Riprodotta la Sacra Sindone

Home Forum TEOLOGIA Riprodotta la Sacra Sindone

Questo argomento contiene 6 risposte, ha 4 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Maouk 9 anni, 1 mese fa.

Stai vedendo 7 articoli - dal 1 a 7 (di 7 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #35742

    Maouk
    Partecipante

    [link=http://www.telegraph.co.uk/news/newstopics/howaboutthat/6263833/Shroud-of-Turin-is-a-medieval-fake-say-Italian-scientists.html]A quanto pare[/link] (link a un articolo in inglese) uno scienziato italiano, per la precisione un chimico di nome Luigi Garlaschelli, è riuscito a riprodurre la Sacra Sindone utilizzando strumenti e oggetti disponibili nel medioevo. Questo per rafforzare l'ipotesi che dice che la Sindone è un falso realizzata (come da datazione al carbonio) fra il 1260 e il 1390. Voi che ne pensate?


    #35743
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    vorrei vedere un chiaro e preciso dibattito, detta cosi per me non dimostra nulla
    se ne sono lette di tutti i colori..dopotutto c'e' di mezzo il potere religioso/scientifico e chissa' cosa..
    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.3117.5

    “Professore, in passato sono state dette molte cose su come si è potuta formare l’immagine sul lino, alcune delle quali molto strane, poi una delle ultime ipotesi parla di una forte radiazione elettromagnetica. Lei che cosa ne pensa? Come si è formata l’immagine?
    R: Nel 1° libro del 1995, registrato per i diritti d’autore sulle “Doppie immagini della Sacra
    Sindone” ho avanzato per primo l’ipotesi che l’immagine sindonica fosse stata creata dalla fuoriuscita dal corpo di una radiazione di tipo atomico, contenente anche raggi gamma, neutroni e protoni.
    Si parla di un immagine tridimensionale dell’immagine impressa. Di che cosa si tratta?
    R: Già dall’inizio ho scritto che l’immagine era tridimensionale come un’ologramma perché creata dai raggi infrarossi e dalle microonde, come avviene nelle fotografiche olografiche. I raggi gamma, i neutroni e i protoni avrebbero invece variato il tasso del 14C.”
    http://www.italoeuropeo.it/index.php?option=com_content&task=view&id=154&Itemid=9


    #35744

    Maouk
    Partecipante

    Da quello che ho letto nessuno prima di questo Garlaschelli aveva provato o era riuscito a riprodurla con strumenti e materiali dell'epoca quindi c'era comunque il dubbio che la datazione al carbonio fosse errata (o, per meglio dire, per alcuni poteva esistere questo dubbio). L'esperimento riuscito del chimico italiano mette un grosso punto di domanda, per come la vedo io, sulla data di creazione…


    #35745
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    io vedo solo che una volta si sente una conclusione e l'altra si sente il contrario
    l'immagine nella sindone risulta olografica?

    “Nella sindone vi è un ologramma
    Scritto da Nicolò Cinquemani
    La radiazione che partendo dal Corpo avrebbe formato l’immagine, varia il suo livello d’intensità in ragione inversa della radice quadrata della distanza dal telo. Essa è proporzionale alla densità del tessuto corporeo da cui proviene ed è sensibile al suo colore, infatti il sangue scuro, i capelli scuri la intensificano. Alcune di queste caratteristiche fanno pensare alla parte dello spettro elettromagnetico costituita dall’infrarosso e dalle microonde.”
    http://www.nicolocinquemani.it/index.php?option=com_content&task=view&id=127&Itemid=37

    questo effetto e' stato riprodotto?

    “L’emissione dei raggi laser infrarossi provenienti dalla superficie del Corpo di Gesù spiegherebbe l’immagine olografica tridimensionale presente nella Sindone.”

    “Queste prove confermano che l’altezza dell’Uomo della Sindone era molto vicina a 187cm, infatti se la statura fosse stata minore di questo valore, il telo non si sarebbe staccato dal dorso del piede sinistro (Foto 30) dopo la rotazione del Capo e sarebbe comparsa l’immagine radiata a clessidra del dorso del piede rimasto aderente al tessuto. Se la statura fosse stata maggiore di 187cm non vi sarebbe stata la macchia di sangue di 13mm dovuta al contatto del telo sul foro nel piede sinistro (Foto 29).”

    beh…per portarsi dietro la croce e dopo tutte le torture, doveva essere ben forte e robusto Gesu'..

    http://it.wikipedia.org/wiki/Metodo_del_carbonio-14
    Il caso mediaticamente più celebre di applicazione del metodo del 14C è stato la radiodatazione della Sindone di Torino eseguito in tre laboratori da un'equipe internazionale nel 1988.

    Il risultato dell'esame, secondo il quale la Sindone risale al periodo compreso tra il 1260 e il 1390, è ritenuto affidabile dalla comunità scientifica[senza fonte] ma è stato contestato da diversi studiosi della reliquia, i quali avanzano diverse teorie: la Sindone, diversamente dalla maggioranza dei reperti archeologici, è stata lungamente esposta all'aria, custodita in condizioni ambientali diverse e in larga parte ignote, manipolata, sporcata e persino danneggiata in un incendio, tutte circostanze che avrebbero introdotto delle contaminazioni non quantificabili. Lo stesso Libby, inventore del metodo, anni prima che l'esame venisse eseguito, aveva avanzato forti perplessità sul fatto che il suo metodo potesse essere applicato alla Sindone.

    Altri studiosi hanno poi avanzato ipotesi alternative per invalidare il risultato, tra le quali quella secondo cui il campione radiodatato sarebbe stato rammendato nel XVI secolo, e la “teoria della cospirazione” per la quale gli scienziati coinvolti nell'esame avrebbero sostituito i campioni.


    #35746

    CANERO
    Partecipante

    Secondo me la sacra sindone è la prova fisica della prima fotografia della storia, dove il soggetto che raffigura il telo è Leonardo da Vinci.

    http://www.youtube.com/watch?v=BdKMycZ99K4&feature=PlayList&p=469D922F7F16F780&index=0&playnext=1


    #35747

    BIO
    Partecipante

    …non ci scommeterei Canero che l'uomo rappresentato sia Leonardo Da Vinci, a prima occhiata confrontandola con alcuni autoritratti, i lineamenti non combaciano affatto anche se simili… 🙂

    http://www.altrainformazione.it/wp/wp-content/uploads/2009/07/image.png

    secondo me non si tratta di Da Vinci, ma potrei sbagliarmi; m'immagino già Leonardo che con accento siciliano esclama… http://www.youtube.com/watch?v=z3Mf9bB1Wjw


    #35748

    CANERO
    Partecipante

    [quote1254864591=BIO]
    …non ci scommeterei Canero che l'uomo rappresentato sia Leonardo Da Vinci, a prima occhiata confrontandola con alcuni autoritratti, i lineamenti non combaciano affatto anche se simili… 🙂

    http://www.altrainformazione.it/wp/wp-content/uploads/2009/07/image.png

    secondo me non si tratta di Da Vinci, ma potrei sbagliarmi; m'immagino già Leonardo che con accento siciliano esclama… http://www.youtube.com/watch?v=z3Mf9bB1Wjw
    [/quote1254864591]

    hahaha hahaha
    Grande apprezzo la citazione.

    Leonardo faceva parte del priorato di sion e credo che sapesse del santo graal e il mistero che su di esso si celava…è probabile che abbia voluto sperimentare questa tecnica, innovativa per quel periodo, per depistare le tracce facendo credere alla chiesa che era gesù…per quanto sia affasciannte resta cmq una teoria ovviamente.

    Una certa somiglianza e quasi dire poco…se calcoli che sull'immagine della sindone il volto e quasi frontale, mentre nell'autoritratto è di lato, bhè ruotando l'autoritratto mi sembra molto simile…poi bisogna calcolare l'età.


Stai vedendo 7 articoli - dal 1 a 7 (di 7 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.