Staminali

Home Forum SALUTE Staminali

Questo argomento contiene 20 risposte, ha 4 partecipanti, ed è stato aggiornato da giusparsifal giusparsifal 8 anni, 7 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 21 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #58814
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    io credo ke l autogenerazione come diceva cayce sia propriamente data da dentro da una maggiore quantità di spirito…essendo sportivo seguo tante volte notizie sui calciatori..perchè alcuni guariscono in tempi molto molto + brevi rispetto ad altri con il medesimo infortunio e guardacaso poi dichiarano di essere molto fedelie molto interioristi?
    ecco la risposta


    #58815
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [youtube=480,385]rBkZLknx8xk
    [youtube=480,385]iVdDCJRps-c
    [youtube=480,385]9Lkuxoq0rqU
    [youtube=480,385]dkeICbJ6egc
    [youtube=480,385]PsSXRvwRKWg
    [youtube=480,385]SwpTCXdhTn4


    #58816
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [youtube=480,385]0wmeWZ0Q6R0
    [youtube=480,385]fohzkl8X1Nw
    [youtube=480,385]HWWdbNnaLk0


    #58817
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [youtube=480,385]4FNu_GghSM0
    [youtube=480,385]Du_lR-dituM
    [youtube=480,385]UD-LmMBiXkw
    [youtube=480,385]j9hEFUpTVPA


    #58818
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    Non conoscevo la Beike, a dire il vero non conosco nessuna organizzazione che si occupi di cellule staminali, ma nel vedere il primo dei video che hai pubblicato (quello di TVoce) mi ha colpito la mancanza di professionalità nell'eloquenza, anche da parte del Dottore… mah…


    #58819
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Staminali in grado di replicarsi nel cervello adulto

    Si tratta di un gruppo di cellule in numero assai consistente che si trova in uno stato di latenza e che possono tuttavia essere riattivate, per esempio, in seguito all’attività fisica o a un attacco epilettico
    http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/Staminali_in_grado_di_replicarsi_nel_cervello_adulto/1343206


    #58820
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Peraltro, se le cellule staminali e le miofibrille venivano iniettate in un muscolo sano, non si osservava alcuna crescita della massa muscolare. “L'ambiente in cui vengono iniettate le cellule staminali è evidentemente molto importante, poiché se esso comunica alle staminali che si è in presenza di un danno, queste rispondono in un modo particolare”, ha proseguito Olwin. (gg)
    http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/Arrestare_il_decadimento_muscolare_con_le_staminali/1345511


    #58821
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Abstract

    Skeletal muscle is dynamic, adapting to environmental needs, continuously maintained, and capable of extensive regeneration. These hallmarks diminish with age, resulting in a loss of muscle mass, reduced regenerative capacity, and decreased functionality. Although the mechanisms responsible for this decline are unclear, complex changes within the local and systemic environment that lead to a reduction in regenerative capacity of skeletal muscle stem cells, termed satellite cells, are believed to be responsible. We demonstrate that engraftment of myofiber-associated satellite cells, coupled with an induced muscle injury, markedly alters the environment of young adult host muscle, eliciting a near-lifelong enhancement in muscle mass, stem cell number, and force generation. The abrogation of age-related atrophy appears to arise from an increased regenerative capacity of the donor stem cells, which expand to occupy both myonuclei in myofibers and the satellite cell niche. Further, these cells have extensive self-renewal capabilities, as demonstrated by serial transplantation. These near-lifelong, physiological changes suggest an approach for the amelioration of muscle atrophy and diminished function that arise with aging through myofiber-associated satellite cell transplantation.
    http://stm.sciencemag.org/content/2/57/57ra83.abstract?sid=6f15350b-db62-4ecb-adcc-ccfaf6748320


    #58822
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    Staminali: intestino nato in laboratorio

    (ANSA) – ROMA – E' l'intestino il primo organo umano nato in laboratorio. E' stato costruito in provetta, a partite da sia staminali embrionali sia da cellule ottenute riprogrammando cellule adulte. La ricerca, pubblicata su Nature, e' stata condotta da ricercatori del Cincinnati Children's Hospital Medical Center guidati da James Wells. L'organo, tridimensionale e perfettamente funzionante, capace di assorbire i nutrienti e produrre i normali enzimi intestinali: possibile dunque trapiantarlo senza rigetto.

    http://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/Scienza_e_salute/Staminali-intestino-nato-laboratorio/12-12-2010/1-A_000139892.shtml


    #58823
    elerko
    elerko
    Partecipante

    La mamma di tutte le cellule sanguigne

    Gli scienziati hanno isolato una cellula staminale in grado di rigenerare l’intero sistema sanguigno
    NOTIZIE – È la cellula più pura, la staminale “mamma” di tutto il sistema sanguigno e la sua scoperta apre speranze enormi per il trattamento di malattie devastanti come le leucemie. Il gruppo di ricerca di John Dick (scienziato dal curriculum notevole, una Canada Research Chair in biologia delle cellule staminali e il posto di scienziato senior sia al McEwen Centre for Regenerative Medicine sia all’Ontario Cancer Institute, dell’University Health Network) ha isolato la cellula in grado di generare tutti i tipi di cellule presenti nel sangue umano. La scoperta è stata pubblicata oggi su Science.

    Dick è un vero veterano in questo campo e in passato ha ottenuto risultati molto importanti negli studi sull’applicazione delle cellule staminali nel trattamento del cancro (ha inventato per esempio un modo di replicare l’intero processo della leucemia su un modello animale, un roditore). L’Ontario Cancer Institute, dove Dick lavora, è inoltre il luogo dove nel 1961 è iniziata la ricerca sulle cellule staminali con la scoperta originale fatta da James Till e Ernest McCulloch (i due scienziati hanno anche messo a punto la tecnica di trapianto del midollo osseo, la terapia più usata – e di maggior successo – per curare le leucemie oggi).

    Da molti anni dunque Dick stava cercando un risultato del genere, ottenuto grazie a un metodo di citometria a flusso altamente tecnologico, in cui milioni di cellule sanguigne vengono rapidamente passate al setaccio purificate e categorizzate per venire analizzate. Le implicazioni future di questa scoperta (ovviamente posto che venga confermata e replicata) sono enormi. La cellula staminale ematopoietica individuata da Dick e colleghi è in grado di generare tutte le cellule del sangue: eritrociti, globuli bianchi, piastrine. Lo scopo ultimo di questo tipo di ricerche è quello di mettere a punto terapie per le malattie che colpiscono il sistema sanguigno basate sulle cellule staminali.

    Fonte: http://oggiscienza.wordpress.com/2011/07/08/la-mamma-di-tutte-le-cellule-sanguigne/


Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 21 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.