Scimmie ogm di seconda generazione

Home Forum SALUTE Scimmie ogm di seconda generazione

Questo argomento contiene 5 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Analfabeta 9 anni, 6 mesi fa.

Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #55212

    Analfabeta
    Partecipante

    La proteina fluorescente verde (Green fluorescent protein,Gfp, vedi Galileo) è diventata carattere ereditario. È la prima volta che una mutazione genetica indotta si trasmette di madre in figlio in un primate. Ne danno notizia dalle pagine di Nature Erika Sasaki e Hideyuki Okano della Keio University School of Medicine (qui il link allo studio).

    I ricercatori hanno selezionato esemplari di uistitì dai pennacchi bianchi (Callithrix Jaccus, una piccola scimmia del Nuovo Mondo della famiglia dei cebidi) già utilizzata in laboratorio per studiare le terapie rigenerative del midollo spinale. In 91 embrioni in vitro è stato introdotto il gene della proteina Gfp, isolata originariamente dalla medusa Aequorea victoria, tramite un vettore virale. Successivamente gli embrioni sono stati impiantati nell’utero delle future madri. Al termine della gravidanza, cinque nuovi nati presentavano il gene della proteina fluorescente nel proprio corredo genetico, compresi due gemellini Kei e Kou (Keikou in giapponese vuol dire fluorescente). In un secondo momento gli scienziati hanno usato lo sperma di uno dei cinque uistitì per fecondare gli ovociti di una femmina non geneticamente modificata. Anche la seconda generazione presentava la Gfp e brillava ai raggi Uv.

    È il primo esperimento con retrovirus sui primati ad avere successo: nel 2008, i ricercatori avevano tentato di integrare il Dna degli embrioni di scimmia con il gene della malattia di Huntington, (patologia che altera la capacità dei centri nervosi di controllare il movimento volontario), ma non vi era stata trasmissione del gene ai discendenti.

    I risultati potranno aprire la strada a nuove applicazioni in campo biomedico per studiare il decorso di malattie neurodegenerative come il Parkinson e la sclerosi laterale amiotrofica (Sla). Nonostante il successo ottenuto, Hideyuki Okano ha precisato che potrebbe non essere possibile usare questa tecnica per studiare tutte le patologie: “Possiamo solo introdurre geni portati da virus, quindi la grandezza dei geni è limitata a circa 10mila basi (le lettere che formano il codice, ndr.)”. (e.r.)

    http://www.galileonet.it/news/11592/scimmie-ogm-di-seconda-generazione


    #55214
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Questa idea pazza per cui gli alberi possano staccarsi e camminare, penso sia molto ridicolo per molti. Ma se entri nell'idea che la vita sia un campo, questo spiega molte cose strane. Per esempio, sono state fatte molte ricerche sull'insetto della frutta Drosophila, in cui hanno alterato il DNA in modo che non si formassero gli occhi, un mutante senza occhi. Non importa quello che fanno per modificare il DNA della Drosophila, dopo cinque generazioni gli occhi tornano.

    Un'altra pianta è stata usata in laboratorio per 25 anni, hanno sperimentato sulla pianta e non importa cos'abbiano fatto al DNA per farlo mutare, il 25% del tempo queste piante lo usano per correggere il proprio DNA. Questo significa che l'idea dei semi terminator e dei campi geneticamente modificati, non potrà avere successo, perchè la natura può correggersi da sola e correggere gli errori nel DNA.
    https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.214

    i Russi con la genetica ondulatoria hanno scoperto i limiti della genetica classica

    https://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.1412


    #55215

    Analfabeta
    Partecipante

    Può darsi che entri in gioco il cosiddetto dna spazzatura che in realtà è veramente un metodo per riparare mutazioni genetiche che magari porterebbero ad una estinzione di massa


    #55216
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Ma se entri nell'idea che la vita sia un campo, questo spiega molte cose strane. Per esempio, sono state fatte molte ricerche sull'insetto della frutta Drosophila, in cui hanno alterato il DNA in modo che non si formassero gli occhi, un mutante senza occhi. Non importa quello che fanno per modificare il DNA della Drosophila, dopo cinque generazioni gli occhi tornano.

    Un'altra pianta è stata usata in laboratorio per 25 anni, hanno sperimentato sulla pianta e non importa cos'abbiano fatto al DNA per farlo mutare, il 25% del tempo queste piante lo usano per correggere il proprio DNA. Questo significa che l'idea dei semi terminator e dei campi geneticamente modificati, non potrà avere successo, perchè la natura può correggersi da sola e correggere gli errori nel DNA.

    Andiamo oltre con Dan Burisch, (che voi avete intervistato), lui parla del progetto Lotus in cui avete un cristallo di silicone come quarzo, ci mettete dell' acqua distillata e mettete tutto in un'autoclave, non c'è modo per cui si possa contaminare. Colpitelo con un poco di elettricità e inzia a crescere qualcosa nell' acqua! Questo è stato fatto dallo scorso secolo, nel 1900.
    https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.214

    La vita è un campo, l' energia attorno a noi, che sottointende alla materia. Non energia elettromagnetica, campi torsionali di energia più profondi.

    Questa è l' energia della coscienza; l' energia che mi permette di essere psichico e pensare cosa pensa un altro dopo che i suoi pensieri entrano nella mia mente, l' energia della fonte, l' energia del tempo. Il tempo non è invariabile. Il tempo è localmente variabile e questa è una delle cose che inizi a imparare.

    il dna nasce come forma d'onda dalla zpe o etere, anche Haramein concorda su questo, nasce dalla fabbrica dello spazio-tempo e riceve informazione da questo campo, non puoi farci quello che ti pare se non conosci come interagire.
    Il “programma ” del dna nasce dalla Galassia stessa e dall'Uno.

    https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.222
    La Galassia è “sintonizzata” per formare il DNA

    Nel sistema planetario ottimale, dove non ci sono enormi cataclismi o interruzioni, c'e' una specifica distanza dal Sole dove minuscole onde spiraloidi raccolgono la materia naturale del pianeta assieme per formare le molecole della vita del DNA. Il DNA è l' onda e l' onda è il DNA.

    Che il DNA si formi nel processo di evoluzione planetaria può suonare ridicolo, ma può veramente essere provato da qualcosa conosciuto come effetto DNA Fantasma. Il Dr. Vladimir Poponin ha messo il DNA in un tubo dove ha fatto passare un laser e per sua sorpresa ha realizzato che il DNA in realtà cattura la luce e la fa girare a spirale attorno alla sua elica, come fosse un cristallo. Ancora piu' sorprendentemente, quando il Dr. Poponin ha rimosso il DNA, la luce ha continuato a muoversi a spirale su se stessa !

    Per la luce, formare una elica tipo DNA su sè stessa dovrebbe essere impossibile; finchè la luce non diviene sintonizzata armonicamente a qualche frequenza naturale esistente nello spazio energetico attorno. Questo mi dice che la spirale luminosa di energia del DNA era già lì e le molecole fisiche semplicemente si sono formate attorno all' energia spiraloide quando il pianeta si è trovato nella giusta posizione di frequenza. La Galassia è “sintonizzata” per formare il DNA umano nel sistema planetario quando ne esiste la possibilità.

    Le teorie di Darwin vengono smentite

    La teoria dell' Evoluzione delle Specie viene smentita perchè le molecole del DNA sono troppo complicate per essere causate da “mutazioni naturali”. Il Dr. Crick, uno degli originari scopritori della molecola del DNA, più tardi ha provato matematicamente che è assolutamente impossibile per l' evoluzione aver prodotto DNA nel corto periodo di storia che abbiamo su questo pianeta.

    Ci stiamo “innalzando” energeticamente..


    #55213
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Avete costruito strumenti in merito?

    Si. Nel nostro laboratorio, secondo un mio progetto, sono stati creati dei generatori che possono sviluppare dei flussi eterogenei che possono essere destrorsi o sinistrorsi. Se noi, in una cultura di tessuto umano, immettiamo un flusso sinistrorso, vi osserviamo un forte aumento della moltiplicazione cellulare. Invece la sintesi dei processi energetici cellulari resta inalterata. Il generatore che produce il campo di torsione, utilizza una energia debolissima data da una comunissima pila. Non possiamo dunque parlare di un’influenza energetica potente, ma semplicemente di un campo informativo. Noi crediamo che la causa di questa influenza informativa sia dovuta a flussi eterogenei. Se io metto le stesse cellule nel campo destrorso, smettono di moltiplicarsi ma aumenta la sintesi dell’albumina e dei polisaccaridi. Questo prova che, l’interazione delle cellule con i campi eterogenei è di carattere fondamentale, e questi influiscono anche sulla materia definita inerte.
    Altro strumento è un generatore elettromagnetico.
    Se prendiamo un campione di materia cristallina e la sottoponiamo ad un campo di torsione e poi depositiamo i cristalli in una struttura cellulare, aumenta del doppio sia la mitosi cellulare che la fittezza dello strato cellulare. Questo dimostra che la materia cristallina assorbe l’informazione e la trasmette alle cellule, ed è una prova fondamentale.
    Abbiamo anche dimostrato che se sottoponiamo il cervello umano al campo di torsione, dopo una breve applicazione, cambia l’encefalogramma. Abbiamo effettuato tanti esperimenti, ed ormai è un dato certo.
    Abbiamo anche costruito un sistema a specchi concentrici detti specchi di Koziriev. Se mettiamo un volontario all’interno di questi, dove la concentrazione eterica varia, otteniamo dei risultati terapeutici straordinari, nonostante internamente agli specchi non ci sia nessun campo energetico conosciuto.
    Abbiamo sperimentato e costruito numerosi strumenti che usano l’emissione laser: se esponiamo un substrato a questo campo di torsione a puntamento laser, come effetto otteniamo che il substrato resta integro. Se invece ci sovrapponiamo nel flusso diretto su di un substrato biologico, con la radiazione informativa di un medicinale, il substrato comincia a reagire al medicinale anche se questo non è presente che a livello vibrazionale. Praticamente noi parliamo di teleportazione: importazione a distanza di informazioni sul substrato.
    http://www.edicolaweb.net/nonsoloufo/ad02_06i.htm


    #55217
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1259082052=Richard]
    Ma se entri nell'idea che la vita sia un campo, questo spiega molte cose strane. Per esempio, sono state fatte molte ricerche sull'insetto della frutta Drosophila, in cui hanno alterato il DNA in modo che non si formassero gli occhi, un mutante senza occhi. Non importa quello che fanno per modificare il DNA della Drosophila, dopo cinque generazioni gli occhi tornano.

    Un'altra pianta è stata usata in laboratorio per 25 anni, hanno sperimentato sulla pianta e non importa cos'abbiano fatto al DNA per farlo mutare, il 25% del tempo queste piante lo usano per correggere il proprio DNA. Questo significa che l'idea dei semi terminator e dei campi geneticamente modificati, non potrà avere successo, perchè la natura può correggersi da sola e correggere gli errori nel DNA.

    Andiamo oltre con Dan Burisch, (che voi avete intervistato), lui parla del progetto Lotus in cui avete un cristallo di silicone come quarzo, ci mettete dell' acqua distillata e mettete tutto in un'autoclave, non c'è modo per cui si possa contaminare. Colpitelo con un poco di elettricità e inzia a crescere qualcosa nell' acqua! Questo è stato fatto dallo scorso secolo, nel 1900.
    https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.214

    La vita è un campo, l' energia attorno a noi, che sottointende alla materia. Non energia elettromagnetica, campi torsionali di energia più profondi.

    Questa è l' energia della coscienza; l' energia che mi permette di essere psichico e pensare cosa pensa un altro dopo che i suoi pensieri entrano nella mia mente, l' energia della fonte, l' energia del tempo. Il tempo non è invariabile. Il tempo è localmente variabile e questa è una delle cose che inizi a imparare.


    [/quote1259082052]
    Una questione chiave sull'origine di molecole biologiche come il DNA e l'RNA riguarda il modo in cui esse possano essersi formate miliardi di anni fa a partire da precursori semplici. Ora uno studio effettuato da ricercatori italiani dell'Università “Sapienza” di Roma e dell'Istituto di biologia e patologia molecolari del CNR pubblicato sul “Journal of Biological Chemistry” (Generation of Long RNA Chains in Water) è riuscito a ricostruire i primi passi evolutivi di questo processo, generando lunghe catene di RNA a partire da singole sub-unità in un ambiente acquoso.

    Fra i ricercatori è diffusa la convinzione che l'RNA sia stata una delle prime molecole biologiche a fare al sua comparsa, ben prima delle proteine e del DNA. Tuttavia finora i tentativi di ricreare la formazione di RNA da molecole prebiotiche semplici – quali quelle che potevano essere presenti sulla Terra miliardi di anni fa – avevano avuto scarso successo…
    http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/La_nascita_dell_RNA_primordiale/1341080

    ———–

    Abstract

    The synthesis of RNA chains from 3′,5′-cyclic AMP and 3′,5′-cyclic GMP was observed. The RNA chains formed in water, at moderate temperatures (40 to 90 C), in the absence of enzymes or inorganic catalysts. As determined by RNases analyses, the bonds formed were canonical 3′,5′-phosphodiester bonds. The polymerizations are based on two reactions not previously described: (1) oligomerization of 3′, 5′-cGMP to circa 25 nucleotides-long RNA molecules, and of 3′,5′-cAMP to 4-to-8 nucleotides-long molecules. Oligo As further extended by reciprocal terminal ligation to yield RNA molecules up to more than 120 nucleotides-long. (2) Chain extension by terminal ligation of newly polymerized products of 3′,5′-cGMP on pre-formed oligonucleotides. The enzyme- and template-independent synthesis of long oligomers in water from prebiotically affordable precursors approaches the concept of spontaneous generation of (pre)genetic information.

    http://www.jbc.org/content/early/2009/10/02/jbc.M109.041905

    La catena RNA si è formata in acqua a temperature moderate (40-90°C) in assenza di enzimi o catalizzatori inorganici..
    La sintesi enzimatica e del modello di lunghi oligomeri in acqua da precursori accessibili si avvicina al concetto di generazione spontanea di informazione (pre)genetica.

    :ummmmm:


Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.