Il Sole e la Luna

Quando mi sono interessato di ricostruire la biografia del Principe napoletano Raimondo de’ Sangro, riportata nel mio primo lavoro RUM MOLH, ho dovuto affrontare la decifrazione del messaggio nascosto nelle opere marmoree della Cappella Sansevero a Napoli. Per ammissione dello stesso autore queste opere presentano un significato ermetico ed egli stesso ci dà gli indizi per poterle decifrare, indizi espressi anch’essi in forma ermetica. Tralascio di illustrare tutti i risultati ottenuti celanti un duplice messaggio, massonico e alchemico, e mi soffermo su una sola identificazione: le statue della madre e del padre di Raimondo rappresentano la Luna e il Sole e i rispettivi Dèi egizi, Iside ed Osiride. Un approfondimento di questa interpretazione faceva supporre che Raimondo de Sangro associasse la Triade Egizia alla Trinità Cristiana, in quanto Raimondo identificava anche Gesù con il loro figlio Horus.

triadeegiziana

Triade Egiziana

Chi ha letto il mio precedente articolo “Cristianesimo e Mitraismo” ricorderà che abbiamo riscontrato la presenza di questa dualità sia nell’iconografia mitraica che in quella cristiana. La perfetta corrispondenza iconografica della luna e del sole in alto, e della crocifissione e della tauroctonia al centro delle principali rappresentazioni di queste due religioni, ci fa capire che il messaggio trasmesso è identico: entrambe le iconografie rappresentano un sacrificio propiziatorio di benessere, prosperità e resurrezione. I due corpi celesti Luna e Sole sono la chiave di comprensione di tutte le religioni e rientreranno inoltre anche nell’iconografia della massoneria e dell’alchimia.

mitcristmassalch
Nell’iconografia egizia non abbiamo immagini esplicite della coppia Sole-Luna perché tutti gli Dèi egizi erano antropomorfizzati e a volte avevano volti di animali. Per una identificazione di Iside ed Osiride con la Luna e il Sole rimando a RUM MOLH e a KRST. Come si spiega quindi la presenza di questa dicotomia in tante epoche diverse nello sviluppo del pensiero umano? Che relazione esiste fra quella mitraica e quella cristiana? e perché poi è stata adottata dalla massoneria e dall’alchimia?

I due principali corpi celesti, la luna e il sole, sono stati presto associati dagli antichi popoli mediorientali in una azione sincretica. La religione egiziana è fondamentalmente generata dal prodigio annuale delle piene del Nilo che garantivano il benessere della regione. Dice Plutarco in De Iside et Osiride: “Gli Egiziani chiamano “emanazione” d’Osiride non solamente l’acqua del Nilo, ma generalmente tutta l’umida natura; ed all’inizio delle processioni fatte in onore di questo Dio precede sempre il vaso dell’acqua” e questo prodigio della natura dipendeva appunto dall’unione del sole e della luna: “Festeggiano il plenilunio del mese “Famenoth” chiamandolo “entrata d’Osiride nella Luna”, che è il principio di primavera; e cosi riponendo la virtù d’Osiride nella Luna dicono che Iside (significante la generazione) si congiunge con lui”.

Questa sizigia viene decantata anche nella Bibbia, nel Cantico dei Cantici, quando vien detto: 2,11-13: “Perché, ecco, l’inverno è passato, è cessata la pioggia, se n’è andata; i fiori sono apparsi nei campi, il tempo del canto è tornato e la voce della tortora ancora si fa sentire nella nostra campagna. Il fico ha messo fuori i primi frutti e le viti fiorite spandono fragranza. Alzati, amica mia, mia bella, e vieni!”. L’unione fertilizzante e generatrice veniva quindi ricordata e festeggiata al risveglio della natura all’equinozio di primavera, nel giorno di luna piena successivo, in cui gli Egizi ponevano la ierogamia fra Iside ed Osiride, gli ebrei festeggiavano la Pasqua e i cristiani e i mitraisti sacrificavano il loro dio per la remissione dei peccati, la rigenerazione e l’avanzamento iniziatico sulla scala che porta al cielo.

Ecco quindi spiegata la presenza della Luna e del Sole in tutte le tauroctonie mitraiche e in molte crocifissioni cristiane.

Il grande prodigio del risveglio (risurrezione) annuale della natura, da cui derivavano i principali doni della terra, l’acqua e il grano, era presieduto o, per meglio dire, generato dall’unione del Sole e della Luna e propiziato dal sacrificio del toro e di Gesù. Del perché la dicotomia Luna-Sole sia passata poi in massoneria il lettore può trovare un’ampia trattazione in KRST, in cui viene ipotizzato un collegamento diretto mitraismo-cristianesimo-massoneria. Per trattare del significato della Luna e Sole in alchimia è necessario invece iniziare un discorso molto più complesso che occorre rimandare ad altra occasione.

Pier Tulip


Pier Tulip si è laureato in Fisica a Napoli e ha insegnato questa materia nelle scuole superiori. Da diverso tempo si occupa di ricerche su argomenti di tipo esoterico. Dopo aver pubblicato il libro RUM MOLH, una biografia romanzata del Principe napoletano alchimista e massone Raimondo de’ Sangro, ha rivolto la sua attenzione alla genesi del Cristianesimo, con il libro KRST, perché risultati ottenuti nella precedente ricerca indicavano una possibile commistione del cristianesimo con la religione egizia. Per contattare Pier Tulip: pier.tulip@gmail.com

 

Il Sole e la Luna ultima modifica: 2013-06-11T18:33:28+00:00 da Pier Tulip
About the Author
Pier Tulip

Pur di formazione scientifica, negli anni recenti ho voluto cimentarmi nella scrittura di saggi per trattare alcune tematiche fuori dal mio orizzonte di studio considerando che fossero state sempre influenzate da elementi estranei alla scientificità, quali emotività o tecnicismi esegetici o linguistici. Quando a Napoli, nel trecentenario della nascita, si discuteva del complesso personaggio Raimondo de' Sangro si è aperta ai miei occhi una notevole e complessa prospettiva di indagine che mi ha portato su strade molto diverse da quelle che ero abituato a percorrere. Questa indagine, prima su argomenti massonici e alchemici, poi mitologici e teologici, ha avuto dei risultati che in parte presentano delle novità rispetto alle conoscenze canoniche e ho ritenuto che si prestassero ad essere pubblicate per metterle al vaglio degli interessati. Glli articoli pubblicati su Altrogiornale sono estratti e adattamenti di alcuni risultati della mia ricerca.