SALVATORE BRIZZI: SULLA SITUAZIONE PLANETARIA

Home Forum PIANETA TERRA SALVATORE BRIZZI: SULLA SITUAZIONE PLANETARIA

Questo argomento contiene 84 risposte, ha 24 partecipanti, ed è stato aggiornato da  windrunner 9 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 85 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #75840

    windrunner
    Partecipante

    Brizzi è davvero una persona degna di nota e secondo me questo articolo si commenta da sè… ciao ciao 🙂

    Ciao a tutti,

    in questi mesi si sta parlando tanto di flessione delle borse e ripresa delle borse, poi di nuovo flessione, poi di nuovo ripresa… depressione/euforia depressione/euforia… e così via.

    Come io dico da circa due anni alle mie conferenze, non solo l'economia italiana, ma il sistema consumistico per come è concepito oggi sta per crollare definitivamente.

    La mia previsione non deriva dalle stime degli economisti (sebbene alcuni di loro già da anni siano d'accordo con questa ipotesi) né dalle visioni di qualche profeta, bensì da precise conoscenze esoteriche, le quali prevedono che l'umanità debba evolvere seguendo cicli di morte e rinascita: morendo a ciò che ormai è vecchio e inadatto, e rinascendo al nuovo.

    Il fatto che a ogni nuovo accenno di crollo qualcuno riesca a tamponare la falla immettendo nuova liquidità sui mercati, non deve trarci in inganno circa il futuro di questo sistema economico. È come praticare trasfusioni di sangue a un moribondo senza prima aver fermato le sue emorragie. Inoltre questa famosa “liquidità” che viene erogata dallo Stato per salvare in extremis banche e compagnie di assicurazione, non è una concetto astratto: sono semplicemente i soldi dei cittadini. Anche un eventuale fondo comune europeo creato per questo scopo, sarebbe sempre denaro nostro. I nostri soldi sono prima serviti a mantenere e far prosperare questi istituti… e ora anche a tamponare le loro falle.

    Nell'ambiente dell'esoterismo si sa da sempre che questo sistema di concepire il guadagno, il lavoro, il risparmio… ha le ore contante, e vi posso assicurare che ciò che vivremo nei prossimi mesi è un bene, non un male.

    I miei consigli – che poi non sono miei, ma di chi ne capisce più di me – al fine di non essere presi totalmente alla sprovvista sono:

    –tenere una buona quantità di contanti in casa;
    –spostare il conto presso una o più piccole realtà bancarie territoriali (casse rurali, banche di credito cooperativo, o banche etiche) e allontanarsi dai grandi istituti – Unicredito Intesa Capitalia SanPaolo – perché saranno i primi a cadere; probabilmente saranno seguiti a ruota dagli altri, ma almeno si avrà un margine di tempo maggiore per prendere delle decisioni;
    –investire in oro (gioielli) e in terreni, perché sono valori tangibili, mentre la cifra del vostro conto scritta sul computer di una banca è solo un numero virtuale che può scomparire da un giorno all'altro (tenete conto di questo fatto);
    –NON CONTRAETE MUTUI, e se proprio dovete farlo… solo a tasso fisso. Anche se i mass media non hanno mai messo troppo l’accento sulla gravità della questione, il problema dei mutui esiste già da un paio d’anni. Troppi mutui concessi anche al 100% stanno strangolando le banche, mentre i tassi dei mutui sempre in rialzo stanno strangolando i cittadini.

    Da un punto di vista più esoterico – e quindi anche più REALE – la soluzione risiede invece nell'abbandonare ogni attaccamento al denaro, alla posizione sociale e agli oggetti che possediamo in questo momento, il che non significa vivere da poveracci, ma solo SMETTERE DI ESSERE ATTACCATI, cioè considerare tutto, anche la vita, come un PRESTITO che a un certo punto dovremo restituire, e non come una proprietà personale. La casa non è nostra solo perché l’abbiamo pagata… non c’è nulla di NOSTRO su questo pianeta, tutto ci viene dato in prestito dall’Esistenza, e se noi ci attacchiamo a ciò che ci viene prestato, l’Esistenza ce lo toglie proprio per favorire la nostra liberazione. Passando a questo nuovo modo di vedere la realtà veniamo proiettati in un differente stato di coscienza, il quale fa sì che avremo sempre ciò che ci serve (né di più, né di meno) nel momento in cui ci serve. Provare per credere. Se usciamo dal gioco della paura e dell’attaccamento diventiamo LIBERI, e resteremo liberi qualunque cosa succederà all’economia nei prossimi anni. Dobbiamo essere contenti, non impauriti, per questa crisi, perché finalmente è finita l’epoca della schiavitù al denaro.

    ——————————————————

    Un'altra previsione che io già da anni cerco di divulgare, riguarda gli studi di molti scienziati (inascoltati, alla pari degli economisti più lungimiranti) sul cambiamento del clima terrestre: a causa del riscaldamento globale aumenteranno di numero e d’intensità gli uragani, e inoltre essi interesseranno sempre di più anche l'Europa (oltre che l'America, come è stato fino ad oggi).

    In realtà sta già succedendo, ma i media minimizzano come sempre (stesso comportamento che hanno adottato fino a ieri riguardo il vacillare della borsa). Dovete essere voi a svegliarvi e osservare ciò che accade, perché il tg delle 20:00 vi parla del disastro solo quando il disastro è già accaduto.

    Inoltre l'alterazione progressiva della “corrente del Golfo” – la quale si indebolisce a causa del riscaldamento globale e dello scioglimento dei ghiacci – causerà un intenso raffreddamento di tutta l'Europa con il rischio di glaciazioni. Ciò non accadrà fra qualche millennio, ma NEI PROSSIMI ANNI, perché il ritmo dello scioglimento si sta incrementando in maniera esponenziale, al di là di tutte le previsioni.

    Indipendentemente da ciò che dicono i climatologi, anche questo è stato previsto nell'ambiente dell'esoterismo, dove si sa bene che il riscaldamento globale è dovuto a un processo ciclico terrestre e non alle emissioni umane. Nei prossimi anni la Terra andrà incontro a cambiamenti radicali su tutta la sua superficie… anche se noi abbiamo cominciato a fare la raccolta differenziata !!

    ——————————————————

    Lo scopo di questa mail non è certo di creare panico – non è nel mio stile – ma solo rendervi partecipi di una “realtà di cambiamento radicale” che ci riguarderà nei prossimi mesi e nei prossimi anni, e che invece i media tentano di sminuire. Basti dire che gli “esperti” dicono ancora che non c’è reale pericolo di fallimento per le banche italiane e che i conti correnti dei cittadini sono comunque al sicuro perché esiste una legge che li protegge. È evidente che non hanno la minima idea dell’entità del cambiamento che sta per arrivare!

    A mio parere più si conosce, più si è preparati.

    Ma dopo un periodo di difficoltà, ci sarà l'inizio di un nuovo modo di pensare e di vivere. Solo una crisi economica, climatica e sociale dalle conseguenze ingestibili, potrà gettare le basi per ridisegnare e riorganizzare completamente ripartendo da zero il nostro sistema di vita. Abbiate fede, la fase di transizione non durerà a lungo. Si tratta di resistere, di trovare il proprio centro e abbandonare ogni attaccamento a ciò che è materiale.

    Quando cominceranno ad accadere queste cose, alzatevi e levate il capo, perché la vostra liberazione è vicina” (Lc 21, 28).

    Salvatore Brizzi – Torino, 19-09-2008
    http://www.antipodiedizioni.com


    #75842

    ezechiele
    Partecipante

    umpfh!……

    a parte brizzi che e' un grande…… mi hai messo un dubbio wind!


    #75843

    windrunner
    Partecipante

    [quote1223978082=ezechiele]
    umpfh!……

    a parte brizzi che e' un grande…… mi hai messo un dubbio wind!

    [/quote1223978082]

    Mi fai morire eze !!!!!!!!!!!!!!! :fri:

    Dai spara… ma non credo saprò risponderti !!!!! :hehe:


    #75844
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    [quote1223978435=windrunner2012]
    Ma dopo un periodo di difficoltà, ci sarà l'inizio di un nuovo modo di pensare e di vivere. Solo una crisi economica, climatica e sociale dalle conseguenze ingestibili, potrà gettare le basi per ridisegnare e riorganizzare completamente ripartendo da zero il nostro sistema di vita. Abbiate fede, la fase di transizione non durerà a lungo. Si tratta di resistere, di trovare il proprio centro e abbandonare ogni attaccamento a ciò che è materiale.

    Quando cominceranno ad accadere queste cose, alzatevi e levate il capo, perché la vostra liberazione è vicina” (Lc 21, 28).

    Salvatore Brizzi – Torino, 19-09-2008
    http://www.antipodiedizioni.com

    [/quote1223978435]

    Proprio di questo parlavo questa mattina con mia moglie, Le ho detto, inoltre: tanto per chi non ha niente come noi, il danno non sussiste… così come non lo sarebbe per i poveri, le persone del terzo mondo etc etc. Ma questo mio pensiero, non so quanto sia giusto.


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #75841
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    Io non so cosa augurarmi, perchè, come in qualche modo diceva Marx (non Groucho 🙂 e non sono un marxista) la maniera che in genere si ha per superare queste crisi è la guerra…


    #75845

    windrunner
    Partecipante

    [quote1223978621=pasgal]

    Proprio di questo parlavo questa mattina con mia moglie, Le ho detto, inoltre: tanto per chi non ha niente come noi, il danno non sussiste… così come non lo sarebbe per i poveri, le persone del terzo mondo etc etc. Ma questo mio pensiero, non so quanto sia giusto.

    [/quote1223978621]

    In che senso pasgal non sai quanto sia giusto?

    Qualcuno di nostra conoscenza disse: “Gli ultimi saranno i primi” ed anche se questa frase può essere “applicata” in varie circostanze credo che in qui sia più che appropriata…

    In realtà credo che non è tanto il fatto di non avere nulla (e mi ci metto in prima linea 😉 ) ma quanto al VALORE che oguno di noi dà a cose materiali senza alcun tipo di senso.

    Nella mia città conosco persona che mangiano pane e acqua per potersi comprare vestiti alla moda e farsi vedere in giro… ti posso garantire che non è uno scherzo…
    Persona che cercano di arraffare in tutti i modi possibili ne vediamo praticamente ovunque…
    Ma questo è perchè il peso viene dato in maniera errata secondo me.

    Brizzi dice che giustamente ogni cosa che noi abbiamo qui… in realtà… non è nostra…
    Forse è qui la chiave…

    Insomma… vivo ed arraffo tutto l'arraffabile… e poi… dopo che sono morto… cosa mi porto di là … sempre che io ci creda? NULLA DI NULLA.

    Tutto nasce sulla Terra e lì rimane… non ci sono santi che tengano !!!

    Allora mi chiedo… perchè mi sto dando così tanto peso a cose che non saranno con me se non per quel breve periodo che sono sulla Terra? Non è tanto non possedere quindi quanto il peso che ne viene dato…

    Ciao pasgal !!! 🙂

    Edit:
    cavoli per scrivere veloce ne avessi azzeccato uno di plurale !!!!! :denten:


    #75846

    windrunner
    Partecipante

    [quote1223978948=giusparsifal]
    Io non so cosa augurarmi, perchè, come in qualche modo diceva Marx (non Groucho 🙂 e non sono un marxista) la maniera che in genere si ha per superare queste crisi è la guerra…
    [/quote1223978948]

    In passato è stato proprio così gius !!!
    Però credo che ormai sia diventato ripetitivo no??? 😉

    Penso che tutti i cambiamenti che avverranno possano bastare… anzi… io ci credo ! 🙂

    Ciao gius !!! 🙂


    #75848
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    [quote1223979528=windrunner2012]
    [quote1223978621=pasgal]

    Proprio di questo parlavo questa mattina con mia moglie, Le ho detto, inoltre: tanto per chi non ha niente come noi, il danno non sussiste… così come non lo sarebbe per i poveri, le persone del terzo mondo etc etc. Ma questo mio pensiero, non so quanto sia giusto.

    [/quote1223978621]

    In che senso pasgal non sai quanto sia giusto?

    Qualcuno di nostra conoscenza disse: “Gli ultimi saranno i primi” ed anche se questa frase può essere “applicata” in varie circostanze credo che in qui sia più che appropriata…

    In realtà credo che non è tanto il fatto di non avere nulla (e mi ci metto in prima linea 😉 ) ma quanto al VALORE che oguno di noi dà a cose materiali senza alcun tipo di senso.

    Nella mia città conosco persona che mangiano pane e acqua per potersi comprare vestiti alla moda e farsi vedere in giro… ti posso garantire che non è uno scherzo…
    Persona che cercano di arraffare in tutti i modi possibili ne vediamo praticamente ovunque…
    Ma questo è perchè il peso viene dato in maniera errata secondo me.

    Brizzi dice che giustamente ogni cosa che noi abbiamo qui… in realtà… non è nostra…
    Forse è qui la chiave…

    Insomma… vivo ed arraffo tutto l'arraffabile… e poi… dopo che sono morto… cosa mi porto di là … sempre che io ci creda? NULLA DI NULLA.

    Tutto nasce sulla Terra e lì rimane… non ci sono santi che tengano !!!

    Allora mi chiedo… perchè mi sto dando così tanto peso a cose che non saranno con me se non per quel breve periodo che sono sulla Terra? Non è tanto non possedere quindi quanto il peso che ne viene dato…

    Ciao pasgal !!! 🙂

    Edit:
    cavoli per scrivere veloce ne avessi azzeccato uno di plurale !!!!! :denten:
    [/quote1223979528]

    Si hai ragione, sono andato in dubbio solo per quelle famiglie che si sono fatti un gruzzoletto per poter comperare casa, solo frutto del proprio lavoro ed ora tutto questo potrebbe svanire.

    Per quanto riguarda resettare tutto e restituire alla Terra ciò è della Terra non potrei che esserne felice.

    Dico sempre, ed ogni tanto lo ricordo, che l'uomo è l'unico essere vivente, sulla Terra, a produrre rifiuti.


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #75849

    ezechiele
    Partecipante

    ma lascia perdere … volevo vendere delle cose per abbassarmi un po lo strozzo del mutuo… ma a leggere brizzi credo che lascerò perdere…..


    #75847
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    “Da un punto di vista più esoterico – e quindi anche più REALE – la soluzione risiede invece nell'abbandonare ogni attaccamento al denaro, alla posizione sociale e agli oggetti che possediamo in questo momento, il che non significa vivere da poveracci, ma solo SMETTERE DI ESSERE ATTACCATI, cioè considerare tutto, anche la vita, come un PRESTITO che a un certo punto dovremo restituire, e non come una proprietà personale. La casa non è nostra solo perché l’abbiamo pagata… non c’è nulla di NOSTRO su questo pianeta, tutto ci viene dato in prestito dall’Esistenza, e se noi ci attacchiamo a ciò che ci viene prestato, l’Esistenza ce lo toglie proprio per favorire la nostra liberazione. Passando a questo nuovo modo di vedere la realtà veniamo proiettati in un differente stato di coscienza, il quale fa sì che avremo sempre ciò che ci serve (né di più, né di meno) nel momento in cui ci serve. Provare per credere. Se usciamo dal gioco della paura e dell’attaccamento diventiamo LIBERI, e resteremo liberi qualunque cosa succederà all’economia nei prossimi anni. Dobbiamo essere contenti, non impauriti, per questa crisi, perché finalmente è finita l’epoca della schiavitù al denaro”

    questo è importante

    —————

    “In realtà sta già succedendo, ma i media minimizzano come sempre (stesso comportamento che hanno adottato fino a ieri riguardo il vacillare della borsa). Dovete essere voi a svegliarvi e osservare ciò che accade, perché il tg delle 20:00 vi parla del disastro solo quando il disastro è già accaduto.

    Inoltre l'alterazione progressiva della “corrente del Golfo” – la quale si indebolisce a causa del riscaldamento globale e dello scioglimento dei ghiacci – causerà un intenso raffreddamento di tutta l'Europa con il rischio di glaciazioni. Ciò non accadrà fra qualche millennio, ma NEI PROSSIMI ANNI, perché il ritmo dello scioglimento si sta incrementando in maniera esponenziale, al di là di tutte le previsioni.

    Indipendentemente da ciò che dicono i climatologi, anche questo è stato previsto nell'ambiente dell'esoterismo, dove si sa bene che il riscaldamento globale è dovuto a un processo ciclico terrestre e non alle emissioni umane. Nei prossimi anni la Terra andrà incontro a cambiamenti radicali su tutta la sua superficie… anche se noi abbiamo cominciato a fare la raccolta differenziata !!”

    su questo vi ricordo l'interpretazione di Wilcock su La Legge dell'Uno
    Spostamento di frequenza, quarta dimensione eterica sovrastante (Terra da vedersi come una cipolla a piu strati materiali ed eterici) che diviene solida, si materializza nello spazio tempo , dal tempo-spazio) e la terza che diviene arida per un periodo inabitabile, alcuni decidono di restare in un pianeta di terza e altre anime passano in quarta come se nulla fosse….
    fatene cio che volete, potete anche spazzarvi il sedere, io però ne tengo da conto .


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 85 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.