Gli scienziati: il terremoto in Giappone era "nell'aria" giorni prima

Il Giornale Online
L'atmosfera sopra l'epicentro del terremoto del 11 marzo in Giappone, ha subito cambiamenti insoliti nei giorni precedenti al disastro, secondo i dati preliminari. La ricerca non è ancora stata pubblicata in nessuna rivista accademica o di revisione da parte di altri scienziati, ma questa notizia potrebbe offrire una possibilità intrigante per la previsione dei terremoti – anche se è ancora lontano il giorno in cui gli scienziati potrebbero essere in grado di prevedere i terremoti, ha detto il ricercatore Dimitar Ouzounov, un professore di scienze della terra alla Chapman University in California.

Guardare il cielo nella speranza di predire un terremoto non è un'idea nuova. La teoria, che nei circoli scientifici si chiama “Lithosphere-Atmosphere-Ionosphere Coupling mechanism” e dice quanto segue: appena prima di un terremoto, dal terreno fuoriesce una quantità considerevole di gas inodore e incolore, in particolare Radon. Una volta raggiunta la ionosfera nell’alta atmosfera, il gas radon priva le molecole d’aria dei loro elettroni, separandoli in particelle di carica negativa (gli elettroni liberi) e di carica positiva. Queste particelle cariche, chiamate ioni, attirano acqua condensata in un processo che sprigiona calore. E gli scienziati a questo punto sono in grado di rilevare il calore sotto forma di radiazione infrarossa.
Nell'elaborazione dei dati satellitari, Ouzounov e i suoi colleghi hanno osservato che l'atmosfera nei giorni precedenti il terremoto giapponese stava cambiando. Hanno scoperto che la concentrazione di elettroni, così come la radiazione infrarossa era in aumento nei giorni prima del terremoto. L' 8 marzo, tre giorni prima del terremoto, è stato il giorno più anomalo, Ouzounov ha detto a LiveScience.


I ricercatori hanno elaborato dati di oltre 100 terremoti in Asia e Taiwan, ha detto Ouzounov, ed hanno trovato correlazioni simili per i terremoti con magnitudo maggiore di 5.5 e profondità inferiori a 50 chilometri. Ouzounov continua dicendo “Il team sta ora lavorando al coninvolgimento di molti ricercatori in Giappone e in tutto il mondo,per l'ambizioso progetto di monitoraggio dell'atmosfera che richiederà uno sforzo internazionale”
Tuttavia, il successo della previsione dei terremoti è tutt'altro che garantita. Nessuno ha mai previsto un terremoto dai dati atmosferici, e la presunta abbondanza dei precursori di terremoti, evidenziato da un strano comportamento animale nei pressi di acque sotterranee che scorrono nel modo sbagliato , si è rivelata fuori luogo.

“E 'intrigante”, ha detto Henry Pollack, professore emerito di Geofisica presso l'Università del Michigan non facente parte della ricerca. “Ma non è certo quello che io definirei una svolta”.
“Per appianare l'idea dell'utilità dell' approccio atmosferico”, ha detto Pollack a LiveScience, “avremmo bisogno di guardare un sacco di terremoti nel corso del tempo per assicurarci che il fenomeno è statisticamente collegato con lo scontro delle faglie. Dovremmo anche sapere quante volte queste anomalie atmosferiche si presentano senza un terremoto associato.”
Terry Tullis, altro professore emerito di scienze geologiche alla Brown University, è stato allo stesso modo dubbioso ed ha detto a LiveScience. “Molti scienziati in passato si sono “spesso bruciati”, e così hanno imparato a non entusiasmarsi troppo per ogni potenziale metodo di previsione. Ma è in corso un piano per mettere insieme quest'estate un “workshop” tra due gruppi di scienziati, quelli che studiano i fenomeni terrestri e quelli che studiano i fenomeni atmosferici, per discutere sulla ricerca e sui cambiamenti della ionosfera”.

“Non voglio respingere il tutto”, afferma Tullis, “ma a questo punto, bisogna essere un pò scettici”.

Il rapporto completo è disponibile sul sito di Fisica arXiv http://www.technologyreview.com/blog/arxiv/26773/?ref=rss
I ricercatori hanno inoltre presentato il loro rapporto di ricerca alla rivista scientifica http://arxiv.org/abs/1105.2841

Traduzione e adattamento a cura di Walter Conidi (Centro Ufologico ionico)

Fonte: http://www.centroufologicoionico.com/articoli/anomalie-dello-spazio/637-gli-scienziati-il-terremoto-in-giappone-era-qnellariaq-giorni-prima http://www.livescience.com/14221-earthquake-prediction-atmosphere.html
Vedi: http://www.altrogiornale.org/news.php?item.2788.7 http://www.repubblica.it/ultimora/24ore/TERREMOTO-AMBROSIO-%28INFN%29-GIULIANI-HA-RAGIONE-SU-GAS-RADON/news-dettaglio/3631788 http://codenamejumper.wordpress.com/2011/05/29/ionizzazione-dellaria-la-premessa-ai-terremoti/#more-3670

Gli scienziati: il terremoto in Giappone era "nell'aria" giorni prima ultima modifica: 2011-05-27T15:18:22+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)