i più controllati e dibattuti tra tutti gli eletti, sono quelli più vicini alla popolazione. E sono ovviamente anche i più esposti, sappiamo tutti che i “signori” esclusi da qualche bando fanno ricorso e parte incriminazione al sindaco. Mi chiedo Marco Travaglio ci vede bene? O cerca solo di filosofeggiare?)

    8. Mentre nasce il cosiddetto “Senato delle Autonomie e dei Territori”, le autonomie territoriali scompaiono. Nel rapporto Stato-Regioni si prevede la “clausola di supremazia” dello Stato centrale, attivabile dal governo onnipotente… Si ripristina il famigerato “interesse nazionale” che, prima della riforma del 2001, veniva usato discrezionalmente da Roma per vampirizzare le autonomie. Le Regioni ordinarie conteranno molto meno, mentre le 5 a statuto speciale (spesso folli centri di spesa e spreco) saranno più forti di prima.
    (Mie riflessioni: Qui in effetti il referendum toglie ALCUNE e solo ALCUNE autonomie, anch’io sono per il federalismo,quindi ho guardato benissimo a cosa si riferisce: allora faccio un esempio REALE l’autostrada VALDASTICO se completata prevederebbe una galleria che collega con Trento. Ai turisti che vengono dalla Germania, Austria ecc. farebbe risparmiare 50 km dico almeno 50 km Ora arrivano milioni di turisti all’anno in auto, se tutti risparmiano 50 km meno inquinamento, più velocità, più turismo. Ora la regione trentina blocca la costruzione della galleria da 30 anni. Se ogni regione guarda SOLO il suo tornaconto è la solita minestra. La variazione proposta nel referendum riguarda solo strade, ferrovie, elettricità, militari. Va verso una maggiore efficienza caro Marco, efficienza che mi sembra hai capito poco)

    9. Avremo Regioni piccole e poco popolose con più senatori rispetto ad altre molto più grandi. Il Trentino Alto Adige avrà due sindaci-senatori contro uno solo della Lombardia, dieci volte più popolosa. Con tanti saluti ai principi costituzionali di ragionevolezza, di eguaglianza e di proporzionalità del voto.
    (Mie riflessioni: Qui in effetti si crea una disparità non è così grande come la descrive Marco ma c’è. Viene previsto un numero minimo di senatori per ogni regione indipendentemente dalla grandezza, una quota poi dovrebbe essere proporzionale. Qui io cambierei mettendo un solo senatore per regione di base. Comunque Poiché il senato nuovo ha un peso relativo la cosa tutto sommato non è pregiudicevole. Mi sembra che Salvini ne abbia esaltato troppo il peso, che ripeto è MOLTO relativo)

    10. La “riforma” non abolisce il bicameralismo: continueremo ad avere una Camera e un Senato che si rimpalleranno le leggi col classico sistema bicamerale… Sono ben 22 le categorie di norme che restano bicamerali, con procedure di approvazione diverse a seconda della materia che trattano. E con i prevedibili ricorsi, conflitti e dubbi interpretativi, visto che moltissime leggi riguardano più materie differenti fra loro…
    (Mie riflessioni: Come detto sopra alcune leggi per essere modificate devono avere la doppia approvazione, ma questo per evitare che un individuo si possa impadronire del potere in modo assoluto. Insomma al punto 6 Marco dice che il contropotere è ridotto a una larva che il senato non conta, in questo punto invece dice il contrario. Insomma anche se Marco è solo un giornalista si decida!)

    11. Non si accorciano i tempi, in media molto brevi, dell’iter legislativo, che al contrario si complica e allunga.
    (Mie riflessioni: questa è solo un’opinione di Marco Travaglio, non si capisce in base a cosa la dia. Io credo che invece sia vero il contrario, alla grande. Ci sarà molta più efficienza. )

    12. I possibili procedimenti legislativi, che oggi sono soltanto 2 (quello ordinario e quello costituzionale) diventerebbero addirittura 10.
    (Mie riflessioni: certo ma si tratta di casi rari, con tempi che nel contesto coprono una percentuale minima, irrilevante.)

    13. I senatori part-time dividono il loro lavoro settimanale tra alcuni giorni dedicati alle funzioni legislative e altri riservati agli impegni nei rispettivi Comuni o Regioni. Così svolgeranno male entrambi i compiti.
    (Mie riflessioni: Caro Marco… ma dove vivi, il non lavorare coscienziosamente è una pratica molto diffusa. Nel nostro parlamento cercano di costringere a partecipare alle sedute dando un incentivo, detto gettone di presenza. Dovrebbero invece togliere parte dello stipendio se mancano ingiustificatamente… Questo è un discorso più ampio… in cui Marco ha ragione .. ma allora se andassimo ad analizzare attualmente la somma di incarichi di certi parlamentari… per farli coscienziosamente tutti dovrebbero sdoppiarsi, triplicarsi, quadruplicarsi… In Itali l’efficienza è diventata troppo spesso deficienza)

    14. Il Senato diventa un albergo a ore con porte girevoli, in cui entrano ed escono sindaci e consiglieri eletti e scaduti in tempi diversi… Alla faccia della “stabilità”. (Mie riflessioni: Ribadisco il concetto espresso al punto 13 )

    15. Il Senato, sedicente rappresentante delle autonomie regionali, è escluso da gran parte delle deliberazioni in materia regionale.
    (Mie riflessioni: Questa propri non l’ho capita. Cosa intende con questo discorso? Il nuovo Senato conta poco proprio perché solo i deputati vengono eletti proporzionalmente. Non è chiaro poi che cosa si riferisce, mi sembra un voler portare l’acqua al proprio mulino)

    16. Il presidente della Repubblica sarà quasi sempre eletto dalla settima votazione in poi, quando il quorum iniziale si abbassa. E lì saranno sufficienti i 3/5 dei partecipanti al voto. Cioè: anche soltanto 220 elettori su 366 (quorum minimo). E così il rappresentante dell’unità nazionale potrà essere eletto con molto meno della maggioranza assoluta del Parlamento!
    (Mie riflessioni: Su questo fatto ci sarebbe molto da discutere, io direi piuttosto che sarebbe giusto eleggere direttamente il capo dello stato se vogliamo una decisa rappresentanza. Altrimenti sarà sempre un compromesso)

    17. Oggi per presentare una legge di iniziativa popolare bastano 50 mila firme; in futuro ne occorreranno 150 mila (il triplo). Idem per i referendum abrogativi: in cambio di un modesto abbassamento del quorum (dal 50% più uno degli aventi diritto alla maggioranza dei votanti alle ultime elezioni per la Camera), le firme da raccogliere salgono da 500 mila a 800 mila.
    (Mie riflessioni: Vero! Lo hanno fatto per impedire di spendere troppi soldi per referendum… che anche quando vanno a buon fine, vengono poi raggirati dai nostri “cari parlamentari)


    • Questo argomento è stato modificato 1 anno, 10 mesi fa da camillo camillo.
    #313168
    camillo
    camillo
    Partecipante

    Nella pagina iniziale del mio sito, (nella prima riga) potete scaricare la legge referendaria con sue variazioni evidenziate in neretto. NON ci sono miei commenti, ma solo la pura legge pubblicata nel sito del senato con le variazioni. Sono una quarantina di articoli, ma solo pochi sono essenziali.

    http://www.didatticacomputer.it/

    La mia impressione è che si parli poco o nulla sui contenuti, tutti i discorsi vertono su ciò che si vuol far credere, si trasmette non l’originale, ma il giudizio. Siamo pecore o uomini senzienti?
    Io consiglio la lettura diretta della legge.
    altrimenti nelle nostre decisioni rischiamo di seguire le emozioni o gli intrighi di alcuni professionisti della politica.
    Rancori, incavolature per immigranti, interessi elettorali ecc.
    Solo leggendo il contenuto verranno scavalcati, fatevi una VOSTRA OPINIONE. Grazie!


    • Questa risposta è stata modificata 1 anno, 10 mesi fa da camillo camillo.
    • Questa risposta è stata modificata 1 anno, 10 mesi fa da camillo camillo.
    #313184
    J-new
    J-new
    Partecipante

    Su questo ti do ragione:

    “La mia impressione è che si parli poco o nulla sui contenuti, tutti i discorsi vertono su ciò che si vuol far credere, si trasmette non l’originale, ma il giudizio. Siamo pecore o uomini senzienti?
    Io consiglio la lettura diretta della legge.
    altrimenti nelle nostre decisioni rischiamo di seguire le emozioni o gli intrighi di alcuni professionisti della politica.
    Rancori, incavolature per immigranti, interessi elettorali ecc.
    Solo leggendo il contenuto verranno scavalcati, fatevi una VOSTRA OPINIONE. ”

    la politica fa sempre cosi, la politica e fatta per esere cosi; ma è sempre bello sentrlo ripetere.

    Ora permettimi, su un punto non mi ritrovo:

    “17. Oggi per presentare una legge di iniziativa popolare bastano 50 mila firme; in futuro ne occorreranno 150 mila (il triplo). Idem per i referendum abrogativi: in cambio di un modesto abbassamento del quorum (dal 50% più uno degli aventi diritto alla maggioranza dei votanti alle ultime elezioni per la Camera), le firme da raccogliere salgono da 500 mila a 800 mila.
    (Mie riflessioni: Vero! Lo hanno fatto per impedire di spendere troppi soldi per referendum… che anche quando vanno a buon fine, vengono poi raggirati dai nostri “cari parlamentari)”

    Ricorda; i soldi spesi per far esprimere il popolo non sono mai troppi.
    Se poi i politici se ne fottono, un motivo in più! Più loro fanno gli indiani più se ne fanno, e la più decisa risposta!


    #313186
    camillo
    camillo
    Partecipante

    J-New (omega2?) dice: “Ricorda; i soldi spesi per far esprimere il popolo non sono mai troppi.”
    In base a questo discorso abbassiamo il numero delle firme a 1000…. così passiamo il nostro tempo a fare referendum spendendo denaro, con risultati che sono sotto gli occhi di tutti.

    Il discorso del numero minimo di firme si colloca in un più vasto settore STATISTICO, anche in fisica ad un certo punto abbiamo scavalcato le leggi previsionali su base di modelli forza-energia per passare a modelli statistici previsionali.
    Quindi qual è il numero giusto di firme necessario per un referendum?
    Dipende…
    Se facessimo referendum mediatici via Internet si potrebbe abbassare la soglia.
    Se invece il costo sale e le conseguenze dei risultati referendari sono nulle allora occorre alzare il livello in modo da cercare di intercettare un’esigenza “REALE E MAGGIORITARIA” e non un’idea di piccoli gruppi, piccoli in proporzione alla popolazione.

    Su questa strada il discorso filosofico potrebbe trascinarsi all’infinito. L’esperienza insegna che si andrebbe meglio con un sistema federato di stati con un massimo di 5-10 milioni. La stessa Svizzera si smembra in 4 cantoni. Però questo per il momento è impensabile… almeno in Italia.


    #313187
    J-new
    J-new
    Partecipante

    “J-New (omega2?)”

    ^_^ Spiacente non sono il tuo amichetto ^_^
    Il fatto che si usino le stesse parole o simili, non vuol dire che dietro ci sia la stessa persona.

    “In base a questo discorso abbassiamo il numero delle firme a 1000…. ”

    Ovviamente no stupidotto!

    “così passiamo il nostro tempo a fare referendum spendendo denaro, con risultati che sono sotto gli occhi di tutti.”

    I referendum non hanno effetto per loro stessi o perchè i politici li ignorano?
    Non è la stessa cosa!
    Ma se nonostante li possano ignorare non gli va ne sù ne giù che il popolo si esprima liberamente, evidentemente li temono! E per questo non li vogliono, proprio questo è il punto pupone bello; i referendum se devono fare proprio pechè il popolo si faccia sentire con il diritto alla libera parola che i politici non vorrebbero.
    Se voi buttarla sul denaro: allora tornimo all’assolutismo monarchico di dervazione divina!
    La democrazia costa, ma è il giusto costo della libertà.

    “Il discorso del numero minimo di firme si colloca in un più vasto settore STATISTICO, anche in fisica ad un certo punto abbiamo scavalcato le leggi previsionali su base di modelli forza-energia per passare a modelli statistici previsionali.”

    ^_^ Non c’è bisono di tirare in causa le sorti del mondo per giustificare “di voler provar ciò che prova donna” ^_^ ciò denota come veramente la pensi su gli omosessuali (cioè male) e di esserti smerdato da solo davanti a tutti; ora la cosa non è certo piacevole, ma affermare: ” …no vi state sbagliando è nutella….”, piuttosto che alzarsi con la dignità dell’uomo ferito (che è dignità) chiedere scusa e andare a lavarsi.
    E non sarebbe poco ne torto.
    è ti do un esempio pratico qui nel forum (nella tale discussione entro negli ultimi post): la-dieta-vegetariana-non-e-soltanto-sana-ma-anche-piu-sicura/page/92/ dall’inizo pagina fino al post mio “16 settembre 2016 alle 23:12 #312992” e guarda il tuttologo, salvatore del mondo cascare a gambe larghe, benchè pulito dentro e bello fuori……

    Per la Svizzera: è sicuramente più facile essere pochi, ma a parte che cantoni non sono 4, se siamo qui ad aspettare la soluzione ideale non sici arriva più.

    “Se facessimo referendum mediatici via Internet si potrebbe abbassare la soglia.
    Se invece il costo sale e le conseguenze dei risultati referendari sono nulle allora occorre alzare il livello in modo da cercare di intercettare un’esigenza “REALE E MAGGIORITARIA” e non un’idea di piccoli gruppi, piccoli in proporzione alla popolazione.”

    Certi piccoli gruppi (illuminati o come li si vuole chiamare) hanno ben più efficaci vie per i loro interessi e temono per appunto la libertà di parola.
    I falsari sanno tutto del coniar monete e la gente che deve saperlo per guardarsi il cullo.

    Le soluzioni perfette non ci sono per questo penso bene (fino a prova contraria) di questo referendum.


    #313276

    orsoinpiedi
    Partecipante

    Rispondo a Camillo,dopo il precedente errore di posizionamento.
    Ho letto,a volte con difficoltà,il testo della nuova costituzione.
    Non ho avuto l’impressione che i rapporti tra Senato e Camera dei deputati possa portare ad un significativo snellimento nella procedura di approvazione delle leggi.Moltissimi possono essere i casi in cui il Presidente della Camera bassa ed il presidente del Senato si possono trovare di fronte per cercare di redimere eventuali controversie.A mio modesto avviso il senato andava abolito totalmente,e non farne un conclave di gente non eletta dai cittadini,ma protetta dall’immunità parlamentare.Si pesca proprio la dove la corruzione è endemica.Una domanda:chi elegge il presidente del Senato e della Camera bassa?Si può pensare a due presidenti espressione del vincitore delle elezioni?In questo caso il problema sarebbe evidente.
    Il presidente del consiglio,teoricamente, non vede aumentare i suoi poteri.Di fatto il coordinato disposto con la legge elettorale attuale,gli permetterà di fare ciò che vuole.Vi immaginate un Renzi che può far passare tutte le leggi che vuole?Il parlamento non sarà altro che un posto dove rattificare ciò che il Governo decide.
    Qui finisco o divento prolisso
    Gli antichi romani,in tempi di crisi,eleggevano due dittatori,oggi ne avremo solo uno.


    #313295
    camillo
    camillo
    Partecipante

    @orsoinpiedi said:

    Non ho avuto l’impressione che i rapporti tra Senato e Camera dei deputati possa portare ad un significativo snellimento nella procedura di approvazione delle leggi.Moltissimi possono essere i casi in cui il Presidente della Camera bassa ed il presidente del Senato si possono trovare di fronte per cercare di redimere eventuali controversie.A mio modesto avviso il senato andava abolito totalmente,….

    Se guardi bene è solo un impressione. L’influenza del nuovo senato è relegata a pochi casi, in tutti gli altri casi si tratta di un parere che può dare.

    Sul fatto di abolire TOTALMENTE… Concordo pienamente, ma gran parte del Pd è di parere contrario (vedi proposte di Dalema). In una prima fase questo solo era possibile. Poi si potrà arrivare all’azzeramento.

    Per la storia dell’immunità… I sindaci sono tutti destinati a beccarsi denunce, basta un bando di concorso e la parte scartata ti denuncia. I sindaci in realtà (almeno dalle mie parti) sono tra i pochi politici CONTROLLATI direttamente dagli elettori. In genere sono di qualità e sono stati eletti molto più saggiamente di quanto avviene con l’elezione diretta di deputati e senatori. Questi sì sono distanti e poco controllati dagli elettori, arrivano lì per via politica pochissimi quelli che arrivano per meriti.
    Spesso sono solo frutto di pubblicità, guarda quanti presentatori o simili.

    Io concordo con chi vuole votare no perchè Renzi non sta mantenendo nulla di ciò che aveva promesso soprattutto riguardo le paghe statali a dirigenti e nepotismi vari di politici.
    Concordo anche con chi vota no perchè Renzi sta incrementando i disoccupati importando poveracci che per 80% sono clandestini in cerca di lavoro.
    Concordo con chi vota no perchè Renzi sta preoccupandosi pochissimo del disagio che provoca ai cittadini che lui forza all’accoglienza, mettendo i sindaci in condizione disperata. Non riescono più ad aiutare le famiglie italiane povere. Criminalità inefficienza… Sto vedendo la situazione delle assunzioni della scuola… un disastro che non si vedeva da decine d’anni. Quale buona scuola? Caro Renzi sei stato una amara dellusione, prometti, parli, alzi la voce… ma poi non sei efficiente, credi che basti dare ordini? in Italia? Occorre seguire ciò che metti in movimento, imprimere efficienza facendosi affiancare da efficientisti. Ma ho paura che l’efficenza di Renzi sia solo nel dire, nel promettere…
    Insomma ci sono mille motivi di scontento che portano al NO per rimandare a casa Renzi

    Tuttavia io non faccio la pecora e guardo la sostanza, la legge in referendum migliora la situazione, anche se non potrà fare miracoli.
    Per la paura che porti un totalitarismo (di Renzi o di altri)… Ragazzi siamo in Italia abbiamo visto come siamo fatti. Quando due persone discutono di politica ognuno a un partito e mezzo quindi alla fine emergono tre idee differenti.


    • Questa risposta è stata modificata 1 anno, 9 mesi fa da camillo camillo.
    #313298

    orsoinpiedi
    Partecipante

    Caro Camillo,che renzi debba andare a casa per le ragioni da te esposte,ma soprattutto perche è un imbonitore della peggior specie.”Il potere corrompe,il potere assoluto corrompe in maniera assoluta”Immagina i danni di uno come Renzi o tanti altri potrebbero causare al paese e alla democrazia(ripeto,siamo italiani).
    Ma questo non è il contendere.Si vota sulla riforma e voglio fare una considerazione:nei dibattiti dove si cerca di entrare nel merito della questione, assistiamo ad uno scontro interpretativo sui vari articoli condotto anche da esimi costituzionalisti.Per me tutto questo è indice di non chiarezza e di diverse interpretazioni ed opposte visioni.Questo si tradurrà, nella pratica, come un gran casino che renderà,se pensiamo ad i rapporti tra senato e parlamento,un vero caos.Altro che maggior governablità.
    La costituzione è l’anima di un popolo,è la pietra fondamentale sulla quale vengono fatte le leggi.Col suo operato Renzi ha diviso l’Italia,e gia questo è un gravissimo errore.


    #313300
    camillo
    camillo
    Partecipante

    @orsoinpiedi said:
    ……nei dibattiti dove si cerca di entrare nel merito della questione, assistiamo ad uno scontro interpretativo sui vari articoli condotto anche da esimi costituzionalisti.
    Per me tutto questo è indice di non chiarezza e di diverse interpretazioni ed opposte visioni…

    Per me nei dibattiti non si esamina per NIENTE i vari articoli NON ho mai visto enunciare ESATTAMENTE il contenuto di un articolo, ma solo dare opinioni.
    Dei costituzionalisti… decidono loro il vero e il falso ma a ben guardare fanno i loro comodi. La costituzione dice che il lavoro deve essere garantito, che i privilegi… Vogliamo guardare la paga di un costituzionalista? Guarda l’errore di base è stato quello di eliminare ogni tipo di esame scientifico dalla facoltà di legge, sono poco scientifici e in ITALIA vige la legge:
    PER OGNI INTERPRETAZIONE NE ESISTE ALMENO UNA UGUALE E CONTRARIA.

    Sono degli azzeccagarbugli più o meno mascherati.
    Se citi esattamente un articolo (letteralmente) sono disponibile a valutarlo. Se uno mi dice che per quel tale articolo ci sarà una catastrofe senza nominare il come e il perchè o citare il testo, è umo che ha un partito preso.

    Io ho letto attentamente la legge, è sicuramente molto più efficace dell’attuale, snellirà e di molto l’iter. Il 90% delle leggi non avranno la spada di Damocle del senato, il futuro SENATO darà solo un parere NON vincolante. Quindi al 90% il senato è abolito. Discutere sul come eleggere i senatori cavillosamente quando contano solo per una piccola percentuale lo trovo grottesco.

    D’accordo invece con te su Renzi (che ho votato nelle primarie versando i due euro) si sta dimostrando un fanfarone, ma soprattutto sta distruggendo la stabilità sociale.
    NON puoi imporre con i prefetti il tuo buonismo. Anche il Papa comincia ad essere “sgradevole” dice “NON alzate MURI”. Il vaticano è recintato da sempre. TU non puoi salvare i migranti a spese della popolazione che si trova sempre più immersa nella criminalità, all’inizio sarà modesta ma poi… Ma se non riesci a dare lavoro al 40% dei giovani come puoi pensare di dare lavoro a centinaia di migliaia di migranti? Cosa faranno per mantenersi appena finito il sussidio? All’inizio eravamo un’accoglienza di passaggio andavano in Germania o dove c’era lavoro, ora i tedeschi giustamente vogliono SOLO chi ne ha diritto, ma l’80% dei migranti non ce l’ha (e il del 20 % rimanente..Mmm stiracchiato), arrivano da tutte le parti, scappano dalla povertà. Caro Renzi vai davanti a qualsiasi supermercato guarda la condizione disastrosa della tua accoglienza, accattonaggio. NON s’era mai visto navi andare a prenderli a casa loro, ora gli mettono su zattere fatiscenti che fanno pochi km tanto ti vengono a prendere. I morti che ci sono gli avrà sulla coscienza Renzi. La Spagna che a suo tempo ha scandalizzato l’Europa sparando (in rari casi) sui migranti ha sulla coscienza meno di una decina di morti Renzi con il suo buonismo imposto forzatamente alla popolazione e con l’andare a prenderli anche nelle loro acque territoriali ha creato migliaia di naufragi indotti. E’ proprio vero l’INFERNO è lastricato di buone intenzioni.


    #313320

    orsoinpiedi
    Partecipante

    Caro Camillo,cercherò di essere più chiaro:certamente ti ricorderai “il piano di rinascita democratica”di quel “gentiluomo”di nome Licio Gelli.
    Bene,ora dimmi le differenze che ci sono tra questa nuova costituzione e quella che voleva il Gelli.Troppe similitudini..Renzi,così come ha copiato il Job act dalla confindustria,ora ha preso ispirazione dal piano Gelli.
    Gelli non era certamente una persona democratica,e faceva gli interessi dei potenti,ergo……la nuova costituzione è quella della P2


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 54 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.