SULLA SERVITù MODERNA: IL FILM

Home Forum PIANETA TERRA SULLA SERVITù MODERNA: IL FILM

Questo argomento contiene 3 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  sephir 8 anni, 3 mesi fa.

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #88138

    sephir
    Partecipante

    Ho deciso di pubblicizzare questo breve ma intenso film sulla nostra epoca,
    documento a volte aspro ma che tocca i punti essenziali del sistema verso cui
    pieghiamo troppo spesso il capo… manca forse del lato spirituale, per lo meno a me pare
    così, ma denuncia meccanismi che mai sarà troppo ripetere a voce alta!
    L'autore Jean-François Brient merita tanto, per la chiarezza della sua opposizione
    ad un mondo di città morte piene di “automi non-ribelli”.

    Questo il promo in italiano:

    [youtube=640,385]fLAHJ2r_Fug
    http://www.delaservitudemoderne.org/video-it-BA.html

    Questo il link http://www.delaservitudemoderne.org/video-it-BA.html
    da cui scaricare sia il film integrale in lingua francese sia i sottotitoli da incorporare facilmente con l'utilizzo di vlc (io che non l'avevo mai fatto ho seguito le istruzioni linkate da lui stesso)… è certo che servono sempre più voci che denuncino questa situazione.

    In bocca al lupo a tutti noi.


    #88139

    sephir
    Partecipante

    La tragedia che si sta consumando in questi mesi negli stabilimenti di Foxconn, azienda leader nella produzione di elettronica e di componenti per computer, è emblematica. Tutto è iniziato con un suicidio, ma il vero problema è il sistema industriale che coinvolge i grandi marchi IT.
    HP, Dell, Apple, Nintendo, Sony, Nokia e tutto il resto del gotha IT globale hanno impiegato quasi cinque mesi per capire che negli stabilimenti cinesi Foxconn qualcosa non funziona. La cronaca che ha seguito i fatti ha dovuto registrare dal 23 gennaio “undici suicidi, due tentativi falliti, sedici sventati e trenta prevenuti dagli psichiatri”, come riporta La Repubblica.

    Stabilimento Foxconn

    Quell'ingranaggio rotto non riguarda solo una tragedia umana, ma anche le dinamiche che investono il settore industriale tecnologico. Foxconn è l'ombelico hardware del mondo: i suoi 800mila dipendenti realizzano quotidianamente le nostre console, i prodotti della Apple, i cellulari Motorola, le periferiche Cisco, Amazon Kindle, tutto insomma.

    Negli stabilimenti di Shenzhen e Longhua, situati nella regione cinese del Guangdong, i lavoratori sono costretti a turni di lavoro estenuanti (anche 80 ore mensili di straordinario), nessuna privacy, nessun divertimento, niente di niente. “È una vita normale, uguale a quella che conducono gli operai nelle altre fabbriche della zona: si lavora, si mangia e si dorme. Niente di più”, hanno dichiarato alcuni operai al Sole-24-Ore.

    In verità recentemente la stessa dirigenza Foxconn ha dovuto ammettere che per soddisfare le richieste dei più importanti brand si viola persino la normativa vigente per il lavoro. Difficile credere che Pechino abbia imposto freni potenti alla locomotiva industriale.

    Al di là della Grande Muraglia si parla già di fabbrica-lager, dimenticando forse che questo è la punta dell'iceberg di un problema ben più complesso. Non a caso il presidente della società Terry Gou e i suoi committenti hanno paura dell'opinione pubblica (Occidentale). Lo spettro del boicottaggio internazionale attuato dai consumatori aleggia sulla sciagura terrena.

    Qui c'è in gioco un intero sistema che è basato su manodopera a basso prezzo e utili che devono germogliare anche in tempo di crisi. Il tutto sapientemente celato al grande pubblico con cortine di immagine e marketing. È proprio un'equazione: tutto è relazionato a costi e benefici.

    Ecco quindi scattate le indagini dei grandi marchi: tutte vogliono fare chiarezza.

    Lo spleen (mal di vivere) però si combatte anche con la speranza di una vita migliore per se stessi o almeno per i propri figli. E in una società che corre e cresce a vista d'occhio il denaro è un argomento convincente (forse). Terry Gou ha promesso aumenti di stipendio fino al 20%; Apple secondo indiscrezioni, potrebbe contribuire con sussidi aggiuntivi. La testata cinese Zol (CBS Interactive) ha svelato che il colosso di Cupertino destina il 2,3% dei suoi prezzi di listino alla Foxconn. In futuro potrebbe incrementare la quota contribuendo direttamente all'aumento degli stipendi mensili (circa 132 dollari) percepiti dai lavoratori cinesi.

    Per di più dovrebbero arrivare migliori condizioni di lavoro, tempo libero, cinema e sale di lettura – senza contare l'attuale piano d'emergenza che ha salutato l'avvento di duemila psicologi, monaci buddisti e hot-line anti-suicidi.

    L'epilogo, se tale si può definire, è in quel nuovo contratto che tutti i dipendenti sono stati obbligati a firmare. La clausola chiave prevede un'unica promessa. Il lavoratore si impegna a non suicidarsi per tutta la durata del contratto. In caso contrario chi pagherà il conto? I figli?

    Intanto in Occidente ci interroghiamo sul successo di un dispositivo invece che un altro, senza porre altre domande. Valutiamo i nostri acquisti in base alle prestazioni, all'aspetto e all'economicità, sapendo poco o nulla della filiera produttiva. Ci aspettiamo che anche le aziende IT, come già fanno quelle di altri settori, prima o poi espongano sulla loro merce un “certificato etico”. Una garanzia in più che ci assicuri che un prodotto non sia stato fabbricato ricorrendo a manodopera sottopagata o sfruttata.

    fonte: http://www.tomshw.it/cont/news/foxconn-una-tragedia-che-riguarda-tutti-noi/25544/1.html

    tanto per sottolineare il tema.


    #88140
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    C'è una buona parte di verità… ma, c'è un ma: quale è l'alternativa? l'uomo tribale? o la conquista di maggiori spazi di vita reale? Una volta era stato proposto da un politico la diminuzione delle ore di lavoro per avere più tempo per se “vivere”… ovviamente lo hanno linciato. La capacità produttiva dell'uomo è aumentata esponenzialmente, eppure lavoriamo sempre tantissimo… e ovviamente nessuno ne parla di questo “piccolo” particolare importante quasi come la vita. il soldo prima di tutto.


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

    #88141
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    Direi illuminante:
    http://www.youtube.com/watch?v=9wdFXwU6vT8&fmt=18
    [youtube=480,385]XNrbXi0QZgg

    Non trovo giusto il trambusto, quando prendo posto non trangugio, ma degusto, a letto non la metto con il busto e non la frusto, non fisso l’abisso come Cousteau, ne lo spazio come Houston, non mi industrio nella fabbrica del lustro e degli eccessi dove i colpi bassi sono ammessi, stress e annessi concessi, basta, torna catalessi!. Torna!, torna catalessi, falli tutti fessi, torna catalessi, torna! torna! torna!. Colma questa vita disadorna, sciogli la catena e torna! torna! torna!.

    Rit: Torna!, torna catalessi, falli tutti fessi, torna catalessi, torna. x2

    Meglio uno stato di trans che il tran tran di troppi, transiti, la terra pare una tela di Kandinsky Vassily, progredisci respirando ossidi tossici, ordini pc che dopo un di’ sono fossili,
    il futuro e’ come un piccolo coi boccoli, che con gessetti disegna cerchietti intorno ai bossoli,
    cinge cadaveri con tratti in stile liberty, se lo rimproveri dovrai morire, non sei Misery.
    Compra tutto ci? che ha detto lo spot, punta sulla roulette se non ti basta la slot,
    gioca al lotto i tuoi BOT, porta in porto lo yacht, trova un cazzo di sponsor e un’orrenda mascotte.
    Devi tessere un benessere frenetico che ti porta ad essere un messere nevrastenico
    con crisi di panico che nessun rammarico per famiglie sotto il tiro di un fucile carico…

    Rit: x2

    «Pronto? Catalessi? dove sei catalessi?!? torna Catalessiii…!!!».
    Il progresso da gas in fase sorpasso, fari fissi addosso, palmo sul clacson,
    vite come mine da compasso si consumano su curve che le portano allo scasso,
    rabdomanti di segnale con il passo isterico, con il cellulare in mano come un manico,
    l’apparecchio sta vibrando euforico: ha scoperto il pozzo di denaro del gestore telefonico.
    L’onda di folla impazzita affonda le dita tra gli scaffali e prosciuga gli affari che fruga,
    teste di mulo dareste il culo per una carruba, c’? chi ruba per non essere isolato come a Cuba,
    si va, su in volata, dopo gi? in picchiata, si sale e si scende che manco una peperonata,
    finch? sbocchi, sgrani gli occhi, vedi cessi, credimi, necessiti di dosi di catalessi.

    Rit: x3

    Ci sono dei ritornelli che fanno venire i brividi per quanto sono veri. E molto in tema alla discussione 😉


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.