Rivoluzione=Rivelazione

Home Forum PIANETA TERRA Rivoluzione=Rivelazione

Questo argomento contiene 18 risposte, ha 6 partecipanti, ed è stato aggiornato da Siberian Khatru Siberian Khatru 5 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 9 articoli - dal 11 a 19 (di 19 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #95736

    Erre Esse
    Partecipante

    [quote1365943117=Tru]
    quindi per esempio il sesso deve essere solo riproduzione
    [/quote1365943117]

    Mah, non sono per nulla d'accordo.


    #95737
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Secondo me il piacere sessuale è quel tranello che ci voleva per riprodursi…perchè pensateci, se non era così piacevole chi si preoccupava per la salvezza della nostra specie?


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #95738

    meskalito
    Partecipante

    infatti solo gli animali lo fanno solo perchè hanno l'istinto a farlo ( ma anche loro hanno la loro goduria)
    noi possiamo scegliere! solo per uno sfogo O per sentire “l'unione” !?!?!


    #95739
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1365944060=meskalito]
    infatti solo gli animali lo fanno solo perchè hanno l'istinto a farlo ( ma anche loro hanno la loro goduria)
    noi possiamo scegliere! solo per uno sfogo O per sentire “l'unione” !?!?!
    [/quote1365944060]
    L'uomo pensa troppo… 😀


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #95740
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    D- Che cosa si intende per “vita eterna” ? R- La vita nella sua unità è una crescita continua, sia nel regno materiale, astrale o spirituale. 900-387

    Il corpo è fatto del fisico, del mentale, dello spirituale. tutti questi hanno la loro legge che opera una con l’altra e il tutto è l’uomo fisico; però non trattate le condizioni fisiche interamente attraverso le leggi spirituali o mentali aspettandovi che rispondano come uno. E nemmeno trattate le condizioni spirituali o mentali come materiali; perché la Mente è il costruttore e attraverso l’applicazione mentale delle leggi che riguardano il fisico, il mentale e lo spirituale si diventa tutt’Uno con il tutto. 4580-1

    http://www.edgarcayce.it/


    #95741

    meskalito
    Partecipante

    imho ho voglia minimo di essere organico :hehe: poi sarà quel che sarà


    #95742

    Anonimo

    [quote1365943751=farfalla5]
    Secondo me il piacere sessuale è quel tranello che ci voleva per riprodursi…perchè pensateci, se non era così piacevole chi si preoccupava per la salvezza della nostra specie?
    [/quote1365943751]
    [color=#0077ff]Non di rado, e involontariamente, ci (ri)troviamo in contraddizione con noi stessi perché dimentichiamo di far parte nello stesso istante di quattro insiemi, “piani” o livelli di esistenza; è facile fare valutazioni errate quando si osserva una determinata questione da un unico punto di vista..

    Ma, nel messaggio degli extraterrestri all'umanità, leggo:[/color]

    L'uomo

    In ogni situazione bisogna sempre e prima di tutto considerare le cose in rapporto a quattro piani:

    * In rapporto all'infinito;
    * in rapporto agli Elohim, nostri padri e nostri creatori;
    * poi in rapporto alla società umana;
    * ed infine in rapporto all'individuo.

    Il piano più importante è quello in rapporto all'infinito. È in rapporto a questo piano che bisogna giudicare tutte le cose, ma con una costante: l'amore. È necessario dunque tener conto degli altri ai quali bisogna dare dell'amore, poiché bisogna vivere in armonia con l'infinito e dunque con gli altri che sono anch'essi una parte dell'infinito.

    Poi bisogna tenere conto dei consigli dati dagli Elohim, nostri creatori, e fare in modo che la società umana ascolti i suggerimenti di coloro che l'hanno generata.

    Poi bisogna tenere conto della società, che ha permesso, che permette e che permetterà agli uomini di sbocciare sul cammino della verità. Bisogna tenerne conto ma non seguirla; al contrario bisogna aiutarla ad uscire dal suo stato primitivo rimettendone permanentemente in questione tutte le sue abitudini e le sue tradizioni, anche se delle leggi le sostengono, leggi che cercano solo di chiudere le menti sotto il giogo dell'oscurantismo.

    Infine bisogna tenere conto dello sboccio dell'individuo senza il quale la mente non arriva ad utilizzare tutto il suo potenziale, senza il quale non è possibile mettersi in armonia con l'infinito e diventare un uomo nuovo. (…)

    [color=#0077ff]Più avanti, leggo:[/color]

    Tutti coloro che cercano di addormentare i corpi sono anche degli addormentatori di menti.

    I nostri creatori ci hanno donato dei sensi perché ce ne servissimo. Il naso serve per odorare, gli occhi per vedere, le orecchie per sentire, le bocca per gustare e le dita per toccare. Bisogna sviluppare i propri sensi al fine di meglio godere di tutto ciò che ci circonda e che i nostri creatori hanno messo là perché noi ne godessimo.

    Un essere sensuale ha molte più possibilità di essere in armonia con l'infinito perché lo percepisce senza aver bisogno di meditare o di riflettere. La meditazione e la riflessione permetteranno a questo essere di comprendere meglio questa armonia e di farla irradiare attorno a sé insegnandola.

    Essere sensuale significa lasciare che l'ambiente dove ci si trova ci dia del piacere. (…)

    Ciascuno dei nostri organi è stato creato dai nostri padri, gli Elohim, affinché noi ce ne servissimo senza avere la minima vergogna, ma essendo felici di far funzionare ciò che è stato fatto per funzionare. E se il fatto di fare funzionare uno di questi organi porta del piacere, è perché i nostri creatori hanno voluto che noi provassimo del piacere nel servircene.

    Ogni uomo è un giardino che non deve rimanere incolto. Una vita senza piacere è un giardino incolto. Il piacere è il concime che fa aprire la mente. L'ascesi è inutile a meno che non si tratti di una prova passeggera destinata ad esercitare la propria mente a dominare il proprio corpo. Ma una volta che si sia riusciti nella prova che ci si era fissati, e che deve essere sempre limitata nel tempo, bisogna godere nuovamente dei piaceri della vita. L'ascesi può essere accettata come una messa in maggese di quel giardino che è l'uomo, cioè un arresto momentaneo della ricerca del piacere che permette in seguito di apprezzarlo meglio. (…)

    [color=#0077ff]Poi:[/color]

    Un individuo deve cercare di sbocciare secondo le proprie aspirazioni ed i propri gusti senza preoccuparsi di ciò che ne pensano gli altri, nella misura in cui non venga fatto del male a nessuno. (…)

    Fare un bambino è qualcosa di troppo importante perché ciò sia dovuto solo al caso.

    Fai un figlio solo quando tu stesso sarai sbocciato, affinché l'essere che concepirai sia il frutto dell'unione di due esseri risvegliati. (…)

    Il piacere e la procreazione sono due cose distinte che non bisogna confondere. Il primo serve all'individuo, il secondo alla specie.

    Soltanto quando un essere è sbocciato può creare un essere sbocciato. (…) L'arte è una delle cose che meglio permettono di mettersi in armonia con l'infinito. Considera ogni cosa naturale come un'arte ed ogni arte come una cosa naturale. (…)

    Tutto ciò che si rivolge ai sensi è artistico. (…) Tutta l'arte si serve dell'armonia, permettendo quindi a coloro che l'apprezzano di lasciarsi invadere da qualcosa di armonioso, che mette dunque nella condizione di porsi in armonia con l'infinito. (…)

    [color=#0077ff]Quindi, si parla di sessualità:[/color]

    L'armonia deve evidentemente esistere prima spiritualmente, vale a dire che le menti, e quindi i corpi nel loro modo di avvicinarsi e di considerarsi, si devono sentire attirate l'una dall'altra. Ma un amore spirituale è sempre sublimato da un amore fisico realizzato. Amare è donare senza aspettarsi nulla in cambio. Se ami qualcuno devi donarti interamente a lui se lo desidera. (…) Se l'essere che ami è felice con qualcun altro, gioisci della sua felicità.

    Riconoscerai l'essere che ti ama dal fatto che non si opporrà a che tu sia felice con qualcun altro. Devi amare, da parte tua, l'essere che ti ama fino a questo punto e donargli a tua volta della felicità. Questa è la via dell'amore universale. (…)

    Rallegrati della felicità degli altri affinché loro si rallegrino della tua. (…) [color=#0077ff]Tratto da[/color] [link=https://www.google.it/search?q=messaggio+degli+extraterrestri+rael]messaggio degli extraterrestri rael[/link]

    [color=#0077ff]Più chiaro, logico e semplice di così?[/color] 🙂


    #95743

    meskalito
    Partecipante

    manca solo “devi dare i soldi a” :hehe:


    #95744

    Anonimo

    [quote1365965466=meskalito]
    manca solo “devi dare i soldi a” :hehe:
    [/quote1365965466]
    Mischiare sacro e profano?
    Non sia mai! :hehe: Però,:
    «Non metterai la museruola al bue che trebbia». :hehe: (Deuteronomio 25) Dunque,: «Forse Dio si dà pensiero dei buoi? Oppure lo dice proprio per noi?» :hehe: Saulo di Tarso, discepolo (?) del signore.. :hehe:


Stai vedendo 9 articoli - dal 11 a 19 (di 19 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.