IL PADRE RAPITO DAGLI UFO

Il Giornale Online
Il 13 settembre 1948, è la vigilia della ricorrenza di Santa Croce; Oristano è addobbata a festa per l'occasione, e sulla torre medievale della piazza centrale sono state disposte delle luminarie.

Verso le ore 19, malgrado il sole sia appena tramontato, vi sono ancora eccellenti condizioni di luminosità, come è del resto tipico in Sardegna, ancora in quel periodo dell'anno- quando il giovane Madau – in ritiro spirituale presso il locale seminario diocesano, in attesa di fare le prime promesse dell'ordine francescano, cioè i voti, esce dal collegio, recitando il Rosario e, inoltratosi nell'orto del convento, prende il sentiero diretto a ponente, uno dei tre percorsi dai quali esso all'epoca era attraversato.

Qui egli dapprima si imbatte nel cane del guardiano, un vecchio animale, mezzo cieco, che prende a seguire il frate sino alla fine del vialetto, punto dell'orto coincidente, a sinistra, con l'angolo Nord dell'edificio conventuale, e delimitato poco più in là dal muro di cinta oltre il quale corre l'allora Strada Provinciale Cagliari Sassari, oggi sostituita dalla Superstrada. Fermatosi un istante, recitando la prima parte dell'Ave Maria, lo sguardo rivolto al cielo, ancora chiarissimo e privo di nubi- egli scorge verso ponente, un corpo mobile, dapprima scambiato per un volatile, in quanto pressoché puntiforme- che scende in picchiata in sua direzione, divenendo sempre più grande.

“In pochi secondi vidi una macchina assolutamente silenziosa e di forma stranissima che non avevo mai visto, e di cui non avevo mai sentito prima parlare (durante il periodo del ritiro spirituale o noviziato i seminaristi erano tenuti ad osservare l'isolamento totale rispetto il mondo esterno, lontani quindi da radio, giornali etc.). All'inizio essa non planava parallela al suolo, ma piuttosto obliqua, di modo che arrivata all'altezza dell'edificio seminariale, potei vederne chiarissima la sagoma: era un disco volante color argento, a forma di campana.

La cupola pareva essere di plastica trasparente, dato che notai distintamente all'interno la presenza di due uomini, bianchi, di aspetto giovanile. Il disco si fermò poco al di sopra di un albero, un eucaliptus, disponendosi parallelamente al suolo: contemporaneamente si udirono delle gride convulse e disorientate di gente, provenienti dalla piazza del paese, la cui torre era stata illuminata per la festa, e dal vicino distretto militare: “E' andata via la luce!”, andavano a più riprese ripetendo.

Le figure uscirono quindi all'esterno dell'oggetto, che era sospeso a poche decine di metri di distanza da me, ponendosi in piedi sulla sua piattaforma: erano uomini piuttosto alti, 1.90 o forse due metri, bellissimi, dal portamento nobile, e vestivano una specie di tuta argentea; incuriosito, feci loro un cenno di saluto, agitando il braccio, ed essi mi risposero sorridendo, invitandomi gestualmente così mi parve, ad avvicinarmi al loro disco: intendendo volessero portarmi via con loro, rifiutai. Ripeterono il loro invito più d'una volta, ma io non lo accolsi, conscio del fatto che il seguirli avrebbe significato per me l'impossibilità di divenire frate francescano.

Quasi constatando il mio atteggiamento, le figure rientrarono nella loro macchina, la quale si dispose in assetto obliquo, mostrando la propria parte inferiore :fu in quel momento che notai la presenza di un'apertura circolare scura, al centro, e di una specie di struttura “a cingolo”, o “cinghia” metallica, posta lungo la circonferenza esterna, che prese a muoversi, girando dapprima a scatti netti ed intermittenti, con un suono secco, simile a quello prodotto da una catena su di un ingranaggio- e poi sempre più velocemente. Di colpo il rumore cessò ed il disco dispostosi nel proprio primitivo assetto orizzontale, prese ad emettere a 'raffica', in rapida successione dall'apertura sottostante, degli stranissimi fasci di luce, di diverso colore, indipendenti l'uno dall'altro.

Si trattava di luce a settori, o 'blocchi', il cui aspetto cromatico cominciava dal viola, sfumava nel blu/celestino, quindi nel verde, nel giallo, nell'arancione, nel rosso e per ultimo nell'incolore: ebbi l'impressione che ognuno di essi 'spingesse' quello sottostante, ad un ritmo ininterrotto. Fra i vari 'blocchi', ognuno dei quali culminava in una di specie di divisione/strozzatura, che dava all'insieme un aspetto a 'salsiccia' vi era una zona acromatica di transizione. Il disco d'un tratto scomparve dal mio campo visivo ed io, cominciai a recepire la distinta sensazione, di un suono elettrico: uu-uu/uu-uu -che però si manifestava non a mezzo dell'udito, bensì nella parte superiore del cervello: mi sentivo leggero leggero, ondeggiante come un panno appeso ad un filo! Non vidi cosa stesse in quel momento capitando al cane. Forse l'oggetto in quel momento era sopra di me; di fatto comunque non lo vedevo più.

Da quel momento il suono in questione si convertì in sensazione tattile ed avvertii qualcosa di simile a delle 'dita elettriche'- che mi stava 'rovistando' nel cervello, insistendo particolarmente sul lobo sinistro: inizialmente la cosa era paragonabile ad un solletico, e ci fu una fase durante la quale fui, credo, assente come coscienza, rispetto ciò che avveniva. Mi risvegliai con una sensazione dolorosa: il 'frugamento' stava continuando ed io sentivo sempre più male. Fu a questo punto che cominciai a spaventarmi, pensando mi volessero acchiappare e portare via. Reagii allora 'esclamando' -nella mente: 'No, non voglio!', e con la mia coscienza di frate mi misi a pregare, ed invocai: 'Madre mia, aiutami. Non voglio!'.

Fu allora che sentii la voce di una donna, che rivolta a 'qualcuno', diceva, sia pur con poca convinzione: 'Ma lasciatelo; lasciatelo stare'. La risposta a queste parole, fu data da un suono indistinto ed incomprensibile di 'voci' estremamente 'accelerate', che potrei paragonare a quello comunemente prodotto dal nastro di un registratore fatto procedere alla massima velocità. Lo scambio 'verbale' si protrasse per alcuni istanti, mentre io seguitavo a supplicare 'Madre mia, aiutami': si trattava però, voglio nuovamente precisare, di 'voci' e suoni a loro volta non provenienti dall'esterno, ma che io udivo dentro di me.

Ad un determinato punto echeggiò nuovamente la stessa voce femminile, che chiara ed energica ingiunse: 'Basta, lasciatelo!'. Il 'rovistio' cerebrale cessò di colpo, ed ebbi la sensazione di 'scendere', di lì a poco confermata dal mio battere i tacchi delle scarpe al suolo, come quando ti capita quando scendi da un gradino elevato. Fu allora che riaprii gli occhi e, voltatomi a sinistra, vidi il cane, ancora sospeso a mezz' aria, il muso in alto, le gambe in posizione 'fetale', la coda infilata tra queste: lo vidi scendere lentamente a terra; arrivato a venti centimetri da terra, l'animale fece una caduta improvvisa.

Per l'occasione constatai che il punto sul quale fummo 'calati' distava circa una decina di metri dal sentiero di ponente, ove inizialmente eravamo: ci trovavamo ora infatti sul sentiero centrale dell'orto. In quel preciso momento, quando appunto avevo ripreso coscienza, sentii i soldati del vicino distretto militare gridare: 'E' tornata la luce'; analoghe gride udii provenire dalla piazza del paese, che salutavano la riaccensione delle luminarie sulla torre; contemporaneamente sulla vicina Statale Cagliari-Sassari, al di là del muro di cinta del Convento, le automobili si rimettevano in moto: per quale motivo esse si fossero fermate non sono in grado di dirlo. Era nel frattempo ormai divenuto buio, e mi riavviai verso casa: in quel mentre, ebbi la netta sensazione che sulla parte sinistra della testa, in corrispondenza della zona prefrontale e parietale mi avessero fatto una cucitura; quest'impressione durò qualche istante e poi svanì.

Incontrati i miei compagni: stavano preparando canti e cerimonie per la festa del giorno dopo, e tentai di informarli di quanto mi era capitato, ma il tentativo fu inutile, in quanto, non appena ebbi abbozzato la descrizione dello strano oggetto che avevo visto, essi seccati per la mia intrusione, mi zittirono quasi insultandomi. Da allora tacqui per lungo tempo, nella convinzione che l'esperienza che quel giorno avevo vissuto, ben difficilmente avrebbe potuto essere resa nota.”

Considerazioni e raffronti

Da un esame obiettivo dell'intera narrazione, emergono spunti e riscontri alquanto interessanti, non certamente liquidabili come mere casualità, che sulla base delle acquisizioni sino ad oggi maturate, oltre a conferire ulteriore peso ed attendibilità al clamoroso ed inedito contatto ravvicinato in questione, forniscono preziosi indizi che consentono di inquadrarlo, nella sua dinamica e natura, come possibile esperienza del quarto tipo, capostipite in quanto tale di un'intera casistica nota a livello mondiale, dal secondo dopoguerra ad oggi.

Si tratta per la precisione, in altre parole, oltre che dei tipici tratti distintivi di un IR4, anche di termini e di concetti istintivamente fatti propri dal protagonista nella ricostruzione di quel lontano episodio, cioè non a bella posta studiati, e la cui presenza nel resoconto in questione non può che essere significativamente colta, secondo la sopra menzionata prospettiva interpretativa.

Procedendo per ordine, dall'inizio del racconto, abbiamo:

-La descrizione dell'oggetto e delle entità; si nota un chiaro addentellato con le tipiche tematiche del contattismo: il protagonista parla infatti testualmente di disco a forma di campana, per gli addetti ai lavori, bell-shaped UFO e di occupanti estremamente simili all'uomo, alti, bellissimi, dal portamento nobile, e indossanti tute argentee.

-Il venir meno della luce in paese, in coincidenza con l'arrivo del misterioso oggetto, ed il ritorno di questa ad avventura finita.

-Il dialogo a gesti con gli esseri a bordo del disco, richiama chiaramente alla memoria l'avvistamento di padre Gill (Nuova Zelanda) del '59, con la differenza che in questo caso abbiamo a che fare con un'interazione ben più ravvicinata, limitata cioè non già ad uno scambio di saluti, ma culminante nell'invito, rivolto al testimone, a salire a bordo. Qualcosa del genere, invito/rifuto, si ebbe anche nel caso Facchini (Abbiate Guazzone, '50) anche se fu contraddistinta per il malcapitato protagonista, da una dinamica più cruenta: fuga/abbattimento.

-Gli stranissimi fasci di luce. a settori, o 'blocchi' policromi, che oggi definiremmo luce solida, emessi dall'UFO successivamente alla propria manovra di mutamento di assetto: particolare interessantissimo, la sequenza di colori descritta: cominciava dal viola, sfumava nel blu/celestino, quindi nel verde, nel giallo, nell'arancione, nel rosso e per ultimo nell'incolore corrisponde perfettamente allo schema completo dello spettro cromatico della luce.

-Dopo questa fase dell'emissione di luce solida, che non a caso oggi si ritiene preluda situazioni di rapimento- il protagonista perde letteralmente coscienza, e si sente leggero leggero, ondeggiante come un panno steso; egli a questo punto, non realizza che in realtà già si trova sospeso in aria assieme al cane-i suoi occhi infatti rimangono chiusi sino a quando non verrà riposto al suolo- né successivamente riuscirà a ricostruire in momento d'inizio della fase di sollevamento. L'intera operazione scandaglio sul proprio cervello, e le non meglio identificabili voci, sono pertanto recepite durante il classico stato alterato di coscienza.

-L'esplicita sensazione, ad esperienza finita, di avere subito una cucitura, nella zona cerebrale interessata: questo rinvia eloquentemente alla nota tematica degli impianti.

-La voce chiara, distinta, di una non meglio identificata donna, successivamente all'invocazione della Madonna: l'interposizione di un'immagine religiosa non è nuova di esperienze di questo tipo, e rientra più in generale nella confluenza in più occasioni registrata fra fenomeni UFO e BVM (Salette, etc. )

Conclusioni

Nel suo resoconto padre Madau ha riproposto con la massima lucidità e coerenza il lontano ed incredibile evento che lo coinvolse, e che è ancora vivissimo nella sua memoria. Nel suo stato d'animo però non vi è, né mai vi è stata, l'aspettativa di un eventuale ripetersi di tale incontro. Semmai, più sul piano generale, domina in lui una precisa convinzione sulle ragioni d'essere del problema UFO globalmente inteso, secondo la quale esso affonda le proprie radici nel mondo biblico. E da esperto esegeta biblico, curatore da decenni delle edizioni liturgiche vaticanensi, egli ci traccia una sua prospettiva interpretativa circa la natura di quegli esseri, che lui stesso vide, citando la lettera di San Paolo agli Ebrei:

“Chi sono gli esseri che sono in Paradiso? (ossia, che esistono nell'universo?) Dio, gli Angeli ed i Prototocoi, i primogeniti che sono stati arruolati nei cieli. In altri termini, afferma il Padre, si parla di coloro che vengono da altri mondi, non dal nostro: taluni di questi esseri sono certamente buoni, altri certamente cattivi. Ed allacciandosi indirettamente alla sua esperienza egli cita il resoconto di uno dei tanti incontri ravvicinati narrati dalla Bibbia, oltre quelli di Enoch, Elia ed Ezechiele: l'avventura di Abramo, che distese le opere sacrificali sul suo altare, rivolto a Dio, vede in quel mentre un 'forno' transitare sulla sua testa, e fermarsi; e in quell'istante Abramo cade al suolo privo di sensi.”

fonte:enricobaccarini.com

IL PADRE RAPITO DAGLI UFO ultima modifica: 2007-07-04T19:00:00+00:00 da Quantico
About the Author
Quantico