Vegetariano, si ma come?

Home Forum SALUTE Vegetariano, si ma come?

Questo argomento contiene 160 risposte, ha 32 partecipanti, ed è stato aggiornato da prixi prixi 3 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 161 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #57162

    Tillandsias
    Partecipante

    Il passaggio da onnivoro a vegetariano non è semplice; non tanto per motivi nutrizionistici, visto che i vegetariani sono persone che tranquillamente vivono (ed anche bene…), quanto per motivi psicologici: l'idea di non mangiare carne, ovvero di non cibarsi di MASSA è difficile da accettare.
    Ciò, infatti, contrasta con l'educazione alimentare tramandata dalla generazioni passate.

    Mettiamo che io voglia avviare un percorso alimentare che tenda a limitare l'uso di carne e che, col tempo, lo elimini proprio: avete consigli?

    Preferirei non affidarmi ad un nutrizionista perchè credo che non ce ne sia l'esigenza: conosco persone che dall'oggi al domani hanno eliminato la carne dalla propria dieta.

    Inoltre, quali sono i pro e quali i contro di una dieta alimentarte vegetariana? Gli sforzi fisici possono essere comunque effettuati? Una eventuale attività sportiva ne verrebbe influenzata?

    Grazie in anticipo a tutti coloro che vorranno dare il prorio contributo.


    #57163
    maraxma
    maraxma
    Partecipante

    …l'unico rischio nel passaggio da onnivoro a vegetariano, è, a mio avviso, la possibilità di aumentare il consumo di glutine (contenuto nelle farine ottenute da cereali quali grano, in primis, avena…., quindi pasta, pane, ecc…), a sua volta molto dannoso, soprattutto se consumato in grandi quantità .

    Dai, quindi, ampio spazio a frutta e verdura (meglio se cruda e di stagione), legumi, uova (sempre che la tua scelta non sia più radicale da escludere anche i derivati animali), cereali senza glutine (riso, mais, miglio…). Evita latte e latticini.
    Preferisci i secondi piatti ai primi.

    Una curiosità….: a che gruppo sanguigno appartieni?


    #57164

    Tillandsias
    Partecipante

    [quote1251879517=maraxma]
    …l'unico rischio nel passaggio da onnivoro a vegetariano, è, a mio avviso, la possibilità di aumentare il consumo di glutine (contenuto nelle farine ottenute da cereali quali grano, in primis, avena…., quindi pasta, pane, ecc…), a sua volta molto dannoso, soprattutto se consumato in grandi quantità .

    Dai, quindi, ampio spazio a frutta e verdura (meglio se cruda e di stagione), legumi, uova (sempre che la tua scelta non sia più radicale da escludere anche i derivati animali), cereali senza glutine (riso, mais, miglio…). Evita latte e latticini.
    Preferisci i secondi piatti ai primi.

    Una curiosità….: a che gruppo sanguigno appartieni?
    [/quote1251879517]
    Il gruppo sanguigno ha influneza su questa scelta?


    #57165
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Caro amico mio, togli la carne in un colpo secco, tanto non ne hai bisgono.

    Poi cerca di diventare sempre più frugivoro e quindi fai così: sostituisci i pasti che facevi con la carne con la frutta e non eccedere con i farinacei, compresi i cereali (non abbondare) che vanno mangiati il più possibili integrali.

    Questo è il mio consiglio, non specialistico, personale.

    Ciao!


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #57166

    Spiderman
    Partecipante

    [quote1251880976=Tillandsias]
    Il passaggio da onnivoro a vegetariano non è semplice; non tanto per motivi nutrizionistici, visto che i vegetariani sono persone che tranquillamente vivono (ed anche bene…), quanto per motivi psicologici: l'idea di non mangiare carne, ovvero di non cibarsi di MASSA è difficile da accettare.
    Ciò, infatti, contrasta con l'educazione alimentare tramandata dalla generazioni passate.

    Mettiamo che io voglia avviare un percorso alimentare che tenda a limitare l'uso di carne e che, col tempo, lo elimini proprio: avete consigli?

    Preferirei non affidarmi ad un nutrizionista perchè credo che non ce ne sia l'esigenza: conosco persone che dall'oggi al domani hanno eliminato la carne dalla propria dieta.

    Inoltre, quali sono i pro e quali i contro di una dieta alimentarte vegetariana? Gli sforzi fisici possono essere comunque effettuati? Una eventuale attività sportiva ne verrebbe influenzata?

    Grazie in anticipo a tutti coloro che vorranno dare il prorio contributo.
    [/quote1251880976]

    Ciao, io sono stato vegetariano per 4 anni e ora da 3 sono vegan. Il passaggio lo puoi fare tranquillamente senza nessuna carenza a livello nutrizionale, per la questione psicologica dipende da te e da quanto sei convinto della scelta. Per quel che riguarda lo sport stai tranquillo, non avrai carenze se ti alimenti adeguatamente, io faccio 4/5 allenamenti a settimana e sto divinamente, di testa e di fisico. Se non ti basta la mia testimonianza ne trovi in giro quante vuoi, tra cui quelle di Carl lewis (vegan), Edwin Moses o la Navratilova , sicuramente più autorevoli della mia. Ti lascio qualche link nel caso tu voglia approfondire, e se lo permetti mi complimento per la scelta.

    http://www.vegfacile.info/

    http://www.scienzavegetariana.it/

    http://www.vegpyramid.info/

    E questo importantissimo per stare ai fornelli 😉 http://www.veganblog.it/


    #57167
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Ciao :bay:
    Ti posso rispondere che non è facile, dato che da millenni l'uomo si ciba di carne…
    tutti i Maestri Orientali consigliano di non fare la scelta di colpo, Yogananda diceva di smettere piano piano le carni rosse e di mangiare solo bianche…probabilmente il nostro DNA è talmente abituato al consumo di proteine di origine animale che se passiamo a una dieta vegetariana il nostro organismo se ne risente.

    Ogni individuo deve fare una prova gradualmente….perchè se di notte sogni il pollo arrosto…tanto meglio mangiarlo ancora.
    :amicil:


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #57168

    Tillandsias
    Partecipante

    [quote1251885698=Spiderman]
    Ciao, io sono stato vegetariano per 4 anni e ora da 3 sono vegan. Il passaggio lo puoi fare tranquillamente senza nessuna carenza a livello nutrizionale, per la questione psicologica dipende da te e da quanto sei convinto della scelta. Per quel che riguarda lo sport stai tranquillo, non avrai carenze se ti alimenti adeguatamente, io faccio 4/5 allenamenti a settimana e sto divinamente, di testa e di fisico. Se non ti basta la mia testimonianza ne trovi in giro quante vuoi, tra cui quelle di Carl lewis (vegan), Edwin Moses o la Navratilova , sicuramente più autorevoli della mia. Ti lascio qualche link nel caso tu voglia approfondire, e se lo permetti mi complimento per la scelta.
    [/quote1251885698]

    Credo che sia troppo restrittivo, almeno per ora.
    Inoltre, da quanto ho capito i veganiani non bevono neanche il latte di origine animale: credo che eticamente mungere una mucca non sia abominevole come ucciderla per magiarla.
    Se analizziamo il concetto nel profondo, allora si potrebbe obiettare che per mungerla devi tenerla in cattività e dunque privarla della propria òibertà senza che lei abbia acconsentito.
    E qui si possono aprire tante discussioni in merito: il tema diventa complesso.


    #57169
    maraxma
    maraxma
    Partecipante

    [quote1251885539=Tillandsias]

    Il gruppo sanguigno ha influneza su questa scelta?
    [/quote1251885539]

    Secondo l'emodieta (dieta del gruppo sanguigno) il gruppo che risente meno del passaggio sarebbe il gruppo A (gruppo nato nel momento in cui l'uomo è diventato agricoltore).
    Comunque se la cosa ti interessa puoi trovare del materiale qui : http://www.mednat.org/alimentazione/emodieta.htm
    :bay:


    #57170

    Tillandsias
    Partecipante

    [quote1251887297=maraxma]
    [quote1251885539=Tillandsias]

    Il gruppo sanguigno ha influneza su questa scelta?
    [/quote1251885539]

    Secondo l'emodieta (dieta del gruppo sanguigno) il gruppo che risente meno del passaggio sarebbe il gruppo A (gruppo nato nel momento in cui l'uomo è diventato agricoltore).
    Comunque se la cosa ti interessa puoi trovare del materiale qui : http://www.mednat.org/alimentazione/emodieta.htm
    :bay:

    [/quote1251887297]


    #57171

    Anonimo

    Io sono vegetariana per pura e semplice compassione verso gli animali macellati.
    Delle carenze nutrizionali me ne frego, sono persino un tantino anoressica.
    Comunque integro con multivitaminici e multiminerali.

    P.S. :Sconsiglio di fare come me.


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 161 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.