I frattali giganti sono fuori gioco, l'universo è una grande pianura

Il Giornale Online

di Michael Slezak

I frattali sono splendidi, ma forse non viviamo in uno di essi. Se l'universo fosse come un frattale gigante, con la materia che appare in gruppi dentro gruppi, questo sarebbe un serio problema per la cosmologia. Ora la mappa 3d più grande del cielo mai usata per misurare le strutture in larga scala, mostra che osservando abbastanza lontano, l'universo si libera di questi raggruppamenti. Possiamo vedere che l'universo è nato omogeneo studiando la sua densità, come rivelato dalla radiazione cosmica di fondo http://www.newscientist.com/article/dn18489-found-hawkings-initials-written-into-the-universe.html , una debole luce emessa appena 380 mila anni dopo il Big Bang. Nel tempo, la gravità ha raccolto la materia e così i gas hanno formato le stelle, queste si sono raggruppate nelle galassie e le galassie in gruppi di galassie o clusters. Su scala superiore, tuttavia, l'espansione dell'universo dovrebbe contrastare l'influenza della gravità e così la materia dovrebbe essere distribuita più o meno uniformemente, secondo il modello standard della cosmologia. Studi precedenti hanno al contrario trovato clusters in clusters in scale sempre più grandi. Un documento aveva persino suggerito l'esistenza di iperclusters di galassie nella scala dei 3 miliardi di anni luce http://www.newscientist.com/article/dn20597-largest-cosmic-structures-too-big-for-theories.html

Red-shift il salvatore

Un universo frattale metterebbe in dubbio alcuni aspetti fondamentali dell'astronomia, dice il leader del team Morag Scrimgeour della University of Western Australia a Perth. Ad esempio il red-shift, un effetto doppler sulla luce casuato dall'espansione dell'universo, non sarebbe più uno strumento accurato per misurare le distanze cosmologiche. Se lo “spazio non è omogeneo, se è distorto da grossi ammassi di materia, allora il percorso della luce è distorto e il suo red shift non è più semplicemente in relazione alla distanza della galassia”, dice Scrimgeour. Per verificare la questione, il suo team ha analizzato dati dal WiggleZ Dark Energy Survey, che raccoglie osservazioni dal Telescopio Anglo-Australiano nel New South Wales per mappare 220000 galassie in un volume di spazio equivalente ad un cubo con un lato di 3 miliardi di anni luce.

Non casuale fino ad un punto

Il team ha cercato i clusters mettendo ogni data galassia nel centro di una sfera immaginaria e hanno contato il numero di galassie in essa. Se esiste il raggruppamento, dovrebbero esserci più galassie in una sfera rispetto ad una loro distribuzione casuale nell'enorme cubo. Con sfere relativamente piccole, fino ad una ampiezza di 330 milioni di anni luce, hanno trovato i clusters galattici, ma con sfere più grandi il numero di galassie corrisponde alla casualità attesa. Questa è la prima indagine abbastanza grande da…permettere la visione chiara dell'avvicinamento all'omogeneità e molto oltre”, dice Tamara Davis dell'Università del Queensland a Brisbane, membro del team.

Difficile da confutare

Anche se l'idea di un universo frattale è qualcosa in cui pochi credono, è molto difficile da confutare, dice Filipe Abdalla dell'University College London, che non era coinvolto nello studio. “Questo è il miglior risultato che abbia mai visto”. Filipe aggiunge però che non è la parola finale. I risultati possono essere contraddetti da una indagine ancora superiore. Scrimgeour ammette che il suo team non esclude la formazione di clusters in scale epiche, ma pensa che tali strutture, se esistessero, non sarebbero abbastanza dense da causare problemi alla cosmologia. Il prossimo test arriverà dallo Square Kilometre Array http://www.newscientist.com/article/mg21328576.800-outback-to-outer-space-the-worlds-largest-telescope.html , una radiotelescopio in costruzione nel Sud Africa e in Australia, che dovrebbe fornire dati su un numero ancora maggiore di galassie.

Studio scientifico: http://arxiv.org/abs/1205.6812

Tradotto da Richard per Altrogiornale.org
Fonte: http://www.newscientist.com/article/dn22214-giant-fractals-are-out–the-universe-is-a-big-smoothie.html
Vedi: http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.7965.10 http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.7972.10
Altrogiornale.org agrees to indemnify RBI and New Scientist against any claim arising from incorrect or misleading translation

I frattali giganti sono fuori gioco, l'universo è una grande pianura ultima modifica: 2012-08-31T13:01:25+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)