IBM e il solare termico da record

di Alfonso Maruccia

Big Blue lavora a un nuovo tipo di collettore a specchio. Che concentra la luce su chip capaci di produrre elettricità. Quello che avanza viene recuperato come calore

Roma – Un team di ricerca capitanato da IBM ha [link=http://finance.yahoo.com/news/made-ibm-labs-collaboration-aims-040100130.html] ottenuto [/link]un finanziamento dalle autorità svizzere per sviluppare un sistema “Fotovoltaico Termico ad Alta Concentrazione” (HCPVT) capace di catturare le radiazioni solari e trasformarle in energia usabile con livelli di efficienza mai visti prima. Il sistema HCPVT – a cui lavora IBM Research in collaborazione con istituti e aziende svizzere – è al momento costituito da un prototipo di piatto parabolico a specchio collegato a una rete di microchip raffreddati a liquido. Aquasar, il sistema di raffreddamento già realizzato 3 anni fa, usa acqua per mantenere a temperatura costante i chip. Usando una simile configurazione, dice IBM, i chip sono capaci di concentrare e sopportare livelli di radiazione solare 2.000 volte superiori a quelli nominali: il 30 per cento di questa energia viene immediatamente convertita in elettricità, mentre un altro 50 per cento “di scarto” finisce nell'acqua e può essere utilizzato per altri scopi (tra cui anche ottenere acqua distillata). Tutto considerato, Big Blue parla di un'efficienza nella conversione energetica pari all'80 per cento per un sistema che è piuttosto economico da realizzare – si parla di costi finali di 250 dollari per metro quadro o tre volte meno il costo dei sistemi attuali – ed è scalabile fino a “griglie solari” complete con cui [link=http://www.engadget.com/2013/04/22/ibm-alliance-solar-collector-concentrates-power-of-2k-suns/?utm_medium=feed&utm_source=feedly]sostituire [/link] le centrali a carbone.

Fonte: http://punto-informatico.it/3773920/PI/News/ibm-solare-termico-record.aspx?utm_source=feedly

IBM e il solare termico da record ultima modifica: 2013-05-10T14:17:06+00:00 da Richard
< Previous Article
Fracking the world
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)