Venere un nuovo pianeta abitabile?

Home Forum EXTRA TERRA Venere un nuovo pianeta abitabile?

Questo argomento contiene 11 risposte, ha 4 partecipanti, ed è stato aggiornato da  paolo-r 7 anni, 10 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 12 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #31886

    paolo-r
    Partecipante
    #31887
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    io non ritengo reali queste comunicazioni, ma è mio parere
    Però secondo altre fonti che ho letto ho ipotizzato fantasticando che se dovesse avvenire un trasloco planetario allora Venere potrebbe essere la destinazione
    Certamente non secondo i dati ufficiali sullo stato di Venere come abitabilità

    Però..
    http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_08.htm
    8.7.9 – VENERE

    Su Venere si sono osservati significativi cambiamenti fisici, chimici e ottici. Questo include una sottile diminuzione nella quantità di gas contenenti solfuro, un’inversione nelle aree dei punti di luce e ombra e un sostanziale aumento nella sua brillantezza generale. Un articolo ufficiale su questi cambiamenti di Kenneth Chang sul New York Times dell’28-01-01, dice [9]:

    Ogni volta che [gli scienziati] danno un’occhiata [a Venere] gli sembra sempre di vedere qualcosa di diverso, con fenomeni che appaiono e scompaiono come il sorriso dello Stregatto. Nel Novembre 1999, i ricercatori dello S.R.I. International e del Lowell Observatory il telescopio Keck da 10 metri a Mauna Kea, Hawaii, verso [il lato notturno di] Venere per otto minuti e hanno visto la caratteristica luce verde degli atomi di ossigeno. “E’ stata una totale sorpresa”, ha detto il dott. Thomas G. Slanger, uno scienziato dell’ S.R.I. e prima firma dell’articolo dell’attuale edizione di Science. [grassetti aggiunti]

    Secondo Siragusa in caso di “trasloco” necessario sarebbe avvenuto momentaneamente verso Europa, la luna di Giove poi saremmo tornati sulla Terra ripulita.

    Non ritengo impossibile un intervento del genere in caso di estrema necessità

    “Sommario dei Dati di Visione Remota su Marte
    Gli esercizi di remote view riportano la possibile esistenza di una presente Culture su Marte, di forma umanoide, vivente sotto la superficie di Marte, così come in basi sotterranee sulla Terra, negli USA e nelle colonie rurali del Sud America.

    Questa cultura marziana sembra derivare da sopravvissuti a un cataclisma del Sistema Solare Marziano in un distante passato. I sopravvissuti del cataclisma Marziano, sono stati salvati in una operazione di viaggio temporale approvata da un governo galattico conosciuto come “Federazione Galattica”. L'operazione di salvataggio in viaggio temporale sembra essere stata condotta da una cultura Esterna al Pianeta conosciuta come i “Grigi”. ”
    http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.3321

    Intervista a Eugenio Siragusa del 8/6/2004
    “G.: Oggi è l'8 Giugno, e c'è Venere che è di fronte al Sole, quale è il significato di questo allineamento?
    E.: Che il sistema solare sta subendo dei mutamenti eccezionali, per ordine dell'essere macrocosmico, che non è Adonai. Adonai è l'essere di questo sistema solare che ha creato con il permesso dell'essere macrocosmico.

    G.: Una cosa immensa!
    E.: Si. Perché tu non sei una cosa immensa? Se conti tutte le cellule che hai e tutti gli enzimi che porti. Anche tu sei un universo in miniatura.

    G.: Microcosmo e Macrocosmo come diceva Ermete Trismegisto!
    E.: Esatto.

    G.: E chi era Ermete Trismegisto?
    E.: Un amico mio….

    G.: Per quale motivo Venere orbiterà al posto della Terrà?
    E.: Perché è previsto lo spostamento del pianeta Venere al posto della Terra e la Terra andrà al posto di Marte, mentre Mercurio prenderà il posto di Venere. In sostanza il sistema solare si sta allargando, sta crescendo.

    G.: Quindi è un evento cosmico.
    E.: Un evento cosmico che poteva essere accettato senza conseguenze dannose dalla coscienza pulita e lungimirante dell'umanità di questo pianeta che invece ha reso questo pianeta sporco e puzzolente.”
    Fonte:associazionesaras.it


    #31888
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    se fosse vero sarebbe una soluzione ideale…


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #31889
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    bellissime le parole di siragusa sul microcosmo e macrocosmo..comunque non so fino a che punto venere possa diventare la vera alternativa alla terra..anche se è la sua gemella e ci sono cambiamenti repentini non credo però possano sconvolgersi completamente..


    #31890
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    mi incuriosisce il discorso della “crescita del sistema solare”, chiaro che una cosa del genere è piuttosto forte..

    http://www.associazionesaras.it/index.php?option=com_content&view=article&id=235:i-cambiamenti-dimensionali-del-sistema-solare&catid=85:testi-conferenze&Itemid=125
    “In effetti, qualcosa di veramente tremendo sconvolse, in un tempo remoto, non solo la vita del pianeta Marte, ma quella dell’intero sistema solare: l’esplosione di un pianeta. Circa 100 milioni di anni fa la Terra, ancora in via di sviluppo, si trovava nell’orbita del pianeta Venere e Venere nell’orbita del pianeta Mercurio, in quell’epoca non ancora esistente. Allora, i pianeti del nostro sistema solare occupavano orbite diverse da quelle attuali e ciò causa della presenza di un pianeta chiamato Mallona o Luce di cui è rimasto solo un’enorme ammasso di asteroidi.”

    “L’esplosione del pianeta Mallona creò enormi disastri nel sistema solare: la Terra, Venere e Marte ricevettero enormi urti, mentre giganteschi macigni del pianeta esploso si diressero verso ogni parte dello spazio siderale.
    Fu allora che sul pianeta rosso le strutture vitali del popolo marziano cessarono di essere geneticamente tridimensionali e passarono repentinamente, a causa della grande distruzione, nella quarta dimensione. Mentre milioni e milioni di esseri perivano la coscienza vitale del pianeta programmava la rigenerazione della razza e il conseguente salto qualitativo che quella dura selezione aveva permesso. ”

    “Grandi cambiamenti stanno avvenendo nell’intero sistema solare ed in tutta la galassia, il nostro sistema solare si sta preparando ad un’espansione. Ogni pianeta sta subendo un salto qualitativo ed in seguito a questo processo Mercurio orbiterà nell’orbita di Venere (la seconda orbita), Venere orbiterà nell’orbita della Terra (la terza), la Terra orbiterà nell’orbita di Marte (la quarta) e così via. Tutto ciò riguarda solo i pianeti solidi poiché i pianeti gassosi hanno un altro tipo di evoluzione con altre manifestazioni dimensionali.
    Marte presto abbandonerà ciò che riamane della sua natura fisica tridimensionale proiettandosi in una dimensione superiore. Le orbite dunque corrispondono alle dimensioni, per cui ogni pianeta subirà un salto dimensionale con tutto ciò che ne consegue. ”

    [youtube=480,385]eFKqEZjXwj4

    Vi sono quei vari regni intorno al sistema solare in cui ogni entità può trovarsi quando è assente dal corpo; assume in quegli altri regni non una forma terrena ma uno schema—in conformità con gli stessi elementi dimensionali di quel pianeta o spazio individuale. 2533-8

    Troviamo sul piano della terra le tre dimensioni, in Venere quattro, in Giove cinque, in Urano sette—tutte queste; non come dei piani, come ne viene parlato a volte, ma delle coscienze—la capacità di ragionare partendo da certe attività. 3006-1

    Ce ne possono essere sette, in Mercurio—o quattro, in Venere—o cinque, come in Giove. Ce ne può essere soltanto una, come in Marte. Ce ne possono essere molte di più, come in quelle di Nettuno, oppure possono diventare addirittura nulla—finché non ci si sarà purificati nei fuochi di Saturno. 311-2

    Su Venere la forma del corpo è vicina a quella sul piano tridimensionale. Perché è ciò che si può chiamare comprensivo di tutto. 5755-1
    http://www.edgarcayce.it/media/4epiu.htm

    http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_07.htm
    I prossimi diagrammi vengono dal lavoro di Stoneking, e mostrano le onde che sono create dalla pulsazione Solare e come queste onde a turno posizionino i pianeti:
    http://www.stazioneceleste.it/immagini/wilcock_immag/wilcock_TDC_7_006.gif

    http://www.stazioneceleste.it/immagini/wilcock_immag/wilcock_TDC_7_007.gif

    In questo documento del 1998 J.B. Stoneking ha calcolato le lunghezza d’onda che erano prodotte da ognuno dei differenti intervalli armonici che il Sole produce, come la pulsazione di 5 minuti, 10 minuti, 80 minuti, 160 minuti, eccetera. Queste lunghezze d’onda sarebbero state misurate come esistenti a certe distanze dal Sole. Calcolare le lunghezze d’onda è un problema matematico semplice che include la distanza che la superficie del Sole percorre in ogni pulsazione, (2-3 Km) il tempo che impiega per eseguire ogni pulsazione (intervalli di 5 minuti) e la velocità a cui le onde viaggiano, che è la velocità dalla luce (186.000 miglia al secondo).

    Quando Stoneking è eseguito questi calcoli, che sono pubblicati in questo documento, ha trovato che c’era un pianeta sul margine di ogni lunghezza d’onda che egli ha scoperto, come possiamo vedere nelle figure. Questi “nodi” nella lunghezza d’onda erano zone di pressione minima, dove tutte le vibrazioni si annullavano e permettevano ai pianeti di formarsi. Inoltre, l’intera eliosfera, formata dal campo magnetico solare, è profonda esattamente cinque volte la pulsazione di 160 minuti
    http://www.stazioneceleste.it/immagini/wilcock_immag/wilcock_TDC_7_008.gif

    Inoltre, Stoneking ha scoperto che ogni pianeta è posizionato ad un determinato numero esatto di diametri solari di distanza dal Sole. Ogni orbita planetaria cadrà perfettamente in linea con una delle “increspature” formate dalla pulsazione del Sole attraverso l’etere dal momento che risuona come un tamburo gigante. Il diagramma precedente fa sembrare che solo i pianeti esterni si allineano col diametro solare, ma il diagramma non è in scala; e il diametro del sole è in realtà molto più piccolo della pulsazione di 160 minuti. Questa connessione armonica tra le posizioni dei pianeti fornisce il dato scientifico forte che Oliver Crane ha dedotto nel suo documento “Oscillatore Centrale”.
    ———


    #31891
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    è un discorso affascinante vero o falso che sia..magari c è un mix di verità cindito da qualche bugia


    #31892
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    in ongi caso
    la “fine del mondo” che poi è fine di un ciclo, è una buona cosa, perchè è la nascita di un nuovo mondo.


    #31893
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    naturalmente rich


    #31894
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Cercasi miliardari per la colonizzazione planetaria
    [code][/code]

    Sembra che la NASA stia valutando seriamente la prospettiva del trasporto planetario. Meglio ancora, potrebbe essere in esame anche la costruzione di navi spaziali in grado di portarci su mondi lontani. E non si parla di progetti da sviluppare nel prossimo secolo: pare che l'Agenzia, entro pochi anni, rivelerà un prototipo di nave spaziale per il viaggio interplanetario, e forse interstellare.

    L'annuncio viene da Pete Worden, direttore del Ames Research Center della NASA, durante il suo discorso alla conferenza della Long Now Foundation. Il progetto si chiama “Hundred Year Starship”, e prevede una collaborazione tra la NASA e la DARPA per lo sviluppo di nuovi sistemi di propulsione.

    “Chiunque abbia mai visto L'Enterprise di Star Trek, sa che non si vedono lunghe scie di fiamme” dice Worden. “Nel giro di pochi anni vedremo il primo, vero prototipo di nave spaziale per il viaggio interplanetario”. E aggiunge: “Ora puntiamo davvero a insediarci su altri mondi. Venti anni fa si doveva sussurrarlo in locali bui e si veniva licenziati”.

    Il progetto per la nave spaziale ha ricevuto un finanziamento di 1 milione di dollari dalla DARPA, e 100.000 dollari dalla NASA. Decisamente poco per un progetto così ambizioso, e per questo Worden spera in finanziamenti privati da parte di miliardari.

    Ma come funzionerà la nave spaziale? Sappiamo tutti che ci sono limiti fisici (per ora) invalicabili, e che il “warp drive”, la propulsione a curvatura di Star Trek, potrebbe essere mai realizzabile.
    Il motore di Hunder Years Starship si basa su un fascio di microonde in grado di riscaldare dell' idrogeno, che verrebbe utilizzato come propellente.
    “Non si deve trasportare tutto il carburante. Si usa l'energia di un laser o delle microonde per riscaldare il propellente. Credo sia un metodo per lasciare il nostro pianeta”.
    Worden conclude dicendo: “Credo che andremo sulle lune di Marte circa nel 2030”.

    Fino ad ora, la prospettiva di esplorare altri mondi era nemmeno lontanamente presa in considerazione, spesso bollando la sola idea come irrealizzabile. Sebbene la colonizzazione planetaria non sia per nulla prevista dal budget messo a disposizione alla NASA, Worden ha affermato di aver discusso le possibilità di realizzare il progetto con Larry Page, co-fondatore di Google.

    Dalla loro conversazione sarebbe emersa la necessità di stanziare circa 10 miliardi di dollari per una missione di sola andata su Marte, ma l'obiettivo è ben più ambizioso: raggiungere mondi appartenenti ad altri sistemi planetari. Diversi miliardari sembrano interessati al progetto, sempre che il contributo possa rimanere limitato a un massimo di un paio di miliardi di dollari.

    http://www.ditadifulmine.com/2010/10/cercasi-miliardari-per-la.html


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #31895
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    k notiziona


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 12 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.