I pianeti nel nostro sistema solare potrebbero essersi formati a scatti


Rappresentazione artistica: le onde d'urto solari avrebbero prodotto anelli proto-planetari in tempi diversi e i pianeti non si sarebbero formati simultaneamente Credit: ESO

di Nancy Atkinson

Tutti i pianeti nel nostro sistema solare si sono formati contemporaneamente? La teoria convenzionale dice di sì e piuttosto rapidamente. La nuova ricerca indica che una serie di onde d'urto emesse dal nostro giovane Sole può aver causato la loro formazione in tempi diversi lungo milioni di anni. “I pianeti si sono formati ad intervalli, non assieme, come si pensava prima”, ha detto il Dr.Tagir Abdylmyanov, Professore Associato della Kazan State Power Engineering University in Russia. La ricerca di Abdylmyanov, che modella i movimenti di particelle nei fluidi e nei gas e nella nube di gas dalla quale proviene il nostro Sole, indica che la prima serie di onde d'urto, durante brevi ma molto rapidi cambiamenti nell'attività solare, avrebbe creato gli anelli proto-planetari di Urano, Nettuno e il pianeta nano Plutone. Giove, Saturno e la fascia di asteroidi sarebbero arrivati dopo durante una serie di onde meno potenti. Mercurio, Venere, la Terra e Marte si sarebbero formati per ultimi, quando il Sole era più calmo. Questo significa che il nostro pianeta è uno dei più giovani nel Sistema Solare.

“E' difficile dire esattamente quanto tempo avrebbe separato questi gruppi”, riferisce Abdylmyanov, “ma gli anelli proto-planetari di Urano, Nettuno e Plutone, si sarebbero facilmente formati molto vicini alla nascita del Sole. Tre milioni di anni dopo e avremmo visto le polveri destinate a formare Saturno. Mezzo milione di anni dopo questo, avremmo visto qualcosa di simile per Giove. La fascia di asteroidi avrebbe iniziato a formarsi circa un milione di anni dopo ancora e con un altro mezzo milione di anni avremmo visto i primi stadi di Mercurio, di Venere, della Terra e di Marte.” Le onde d'urto emesse dal Sole appena nato, avrebbero mosso materiale in tempi diversi, creando una serie di anelli di polveri attorno al Sole da cui si sono formati i pianeti.

Abdylmayanov spera che questa ricerca ci aiuti a comprendere lo sviluppo dei pianeti attorno alle stelle distanti. “Studiare la luminosità delle stelle nel processo di formazione, potrebbe dare indicazioni sull'intensità delle onde stellari. In questo modo potremmo riuscire a prevedere la locazione dei pianeti attorno a stelle, milioni di anni prima della loro formazione”.

Il suo lavoro è parte del Congresso di Scienza Planetaria Europea che ha avuto luogo questa settimana a Madrid, in Spagna http://www.europlanet-eu.org/outreach/index.php?option=com_content&task=view&id=389&Itemid=41

Tradotto da Richard per Altrogiornale.org
Fonte: http://www.universetoday.com/97614/planets-in-our-solar-system-may-have-formed-in-fits-and-starts/

I pianeti nel nostro sistema solare potrebbero essersi formati a scatti ultima modifica: 2012-09-29T22:15:38+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)