Ibernazione per viaggi spaziali

Il Giornale Online
Non importa quanto vi piacciano i vostri compagni di viaggio, una missione di tre anni per Marte metterebbe a dura prova anche le migliori relazioni.
E questo non è il motivo principale per il quale nei futuri viaggi spaziali a lunga durata, i viaggiatori dovranno trascorrere parte del tempo in animazione sospesa.
C’è il grande e costoso problema di dover trasportare cibo, ossigeno e anidride carbonica per mantenerli in vita, per non parlare della seccatura di dover processare urine e feci.

“Non sarebbe ottimo se potessimo metterli fuori gioco?”, ha detto Warren Zapol, direttore del centro di anestesia al Massachusetts General Hospital del Harvard University .

Un’opzione potrebbe essere raffreddare la cabina dell’equipaggio con un grande gelo. Ma le temperature corporee inferiori a 30° C (86° F) possono disturbare il ritmo cardiaco. Un’altra possibilità potrebbe essere far respirare agli astronauti gas di palude (gas naturale, prodotto dalla decomposizione anaerobica di materiale organico).

Zapol e i suoi colleghi segnalano sul Anesthesiology Journal di questo mese come il solfuro di idrogeno – lo stesso prodotto dalle uova marce e dai gas palustri – ritarda il metabolismo dei topi senza ridurre il flusso di sangue al cervello.

“I topi non dormono”, ha detto Zapol a Discovery News. “Se afferrate le loro code, rispondono”
“Non so come definirlo”, ha detto, “probabilmente, è una sorta di ciclo rallentato”.

Ci sono molte domande e molti anni di ricerca prima che uomini in buona salute come gli astronauti possano essere mesi in uno stato di ibernazione ma la procedura potrebbe trovare presto applicazione in caso di grossi traumi, quando la vita stessa è a rischio.

“Il sessanta percento delle persone in guerra sono morte sul campo” ha detto Zapol. “Sono stati feriti e poichè li non sono disponibili né sangue né fluidi, nel tempo impiegato per raggiungere l’ospedale muoiono e non c’è più nulla da fare”.
“Durante il primo periodo, subito dopo il trauma, se potessimo congelarti, potremmo rianimarli dopo aver riparato l’aorta o qualunque cosa sia stata danneggiata”, ha detto Zapol.

I medici di primo soccorso provarono a raffreddare le vittime, ma la quantità di acqua fredda necessaria per raggiungere la temperatura rende la tecnica impraticabile, soprattutto su un campo di battaglia.

“I portantini non possono camminare con 150 libbre di acqua fredda”, ha detto Zapol “ma se potessero usare solfuro di idrogeno?”

Durante l’esperimento di Zapol, le funzioni metaboliche dei topi, quali il consumo di ossigeno e la produzione di anidride carbonica si sono abbassati 10 minuti dopo aver respirato solfuro di idrogeno. Sono rimasti bassi fin quando il gas è stato somministrato e sono tornati normali 30 minuti dopo aver ricominciato a respirare aria comune.
La frequenza cardiaca degli animali ha rallentato del 50% mentre respiravano il gas, con nessun cambiamento significativo nella pressione del sangue o nel ritmo cardiaco. La respirazione ha rallentato ma con nessun cambiamento dei livelli di ossigeno nel sangue, suggerendo che gli organi vitali non erano a rischio per mancanza di ossigeno, dice la relazione dei ricercatori.
Zapol ha in programma esperimenti supplementari su mammiferi più grandi, probabilmente pecore.

“Prima di usare ciò sugli astronauti bisogna essere sicuri che sia molto molto innocuo”, ha detto.[/size=12]

Tradotto da Nebula per Altrogiornale.org
FONTE: dsc.discovery.com

Ibernazione per viaggi spaziali ultima modifica: 2008-04-07T06:59:19+00:00 da Nebula
About the Author