Texas, strage nella base militare

Home Forum L’AGORA Texas, strage nella base militare

Questo argomento contiene 66 risposte, ha 13 partecipanti, ed è stato aggiornato da  marì 8 anni, 10 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 67 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #130707

    marì
    Bloccato

    Due o tre militari hanno aperto il fuoco in un teatro della struttura
    che è la più grande degli Stati Uniti con 55mila abitanti

    Texas, strage nella base militare
    Dodici morti, ucciso uno dei killer

    Obama: “Tragedia sconvolgente, faremo chiarezza su violenza spaventosa”


    Addestramento nella base di Fort Hood

    HOUSTON – Dodici morti e trentuno feriti. E' il tragico bilancio di una sparatoria nella base militare di Fort Hood la più grande del Paese (65mila abitanti), a Killeen in Texas, a metà strada tra Austin e Waco. A sparare sarebbero stati due o tre uomini in divisa. Uno di questi, un ufficiale, è stato ucciso, aveva due pistole. E' stato reso noto il suo nome: maggiore Malik Nadal Hassan, 39 anni, psichiatra, chiare le sue origini mediorientali. Si occupava da anni dei problemi di natura mentale dei soldati della base. Pare dovesse partire per l'Iraq. Altri due sarebbero stato catturato. Non è esclusa, allo stato, l'ipotesi di un'azione terrorista.

    Il luogo della strage si chiama “Howzee Theater”, una grande struttura utilizzata per spettacoli e conferenze. Era in corso una cerimonia per la consegna dei diplomi a militari che hanno superato il primo livello del college. I primi colpi sono stati uditi intorno alle 13 e 30 e provenivano, forse, da un padiglione sanitario vicino al teatro che si chiama “Soldiers Readiness Center” dove i militari in partenza per le zone di guerra vengono sottoposti a visita medica. Qualcuno ha visto soldati insanguinati fuggire mentre per terra c'erano dei cadaveri. La base è stata bloccata: tutti i militari (ce ne sono circa 30mila) e le loro famiglie hanno ricevuto un mail che avvertiva dei fatti e specificava che nessuno può entrare o uscire dall'impianto. Sono state chiuse le quattro scuole elementari e le due medie che servono gli abitanti di Fort Hood. Le vittime accertate sono dodici (compreso Malik): tutti adulti.

    Nella base, ha spiegato John Carter, un membro del Congresso degli Stati Uniti che era presente per partecipare alla cerimonia, sono ospitati diversi militari vittime di stress post traumatico dopo aver combattuto in Iraq o in Afghanistan.

    Obama “sconvolto”
    . Il presidente degli Stati Uniti,
    Barack Obama, ha definito “sconvolgente” la strage di Fort Hood. “Non si conoscono ancora i dettagli – ha detto Obama – sappiamo solo che c'è stata una sparatoria e che molti uomini in uniforme sono stati uccisi, e altri sono rimasti feriti. I miei pensieri vanno alle famiglie. E' sconvolgente sapere che uomini e donne in uniforme muoiono in territori di guerra, ma è ancora più sconvolgente quando questo avviene in territorio americano”.

    (5 novembre 2009)
    http://www.repubblica.it/2009/11/sezioni/esteri/sparatoria-texas/sparatoria-texas/sparatoria-texas.html


    #130708

    marì
    Bloccato

    [color=#0000ff]Aggiornamento:[/color]

    Usa: almeno 12 morti in sparatoria in Texas
    Ferite 31 persone. Obama, è sconvolgente

    06 novembre, 05:07


    Usa: la base in cui è avvenuta la strage

    WASHINGTON – Uno psichiatra dell'esercito che non voleva essere inviato in Iraq ha commesso una strage giovedi' nella base militare di Fort Hood (Texas) aprendo il fuoco contro i soldati in un edificio del complesso: 12 persone sono state uccise e altre 31 sono rimaste ferite. Il maggiore Nidal Malik Hasan, un medico specializzato in malattie mentali, ha agito da solo usando un'arma semi-automatica ed alcune pistole: ha sparato in modo indiscriminato sui soldati impegnati in controlli medici prima di partire per la guerra. Per alcune ore si era pensato che anche lo sparatore fosse rimasto ucciso nella strage. Ma nella tarda serata di giovedi' le autorita' militari hanno rivelato che il maggiore Hasan, un cittadino americano di origine palestinese, e' ancora vivo. E' stato colpito da piu' proiettili ma e' in ''condizioni stabili'', ha annunciato il comandante della base, generale Bob Cone. Il presidente Barack Obama ha parlato di ''orribile tragedia''. ''E' sconvolgente sapere che uomini e donne in uniforme muoiono in territori di guerra – ha detto il presidente – ma e' ancora piu' sconvolgente quando questo avviene in territorio americano''. Quella di Fort Hood, la piu' affollata base americana negli Usa (con oltre 50 mila militari), e' la piu' grave tragedia di questo tipo mai avvenuta nella storia recente degli Stati Uniti. Il maggiore Hasan, 39 anni, nato in Virginia e laureato in biochimica alla Virginia Tech (teatro di un'altra famosa strage), aveva indossato la divisa per quasi venti anni e si considerava ''un patriota'' americano. Aveva studiato con il sostegno finanziario delle forze armate, impegnandosi in cambio a restare per un certo numero di anni in divisa. [color=#ff0000]Un familiare ha rivelato che il medico, che aveva lavorato per sei anni al famoso ospedale militare Walter Reed (a Washington) specializzato nelle cure ai soldati feriti, compresi quelle vittima di stress post-traumatico, si opponeva alla decisione delle autorita' di inviarlo in Iraq. [color=#000000]''Era contrario alla idea di finire in guerra, era il suo incubo, stava facendo tutto il possibile per evitare questa svolta della sua vita [/color]- ha raccontato il cugino Nader Hasan – Aveva ascoltato ogni giorno al Walter Reed i racconti dei soldati rientrati dal fronte e rimasti traumatizzati da cio' che avevano visto''. Il medico, che non era sposato e non aveva figli, considerava l'esercito la sua casa ma era rimasto molto disturbato dagli attacchi verbali e dai sospetti che la sua origine mediorientale provocava anche tra gli uomini in divisa, specie dopo la strage dell'11/9. Si era anche rivolto ad un avvocato per vedere se esisteva la possibilita' di uscire dalle forze armate. Un cugino ha detto che Hasan era di fede islamica fin dalla nascita. I suoi genitori provenivano da un villaggio non lontano da Gerusalemme. Alcuni colleghi lo hanno descritto come un ''solitario'' ed un ''irascibile''. In aprile era stato trasferito da Washington a Fort Hood. Il mese dopo era stato promosso maggiore.[/color] L'esplosione di violenza e' divampata alle 13:30 locali in un edificio della grande base militare, il Soldier Rating and Processing Center, dove decine di soldati erano impegnati in visite mediche di controllo e in pratiche amministrative in vista del trasferimento in Iraq o in Afghanistan. Secondo alcuni testimoni il maggiore avrebbe sparato in modo indiscriminato sui soldati, uccidendo dodici persone e ferendone un'altra trentina, prima di essere bloccato dai proiettili sparati da un agente di polizia. Il generale, in un briefing ai media, ha detto che tutte le indicazioni disponibili ''non sembrano portare a una ipotesi terroristica'' anche se niente ''puo' essere escluso a priori''. L'Fbi aveva indagato tempo fa sui messaggi online di qualcuno che si presentava come Nidal Hasan e che esprimevano approvazione per l'operato degli attentatori kamikaze che sacrificavano la loro vita ''per proteggere i fratelli musulmani''. Ma non e' confermato che si trattasse dello psichiatra dell'esercito. Inizialmente erano stati arrestati dalla polizia di Fort Hood altri tre soldati risultati pero' estranei alla strage. Una circostanza che aveva inizialmente alimentato l'ipotesi del complotto, ipotesi che ha poi perso consistenza. Un familiare ha raccontato che i genitori di Hasan, che sono morti, erano contrari a suo tempo alla sua decisione di vestire la divisa. ''Sono nato e sono stato educato in America – aveva risposto il giovane Hasan – E' mio dovere servire il mio Paese''.

    OBAMA, E' SCONVOLGENTE – Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha definito “sconvolgente” quanto avvenuto oggi a Fort Hood. “Non si conoscono ancora i dettagli – ha detto Obama – sappiamo solo che c'é stata una sparatoria e che molti uomini in uniforme sono stati uccisi, e altri sono rimasti feriti. I miei pensieri vanno alle famiglie. E' sconvolgente sapere che uomini e donne in uniforme muoiono in territori di guerra, ma è ancora più sconvolgente quando questo avviene in territorio americano”.
    http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/mondo/2009/11/05/visualizza_new.html_994206699.html


    #130709

    marì
    Bloccato

    Il video

    [link=hyperlink url]

    Visit msnbc.com for Breaking News, World News, and News about the Economy

    [/link]


    #130710

    marì
    Bloccato

    da SKAY24

    tg24 > mondo
    Texas, sparatoria in una base militare. Sette morti
    Una sparatoria in una base militare nello Stato meridionale nord americano ha provocato 7 morti e 20 feriti. Ad aprire il fuoco sarebbero state due persone in divisa. Uno dei due è stato catturato. Mentre il secondo è fuggito
    05 novembre, 2009

    [link=hyperlink url][/link]


    #130711

    marì
    Bloccato

    Il massacro di Fort Hood, in Texas, non è il primo del suo genere. CNN's Lisa Sylvester guarda attacchi passato che si sono verificati negli impianti militari statunitensi in tutto il mondo.

    [link=hyperlink url][youtube=450,340]We-IypfoFc4[/link]

    Il commento del presidente Obama sulla tragica sparatoria a Fort Hood base dell'esercito in Texas, in cui dodici soldati sono stati uccisi e decine di feriti, definendolo “una terribile esplosione di violenza”. “E 'terribile che vengano sotto il fuoco in una base militare sul suolo americano,” dice.

    Le osservazioni sono state precedute da un “gridare” al vincitore di una medaglia d'onore.

    [link=hyperlink url][youtube=425,344]9fNN_ETf50o[/link]


    #130712
    NEGUE72
    NEGUE72
    Partecipante

    io non ci trovo nulla di strano….
    solo un problema logistico!!!
    ha fatto in America quello che è stato allenato a fare fuori…si sarà solo sbagliato di posto.

    Io credo che chi vuol fare il militare non deve (gia' di suo) avere tutte le rotelle a posto…poi l'addestramento ed il lavaggio del cervello fanno il resto!!!!
    COSTRUISCONO CRUDELI MACCHINE DA GUERRA E POI SI LAMENTANO SE QUALCOSA VA STORTO.


    #130713
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    era da prevedere un massacro così…come si fa a tenere a bada l'aggressività che hanno questi uomini.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #130715

    Detective
    Partecipante

    E' la causa di una vita vissuta troppo nello stress :grrr:


    #130717

    FREESPIRIT
    Partecipante

    ciao farfalla, ciao ragazzi.
    Era scritto che negli ultimi tempi si sarebbero avuti episodi di “harbar” la peste che colpisce i neuroni del cervello!! Quanti di questi episodi improvvisi e inspiegabili, si verificano negli ultimi tempi fino ad oggi?? tanti, troppi.
    Gente che ammazza moglie e figli e poi tenta di togliersi la vita, senza nessun motivo apparente!!
    E' harbar. :o(


    #130718

    Spiderman
    Partecipante

    Chi è causa del suo mal pianga se stesso.


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 67 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.