Ftalati nel cibo, impossibili da evitare

Il Giornale OnlineBy 43zero58 28 Set 2009

Gli ftalati – agenti di rammollimento in materiali sintetici – sono un tema caldo nel corso dell’ultimo decennio e sono stati associati a malformazioni genitali maschili, il diabete, le nascite premature e l’eccesso di peso. Ora, uno studio presso l’ETH di Zurigo ha rivelato che essi sono estremamente difficili da evitare, anche se si mangia in modo sano.

Materiali sintetici sono onnipresenti nella nostra vita quotidiana. Per renderli morbidi, flessibili, resistenti e più belli, il PVC o la gomma prodotta sinteticamente vengono mescolati con un composto organico costituito da estere ftalato e alcool (altrimenti noto come ftalati). L’industria dei sintetici utilizza circa cinque milioni di tonnellate di questi addolcitori l’anno, sono presenti nelle pavimentazioni tradizionali, cavi e materiali da imballaggio, ma anche in prodotti medici e cosmetici.

Siccome sono ovunque, possono facilmente entrare nella catena alimentare e nell’organismo umano attraverso gli alimenti e bevande. Dove e quando questo accade, tuttavia, è difficile da accertare. “Dopo tutto,” dice Michael Siegrist, professore presso l’Istituto delle decisioni ambientali presso l’ETH di Zurigo, “spesso non si sa dove nella catena alimentare degli ftalati entrano nel cibo – possono provenire dalla benna usata per raccolta delle olive , dal nastro trasportatore, o altrove nella catena di produzione “.

Di conseguenza, Siegrist ha supervisionato uno studio presso l’Istituto delle decisioni ambientali in collaborazione con l’Istituto di Chimica e Bioingegneria presso l’ETH di Zurigo, che ha dimostrato che mangiare sano non può realmente impedire l’assunzione di ftalati. È un dato di fatto, i consumatori che mangiano in modo sano e naturale e cercano di mantenere gli additivi chimici nella loro alimentazione al minimo, potrebbero anche ingerire più ftalati su base giornaliera rispetto a quelli che non si preoccupano della loro dieta.

Da un lato, lo studio è stato finalizzato a valutare le abitudini alimentari dei consumatori ‘per indicare la misura in cui essi sono esposti agli ftalati. D’altro canto, però, gli scienziati hanno esaminato il rapporto tra l’esposizione dei consumatori ‘e il loro interesse per una dieta sana e naturale, nonché la loro percezione del rischio delle sostanze chimiche negli alimenti, come pesticidi o gli ftalati. Per la prima volta, gli scienziati hanno così stabilito un legame tra la percezione del consumatore e la realtà fisica per quanto concerne l’assunzione di alimenti contenenti ftalati.
Nel loro studio, il team di ricerca ha intervistato circa 1200 persone nella Svizzera tedesca sulle loro abitudini alimentari. Agli intervistati è stato chiesto di fornire informazioni sulla loro dieta. La valutazione del sondaggio ha prodotto quattro gruppi caratteristici: la gente che mangia conoscendo i valori nutrizionali e si basa anche su integratori vitaminici, rispetto a coloro che mangiano in modo sano e naturale, la gente che non si preoccupa per il loro cibo e reagisce passivamente, e le persone che consumano un particolarmente alto quantitativo di alimenti grassi e dolci e cibi pronti per il consumo.

Per quantificare gli importi di ftalati ingeriti dal campione di prova, i ricercatori hanno utilizzato i dati esistenti per i prodotti alimentari in cui l’esposizione agli ftalati era già stata esaminata. È apparso evidente che le persone che hanno una dieta sana e naturale ingeriscono la maggior parte di alcuni ftalati, mentre quelli che si comportano più passivamente sono meno esposti alle sostanze inquinanti. I risultati dei due gruppi nutrizionalmente conoscenti e i consumatori di grassi, zuccheri e alimenti pronti al consumo erano simili. Tuttavia, sembra rassicurante il fatto che i vari livelli di tolleranza emessi dall’Agenzia europea per la sicurezza alimentare per gli agenti di rammollimento, non si avvicinava nemmeno dall’essere raggiunto, e tanto meno superato.

Negli ultimi anni, diversi studi hanno suggerito che gli ftalati agiscono come ormoni negli esseri umani: prima di tutto, causano deformità nella zona genitale nella prole di sesso maschile. Inoltre, ulteriori, ma ancora discussi collegamenti alla sterilità e al diabete negli uomini, nascite premature in donne in gravidanza e lo sviluppo prematuro del seno nelle ragazze sono stati stabiliti. Di conseguenza, gli anelli per la dentizione per i bambini senza ftalati sono ora promossi con campagne informative, per esempio, e l’industria alimentare sta utilizzando guanti di gomma e materiali da imballaggio che a malapena emettono ftalati, o non contengono affatto. Detto questo, a causa della loro onnipresenza, è altamente improbabile che possano essere eliminati dalla catena alimentare del tutto.

La questione necessita ancora di un sacco di ricerca. I risultati mostrano che anche i consumatori che fanno di una dieta sana e naturale, il loro stile di vita, non possono sfuggire agli inquinanti chimici come gli ftalati. I risultati sottolineano altresì l’importanza dei controlli degli alimenti nei laboratori. Tuttavia, sarebbe sbagliato ed eccessivo sconsigliare i consumatori nei confronti di frutta e verdura fresca, per esempio, in quanto ciò può causare rischi per la salute.

Fonte: http://www.43zero58.com/?p=998

Ftalati nel cibo, impossibili da evitare ultima modifica: 2009-09-28T12:28:15+00:00 da Quantico
About the Author
Quantico