Sugar Free – Le regole per una sana alimentazione

Home Forum SALUTE Sugar Free – Le regole per una sana alimentazione

Questo argomento contiene 4 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da farfalla5 farfalla5 6 anni, 10 mesi fa.

Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #60346
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    La nostra Prixi trova in rete le cose più strane immaginabili…tipo latte di mandorle o di avena….e io curiosa come sono le provo tutte.
    Ho guardato i consigli di questo giovane ragazzo e sono sicura che merita la nostra attenzione.
    Ecco a voi:


    e il resto lo trovate sul suo canale.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #60347
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    L'AVENA POTENZIA IL CERVELLO

    Si era parlato dell’avena poco tempo fa poiché si ritiene che una colazione con questo cereale faccia bene nella prevenzione dell’asma, in particolare nei bambini.
    Passando dai bambini agli adulti, si scopre che l’avena fa bene al cervello e protegge dalla demenza.

    Sono i ricercatori australiani del Nutritional Physiology Research Centre dell’Università del Sud Australia a sostenere che un estratto di avena selvatica verde è efficace nel aumentare la potenza mentale e mantenere sano il cervello in età avanzata.
    «Con la percentuale di invecchiamento della popolazione destinata ad aumentare nei prossimi decenni, la disabilità mentale attraverso il declino cognitivo correlato all’età si profila come un importante problema di sanità pubblica, con un enorme impatto economico e sociale. Negli ultimi anni, c'è stato un crescente interesse per l'uso di alimenti per migliorare la cognizione. Abbiamo intrapreso uno studio per cercare più da vicino come un estratto di avena selvatica verde possa potenzialmente migliorare le performance cognitive negli adulti più anziani, soprattutto quando sotto costrizione». Ha dichiarato il dr. Peter Howe.

    In linea generale i ricercatori ritengono che l’estratto di avena verde, in questi caso, possa migliorare la performance cognitiva in adulti e anziani; prevenire l'affaticamento, l’umore irritabile. In più, i nutrienti bioattivi possono contribuire a migliorare l’afflusso di sangue al cervello incrementando la concentrazione e l’attenzione. Tutte queste proprietà intrinseche dell’avena sono state sottolineate dalla dr.ssa Janet Bryan Avena della scuola di psicologia dell’Università del Sud Australia, la quale ha aggiunto che «gli estratti di avena, sono da tempo riconosciuti per le loro proprietà salutari. Preparazioni con avena verde sono state utilizzate per combattere la stanchezza, l’umore irritabile e la scarsa concentrazione per centinaia di anni».

    LATTE DI AVENA:

    INGREDIENTI:

    Una tazza di avena in chicchi, 10 tazze di acqua, un pizzico di sale

    ESECUZIONE:

    Ammollare l'avena per almeno 4 ore.
    Frullarla con una tazza di acqua sottratta alle 10 previste.
    Cuocerla con 8 tazze di acqua e con un pizzico di sale, in una pentola d'acciaio, per circa 10 minuti.
    Usare l'ultima tazza d'acqua rimasta per abbassare l'ebollizione.
    A fine cottura filtrare l'avena con un colino a maglia fine.
    Il latte ottenuto si può conservare in frigo in un contenitore ben chiuso per circa 3 giorni.

    Crema di avena:

    L'avena frullata cotta e filtrata, ottenuta dalla preparazione del latte di avena, può essere riutilizzata per la preparazione di una crema dolce ottima per la prima colazione o la merenda.
    Basta aggiungere del dolcificante naturale e a scelta alcuni di questi ingredienti: buccia di limone grattugiata, cannella, cacao amaro in polvere, uvetta, granella di nocciole o di mandorle…
    http://ciboperlapacenelmondo.blogspot.com/search/label/crema%20di%20avena


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #60348
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    🙂
    … è proprio grazie a “Sugar Free” che ho potuto eliminare [u]senza nessun rimpianto [/u]il latte vaccino

    :fri:


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #60349
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1329761384=prixi]
    🙂
    … è proprio grazie a “Sugar Free” che ho potuto eliminare [u]senza nessun rimpianto [/u]il latte vaccino

    :fri:
    [/quote1329761384]
    e io grazie a te che l' ho conosciuto !lol


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #60350

    Anonimo

    IO ho abbandonato lo zucchero da 10 e passa anni, ho glicemia mediobassa e triglicerici pure, sarà un caso?

    http://disinformazione.it/Zucchero.htm

    Zucchero raffinato

    Nel 1957 il Dr. William Coda Martin tentò di rispondere alla seguente domanda: Quand'è che un alimento è tale e quando invece è un veleno? La sua definizione di veleno era, dal punto di vista fisico: Qualsiasi sostanza che inibisce l'attività di un catalizzatore che sia una sostanza secondaria, chimica o un enzima che attiva la reazione.
    Il Dr. Martin aveva classificato lo zucchero raffinato come veleno poiché esso è stato privato delle sue forze vitali, vitamine e minerali. “Quello che resta consiste di carboidrati puri, raffinati. Il corpo non può utilizzare questi amidi e carboidrati raffinati a meno che le proteine, vitamine e minerali eliminati non siano presenti. La Natura fornisce questi elementi a ciascuna pianta in quantità sufficienti a metabolizzare i carboidrati della pianta in questione. Il metabolismo incompleto dei carboidrati risulta nella formazione di “metabolita tossico” quale l'acido piruvico nonché zuccheri anormali che contengono cinque atomi di carbonio. L'acido piruvico si accumula nel cervello e nel sistema nervoso mentre gli zuccheri anormali fanno altrettanto all'interno dei globuli rossi. Questi metaboliti tossici interferiscono con la respirazione delle cellule le quali non possono ottenere sufficiente ossigeno per sopravvivere e funzionare normalmente.”
    Lo zucchero raffinato è assai dannoso quando viene ingerito dagli esseri umani perché fornisce soltanto quelle che gli esperti di nutrizione chiamano come calorie “vuote” o “nude”; esso manca dei minerali naturali presenti nella barbabietola e nella canna. Per di più lo zucchero è peggiore di qualsiasi altra cosa in quanto a prosciugare e dissolvere dal corpo preziose vitamine e minerali.
    Lo zucchero assunto quotidianamente produce una condizione di continua iperacidità (e secondo una visione orientale questa iperacidità è causa di cancro) e, nel tentativo di rettificare lo squilibrio, vengono richiesti dal profondo dell'organismo sempre più minerali. Infine, onde salvaguardare il sangue, dalle ossa e dai denti viene preso tanto calcio da dare inizio ad un decadimento ed indebolimento generale.
    L'eccesso di zucchero alla fine nuoce ad ogni organo del corpo. Inizialmente esso viene immagazzinato nel fegato in forma di glucosio (glicogeno). Poiché la capacità del fegato è limitata, un'assunzione quotidiana di zucchero raffinato ben presto fa sì che il fegato si gonfi come un pallone e, quando esso è pieno sino al limite delle sue possibilità, il glicogeno in eccesso ritorna nel sangue sotto forma di acidi grassi i quali vengono trasportati in tutte le parti dell'organismo ed immagazzinati nelle aree meno attive: il ventre, le natiche, il petto e le cosce. Quando queste aree relativamente innocue sono completamente sature, gli acidi grassi vengono poi distribuiti negli organi attivi come il cuore ed i reni, i quali cominciano a rallentare la loro attività ed i cui tessuti alla fine degenerano e si trasformano in grassi. L'intero organismo viene influenzato da questa loro ridotta capacità e si crea una pressione sanguigna anormale. Il sistema nervoso parasimpatico viene danneggiato e gli organi da esso governati, come il cervelletto, divengono inattivi o si paralizzano. I sistemi circolatorio e linfatico vengono invasi e le caratteristiche dei globuli rossi iniziano a cambiare. Si verifica una sovrabbondanza di globuli bianchi e la generazione di tessuti rallenta, la tolleranza e la capacità immunitaria del nostro organismo diventa più limitata cosicché non siamo in grado di reagire a situazioni relativamente critiche, siano esse freddo, caldo, zanzare o microbi.
    Troppo zucchero ci rende sonnolenti e si perde la nostra capacità mnemonica e di fare calcoli.

    Proprietà indesiderate:
    Aumenta l'acidità del sangue (causa di tumori secondo la visione orientale)
    Impoverisce il corpo di sali minerali (soprattutto calcio dai denti e dalle ossa (vedi osteoporosi))
    Impegna e intossica il fegato
    Produce acidi grassi
    Perdita di memoria
    Sonnolenza
    Piccola estrapolazione da NEXUS NEW TIME ed. italiana n°28 Settembre 2000


Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.