Staminali: una scoperta modenese consentirà di migliorare i trapianti di midollo

Home Forum SALUTE Staminali: una scoperta modenese consentirà di migliorare i trapianti di midollo

Questo argomento contiene 4 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  marì 9 anni fa.

Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #57830

    marì
    Bloccato

    [color=#000000]Staminali: una scoperta modenese consentirà di migliorare i trapianti di midollo[/color]

    Uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Modena e Reggio Emilia ha rivelato i meccanismi alla base dei successi clinici ottenuti con i trapianti di midollo osseo/cellule staminali che si praticano da circa 50 anni, ma di cui non si conoscevano ancora i meccanismi intimi per cui le cellule staminali sono in grado di proliferare e rigenerare il midollo. La ricerca è stata diretta dal prof. Massimo Dominici del Dipartimento Integrato di Oncologia, Ematologia e Malattie dell’Apparato Respiratorio dell’Azienda Ospedaliera-universitaria di Modena; ccoordinata anche dal prof. Pierfranco Conte direttore della Struttura complessa di Oncologia; in collaborazione con il prof. Paolo Paolucci direttore del Dipartimento Integrato Materno Infantile di Modena e con il prof. Edwin M. Horwitz dell’University of Pennsylvania (Usa).
    Questo studio, avviato nel 2005, ha permesso di scoprire che una popolazione di cellule che fungono normalmente da progenitrici dell’osso (osteoblasti) sopravvive alle radiazioni usate nelle procedure preparatorie al trapianto, dopo di chè gli stessi osteoblasti anzichè produrre nuovo osso vanno a costituire delle vere e proprie nicchie protettive nelle quali le cellule staminali possono localizzarsi, proliferare e consentire la sopravvivenza del trapiantato; in pratica, dopo l’esposizione alle radiazioni, il midollo osseo reagisce mantenendo un vita un piccolo pool di cellule in grado di predisporre un terreno estremamente favorevole alla ricrescita dello stesso midollo grazie all’arrivo delle staminali.
    La rivista americana “Blood” ha dato grande rilievo alla scoperta dell’equipe italiana e statunitense, per le importanti ripercussioni che essa potrà avere nella cura di patologie letali come le leucemie ed i tumori solidi, tramite i trapianti di midollo e cellule staminali. “La precisa conoscenza dei meccanismi che permettono l’attecchiamento – afferma il prof. Dominici – potrebbe consentire di manipolare queste nicchie favorendo una migliore performance dei trapianti”
    “Sebbene siano circa 50 anni che le proce

    lunedì, 21 settembre 2009
    http://www.telesanterno.com/staminali-una-scoperta-modenese-consentira-di-migliorare-i-trapianti-di-midollo-0921.html


    #57831

    marì
    Bloccato

    … a me e' sembrata una importante scoperta/conquista … MAH!

    :ummmmm:


    #57832

    patrizia.pr
    Partecipante

    Eh si, grandi scoperte sulle staminali!!!

    Ed altre ce ne saranno, l'aveva detto anche Kryon……… anni fà :hehe:


    #57833

    marì
    Bloccato

    [quote1253720703=patrizia.pr]

    Eh si, grandi scoperte sulle staminali!!!

    Ed altre ce ne saranno, l'aveva detto anche Kryon……… anni fà :hehe:
    [/quote1253720703]

    E' cosi importante portare speranze a chi non sta troppo bene … notizie di questo genere ti rienpono il :cor:


    #57834
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    ROMA, 12 NOV – L'Italia e' stata condannata dalla corte di giustizia ue per il mancato recepimento di una normativa del 2006 sui trapianti.L'ordinamento prescriveva le tecniche per la donazione, approvvigionamento e controllo di tessuti e cellule umani. L'Ue aveva avviato il procedimento per inadempimento nel 2007. L'Italia aveva quindi avviato l'iter di accoglimento della norma, ma la corte l'ha lo stesso condannata perche' i decreti legislativi non erano entrati in vigore nei tempi stabiliti.
    http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/scienza/2009/11/12/visualizza_new.html_1616689401.html


Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.