riscaldamento globale

Home Forum L’AGORÀ riscaldamento globale

Questo argomento contiene 65 risposte, ha 21 partecipanti, ed è stato aggiornato da  ezechiele 10 anni fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 66 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #113127

    ezechiele
    Partecipante

    vi posto questa riflessione basata su informazioni ufficiali

    Secondo recenti ricerche sostenute dalla Monash University (Australia), e riportate dal professor Nigel Tapper in una recente conferenza tenutasipresso Villa Spinola, il riscaldamento globale è una conseguenza dell'attività umana, in particolare quella delle aree urbanizzate Australiane e Sudafricane, dell'area Mediterranea e di quella meridionale degli Stati Uniti. L'attuale tendenza porterà nel prossimo secolo ad un aumento della temperatura da 1 a 6 gradi, a seconda delle nostre future emissioni.
    Nel 2007, per la prima volta nella storia dell'umanità, la popolazione mondiale che risiede in aree urbane ha superato il 50%, e l'urbanizzazione conseguente amplifica ulteriormente gli effetti del riscaldamento del clima, in particolare i picchi minimi e massimi di riscaldamento e l'influenza sulle risorse idriche. La crescita delle temperature, giàfortemente incisiva su tuttigli habitat terrestri, avrà un effetto sempre piùpreoccupante sulla salute della popolazione, come detto sempre più urbanizzata e, come noto, sempre più anziana. Basti pensare alle 35000 morti associabili all'ondata di calore che ebbe luogo in Europa nel 2003… Alla luce di tutto questo l'Australia, attraverso gli organi di ricerca competenti (quali, appunto, la Monash University), sta facendo partire programmi che prevedono comportamenti virtuosi che mitighino questi effetti, quali l'inserimento di aree verdi all'interno di zone urbanizzate, la comprensione di aree acquatiche nella progettazione urbanistica, la raccolta delle acque piovane ed il filtraggio e riciclo delle acque reflue. Queste ultime in particolare costituiscono una risorsa inestimabile: a tutt'oggi non vengono trattate, pur costituendo i due terzi delle acque dolci disponibili sulla terra. Dopo quanto detto, non rimane che una domanda da farsi: noi cosa stiamo facendo per porre rimedio a questa situazione?

    fonte
    http://www.artefiori.it/Magazine/leggi.asp?ID=811


    #113128

    Carlez
    Bloccato

    tutte falsità, non è colpa dell'uomo il riscaldamento globale e se csi fosse allora dovrebbe esserlo anche per tui i pianeti dei sistemi solari , perchè TUTTI hanno da quando lo è la terra un surriscaldamento di tutti i pianeti quindi io sto con alcuni scienziati e astronomi che non imputano al uomo la colpa del sur.globale ma un qulcosa che sta accadendo nella galassia!! con questo non sto dicendo che dobbiamo andare avanti cosi ma sto sl dicendo che l'uomo non c'entra niente!!!


    #113129

    ezechiele
    Partecipante

    beh se fra eree urbanizzate e non ci sono differenze nell'ordine di qualche grado qualcosa vorra ben dire….

    … se quando uno ha l'influenza evita di stare nella corrente coi capelli bagnati si scampa la polmonite…


    #113130
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Eze, penso che il cambiamento climatico davvero succede al livello galattico, però quello che fa l'uomo è orribile….è un bene che questo
    espediente serva a risvegliare le coscienze…

    noi dobbiamo ritornare ad amare la nostra Madre, le dobbiamo essere grati….non abbiamo altro che la nostra Gaia….


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #113131
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    anche le informazioni che leggi qua
    http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_08.htm

    sono da fonti nasa (almeno 100 riferimenti) o russe e ufficiali, solo che fa comodo il riscaldamento globale della Terra causato solo dall'uomo, credo soprattutto per spingere alla costruzione di centrali nucleari come fonte alternativa principale

    ———–
    RIFERIMENTI:

    1. Aspden, Harold. Energy Science Tutorial Note 10: Tifft’s Discovery. (1997) URL: http://www.energyscience.co.uk/tu/tu10.htm

    2. Aspden, H. & Eagles, D.M. Aether Theory and the Fine-Structure Constant. (1972) Physics Letters, 41A, 423-424. URL: http://www.energyscience.co.uk/tu/tu10.htm

    3. Bara, Michael & Hoagland, Richard. Global Warming on Mars? The Hyperdimensional Connection. (2001) URL: http://www.enterprisemission.com/warming.htm

    4. Blake, J.R. The Van-Allen radiation belts – two newly observed populations. (1994) Absr. Spring Meet., Baltimore, MD, May 23-28. EOS, 1994, vol. 75 no. 16.

    5. Boston University / American Geophysical Union. Lunar sodium tail discovered. (1999) URL: http://www.astronomynow.com/breaking/9906/15moontail/

    6. Braden, Gregg. Awakening to Zero Point: The Collective Initiation. (1997) Radio Bookstore Press, Bellevue, WA. ISBN: 1-889071-09-9. URL: http://www.greggbraden.com

    7. Britt, R.R. Mars Ski Report: Snow is Hard, Dense and Disappearing. (2001) URL: http://www.space.com/scienceastronomy/solarsystem/mars_snow_011206-1.html

    8. Britt, R.R. Venus: No Lightning, But a Strange Green Glow. (2001) URL: http://www.space.com/scienceastronomy/solarsystem/venus_lights_01022.html

    9. Chang, Kenneth. (Anomalous brightness increases of Venus) (2001) New York Times, Jan. 28, 2001. URL: http://www.rense.com/general7/mysterious.htm

    10. CNN. (Tornado activity after April 10, 2001 solar activity) (2001) URL: http://www.cnn.com/2001/WEATHER/04/12/stormdamage.ap/index.html

    11. CNN. (Brightness increase of Io) (2001) URL: http://www.cnn.com/2001/TECH/space/02/07/io.eclipse/index.html

    12. CNN. (Brightness increase of Jupiter) (2001) URL: http://www.cnn.com/2000/TECH/space/12/15/hubble.pic/index.html

    13. CNN. (Earthquake of El Salvador, Jan. 2001) (2001) URL: http://www.cnn.com/2001/WORLD/americas/02/13/salvador.quake/index.html

    14. CNN. (Earthquake of Gujarat, India, Jan. 2001) (2001) URL: http://www.cnn.com/2001/WORLD/asiapcf/south/01/29/india.quake.03/index.html


    15. Dmitriev, Aleskey. Planetophysical State of the Earth and Life. (1997) URL: http://www.tmgnow.com/repository/global/planetophysical.html

    16. European Southern Observatory. Astron. Astrophys. 317, 193-202 (1997) URL: http://194.190.131.172/~izmod/Papers/ILM97/sc1.htm

    17. Hutton, William. Coming Earth Changes: The Evidence. (1998)

    18. Leifert, Harvey. Investigating the Moon’s atmosphere. (1998) URL: http://www.agu.org/sci_soc/prrl/prrl9826.html

    19. American Geophysical Union News, Release No. 98-26. (1998) URL: http://www.agu.org/sci_soc/prrl/prrl9826.html {sodium and potassium added to list in 1988}

    20. Lockwood, Mike. (230% increase in solar magnetic field since 1901) (1998) URL: http://ascension2000.com/solarmag.html

    21. Madey, T.E. T.E. Madey’s Research and Co-Workers. URL: http://www.physics.rutgers.edu/lsm/pages/madey_group.html {solar wind on lunar atm}

    22. Mandeville, Michael. (Earthquake and Volcanism Increases) http://www.michaelmandeville.com

    23. Mewaldt, R.A. Re-Accelerated Solar Wind – An Additional Source of Anomalous Cosmic Rays? (1999) Caltech, Pasadena, CA, 91125, USA. URL: http://www.icrc1999.utah.edu/~icrc1999/root/vol7/s4_3_07.pdf

    24. NASA. (Solar activity min-max image comparison) (2000) URL: http://science.nasa.gov/headlines/y2000/ast22dec_1.htm

    25. NASA. (May 10-13 2000 Solar Wind shutdown, 500-600% increase in Earth magnetic field) (2000) URL: http://science.nasa.gov/newhome/headlines/ast13dec99_1.htm

    26. NASA. (July 14, 2000 CME, 200% faster traveling speed, satellite damage) (2000) URL: http://science.nasa.gov/headlines/y2000/ast22dec_1.htm; http://science.nasa.gov/headlines/y2000/ast14jul_2m.htm

    27. NASA. (Nov. 8, 2000 solar radiation storm, double traveling speed, 100,000 times increase in proton flux around Earth) (2000) URL: http://science.nasa.gov/headlines/y2000/ast22nov_1.htm

    28. NASA. (Properties of CMEs, up to 10bn tons electrified gas) (2000) URL: http://science.nasa.gov/headlines/y2000/ast13sep_1.htm

    29. Odenwald, Sten. Archive of Astronomy Questions and Answers: Does the Moon have an atmopshere? URL: http://itss.raytheon.com/cafe/quadir/q652.html {Flynn Medillo 1933}

    30. Pasichnyk, Richard. (Redshift anomalies) URL: http://www.livingcosmos.com/quasar.htm

    31. Pasichnyk, Richard. The Vital Vastness – Volume Two: The Living Cosmos. (2002) Writer’s Showcase / Iuniverse, Inc. ISBN: 0-595-21086-4; URL: http://www.livingcosmos.com

    32. Ray, C. Claiborne. Science Q&A: Lunar Atmosphere. URL: http://www.think-aboutit.com/Moon/science_q__a_lunar_atmosphere.htm

    33. Rutgers University. Lunar Atmosphere Reproduced in a Lab. (1999) Artemis Society International. URL: http://www.asi.org/adb/06/09/04/1999/08/news-19990814.html {Yakshinskiy and Madey}

    34. Seybold, Calina C. Characteristics of the Lunar Environment. (1995) URL: http://www.tsgc.utexas.edu/tadp/1995/spects/environment.html {lunar 210 ft cube}

    35. Shemansky, D.E. Vitae. University of Southern California. URL: http://ae-www.usc.edu/bio/dons/ds_biosk.html

    36. Smelyakov, Sergey and Karpenko, Yuri. (1999) The Auric Time Scale and the Mayan Calendar: Demography, Seismicity and History of Great Revelations in the light of the Solar-Planetary Synchronism. ISBN: 966-7309-53-3; URL: http://www.timeofglobalshift.com/Science/Ulti_Secr.html

    37. Talbot, J. Plasma Laser Stars 1976-1977 Papers. URL: http://home.achilles.net/~jtalbot/V1976b/index.html {Fig 8.5}

    38. Talbot, J. Quasar Clusters – No Quasar Lensing! URL: http://home.achilles.net/~jtalbot/references/lenses.html {Fig 8.6}

    39. Wilcock, David. Convergence III. (2001) URL: http://ascension2000.com/ConvergenceIII

    40. Wilcock, David. The Ultimate Secret of the Mayan Calendar. (2002) Time of Global Shift National Seminar Tour. URL: http://www.timeofglobalshift.com/Science/Ulti_Secr.html

    41. Withbroe, George. (Solar Changes) (2000) NASA. URL: http://science.nasa.gov/headlines/y2000/ast22dec_1.htm

    42. Zank, Gary P. Could the Heliosphere Collapse? (1999) Bartol Institute, University of Delaware. URL: http://www.npaci.edu/successes/1999_helio.html

    43. (April 2001 Mega-Flare) URL: http://www.maj.com/sun/noaa.html; http://news.bbc.co.uk/hi/english/sci/tech/newsid_1249000/1249403.stm

    44. Time of Global Shift National Seminar Tour. URL: http://www.timeofglobalshift.com

    45. Heilprin, John. White House Warns on Climate Change. (2002) The Washington Post, June 4, 2002. URL: http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/articles/A58119-2002Jun4.html

    46. Drudge, Matt. Bush Admin U-Turn on Global Warming. (2002) [Note: This link is transient and may only exist a short time on the website.] URL: http://www.drudgereport.com/flash91.htm

    47. Bara, Mike and Hoagland, Richard. Enterprise Mission Statement on the Coming of Sitchin’s “Nibiru” in Spring, 2003. (2002) URL: http://www.enterprisemission.com/zeta.htm

    —————

    https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.300

    http://meteolive.leonardo.it/meteo-notizia.php?id=20042
    Il Sistema Solare si sta SCALDANDO!

    In particolare ricercatori dell'Earth Institute della Columbia University americana, analizzando i dati raccolti da 6 diversi esperimenti con satelliti di NASA, NOAA ed ESA, hanno recentemente
    evidenziato un aumento dell'ordine di circa 0,05 per cento per decennio, a partire dal 1978, della TSI, sigla che corrisponde alla Total Solar Irradiance, ovvero l'energia elettromagnetica che la Terra riceve dal Sole su tutte le lunghezze d'onda. Ma partiamo da Marte, il Pianeta Rosso, relativamente vicino alla nostra Terra.

    Uno studio condotto sulle calotte di ghiaccio di Marte pare indicare che il pianeta rosso è attualmente coinvolto in un fenomeno di
    riscaldamento su vasta scala. Se il riscaldamento sta verificandosi sia su Marte che sulla Terra, allora forse esiste un fenomeno di più ampia portata che sta avendo luogo nel Sistema Solare e che sta causando il cambiamento climatico a livello globale dei due pianeti.

    Ma il riscaldamento interplanetario non si ferma ai pianeti interni del Sistema Solare ma si spingono ben oltre sino a raggiungere i Pianeti Giganti e i loro satelliti naturali! …
    ——

    Inoltre recentemente hanno anche confermato che

    https://www.altrogiornale.org/news.php?item.3591.10

    MILANO – Il vento solare ha perso potenza ed ha raggiunto il livello più basso degli ultimi cinquant’anni. Il flusso di particelle cariche che arriva dall’astro esercita una pressione viaggiando nello spazio e «questa è calata del 20 per cento dalla metà degli anni Novanta: mai nell’ultimo mezzo secolo, periodo nel quale è stata misurata con regolarità, si era registrato un livello così debole», commenta Dave McComas del Southwest Research Institute di San Antonio (Texas).
    ..
    Che cosa significhino questi dati è arduo da dire – commenta Arik Poster della Nasa – ma conseguenze ci saranno certamente». Il vento solare infatti alimenta quella bolla chiamata eliosfera (che è il territorio dentro il quale il Sole fa sentire il suo effetto) nella quale è immerso il sistema solare ed i cui confini si cercano di misurare con le sonde Voyager della Nasa uscite dal perimetro planetario. Naturalmente ci sono anche effetti sull’ambiente intorno alla Terra e questo è il compito che ora hanno i satelliti per definire, appunto, le conseguenze, nel bene o nel male.
    ..

    ———–
    Questo fa parte della trasformazione di cui avvisano testi antichi di varie culture

    ———–
    Scienziati russi dalla siberia ci hanno avvisato da 10 anni che

    https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.300

    Le correnti alterazioni PianetoFisiche della Terra, stanno divenendo irreversibili. Esistono forti evidenze per cui queste trasformazioni vengano causate da materiale altamente carico e da una non uniformità energetica nello spazio interstellare anisotropico
    penetrata nell'area interplanetaria del nostro Sistema Solare.
    Questa “donazione” di energia sta producendo processi ibridi e stati energetici eccitati in tutti i pianeti, come nel Sole. Gli effetti qua sulla Terra si trovano nell'accelerazione dello spostamento dei poli magnetici, nella distribuzione di ozono verticale e orizzontale e nell'aumento di frequenza e magnitudine degli eventi climatici catastrofici.
    Esiste un'alta probabilità che ci stiamo muovendo in un rapido periodo di instabilità nelle temperature simile a quello avvenuto 10.000 anni fa. La risposta adattativa della biosfera e dell'umanità a queste nuove condizioni, può portare ad una revisione globale della gamma delle specie e della vita sulla Terra. Solo tramite una profonda comprensione dei cambiamenti fondamentali che stanno avvenendo nell'ambiente naturale attorno a noi, i politici e i cittadini, saranno capaci di ottenere l'equilibrio con il rinnovato flusso degli stati e dei processi PianetoFisici

    Fonte originale: http://www.tmgnow.com/repository/global/planetophysical.html

    ———–
    noi cosa stiamo facendo? vedrai che dovremo adeguarci al carro che tira 😉


    #113132

    ezechiele
    Partecipante

    BOH,

    nella conferenza che ho ascoltato l'altro ieri dicevano “solo” che il modo di costruire le città mopderne potrebbe prevedere inserimento di acqua e verde per mitigare l'effetto cemento, rendere la terra piu traspirante e utilizzare tecnologie già note per il recupero e il filtraggio delle acque…..

    il mio e' un discorso molto piu terra terra….


    #113133
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    certo eze, volevo solo insistere sul fatto che non ci devono prendere ,a mio parere ma diverrà rapidamente un parere comune, per i fondelli parlando di causa solo umana..la questione è più grande e ancora più importante, o cambiamo stile di vita nel rispetto nostro e del pianeta e cambiamo stile di vita nel rispetto nostro e del pianeta, non ci sono scuse o altre scelte.


    #113134

    ezechiele
    Partecipante

    ufff…

    quanto hai ragione richard.

    questa settimana sono stato piuttosto impegnato… soprattutto in campo sindacale (faccio attività sindacale VOLONTARIA e GRATUITA per i miei colleghi – e per me – nel tempo libero) ….. ma la cosa e' da piangere……

    a nessuno passa per l'anticamera del cervello che il sistema cosi non vada bene…..

    associazione di categoria, associazione di strada, associazione degli imprenditori…. circoscrizione, comune, … e' impressionante come la gente “faccia finta di nulla” ….. le persone son o ancora troppo concentrate sul proprio orticello, la paura di perdere qualche privilegio e' forte… e ognuno e' convinto di avere qualcosa da perdere…. e nulla da guadagnare…..

    ufffffffff

    HHHHHHHHHHHHHHHHH

    scusate lo sbotto


    #113135

    Carlez
    Bloccato

    io rimango del parere che poca gente non riuscirà mai a cambiare qualcosa,mentre sento tutti dire dobiamo unirci per cambiare questo mondo! daccordo ma noi non riusciremo mai e poi mai ad unirci tutti per cambiare qualcosa ammeno che ci sia qualcosa o qualcuno( fratelli spazio) che ci dicano fatelo e avrete la felicità e tornerete a vivere come esisteva prima sulla terra ma abbiamo bisogno di esterni perchè sennò sono slo PAROLE PAROLE PAROLE…


    #113136

    ben.b
    Partecipante

    No , decisamente .
    Il riscaldamento globale è in tutto il sistema solare non solo sulla terra.
    E' dovuto alla cintura fotonica , una zona di spazio con maggiore energia di fondo che si irradia da Alcyone .
    Il sistema solare gira attorno Alcyone in circa 25.000 anni e due volte durante questo ciclo incontra questa zona di spazio.
    L'entrata in questa zona è avvenuta un pò prima dell'anno 2000, e ci rimarremo per altri 2000 anni almeno.
    Grazie Ben Boux.


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 66 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.