Geometria dell’Espansione e Geometria della Contrazione nell’Universo

Geometria dell'Espansione e Geometria della Contrazione nell'UniversoSfere  – Se l’universo si espande e si contrae, allora una geometria deve descriverlo, una struttura che descrive la parte in contrazione e una struttura che descrive la parte in espansione. La parte in espansione è facile da immaginare. Se le cose si espandono da un punto, da un centro, allora devono espandersi radialmente, quindi deve essere la geometria di una sfera. La parte in espansione è la geometria di una sfera. Questa è quella che vediamo: un sole, un pianeta, una galassia, atomi, cellule…

La Forza Chiave della Creazione di tutte le cose

Però quale struttura descrive la parte in contrazione del vacuum? Se comprendiamo la struttura in contrazione del vacuum, allora comprendiamo la geometria delle fondamenta della creazione. Questa è la parte attiva, la parte che crea, che tiene le cose assieme, questa è la forza chiave della creazione di tutte le cose. La forza che tiene al centro è la forza primaria da cui avviene la radiazione illusoria. Inoltre se andate sempre più verso l’interno, allora vi aspettereste sempre più radiazione. Perchè avete una relazione tra il collasso gravitazionale e l’espansione esterna del campo elettromagnetico.

Tetraedro

La geometria o la struttura del collasso deve essere in equilibrio. La sfera rappresenta il maggior volume possibile, perchè si espande. La geometria del vacuum collassante deve essere la geometria più piccola possibile, il volume più piccolo, il volume che collassa. Questo è un tetraedro. Un tetraedro ha quattro facce a triangolo equilatero, è come una piramide con base triangolare. E’ il volume più piccolo possibile. Questa deve essere la geometria del collasso.

“Logo” della Realtà

Molte strutture antiche che troviamo nel mondo sono piramidali e molte di esse sono allineate con accuratezza incredibile ad eventi astronomici. Per costruire queste strutture enigmatiche, vi servono molti calcoli e non sono semplici, sono molto complessi. Ci sono piramidi in tutto il mondo che vengono da queste antiche civiltà. Perchè costruivano la stessa geometria? Perchè non facevano un cubo? Forse sapevano qualcosa del “Logo” della realtà, la struttura fondamentale da cui tutto emerge.

19.47° di latitudine

Qualcosa è ancora incorretto, perchè la geometria del vuoto deve essere in perfetto equilibrio e il tetraedro da sè non è in equilibrio. Una struttura fatta di 64 tetraedri genera una simmetria presente ovunque, con equilibrio al centro. La griglia di 64 tetraedri è una struttura frattale che continua a crescere all’infinito. Questa geometria cresce in frattali. Questa è la struttura del vuoto, equilibrio all’infinito, all’infinitamente grande e all’infinitamente piccolo. Una struttura basata su otto tetraedri a stella, ogni stella con otto tetraedri all’interno, tutti assieme verso il centro per generare una griglia di 64 tetraedri. Le otto stelle assieme generano l’equilibrio vettoriale al centro. Perchè è significativo? Gli stessi tetraedri a stella fatti di otto tetraedri puntano verso l’esterno, radiazione e si uniscono per generare equilibrio vettoriale, verso il centro, generando contrazione.

Questa è l’unica struttura frattale tridimensionale che genera espansione e contrazione. La struttura fondamentale dello spazio. Realizzate che se avessimo davvero la struttura fondamentale della creazione, allora una tecnologia basata su questa informazione potrebbe essere legata ad un infinito potenziale di energia, un infinito potenziale di gravità, un infinito potenziale di ringiovanimento, rigenerazione e così via. Può portare seri cambiamenti nel nostro modo di produrre tecnologia.

Potete avere l’informazione completa visitando il sito della Fondazione “The Resonance Project” di Nassim Haramein.

hubpages.com

 

Geometria dell’Espansione e Geometria della Contrazione nell’Universo ultima modifica: 2012-06-25T19:43:10+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)