riflessione sulla vita sulla terra

Home Forum SPIRITO riflessione sulla vita sulla terra

Questo argomento contiene 25 risposte, ha 9 partecipanti, ed è stato aggiornato da  iniziato 9 anni, 6 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 26 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #41804

    iniziato
    Partecipante

    Penso questa vita non sia per i puri di cuore, sia che tu cada sotto le bombe o sotto la pressione di condizionamenti disumani dettati dalla logica del profitto se sei un puro di cuore, non ti restano che molte possibilità:

    una per esempio è quella di scegliere di essere e restare integro a te stesso ed hai tuoi principi, professare l'amore sempre e accettare anche di morire per questo. La vita di Gesù per esempio così come ce la vogliono presentare , il porgi l'altra guancia ma anche tante correnti vecchie e nuove che vedono nell'amore l'unica forza assoluta. Bene, ad essere però un minimo onesti, la morte di Gesù in croce in realtà non ha salvato nessuno e se porgo l'altra guancia al mio oppressore presto non mi rimarrà poi molto da porgere.

    un'altra scelta è quella invece di comprendere le meccaniche del mondo così come è e quelle del contesto che ci troviamo a vivere. Comprendere che l'amore è la scelta giusta in un mondo diverso da questo e che se si vuole sopravvivere occorre sapersi difendere.

    le religioni da sempre insegnano il bene ma fanno il male, gli scaltri strateghi capiscono che è facile dominare sul popolo mansueto.

    Occhio all'inganno dell'amore, a volte potrebbe non fare il vostro bene ma quello di qualcun altro.


    #41805
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Come dice RA nel libro
    L'Amore va bilanciato con la Saggezza, ma la scelta resta sempre all'entità


    V. LA SCELTA DI ESSERE UN MARTIRE
    RA: Quando Jesus decise di tornare al luogo chiamato Gerusalemme per il giorno sacro, passò dal lavoro che unisce amore e saggezza e abbracciò il martirio, il lavoro dell'amore senza saggezza. (B3, 185)
    RA: Questa entità (Jesus) è consapevole di un certo sovra-bilanciamento verso l'amore, persino al martirio, ma non ha ancora, ad un livello significativo, bilanciato queste distorsioni. Non implichiamo che questo corso di sfrenata compassione abbia qualche colpa, ma affermiamo la sua perfezione.
    Si tratta di un esempio di amore che è servito come faro per molti. Per coloro che cercano oltre, le conseguenze del martirio devono essere considerate, perchè nel martirio si trova la fine dell'opportunità, nella densità del martirio, di offrire luce e amore. Ogni entità deve seguire il suo percorso più profondo. (B3, 186)
    RA: Jesus si è incarnato col piano del martirio. Non c'è saggezza in questo piano, ma la comprensione e la compassione sono estese nella loro piena perfezione. (B4, 82)

    http://www.divinecosmos.com/index.php?option=com_content&task=category&sectionid=6&id=23&Itemid=36


    #41806
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1232355687=iniziato]
    La vita di Gesù per esempio così come ce la vogliono presentare , il porgi l'altra guancia ma anche tante correnti vecchie e nuove che vedono nell'amore l'unica forza assoluta. Bene, ad essere però un minimo onesti, la morte di Gesù in croce in realtà non ha salvato nessuno e se porgo l'altra guancia al mio oppressore presto non mi rimarrà poi molto da porgere.

    un'altra scelta è quella invece di comprendere le meccaniche del mondo così come è e quelle del contesto che ci troviamo a vivere. Comprendere che l'amore è la scelta giusta in un mondo diverso da questo e che se si vuole sopravvivere occorre sapersi difendere.

    [/quote1232355687]

    Sai Iniziato quante volte mi sono domandata questa cosa….
    capire cosa voleva dire Gesù nel porgere l'altra guancia non è facile, ma credo che voleva dire che se non si spezza la catena dell'odio, della vendetta attraverso il perdono….la catena non si fermerà mai…

    nostro dovere è sopravvivere, questo è di massima importanza…
    ma vedo che noi nella nostra vita quotidiana di non guerra facciamo fatica a perdonare gli altri…oppure convivere con gli altri…
    eppure non ci cascano le bombe addosso….

    è qui che bisogna avere il minimo di conoscenza a mio avviso…


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #41807
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    esatto, il perdono blocca la ruota del karma, la guerra crea guerra


    #41808

    Pyriel
    Bloccato

    Due soli malfattori Gesù ha perdonato e non senza un fine, il resto li ha lasciati al Giudizio del Padre limitandosi a chiedere di perdonarli, poiché non ha confuso l'Amore con l'imbecillità.


    #41809
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    Vi ricordo ancora una volta che porgi l'altra guancia non è un insegnamento di Gesù… Cioè è un insegnamento acquisito da Gesù e ritrasmesso…


    #41811
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    dicci di piu Gius


    #41810
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante
    #41812

    Pyriel
    Bloccato

    Gesù disse: “Quello che ho udito dal Padre vi dico”, ma i più ne fanno un maestro a sé, non conoscendo l'unico Maestro.


    #41813

    Omega
    Partecipante

    [quote=iniziato]
    Penso questa vita non sia per i puri di cuore,
    [/quote]
    (..) “15Tutto è puro per i puri; ma per i contaminati e gli infedeli nulla è puro; sono contaminate la loro mente e la loro coscienza. 16Dichiarano di conoscere Dio, ma lo rinnegano con i fatti, abominevoli come sono, ribelli e incapaci di qualsiasi opera buona.” (Tito; 1, 15-16)

    una per esempio è quella di scegliere di essere e restare integro a te stesso ed hai tuoi principi, professare l'amore sempre e accettare anche di morire per questo. La vita di Gesù per esempio così come ce la vogliono presentare , il porgi l'altra guancia ma anche tante correnti vecchie e nuove che vedono nell'amore l'unica forza assoluta.

    Come disse Richard indirettamente, l'Amore non è sottomissione al malvagio oppure al Sistema politico- religioso- militare oppressivo e deviante, ma una SAPIENTE o saggia Gestione (guida interiore) degli Eventi, interni ed esterni. “[color=#0077dd]La sofferenza non ha niente a che fare con gli Eventi, ma con la Reazione che ciascuno ha verso di essi[/color].” [color=#006699]( se non ricordo male, questo lo disse “Dio” tramite Neale Donald Walsch )[/color]

    Bene, ad essere però un minimo onesti, la morte di Gesù in croce in realtà non ha salvato nessuno

    Gesù è morto per motivo di una profezia, doveva lasciare il segno nella Storia, RESUSCITANDO dai Morti, era una strategia “divina” per far parlare di se nei millenni successivi – effettivamente dei 600 (più o meno falsi) profeti contemporanei del Messia oggi nessuno ne sa niente, quindi aveva uno scopo importante. I Rabbini sapevano benissimo che i Giusti dovevano resuscitare – non avevano di certo bisogno di quella “prova materiale”, se così la vogliamo chiamare. Tuttavia la cosiddetta “salvezza” non dipende affatto dalla sua morte ma dal Messaggio che ha portato all'Umanità da parte del Padre Celeste che trovi riassunto nel Vangelo di Maria Maddalena, qui: –> http://www.rosacroceoggi.org/testi/Il%20Vangelo%20di%20Maria%20Maddalena.pdf

    E' evidente che mettere in pratica o “ignorare” la Verità fa la VERA differenza tra un risvegliato ed un semplice cd. “credente” – il quale (quest'ultimo) a quel punto diventa un falso credente, un finto seguace di Cristo o del principio Cristico, un sedicente “figlio di Dio” che lo nega però ( il cosiddetto “Dio” ) con parole, ma soprattutto le Opere ovvero i fatti che testimoniano comunque il nostro Livello di Conoscenza.

    e se porgo l'altra guancia al mio oppressore presto non mi rimarrà poi molto da porgere.

    (..) Avete inteso che fu detto agli antichi: “Non uccidere”; “Chi avrà ucciso sarà sottoposto a giudizio “. Ma io vi dico: “Chiunque si adira con il proprio fratello, sarà sottoposto a giudizio”. Chi poi dice al fratello: ” Stupido “, sarà sottoposto al sinedrio; e chi gli dice: ” Pazzo “, sarà sottoposto al fuoco della Geenna. (Matteo; 5, 21-22)

    un'altra scelta è quella invece di comprendere le meccaniche del mondo così come è e quelle del contesto che ci troviamo a vivere. Comprendere che l'amore è la scelta giusta in un mondo diverso da questo e che se si vuole sopravvivere occorre sapersi difendere.

    E' troppo facile Amare gli Amici in un mondo idealizzato, ma non è vera Giustizia. Il VERO Equilibrio è Amare incondizionatamente il cosiddetto Nemico (più dell'Amico stesso, perché chi ci considera “un Nemico” ne ha più bisogno di un Amico) perché anche i delinquenti amano e salutano i compari di avventura. Chi ha nemici per Volontà propria non può Amare perché altrimenti entrerebbe in contraddizione con se stesso, ma chi non ne ha non ha problemi nel mettere in pratica la Giustizia e l'equilibrio – e non c'è ALCUNA Giustizia e ALCUN Equilibrio, senza il vero Amore, quello che procede dal Padre delle Creature e Signore dei Mondi che ritroviamo anche nel vero Essere (da riscoprire)… Amare non è aiutare gli altri ma confermare l'Essere, se poi il nostro Amore sarà accettato, rifiutato o sfruttato per compiere altri delitti questo riguarda il nostro Prossimo, non sta a noi pretendere di essere ricambiati, se no sarebbe semplicemente uno scambio commerciale di sentimenti superficiali. Amore non indaga la qualità dell'interlocutore ma dona tutto se stesso per la questione di Auto-Realizzazione, dunque gioia, felicità, comunicazione.

    le religioni da sempre insegnano il bene ma fanno il male,

    Noi, invece, dovremo (possiamo, poiché c'è libertà) insegnare il Giusto soltanto se abbiamo GIA' messo in pratica la Giustizia (Giustizia = Equilibrio Cosmico), in questo modo non c'è la possibilità nemmeno teorica di assomigliare al dogma e alla Menzogna cattolica (Ipocrisia, che è un grande Errore degli umani).

    gli scaltri strateghi capiscono che è facile dominare sul popolo mansueto.

    Non bisogna Scegliere la Giustizia per far piacere al Clero ma perché la tua Coscienza, una volta risvegliata, non tollera una qualsiasi forma di dis-equilibrio e “purtroppo” la mancanza di Amore è una malattia della Mente per cui assolutamente non salutare per il nostro Essere.

    Occhio all'inganno dell'amore, a volte potrebbe non fare il vostro bene ma quello di qualcun altro.

    Amore è anche – e soprattutto – l'educazione del tuo Prossimo, impegnarsi a spiegare le tue ragioni al posto di odiare e denigrare (ovvio si parla in generale) – la mancanza di Amore non è altro che un odio inconsapevole.


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 26 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.