Un approccio spirituale alla guarigione e al benessere

Home Forum SPIRITO Un approccio spirituale alla guarigione e al benessere

Questo argomento contiene 7 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Kame1 6 anni, 7 mesi fa.

Stai vedendo 8 articoli - dal 1 a 8 (di 8 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #48311

    Kame1
    Bloccato

    Con riferimento all'articolo pubblicato su AG in cui Carlo Dorofatti parla dell'approccio spirituale alla malattia. Indubbiamente condivido il pensiero di Dorofatti quando parla della distanza che intercorre tra la nostra vera coscienza (o Realtà) e la nostra attuale coscienza superficiale e se volessimo parlare in termini orientali ci si potrebbe riferire al velo di “maya” o l'ignoranza alla quale sembra che sottostiamo. La mia unica divergenza su questo pensiero riguarda la sostanza stessa del discorso. Se noi “siamo Dei” allora tutto questo sembra un grande gioco creato apposta per “passare il tempo” e non si capirebbe perché dovrebbe essere un nostro scopo quello di spiritualizzale la materia. Degli Dei che giocano a spiritualizzare la materia. Personalmente preferisco non volare così alto e mettermi nella condizione di un essere veramente inferiore per poter poi ambire a salire quella vetta chiamata coscienza superiore. Se poi, tanto dal punto di vista concreto fosse la stessa cosa, almeno non mi sarei illuso di essere onnipotente, cosa non trascurabile ma soprattutto la differenza sta in un particolare non del tutto insignificante. La lotta che c'è tra la luce e il buio, tra il male e il bene. Non potrei capire mai come degli Dei, quello che saremmo noi secondo Dorofatti, dovrebbero mettere in campo questa contrapposizione, infatti se noi fossimo veramente Dei non ci sarebbe una netta differenza tra il male e il bene ma sarebbero visti entrambi in una scala molto superiore che li contemplerebbe come base per poter evolvere e autoriconoscerci. Ma le cose poi, stanno realmente in questi termini? Se ogni pensiero forma o contribuisce a formare la realtà, come potrebbe tutto questo essere solo in questo modo? Per esempio la mia visione come si porrebbe in questo contesto? Per me infatti noi tutti potremmo ambire a divenire Dei ma ora non lo siamo, non perché non ci ricosciamo tali (sarebbe persino facile farlo) ma perchè non lo siamo.


    #48312
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    potresti essere un Dio in divenire, in crescita verso la tua realizzazione, un percorso che forse non ha fine e che richiede saggezza e umiltà pur riconoscendo la grandiosità del proprio potenziale, dato che puoi esprimere la magia dell'universo e che grazie alla tua espressione lo stesso Universo evolve. Riconosciuto questo in te, lo devi riconoscere negli altri, belli e brutti, che ti appaiano mostruosi o meravigliosi, ma come te sono parte della Coscienza che crea l'Universo.
    Maggiore è il potere e maggiori sono poi le responsabilità.
    Riconosciuto il tuo valore a quel punto puoi riconoscerlo negli altri che possono esserne piu o meno consapevoli di te, quindi il fuoco in te aumenterà spingendoti ulteriormente nello sviluppo del tuo potenziale spirituale e materiale sì, ma in funzione spirituale se ti dirigi nella direzione, a mio parere almeno, giusta.

    Noi tutti — e tu sei come gli altri — siamo dei in via di formazione; non Il Dio, ma dei in via di formazione ! Perché Egli vorrebbe che tu fosti tutt’uno con Lui. 877-21
    Voi siete dei ! Ma state diventando diavoli o veri dei ! 281-30
    http://www.edgarcayce.it/media/spiritualforce.htm


    #48313
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Kame, non l'ho ancora visto il video ma posso dirti che siamo qui proprio per cercare di capire lo scopo della nostra esistenza. Ed è purtroppo una cosa che possiamo fare solo individualmente. Nessuno ti può dire cosa è giusto e cosa non lo è. Ognuno si trova su un livello diverso e possiamo solo scambiarci dei punti di vista. L' esperienza la devi fare tu. Qui, su Ag puoi fare delle scoperte meravigliose, oppure sconcertanti…vedi tu.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #48314

    Kame1
    Bloccato

    Noi tutti — e tu sei come gli altri — siamo dei in via di formazione; non Il Dio, ma dei in via di formazione ! Perché Egli vorrebbe che tu fosti tutt’uno con Lui. 877-21
    Voi siete dei ! Ma state diventando diavoli o veri dei ! 281-30

    Rispetto il punto di vista altrui e proprio per questo “lascio liberi” gli altri di sentirsi come vogliono o come “sono”. Dire poi che siamo “dei” e non Dei per me rimane un gioco linguistico per affermare un qualcosa che mi sfugge. E' impossibile far parte di una certa cosa è di un certo gioco quando ci sono pensieri diversi, e se il pensiero “crea” non è difficile capire che ognuno di noi si sta “creando” un suo destino. Il dire “siamo dei” porta indiscriminatamente tutti verso un unico destino, prima o poi, ma dovremmo considerare che forse non tutti sono d'accordo in questo. Se quindi come si dice all'inzio siamo “dei” che si sono dimenticati di esserlo, questo è vero per chi ci si sente e non per chi fa parte “mentalmente” di un altro “cerchio” di pensieri.


    #48315
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1327875003=Kame1]

    Noi tutti — e tu sei come gli altri — siamo dei in via di formazione; non Il Dio, ma dei in via di formazione ! Perché Egli vorrebbe che tu fosti tutt’uno con Lui. 877-21
    Voi siete dei ! Ma state diventando diavoli o veri dei ! 281-30

    Rispetto il punto di vista altrui e proprio per questo “lascio liberi” gli altri di sentirsi come vogliono o come “sono”. Dire poi che siamo “dei” e non Dei per me rimane un gioco linguistico per affermare un qualcosa che mi sfugge. E' impossibile far parte di una certa cosa è di un certo gioco quando ci sono pensieri diversi, e se il pensiero “crea” non è difficile capire che ognuno di noi si sta “creando” un suo destino. Il dire “siamo dei” porta indiscriminatamente tutti verso un unico destino, prima o poi, ma dovremmo considerare che forse non tutti sono d'accordo in questo. Se quindi come si dice all'inzio siamo “dei” che si sono dimenticati di esserlo, questo è vero per chi ci si sente e non per chi fa parte “mentalmente” di un altro “cerchio” di pensieri.
    [/quote1327875003]
    Sono discorsi non semplici e facili da fraintendere e che ognuno deve maturare in se,siamo d'accordo
    Quella e' una frase di Cayce che trovo una importante fonte di studio, andrebbe letta nel contesto della sua filosofia


    #48316

    Kame1
    Bloccato

    Sono discorsi non semplici e facili da fraintendere e che ognuno deve maturare in se,siamo d'accordo
    Quella e' una frase di Cayce che trovo una importante fonte di studio, andrebbe letta nel contesto della sua filosofia

    Senz'altro. bisognerebbe prima pensare come lui e poi resterebbe facile tradurre quella sua frase.


    #48317
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Si è visto che ogni atomo, ogni corpuscolo, ha all'interno la stessa forma dell'intero universo – dentro la sua STESSA struttura. (Edgar Cayce – Lettura 281-024 29/06/1935)

    http://it.wikipedia.org/wiki/Ologramma
    Ogni parte dell'ologramma, poi, contiene l'intera informazione: tagliando in due parti l'ologramma entrambe mostreranno sempre l'oggetto per intero.

    Ogni individuo è, in realtà, quella manifestazione della concezione dell’individuo della forza che lo incita dal suo intimo, sia essa chiamata Dio, Natura, Forze Universali, poteri naturali o che altro. 900-234

    E quando vengono date le vibrazioni elettriche, sappi che la Vita stessa –senza dubbio — è la Forza Creativa o Dio, però le sue manifestazioni nell’uomo sono elettriche — o vibratorie. Sappi allora che la forza in natura che viene chiamata elettrica o elettricità è quella stessa forza che venerate come Creativa o Dio in azione. 1299-1

    Elettricità o vibrazione è quella stessa energia, la stessa forza che chiamate Dio. Non che Dio sia una luce elettrica o una macchina elettrica, ma vibrazione che è creativa è della stessa energia della vita stessa. 2828-4
    http://www.edgarcayce.it/media/diol%27energia.htm


    #48318

    Kame1
    Bloccato

    [quote1327908691=Richard]
    Si è visto che ogni atomo, ogni corpuscolo, ha all'interno la stessa forma dell'intero universo – dentro la sua STESSA struttura. (Edgar Cayce – Lettura 281-024 29/06/1935)

    http://it.wikipedia.org/wiki/Ologramma
    Ogni parte dell'ologramma, poi, contiene l'intera informazione: tagliando in due parti l'ologramma entrambe mostreranno sempre l'oggetto per intero.

    Ogni individuo è, in realtà, quella manifestazione della concezione dell’individuo della forza che lo incita dal suo intimo, sia essa chiamata Dio, Natura, Forze Universali, poteri naturali o che altro. 900-234

    E quando vengono date le vibrazioni elettriche, sappi che la Vita stessa –senza dubbio — è la Forza Creativa o Dio, però le sue manifestazioni nell’uomo sono elettriche — o vibratorie. Sappi allora che la forza in natura che viene chiamata elettrica o elettricità è quella stessa forza che venerate come Creativa o Dio in azione. 1299-1

    Elettricità o vibrazione è quella stessa energia, la stessa forza che chiamate Dio. Non che Dio sia una luce elettrica o una macchina elettrica, ma vibrazione che è creativa è della stessa energia della vita stessa. 2828-4
    http://www.edgarcayce.it/media/diol%27energia.htm

    [/quote1327908691]

    Esatto, ma tutto quanto mai potremmo capire ed elaborare, rispetto a come stanno le cose è davvero poco. La descrizione di un Dio fatto di energia è relativa a quella parte diremo che Dio manifesta attraverso questo lato. Questo non è un modo relativo di descrivere qualcosa che ci sovrasta enormemente e che non è possibile avere con un esempio materiale. Tutto quello che mai potremo pensare in maniera finita o infinta è già presente ora in forme che neppure immaginiamo. La Natura è un aspetto infinitesimo e tra l'altro anche essa è in via di perfezionamento. La Perfezione già deve esistere altrimenti sarebbe del tutto impossibile che queste manifestazioni imperfette possano prendere forma, di cui la Natura stessa è un esempio.


Stai vedendo 8 articoli - dal 1 a 8 (di 8 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.