Il libro 2012: Una Guerra per Anime di Whitley Strieber che debutta al Tattered Cover Bookstore di Denver, Colorado.

Il Giornale Online
Intervista di Paola Harris

PH: Paola Harris
WS: Whitley Strieber

PH: Vorrei discutere sul tuo articolo sull' elefante che scalpita in salotto (ndr vedi: http://www.altrogiornale.org/news.php?item.973.10 ) , che ho sul mio sito. Stai dicendo che non stiamo facendo nulla su questo argomento anche se l' elefante è già in soggiorno. Finchè non ci sarà una fine alla segretezza e la verità emergerà, avremo a che fare con questo grosso problema e non siamo preparati, non abbiamo protocolli pronti, nulla.

WS: Corretto, non abbiamo nulla e c' è una massa enorme di conoscenze pronte che viene ignorata nella forma data dalle esperienze dei testimoni. Sono valorizzabili, perchè prese nel complesso, se si intervistano queste persone in maniera estesa, le si esamina fisicamente, il significato di cosa sta accadendo loro emergerebbe sicuramente. Se siete capaci di studiare l' impressione, in maniera oggettiva, avremo nuove conoscenze e stanno nei testimoni. Se ci impegniamo seriamente per analizzare cosa siano davvero gli UFO e dove sono avvistati, le condizioni climatiche e atmosferiche, le condizioni elettromagnetiche in cui vengono osservati, potremmo imparare qualcosa di oggettivo su cosa siano e da dove vengono.

La catastrofe della segretezza è probabilmente una delle maggiori catastrofi per l' umanità, perchè è completamente chiaro che qualunque cosa causa il fenomeno, è nuova conoscenza. Non dovrebbe essere conoscenza rifiutata. Si tratta di conoscenza rifiutata e credo ci siano diverse ragioni per questo. Primo, è stato fatto un errore da subito quando ciò è stato classificato. Credo che abbia causato la complicità nella segretezza di chiunque sia la fuori, nel senso che se il nostro governo non vuole che noi sappiamo, allora loro potrebbe volere altrettanto, perchè si immaginano che noi sappiamo meglio di loro, quanto possiamo sapere o meno.

PH: Altri paesi hanno a che fare con questo in modo diverso, Whitley. Perchè ?

WS: Sospetto, anche se non posso provarlo, che il modo in cui gli USA hanno reagito inizialmente tenendo tutto nascosto al pubblico e probabilmente agendo in modo ostile, abbia causato un disastro. In altre parole, questo ha distrutto ciò che poteva essere una vera fruttuosa esperienza di contatto. Loro hanno reagito divenendo molto riservati.

PH: Intendi i visitatori.

WS: Si, i visitatori. Loro sono molto riservati. Se non lo fossero, potremmo sapere molto di più. Ho provato tutto sotto il sole per avere prove fisiche su di loro.

PH: Pensi che potrebbe fare la differenza con le persone ?

WS: Sicuro !

PH: La gente dice, mostrami un pezzo di UFO. Non credo che questo farebbe differenza. Credo che molta gente ne rimarrebbe sconvolta, cambierebbe il loro intero paradigma e preferirebbero stare a guardare il gioco. Non disturbarmo con questo, perchè disturbi la mia vita confortevole e quella di tutti specialmente negli USA. Daresti alle persone qualcosa che non possono digerire e che non vogliono sapere. Noi si, ma non tutti lo vorrebbero.

WS: Quello che mi preoccupa è che i visitatori sono così riservati. Non so se sia perchè noi stessi siamo riservati e loro quindi facciano lostesso e pensano che è ciò che vogliamo, oppure sono riservati perchè non vogliamo ciò che stanno facendo e sarebbe molto sconveniente per noi sapere, perchè la gente non resisterebbe ad una vita più organizzata ? Proprio ora, nessuno resiste. Loro vanno e vengono a loro piacere. Ma se noi sappiamo qualcosa che non vorremmo,
potrebbero apparire guardie di quartiere con luci, avverrebbe un grosso sforzo per tenerli lontani da noi e questo renderebbe molto più difficile per loro fare ciò che vogliono fare.

Non ho la risposta a questa domanda e nessuno ce l' ha. Forse qualcuno nel governo può rispondere. Io spero solo, non sono mai stato colpito e ho seguito molte storie spaventose di persone che sono state colpite e ho potuto trovarne due con delle prove in cui nulla di terribile è accaduto. Una è il caso di Todd Sees a White Mountain, PA, diversi anni fa, in cui una coppia di persone hanno avvistato una luce splendente scendere dal cielo e un uomo salire nella luce.
Loro lo riportarono al National UFO Reporting Center. Io e Linda Howe abbiamo seguito il caso e c' è stata la sparizione. Quest' uomo, Todd Sees, venne segnalato come scomparso. Il suo quattro-ruote venne ritrovato in un bosco a circa un miglio e mezzo da casa sua. Dei cani sono stati usati per trovarlo e non ne hanno potuto sentire odori a parte quello del veicolo. Questo mi suggerisce che lui salì in aria. Non hanno neppure seguito le tracce dei due contadini che hanno fatto rapporto e così non lo hanno trovato. E' un mistero.

Nel mio caso, questo è accaduto nella mia vita per 11 anni. Loro sono stati nella nostra casa, con i nostri bambini e bambini di altre persone, a rotazione. I genitori lo sapevano, abbiamo parlato con loro. Abbiamo detto tutto agli altri genitori. Io avevo paura di morire, finchè non mi sono trovato faccia a faccia con loro. Di loro non ho sentito alcunchè di diabolico. Ho sentito che erano gentili. Non erano duri con me. Erano molto esigenti intellettualmente ed emozionalmente, questo si.

PH: Molto interessante.

WS: Hanno preso mia moglie e la mia famiglia. Nessuno è stato ferito.

PH: Posso chiederti perchè hai usato la metafora dell' Elefante che scalpita nel soggiorno ?

WS: Perchè l' elefante è enorme. Ci sono milioni di persone che hanno visto gli UFO e che hanno avuto esperienze di incontri ravvicinati. Non ignorare tutto. Siamo seduti qua nel soggiorno con questo grosso elefante e lo ignoriamo.

PH: Il mio nuovo libro, Esopolitica, parla dei protocolli e delle sfide per il futuro contatto, per cui dobbiamo prepararci ora e non quando sarà ovvio alla fine. Ci sono 9 protocolli, uno di questi ha a che fare col caso Varginha, il poliziotto militare che ha preso un di queste piccole creature con sè. Non ha usato nessuna copertura e cio' che sentiamo dopo è che questo ragazzo di 24 anni è morto per tumore. Qualcosa va fatta. Ci devono essere dei protocolli per interagire con queste creature.

WS: Quando i visitatori si vogliono mostrare a casa nostra, devi essere molto attento alle allergie. Io non potrei mangiare cioccolata quando arrivano. Non ero allergico ad essa, ma esiste come un' allergia legata. Se mangio cioccolata coperta di fragola, mi potrebbe causare una reazione staminica perchè sono leggermente allergico alle fragole. Loro non vogliono una situazione in cui, sapendo che ne sono allergico, cosa che potrei non sapere, in cui sto mangiando altre cose che possono attivare le stamine. Sono stato da un allergologo per 6 mesi e mi ha dato delle fiale che mi iniettavo da solo e sono migliorato riguardo le allergie, incluse quelle ai visitatori. Un giorno, due o tre anni dopo, camminavo vicino al suo ufficio a Manhattan e pensavo, sono salito per vederlo e dirgli quale buon lavoro aveva fatto, perchè aveva curato realmente le mie allergie. Loro non sapevano nulla di questo dottore.

PH: Wow, strano. Non sapevano chi era ?

WS: Lui appariva normale, non ho mai notato nulla di inusuale su di lui.

PH: Hai scritto di questo ?

WS: Dovrei. Non ricordo bene. Altra cosa, non riesco a ricordare dove ho avuto il suo nome. Ricordo che andavo nel suo ufficio, ma non ricordo come l' ho trovato.

PH: Puoi mangiare cioccolata ora ?

WS: Si, posso. Non ho allergie ora.

PH: Una cosa che mi interessa sul tuo articolo è che credo che qualcosa vada spiegato al pubblico. L' idea dei protocolli, non dovete avvicinarvi agli alieni, non dovete toccarli, non dovete stringere loro la mano finchè non conoscete il protocollo per questo particolare gruppo. Dovete stare molto fermi.

WS: Loro possono toccarvi. Loro ne hanno modo…se voi li toccate, potreste avere una reazione allergica. Se loro vi toccano, sentite corrente nei nervi e non avete reazione allergica. Se li vedete non li toccate, io avviso la gente.

PH: Certo, logicamente. Questo è un fenomeno che richiede delle regole di base.

WS: Quando siete con loro, sentite molto piu' che un rapporto con animali. Sentite che appaiono come animali ma sono piu' intelligenti di voi. Non è come essere con una creatura umana. Esiste una totale disconnessione culturale. La loro faccia non funziona come la nostra, sono come piccoli animali di foresta, che non vengono da alcuna foresta che abbia mai visto. Questo è cio' che dice la gente. Questa donna disse, sono passati dalla finestra, pensavo fossero animali. Quindi ho realizzato che non era così, era una di quelle creature.

PH: L' errore che facciamo è misurare tutto coi nostri canoni. Non possiamo sapere cosa siano, perchè li compariamo a noi e non sono noi. Dobbiamo sviluppare capacità comunicative ed e' giunto il momento. Grazie per aver condiviso le tue Esperienze.

fonte: paolaharris.com

Il libro 2012: Una Guerra per Anime di Whitley Strieber che debutta al Tattered Cover Bookstore di Denver, Colorado. ultima modifica: 2007-10-29T07:41:30+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)