Tecnica estrapolata dal documentario postato da lila

Home Forum SPIRITO Tecnica estrapolata dal documentario postato da lila

Questo argomento contiene 9 risposte, ha 4 partecipanti, ed è stato aggiornato da Pasquale Galasso Pasquale Galasso 8 anni, 2 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 10 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #46408
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    IPOTESI SULL'EVOLUZIONE UMANA
    [youtube=350,300]SGu_ALpu_9Y

    Grazie lila per aver condiviso questo documentario. Particolare la fine, sia per la scelta del pezzo di Eugenio Finardi che per il messaggio: potreste scoprire che la parte migliore di voi è la scimmia. Come a dire forse saremmo meno aggressivi, cattivi, egoisti etc etc se nessuno avesse interferito con il nostro DNA, Dio o chi per essi.

    Mi rimane il dubbio che forse saremmo restati scimmie.

    Ho trascritto la tecnica contenuta nel documentario e la condivido con tutti, [u]nel caso qualcuno la prova e ne trova benefici, si faccia sentire![/u]

    COME SVEGLIARE IL TERZO OCCHIO – GHIANDOLA PINEALE

    Per svegliare la ghiandola pineale bisogna eseguire l'esercizio per 4 volte di seguito (la tecnica è quindi composta da 4 ripetizioni), intervallando una dall’altra con una pausa. Eseguire la tecnica ogni 24 ore circa.

    Tecnica da svolgere (4 ripetizioni):

    1. Per eseguire l’esercizio bisogna prima trovare il giusto tono vibrazionale di voce mormorando la parola LOVE a voce media, non bassa e non alta. Quando trovi il tono giusto te ne accorgi

    [*]2. Mettersi in posizione yoga con schiena dritta e aspettare che tutte le tensioni si fermino

    [*]3. Inalare 3 volte dal naso e poi espirare tutta la tensione attraverso la bocca

    [*]4. Ora immaginare di aprire il terzo occhio (ghiandola pineale) e di entrare in un'amorevole Universo dove tutto ciò che esiste è Beatitudine

    [*]5. Ispirare di nuovo profondamente col naso e trattenere il respiro per un paio di secondi

    [*]6. Prima di espirare premere le labbra e posizionare la lingua tra i denti

    [*]7. Premere gentilmente la lingua con i denti

    [*]8. Mentre si espira lentamente attraverso le labbra premute mormorare forte la parola LOVE e vibrare il suono della V fino a quando non fuoriesce tutta l'aria dai polmoni

    La tecnica deve essere svolta una sola volta al giorno per renderla efficace e potrebbero occorrere 6 settimane (42 ripetizioni) prima che le vostre nuove capacità riaffiorino.


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #46409
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    per quanto riguarda la pineale penso sia molto importante svolgere attività creative
    nella tecnica userei la parola Amore perchè abbia più senso per noi italiani nella nostra coscienza


    #46410
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Non lo so sai Richard, sicuramente è come dici tu, però la vibrazione della V potrebbe essere importante.

    La tecnica non l'ho mai provata 🙂


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #46411
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    penso che sia diverso dalle parole Sanscrite il cui suono è studiato in particolare, in questo caso penso sia il significato della parola la cosa più importante..comunque sia è solo un'idea e poi non cambia nulla, perchè comunque miliardi di persone usano la parola LOVE per dire Amore.
    Nel nostro caso se usiamo Amore dovremmo prolungare la E, ma questo penso abbia più un effetto di rilassamento durante la respirazione.
    Per dire a me emoziona di più dire Amore che Love.

    http://www.lezionidiyoga.it/miti/il-sanscrito-in-occidente/
    “Il sanscrito si distingue infatti come la lingua musicale per eccellenza: nasce dalla purezza e dall’armonia del suono vedico (oggi riconosciuto dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità [5]), che una scuola di grammatici, tra cui spicca il nome di Panini (IV sec. a.C.) [6], volle preservare inalterato nel primo trattato grammaticale dell’antichità [7]; si avvale poi di un alfabeto straordinario, la scrittura devanagari (la scrittura ‘della città celeste’), che “è qualcosa di più che un semplice sistema grafico: è una vera e propria trattazione di fonetica” [8] dove ogni simbolo grafico si legge in un unico modo e ogni suono ha un’unica rappresentazione.”


    #46412
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Non penso che il nostro dna non codificante sia bloccato, penso che noi non sappiamo e abbiamo dimenticato come interagire con esso coscientemente per amplificare le nostre eventuali potenzialità “nascoste”
    Oppure questo è dovuto ad una involuzione della nostra coscienza, del nostro modo di vivere ecc..
    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6161
    “Il trasferimento di informazione attraverso il confine è una funzione dei 64 codoni che generano gli aminoacidi della doppia elica della struttura del DNA. Le combinazioni dei codoni che sembrano inattive (solo 20 dei 64 codoni generano gli aminoacidi del DNA) stanno interagendo geometricamente con le dimensioni frattali dello spazio per trasferire l'informazione oltre il confine,[color=#ff0000] risultando in quello che viene conosciuto comunemente come campo aurico.”[/color]

    Penso quindi che se fosse stato bloccato appositamente non potremmo vivere.

    Sicuramente le emozioni giocano un ruolo chiave e la paura e le emozioni derivanti sono una gabbia

    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6348
    “Daniel Winter chiarisce bene che le nostre emozioni programmano il DNA e il sistema immunitario delle nostre cellule. Le emozioni negative distruggono la coerenza del sistema immunitario mentre quelle positive la migliorano. Secondo Winter la cosa più salutare da fare è aumentare il più possibile l'estasi e la beatitudine nelle nostre vite, dato che è l'emozione più salutare e quindi ci fornisce longevità.”

    http://www.edgarcayce.it/media/lapauraha.htm
    LA PAURA HA DEGLI EFFETTI AUTO-AVVELENANTI (Mark Thurston)

    “Un profondo stato di attesa positivo della presenza di Dio unito alla fiducia del suo amore per noi ed il nostro benessere ci aiuta a realizzare pienamente la comunione nella profonda meditazione. La lettura 281-13 descrive maggiormente quello che accade:

    “Lo spirito e l’anima sono incapsulati, il loro tempio si trova all'interno del corpo individuale – vedete? Con lo svegliarsi. . . , esso sale lungo quello che è noto come la via Appia, o il centro pineale, fino alla base del cervello affinché possa essere disseminato verso quei centri che attivano il tutto, sia l’essere mentale che fisico. Sale poi verso l’occhio nascosto nel centro del cervello, o viene percepito nella fronte, o sopra la vera faccia – o ponte del naso, vedete? ”

    Secondo le letture di Cayce, l'anima è incapsulata nel secondo chakra del corpo, il centro dell’ombelico. Da questo chakra è attirata verso l'alto da una forza magnetica che è il risultato della stimolazione del centro pineale. Questa attira la mente-anima e l’energia verso l'alto alla base del cervello e poi nel centro pineale, nel chakra corona. ”
    http://www.edgarcayce.it/media/meditateper.htm

    IL SISTEMA ENDOCRINO
    http://www.edgarcayce.it/media/sistendocr.htm

    ” Un altro fattore chiave nella formula di Cayce per la longevità è tenere in movimento le energie spirituali: “Continua a far lavorare la ghiandola pineale e non diventerai vecchio!” (294-141) Le letture descrivono la ghiandola pineale (insieme alla ghiandola di Leydig) “la sede dell’anima”.
    Le letture collegano il centro pineale all’energia della forza vitale (kundalini) che scorre attraverso i centri spirituali. Questa è la forza vitale divina, anche chiamata energie creative, che è la fonte di vita e vitalità nel sistema. Preghiera, meditazione, creatività, servizio amorevole – tutti questi sono mezzi per innalzare questa energia e per dare energia alla ghiandola pineale nella sua attività.
    Da: True Health, novembre/dicembre 2003″
    http://www.edgarcayce.it/media/longevit%E0.htm


    #46413
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Ragazzi l' ho visto tutto e l'ho anche trascritto per imparare bene…
    Sono arrivata a pensare che il famoso Nibiru è in realtà Venere. Cotterell ha decodificato la stessa identica cosa, la nascita di Venere e da lì comincia il calendario Maya, il serpente piumato, la perla, la schiuma di mare….non ho dubbi, probabilmente ora siamo vicini di nuovo ad un incontro di questi due pianeti gemelli….
    E' strepitoso….


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #46414
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    Pas, non ho capito io (probabile) o sono strane queste due affermazioni?

    “Per svegliare la ghiandola pineale bisogna eseguire la tecnica per 4 volte di seguito, intervallando una dall’altra con una pausa. Eseguire la tecnica ogni 24 ore circa. ”

    “La tecnica deve essere svolta una sola volta al giorno per renderla efficace e potrebbero occorrere 6 settimane (42 ripetizioni) prima che le vostre nuove capacità riaffiorino.”


    #46415
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Allora gius lo so che ci si può confondere (visto che l'ho scritto io 😀 )

    L'esercizio ripetuto 4 volte diventa “la tecnica”. Questa, la tecnica, la si deve fare ogni 24 ore.

    In pratica le 4 ripetizioni solo una volta al giorno.


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #46416
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    gius ho corretto il post, forse si legge meglio ora 🙂

    Non ho mai fatto la tecnica, però il filmato l'ho visto ed è particolare, soprattutto alla fine…


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #46417
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    Ok, grazie 🙂


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 10 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.