Videocracy: Documentario di Erik Gandini

Home Forum L’AGORÀ Videocracy: Documentario di Erik Gandini

Questo argomento contiene 3 risposte, ha 4 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Sephiroth 9 anni, 1 mese fa.

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #129261

    Sephiroth
    Partecipante

    [youtube=560,340]-9AXQGGkgK8*

    http://www.cinemaitaliano.info/videocracy

    Esce nelle sale il 4 settembre #fisc


    #129262
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    “No, non dite di essere scoraggiati, di non volerne più sapere. Pensate che tutto è successo perché non ne avete più voluto sapere…”.

    partigiano Giacomo Ulivi


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #129263

    sev7n
    Partecipante

    “In una videocrazia la chiave del potere è l'immagine.
    In Italia soltanto un uomo ha dominato le immagini per più di tre decenni. Prima magnate della TV, poi Presidente, Silvio Berlusconi ha creato un binomio perfetto caratterizzato da politica e intrattenimento televisivo, influenzando come nessun altro il contenuto della tv commerciale in Italia.
    I suoi canali televisivi, noti per l'eccessiva esposizione di ragazze seminude, sono considerati da molti uno specchio dei suoi gusti e della sua personalità. ”

    In concorso a Venezia 66, il film uscirà nelle sale il 4 settembre.

    Questo trailer, Il trailer di Videocracy – Basta Apparire, documentario di Erik Gandini dedicato al peculiare scenario politico/mediatico italiano, è stato censurato dalla RAI ( e forse anche da mediaset? :hehe: ) , neanche fosse “ultimo tango a parigi” di Bertolucci


    #129264

    Tillandsias
    Partecipante

    Videocracy

    Erik Gandini vive in Svezia ma è nato e cresciuto in Italia. Con Videocracy, torna nel suo paese d’origine, per raccontare dall’interno le conseguenze di un esperimento televisivo che gli italiani subiscono da trenta anni. E riesce a ottenere l’accesso esclusivo alle sfere più potenti, rivelando una storia significativa, derivata dalla spaventosa realtà della televisione italiana, un paese in cui il passaggio da showgirl a Ministro per le Pari Opportunità è puramente naturale.

    Ne Mediaset ne la RAI hanno voluto mandare in onda i trailer del film.
    Mediaset per ovvi motivi… la RAI dicendo che erano troppo espliciti i richiami ad un personaggio politico di spicco (se… se…), e che quindi non potevano mandarlo.


Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.