Il Clima Di Venere Cambia


Ad una prima occhiata, un meteorologo di Venere avrebbe un lavoro facile o molto noioso, a seconda dei punti di vista. Il clima di Venere non è molto gradevole, in superficie, la temperatura sale oltre gli 800 gradi centigradi sotto una coltre soffocante di nubi di acido solforico e un'atmosfera schiacciante più di 90 volte quella terrestre. Gli Intrepidi esploratori del futuro dovrebbero abbandonare ogni speranza di trovare una situazione climatica migliore perché non cambierà molto nei prossimi anni.

“Qualsiasi variabilità del clima su Venere è degna di nota, perché il pianeta ha tante funzioni atte a mantenere le stesse condizioni atmosferiche”, dice il Dott. Tim Livengood, un ricercatore del Centro Nazionale per la Terra e dello Spazio Scienze della formazione, Capitol Heights, Maryland e ora con l'Università del Maryland, College Park, Maryland “La Terra ha le stagioni perché il suo asse di rotazione è inclinato di circa 23 gradi, il che cambia l'intensità della luce solare e la lunghezza del giorno in ogni emisfero durante l'anno. Tuttavia, Venere è stato inclinato così tanto, che è quasi del tutto a testa in giù, assumendo una inclinazione netta inferiore di tre gradi dal Sole, che rendono l'effetto stagionale trascurabile”, spiega Livengood, del Goddard Space Flight Center. Inoltre, la sua orbita è ancora più circolare di quella della Terra, impedendo di ottenere più caldo o più freddo spostandosi più vicino o più lontano dal Sole.

Nemmeno la notte riesce a raffreddare il pianeta soprattutto perché Venere ruota così lentamente che la spessa atmosfera di nubi di acido solforico agisce come una coperta, mentre i venti spostano il calore in giro, mantenendo le temperature ancora molto alte. Infine, l'acqua presente si è da tempo quasi tutta dissolta nello spazio, in modo da non ottenere tempeste e precipitazioni, come sulla Terra, dove evapora e si condensa per formare nubi”. Tuttavia, più in alto, il tempo diventa più interessante, secondo un nuovo studio dei vecchi dati della NASA fatto da scienziati internazionali. Il team ha rilevato cose strane tra i dati tratti dalle osservazioni telescopiche di Venere nella luce infrarossa a circa 68 miglia (110 chilometri) sopra la superficie del pianeta, tra la fredda aria limpida sopra le nuvole acide, nei due strati chiamati mesosfera e termosfera.

“Anche se l'aria sopra le regioni polari di questi strati superiori dell'atmosfera di Venere era più fredda dell'aria sopra l'equatore per diverse unità, a volte sembrava essere più calda”, ha dichiarato il Dr. Theodor Kostiuk del NASA Goddard. “Nel clima della Terra, esiste un modello di circolazione chiamato 'cella di Hadley' che si verifica quando l'aria calda sale sopra l'equatore ed i flussi verso i poli, dove si raffredda. Dato che l'atmosfera è più densa vicino alla superficie, l'aria discendente viene compressa fino a riscaldare l'atmosfera sopra i poli della Terra. Su venere abbiamo visto il contrario e inoltre, anche se la temperatura della superficie è abbastanza omogenea, sono apparsi cambiamenti sostanziali: fino a 54 gradi Fahrenheit (circa 30 K), in pochi giorni terrestri nella mesosfera. Gli strati a più basse latitudini della termosfera su Venere sembrano essere più stabili dei poli, ma abbiamo visto cambiamenti fino a 27 gradi Fahrenheit (circa 15K di variazione) “. Kostiuk e Livengood sono co-autori di un articolo su queste osservazioni che è apparso il 23 luglio nell'edizione online della rivista Icarus.

“La mesosfera e la termosfera di Venere sono dinamicamente attive”, ha detto l'autore il Dott. Guido Sonnabend dell'Università di Colonia, in Germania. “i modelli di vento risultanti dal riscaldamento solare e da est a ovest e i venti zonali alterano le temperature locali e la loro variabilità nel tempo”. Questa variabilità atmosferica superiore potrebbe avere molte possibili cause, secondo il team. La turbolenza d'aria a diverse altitudini che scorre a più di 200 miglia all'ora in direzione opposta, potrebbe portare un ricambio d'aria calda dal basso con aria fredda dall'alto, in grado di causare cambiamenti nell'atmosfera superiore. Inoltre potrebbero creare i vortici giganti scoperti intorno a ciascun polo. Anch'essi potrebbero generare turbolenze e cambiare la pressione e la temperatura. Dal momento che gli strati atmosferici osservati sono al di sopra della coltre nuvolosa, gli scienziati ritengono che potrebbero essere influenzati da variazioni di intensità solare o da transizioni dal giorno alla notte, o dall'aumento di latitudine verso i poli. Questi livelli sono abbastanza elevati da poter essere influenzati direttamente dall'attività solare con i brillamenti e le espulsioni di massa coronale.

I cambiamenti sono stati visti in periodi che vanno da giorni a settimane a un decennio. Le temperature misurate nel 1990-91 sono più calde rispetto al 2009. Le misurazioni ottenute nel 2007 con HIPWAC hanno osservato una temperatura più mite nella regione equatoriale rispetto al 2009. Avendo visto che l'atmosfera può cambiare, sono necessarie osservazioni molto più numerose per determinare come questi fenomeni possano influenzare l'atmosfera superiore di Venere 'ad intervalli differenti, secondo il team. “Oltre a tutti questi cambiamenti, abbiamo visto che le temperature sono più calde rispetto a quelle previste per questa altitudine dal modello di riferimento internazionale”, ha detto Kostiuk. “Questo ci dice che abbiamo un sacco di lavoro da fare per aggiornare il nostro modello di circolazione atmosferica superiore di Venere”. Anche se Venere viene spesso indicata come il gemello della Terra, dal momento che ha quasi le stesse dimensioni, ha un clima molto diverso da quello della Terra.

Una più profonda comprensione dell'atmosfera di Venere confrontata con l'evoluzione dell'atmosfera terrestre, potrebbe svelarci perchè la Terra pullula di vita mentre Venere ha subito un destino infernale. Il team ha misurato la temperatura e la velocità dei venti nell'alta atmosfera di Venere, osservando la luce infrarossa emessa dalle molecole di anidride carbonica (CO2) quando sono alimentate dalla luce del Sole. La luce infrarossa è invisibile all'occhio umano e viene percepita come calore, ma può essere rilevata da speciali strumenti. Nella ricerca, si presentava come una linea su un grafico vista da uno spettrometro, uno strumento che separa la luce nei suoi colori componenti, ognuno dei quali corrisponde ad una frequenza specifica. La larghezza della linea ha rivelato la temperatura e gli spostamenti nella sua frequenza hanno fornito i valori della velocità del vento. I ricercatori hanno confrontato le osservazioni fatte tra il 1990 e il 1991 utilizzando lo spettrometro ad infrarossi (Infrared Telescope Facility) della NASA sul Mauna Kea, nelle Hawaii, con le osservazioni a partire dal 2009 utilizzando lo strumento spettrometro a infrarossi del Telescopio McMath del National Optical Astronomy Observatory a Kitt Peak, Ariz .

Foto in alto
Quattro immagini del vortice sud polare di Venere visto nella luce infrarossa (at 3.8 microns) acquisito dallo Visible and Infrared Thermal Imaging Spectrometer instrument sulla sonda dell'ESA Venus Express. Queste immagini mostrano le temperature delle nuvole alte circa 65 km. La regione scura corrisponde alle alte temperature più alte mentre le chiare alle basse. Il centro del vortice, ha una temperatura di circa 250K (circa -9.7 gradi Fahrenheit), e la zona più profonda mostra le più alte temperature. (Credit: ESA/VIRTIS/INAF-IASF/Obs. de Paris-LESIA)

Traduzione a cura di Arthur McPaul

Fonte: http://nemsisprojectresearch.blogspot.com/2011/09/il-clima-di-venere-cambia.html http://www.sciencedaily.com/releases/2011/09/110927171052.htm

Il Clima Di Venere Cambia ultima modifica: 2011-10-03T13:48:06+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)