UN MICROCHIP NEL CERVELLO PER STIMOLARE L'ORGASMO

Home Forum SALUTE UN MICROCHIP NEL CERVELLO PER STIMOLARE L'ORGASMO

Questo argomento contiene 46 risposte, ha 18 partecipanti, ed è stato aggiornato da  elohim 9 anni, 5 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 47 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #53764

    elohim
    Partecipante

    “Un microchip nel cervello per stimolare l'orgasmo”
    Dalla Oxford University un dispositivo in grado di stimolare il piacere
    di SARA FICOCELLI

    ALTRO che “Sex and the City”: secondo i ricercatori della Oxford University la prossima rivoluzione sessuale sarà quella del “sex and the chip”, ovvero del chip da impiantare nel cervello per stimolare l'orgasmo. La scoperta nasce dopo anni di studio in materia di “deep brain stimulation”, tecnica finora utilizzata per curare, ad esempio, i disturbi dell'apparato uditivo e visivo. Perché dunque non approfittarne per lenire anche quelli sessuali?

    Questa domanda se la pose per primo, una decina di anni fa, il dottor Stuart Meloy, neurologo dell'università del North Carolina, che sperimentò con successo su una donna uno stimolatore cerebrale del piacere. Purtroppo però la paziente decise di farsi rimuovere l'apparecchio perché non riusciva ad adeguarsi ai nuovi impulsi.

    La ricerca degli scienziati inglesi si è oggi concentrata sulla corteccia orbifrontale, situata dietro agli occhi e legata alle sensazioni di benessere provocate da cibo e sesso. Il professor Morten Kringelbach, membro anziano del reparto di psichiatria dell'università di Oxford, ha rivelato che questa parte del cervello potrebbe essere una nuova chiave di stimolo per aiutare chi soffre di anedonia, che è l'incapacità di provare sensazioni piacevoli. I risultati dell'indagine sono stati segnalati sulla rivista “Nature Rewiews Neuroscience”.

    “La stimolazione corticale con microchip non è una novità”, spiega il neurologo Carlo Sebastiano Tadeo, dell'istituto clinico Santa Rita di Milano. “Ma finora la sua applicazione si è rivolta per lo più alla cura di malattie come il Parkinson. Credo comunque che una scoperta del genere potrebbe essere perfettamente efficace: il nostro cervello è composto da centraline che pilotano le cosiddette “vie ultime finali”, vale a dire quei processi biochimici che determinano le sensazioni. Dietro al dolore e al piacere c'è anche una componente psicologica, ma la stimolazione di zone della corteccia circoscritte e mirate porta sempre a risultati significativi”.

    L'applicazione del microchip, che verrebbe impiantato direttamente nel cervello, richiederebbe inoltre, dal punto di vista chirurgico, una serie di operazioni complesse. “Quando la tecnologia verrà migliorata potremo controllare più zone cerebrali. Il chip dovrà essere sottile e potrà essere acceso o spento a seconda delle necessità – ha detto il neurochirurgo Tipu Aziz, anche lui coinvolto nello studio – Tra dieci anni le applicazioni saranno stupefacenti: oggi non conosciamo neanche la metà di tutte le potenzialità di questa scoperta”.

    In Italia, secondo una ricerca della Società Italiana di Medicina Generale, l'anorgasmia colpisce circa il 30,1% delle donne. Stando a uno studio del Primary Care Sciences Research Centre della Keele University, in Gran Bretagna, questo disturbo spesso ha origini genetiche, salvo casi di incapacità dovuta a traumi o a condizioni psicologiche soggettive. “Sono poche però le donne che avvertono l'anorgasmia come un vero problema”, conclude Rifelli. “La nostra università fornisce ad esempio un servizio clinico di sessuologia, ma la domanda di aiuto è modesta. Eppure i dati che abbiamo ci dicono che è un disturbo diffuso. Questo, a mio avviso, dipende dal fatto che le priorità della donna di oggi sono principalmente la carriera e la maternità. Femminilità e vita sessuale soddisfacente vengono considerati aspetti secondari, se necessario anche da sacrificare”.


    #53765

    ezechiele
    Partecipante

    premesso che fortunatamente ho tanti problemi ma non quello di cui sopra (e quindi esprimo solo un pregiudizio)

    sarò una bestiaccia ignorante ma l'idea di farmi impiantare un chip mi inorridisce

    a dirla tutta mi giran già sufficientemente le balle averlo DOVUTO far impiantare al cane


    #53766
    NEGUE72
    NEGUE72
    Partecipante

    A ME DEVONO AVERLO GIà IMPIANTATO!
    HEHEHEH….
    scherzi a parte,mai e e poi mai mi farei mettere un chip!!


    #53767

    meskalito
    Partecipante

    Per l'amor del cielo.


    #53768

    cenereo
    Bloccato

    il tantra signori…niente di meglio…
    :dance:


    #53769

    Pyriel
    Bloccato

    ….


    #53770

    mysterio
    Partecipante

    Nel leggere queste notizie ci sarebbe da inorridire invece certe cose vengono fatte passare come “progresso scientifico” e magari giustificate pure da paroloni tipo “emancipazione femminile”..


    #53771
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    [quote1230478345=mysterio]
    Nel leggere queste notizie ci sarebbe da inorridire invece certe cose vengono fatte passare come “progresso scientifico” e magari giustificate pure da paroloni tipo “emancipazione femminile”..
    [/quote1230478345]

    Io, infatti, ho inorridito a leggere questa notizia. Posso solo aggiungere: Chi è causa del suo male, pianga se stesso.


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #53772

    zret
    Partecipante

    Ezechiele, i microchip nei cani possono causare vari problemi, anche tumori. Io glielo farei togliere, se è possibile.

    Il 666 dietro l'angolo?

    Eze, quando l'avatar con la cagnolina?

    Ciao


    #53773

    cenereo
    Bloccato

    …a parte le battute…mi dispiace per chi soffre della patologia innanzi detta,l'anedonia,
    ma se si comprendesse finalmente che il corpo non è solo una meravigliosa macchina….e che ci si ammala per volontà(conscia o inconscia che sia),come si guarisce per volontà….


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 47 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.