Giorni di 25 ore nel prossimo futuro a causa del rallentamento della rotazione della Terra

Il Giornale Online
Le giornate stanno gradualmente divenendo più lunghe. Per i laici significa che nell' emisfero nord i giorni sono più lunghi d' estate che d' inverno. I Geologi interpratano questa frase come segue: i giorni si allungano non solo in primavera.
La causa è la Luna, prima di tutto. La sua gravità crea onde permanenti negli oceani e nelle profondità della Terra. Così il nostro pianeta sembra ondeggiare, scrive il giornale tedesco Suddeutsche Zeitung.

La Terra sembra una pattinatrice. Per rallentare la rotazione, la pattinatrice tende in fuori le sue braccia. Ecco perchè nel prossimo futuro avremo un giorno di 25 ore. Un astronomo inglese è riuscito a provare che la rotazione della Terra ha rallentato dal 700 a.C.

Lo scienziato ha studiato i piatti di argilla e le scritture storiche che contengono informazioni sulle eclissi solari e lunari. Ha usato queste informazioni per calcolare il percorso di rottura della Terra.
Si legge anche: lo spostamento dell' asse della Terra ha portato colossali cambiamenti globali. Quando proto-animali preistorici abitavano la Terra 530 milioni di anni fa, i giorni erano di 21 ore. Per i dinosauri che hanno vissuto 100 milioni di anni fa, i giorni si alternavano ogni 23 ore.

Questo si vede chiaramente dai sedimenti di corallo. I coralli sembrano marcare il calendario e formano ogni anno nuovi sedimenti, che hanno uno spessore variabile a seconda della stagione.
Tramite questi gli scienziati hanno calcolato la scala temporale tra le stagioni. Questo periodo ha rallentato attraverso la storia. Circa 530 milioni di anni fa la Terra ruotava sul suo asse più rapidamente di oggi, ma ruotava attorno al Sole a velocità fissa. Al tempo un anno aveva la stessa quantità di ore di oggi, ma conteneva 420 giorni.

In accordo con fonti affidabili, durante la storia dell' umanità la rotazione della Terra ha rallentato la sua velocità, ha detto Richard Stephenson della Durham University, UK, per il Journal for the History of Astronomy.
Stephenson ha basato le sue conclusioni sulle descrizioni di centinaia di eclissi solari e lunari durante gli scorsi 2.700 anni. I piatti di argilla della Babilona pre-Cristiana comprovano il rallentamento della rotazione terrestre al meglio, scrive Stephenson. Gli scienziati babilonesi usavano caratteri cuneiformi per registrare l' esatto punto e tempo degli eventi celesti.

Stephenson ha studiato documenti di origine Cinese ed Europea. Una volta ogni 300 anni le persone possono osservare l' eclisse solare totale da qualsiasi parte. Quando la Luna si posiziona tra il Sole e la Terra, causa totale oscurità per diversi minuti.
Spesso è stato annotato l' esatto giorno e orario dell' inizio e della fine dell' eclisse solare. Questa informazione è stata sufficiente agli astronomi, per determinare la posizione esatta del Sole anche di migliaia di anni fa. Le tavole di ri-calcolo delle date del calendario babilonese, sono state utili.

Gli astronomi hanno usato i dati della posizione del Sole negli scritti storici per ripristinare l' immagine del rallentamento del pianeta.
Dato che la traiettoria di rotazione della Terra attorno al Sole non è connessa con la rotazione della Terra sul suo asse, gli astronomi hanno calcolato una scala temporale indipendente, il cosiddetto Tempo Terrestre (TT). Il rallentamento della rotazione della Terra si vede se confrontiamo il TT con il TU (Tempo Universale).

Il Tempo Universale è il tempo generale basato sulla rotazione della Terra e viene determinato dalla posizione del Sole rispetto al Tempo di Greenwich (GMT) (Greenwich è una città Inglese). Si deve impostare questo tempo all' indietro, per ogni anno tra la fine di un anno e l' inizio dell' altro si perde un secondo.

Richard Stephenson ha usato gli scritti storici per determinare la correlazione tra i due tempi. La differenza tra il TU e il TT dipende da quanto tempo è avvenuta una eclisse. Cioè, ogni millennio, una giornata cresce di 2 millesimi di secondo. La misurazione dai satelliti prova il rallentamento. Ne deriva che alla nascita di Babele un giorno era più corto di 4 centesimi di secondo.

Tuttavia, Stephensono è riuscito a determinare questa piccola anormalità dovuta all' errore nel TU. Dal 700 a.C. sono passati circa un milione di giorni più corti di quelli di oggi, quindi dovremmo aggiustare gli orologi di 7 ore.

Lo scorso anno è stata una eccezione. Durante questo periodo la giornata non è cresciuta quasi per nulla, la Terra ha ruotato quasi a velocità fissa. Lo spostamento di masse nella terra possono accelerare la rotazione terrestre e bilanciare il rallentamento dovuto alla Luna. Il terribile terremoto nel Sud Asia e il seguente tsunami hanno accelerato la rotazione terrestre nel tardo 2004, che ha accorciato il giorno di circa 8 milionesimi di secondo.

In base al Servizio Sistemi di Riferimento e Rotazione Terrestre Internazionale (IERS), il 13 Luglio 2003 è stato il giorno più corto degli ultimi 100 anni. Questo giorno fu più corto di un giorno medio di 24 ore, per 1,5 millesimi di secondo.Tradotto da Julia Bulygina – Pravda.ru

Tradotto da Richard per Altrogiornale.org

Fonte: http://english.pravda.ru/science/earth/104707-1/ http://scienceray.com/astronomy/in-the-future-earth-day-lengthened-to-25-hours/

Giorni di 25 ore nel prossimo futuro a causa del rallentamento della rotazione della Terra ultima modifica: 2008-04-06T17:25:34+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)