Iniziativa Star Dreams (SDI): Diplomazia di interesse pubblico con le culture esterne al pianeta – Pt.2

[youtube=425,344]QsquicnyKR4

Il Giornale Online

Dedicato al futuro dei bambini del mondo e dei loro figli.

F: Preparazione psicologica per il Contatto con Culture esterne al Pianeta:
Il nostro contatto con culture esterne al pianeta traformerà molto probabilmente le nostre istituzioni nel tempo, come religioni, economia, fonti di energia e scienza. Il Dr.Mack credeva che la politica verrebbe maggiormente cambiata.

Attraverso un piano esopolitico propriamente eseguito, la Star Dreams Initiative (SDI), questa trasformazione può essere positiva e di beneficio per l'umanità. Il processo di educazione sulla vita nell'Universo deve continuare ad essere graduale e concentrato sulla spiritualità per evitare paure inutili.

Michael Mannion, autore di Project Mindshift, spiega che il pubblico USA e del mondo, è stato gradualmente educato tramite i film, i media, la stampa e la televisione sulla possibilità dell'esistenza di “culture esterne al pianeta”.

In base ad un sondaggio Roper del 2000, promosso dalla Coalizione per la Libertà di Informazione, il 72% dei residenti USA, credono che il governo federale non ci stia dicendo tutto quello che sa sugli oggetti volanti non identificati.

La Star Dreams Initiative è in sinergia con i profili attitudinali del pubblico negli Stati Uniti e nelle attitudini del pubblico mondiale verso le Culture esterne al Pianeta. Evidenze fornite dal Sondaggio Roper sugli UFO e la Vita Extraterrestre. La maggioranza dei residenti USA è psicologicamente e spiritualmente preparate per le prove sulla vita extraterrestre
La maggiornaza dei residenti USA sembra accettare e con eccitazione il pensiero della scoperta di vita extraterrestre. Tre quarti del pubblico afferma di essere almeno psicologicamente preparata per la scoperta della vita extraterrestre e quasi la metà è molto preparata.

Inoltre, poco più della metà dei residenti USA sono almeno un poco interessati nel personale incontro con una forma di vita extraterrestre sulla terra. Questo è particolarmente vero per i maschi e aventi dai 18 ai 24 anni.

il Governo sa più di quanto stia dicendo

Nella visione di molti adulti (il 55%), il governo non condivide informazioni col pubblico in generale. Una porzione più grande (circa 7 su 10) pensa che il governo non dica nulla di ciò che sa sulla vita extraterrestre e gli UFOs. Più si abbassa l'età e più si pensa che il governo trattenga le informazioni sull'argomento.

Questa non è una situazione che la maggioranza dei residenti USA vorrebbe veder proseguire. Dato che la sicurezza nazionale non è a rischio, molti credono che il governo possa condividere le informazioni che ha in merito ad altra vita intelligente e agli UFO col pubblico. Maschi e adulti sotto l'età dei 65 anni sono più inclini a supportare la declassificazione dell'informazione governativa in merito a tale fenomeno. Naturalmente, quelli con un interesse sulla vita extraterrestre propongono maggiormente il rilascio di tali informazioni al pubblico.

L'Alieno della Porta Vicina?

Forse i presidenti USA aspettano di sentire un annuncio governativo sulla vita extraterrestre, perchè molti residenti USA credono già agli extraterrestri. Due terzi dei residenti USA dicono di pensare che esistano altre forme di vita intelligente nell'universo e circa la metà dicono di credere che gli UFO abbiano visitato la Terra in qualche modo negli anni (48%) o che alieni abbiano monitorizzato la vita sulla Terra (45%). Infatti, più di uno su tre residenti USA (37%) credono che gli umani abbiano già interagito con forme di vita extraterrestre. Questo pensiero tende ad essere prevalente tra maschi e adulti sotto l'età dei 65 anni.

Parlando di abductions aliene, uno residente su cinque negli USA in generale e più della metà (57%) di questi che dicono che gli umani hanno già interagito con la vita extraterrestre, crede che le abductions siano reali. Ancora una volta, i maschi e quelli dai 18 ai 64 anni sono la maggioranza tra questi.

Un residente su 7 negli USA dice che loro stessi o qualcuno di loro conoscenza, ha avuto almento un “incontro ravvicinato” del “Primo”, “Secondo” o “Terzo” tipo. La proporzione maggiore (12%) dice che loro o altri loro conoscenti, hanno visto un UFO in modo ravvicinato. La proporzione minore dice che loro o un conoscente ha visto un UFO causare un effetto fisico su oggetti, animali o umani (3%) o ha avuto un incontro con vita extraterrestre (2%). Tra quelli che credono alle abductions, un terzo afferma di aver vissuto di persona o che un parente abbia vissuto di persona un Incontro Ravvicinato.

Parlando di altre esperienze inusuali, l'1.4% o 2.9 milioni di residenti USA, dicono di aver vissuto almeno 4 o 5 eventi chiave, che i credenti delle abductions UFO, hanno identificato come elementi per affermare se l'abductions aliena sia avvenuta o meno.

Star Dreams Initiative (SDI): Part 2- Progetto

A: Missione
La missione della Star Dreams Initiative è di stabilire un contatto interattivo tramite un protocollo di comunicazione e ingaggiare una “Diplomazia di Interesse Pubblico” con una o più Culture esterne al Pianeta (“OPCs”), che possa contattare il nostro pianeta Terra in questi tempi.

La “Diplomazia di Interesse-Pubblico” è un concetto terrestre sviluppato da Organizzazioni Non-governative Occidentali (NGOs) che hanno stabilito relazioni trasparenti e quasi-diplomatiche con organi dello Stato Sovietico durante il Periodo Glasnost con l'ex Unione Sovietica negli anni '90. La Diplomazia di Interesse Pubblico nell'Iniziativa Star Dreams richiede una cooperazione empatica tra i rappresentanti delle principali culture terrestri e di una Cultura Off-Planet partecipante. Come nel periodo Glasnost, la cooperazione può solo avvenire attraverso le relazioni nutrite dalle parti.

La “Diplomazia di Interesse Pubblico” rappresenta anche una diplomazia con l'obiettivo di influenzare la politica governativa in modo che possa dirigersi verso i migliori interessi del pubblico, dell'intera umanità. La Star Dreams Initiative si concentrerà su strategie verso le relazioni tra umani e rappresentanti delle culture Esterne al Pianeta, incluse le relazioni multidimensionali basate sulla mutua comprensione della realtà dell'Universo, fondata sulla cura e l'onestà, con intelligenze di altri mondi.

Gli obiettivi della Diplomazia di Interesse Pubblico includono negoziati e consensuali piani per la mutua, trasparente e aperta interazione e le relazioni diplomatiche pubbliche tra i corpi scientifici, etico-religiosi e governativi della cultura terrestre e di quella specifica della Cultura/e Esterna/e al Pianeta, che rientrano nella Star Dreams Initiative. Questo piano generale include appropriati Trattati Inter-Specie sotto principi di una Legge Internazionale e Universale. La Diplomazia di Interesse Pubblico, dove appropriata, può includere rappresentanti e consiglieri delle Autorità Governative Interplanetarie della Galassia.

B: Obiettivo Centrale

1.Trasformazione dell'economia della guerra sulla Terra in una sostenibile, cooperativa, pacifica, società orientata all'Universo in una Era Spaziale.

2. Stabilire comunicazione interattiva e solida e il contatto con le Culture Esterne al Pianeta che contattano il nostro pianeta in questo tempo attravero stadi programmati di interazione.

3. Integrazione della Terra e della società umana in una società Universale sviluppata spiritualmente, organizzata e avanzata.

C: Progetto – SDI – Piattaforma funzionale di Atterraggio per Culture Esterne al Pianeta

La “Piattaforma di Atterraggio” è un archetipo presente famigliare delle comunità desiderose di avere un contatto con Culture Esterne al Pianeta (OPCs). Una “Piattaforma di Atterraggio” accoglie i rappresentanti di una Cultura Esterna al Pianeta per permettere l'atterraggio dei loro veicoli e l'interfacciamento con la comunità umana. Una tale Piattaforma di Atterraggio in grado di ricevere alto livello di riconoscimento governativo ufficiale, è la Piattaforma di Atterraggio UFO in St.Paul, Alberta, Canada, inaugurata il 3 Giugno 1967 dal Ministro della Difesa Canadese Paul Hellyer di quegli anni.

L'Iniziativa Star Dreams cerca di creare un equivalente funzionale di una “Piattaforma di Atterraggio”, per una Cultura interattiva Esterna al Pianeta, attraverso il meccanismo della Diplomazia di Interesse Pubblico. Prima di un “atterraggio fisico” e di un “contatto ufficiale” con una astronave di una cultura esterna al pianeta, deve essere raggiunta una mutua comprensione fondata dalla comunicazione interattiva. Le comunicazioni interattive, sostanziali negoziazioni, trattati legali e un piano per una relazione diplomatica aperta, trasparente e integrativa tra i terrestri e la partecipante di una Cultura Esterna al Pianeta, sono gli obiettivi della Star Dreams Initiative e sono l'equivalente funzionale di una “Piattaforma di Atterraggio”.

Il progetto della Star Dreams Initiative è basato sulla creazione di una piattaforma multidimensionale di comprensione, o in altre parole, uno stampo di conoscenza che porta a una visione comune, o paradigma, per la mutua comprensione tra il Project Network of Project Researchers, Partecipanti di Organizzazioni Non-Governative (NGO) e Rappresentanti Internazionali (Nazioni Unite) da una parte e partecipanti di Culture Esterne al Pianeta interattive al Progetto.

Questo Progetto è una iniziativa per aiutare a creare una piattaforma per una mutua comprensione interattiva in un Nuovo Paradigma, riconoscendo che la Terra esiste in una società interplanetaria e interdimensionale nell'Universo, costituita da civiltà intelligenti in evoluzione. Contatti, relazioni diplomatiche e integrazioni tra la Terra e le Culture Esterne al Pianeta possono così essere basate su una Legge Spirituale e Universale, come nei nostri principi legali Internazionali terrestri.

Il fallimento nel muoversi verso questo piano di comunicazione con le “Culture Estere al Pianeta” e ad allineare le politiche del nostro governo con la Legge Universale, può risultare in conseguenze catastrofiche per il nostro mondo, nella forma di una catastrofe ecologica e/o un'autodistruzione nucleare o un conflitto globale, risultante in una rottura dell'ordine sociale umano. Per citare Wernher von Braun, “L'Universo è ostile solo quando non conosci le sue leggi. Per quelli che conoscono e obbediscono, l'Universo è amico”.

D: Operando da un Paradigma Universale – Empatia (Agape/Universal Love Centered)
Un dialogo aperto, trasparente e diplomatico tra il nostro mondo e le Culture Esterne al Pianeta, rispettando le Leggi Universali & Spirituali, è una necessità se la nostra società umana avrà successo a passare attraverso le sfide che si affacceranno nei prossimi decenni. I protocolli di comunicazione con culture esterne al pianeta evolute ed intelligenti, devono essere studiati e compresi. Uno scienziato ha riassunto le sue scoperte, basate su osservazioni interattive e comunicazioni attraverso sessioni di remote view con delle specifiche Culture Esterne al Pianeta, come di seguito:

“In qualche modo l'amore è il tema di Dio, la colla che tiene assieme l'universo. Solo esseri altamente evoluti possono realizzare la piena estensione di questa realtà. Non affermo di sapere perchè l'amore sia la colla dell'universo. Tendiamo a pensare che l'amore sia una mera emozione. La mia visione remota su creature altamente evolute suggerisce che il concetto umano di amore è molto primitivo, ma in realtà non conosco altre parole per descrivere la bellezza di quello che sento. Qualunque sia l'amore in questi esseri evoluti, non corrisponde al nostro concetto. Combacia con un chiaro pensiero e una azione effettiva. Esiste una fluidità nelle loro vite che è invidiabile.”

La carenza di una empatetica Diplomazia di Interesse Pubblico può essere una delle ragioni chiave per cui non c'è stato aperto contatto di una Cultura Esterna al Pianeta con rappresentanti ufficiali della terra, eccetto che con gli psichici in remote view che hanno una pura intenzione spiritualmente avanzata. Per raggiungere una comunicazione autentica ed empatica del tipo richiesto per una Diplomazia di Interesse Pubblico, i rappresentanti della Terra devono aprirsi in comunicazione con Culture Esterne al Pianeta alle esperienze della Spiritualità e dell'Agape (Amore Cosmico). Le modalità della remote view offrono potocolli scientifici per il contatto interattivo multidimensionale con intelligenze altamente evolute.

La paura umana può bloccare il processo di comunicazione multidimensionale con intelligenze multidimensionali altamente evolute. Nelle parole di un Consulente della SDI: “(La diplomazia esopolitica richiede) una sincronicità vibrazionale con coloro che sono in comunicazione con noi e deve essere nutrita nei rappresentanti dei popoli della Terra. La crescita personale e la trasformazione personale è essenziale. Il livello di crescita spirituale (amore) sembra determinare la nostra possibilità di interagire direttamente o telepaticamente con intelligenze superiori. La ricerca del Dr.John Mack ha dimostrato che diversi “experiencers”

(contattati/addotti) hanno avuto diverse esperienze con gli “esseri ET multidimensionali” che spesso sembrano rispecchiare la stessa energia vibrazionale del soggetto o il livello spirituale. Sento inoltre che la Star Dreams Initiative può incoraggiare sia i diplomatici esopolitici che la società a concentrarsi interamente sull'amore, la cura, la compassione e la fiducia nella Legge Universale, la fiducia in Dio/Fonte come fondamenta delle nostre interazioni con le culture esterne al pianeta”.

E: Divenire Cittadini Galattici

La SDI farà avanzare la conoscenza esistente guadagnata tramite la modalità della remote view (RV) che è basata su protocolli scientifici e sviluppata da programmi militari e della CIA, precedentemente classificati. I dati derivanti dalla Remote View suggeriscono che esiste una società galattica spiritualmente organizzata e che un giorno ne saremo membri, di queste comunità e strutture di auto-governo.

Come affermato da molti “contattati”, i dati della remote view suggeriscono che ci viene data una graduale opportunità di evoluzione per unirci al resto della Società Galattica Universale evoluta in pace. Il Professore in Psichiatria della Scuola di Medicina di Harvard e pioniere nella ricerca in merito agli incontri tra umani e alieni, il Dr.John Mack, credeva che noi dobbiamo divenire Cittadini Galattici.

Un articolo ha riportato il diffuso discorso del 2003, fatto dal Dr.Mack, 20 mesi prima di morire: “Ci sarà una realtà (umana) ristrutturata. E' arrogante metterlo in una scatola. Mack ha investigato in merito agli UFO e ai continui rapporti di abductions aliene, esperienze di pre-more, alle aberrazioni spirituali-mistiche, alla memoria organica trapiantata, agli spostamenti magnetici, alle fonti di energia di punto zero, alla fusione a freddo, al le visite spirituali e altro. Questi studi, ha detto, lo hanno portato a concludere che le esperienze straordinarie degli individui, porteranno a cambiamenti in come la popolazione del mondo vede la realtà. Mack lo ha chiamato “spostamento della visione mondiale nella coscienza”.

Mack ha detto che ci saranno cambiamenti in ogni aspetto della società. “Tutte le istituzioni saranno influenzate”, ha detto Mack. Aggiunse che la professione nella salute mentale vedrà le esperienze straordinarie, non come condizioni patologiche, ma come punto di partenza per la crescita e l'apprendimento personale. Filosoficamente, le persone capiranno che l'universo una squadra con le forme di vita, alcune visibili e alcune non visibili, ha detto Mack.

“E' arrogante credere che gli esseri umani siano l'apice del successo”, disse Mack. Le persone capiranno l'unità del mondo apprezzandone le differenze. La scienza, disse Mack, studierà i soggetti ora considerati taboo. La politica sarà quasi totalmente cambiata. L'economia si allontanerà dall'essere basata sulla guerra. Suggeriva che i militari dovrebbero essere usati per costruire infrastrutture invece che per fare le guerre.

“Ci serve una leadership che pensa oltre i limiti”, disse Mack. “Il nazionalismo nella sua forma maligna diventerà inconcepibile”. Mack specificò che mantenere potere politico significa mantenere un nemico davanti ai soggetti tutto il tempo. Se le persone mettono questo in discussione, vengono accusati di mancanza di patriottismo. “Questo suona famigliare?” chiese Mack.

“Le persone che hanno avuto esperienze di abductions capiscono questa visione, disse Mack, “Capiscono questo””. Disse inoltre, “dobbiamo divenire cittadini galattici e in questo senso non abbiamo lavorato bene. Ci devono essere concili (di alieni extraterrestri) che cercano di capire cosa fare con noi senza sterminarci. Sono stati molto tolleranti, disse Mack.” ((UFO convention speaker says we must become 'galactic citizens' By Kay Jenney The Daily News).

F: L'Economia della Guerra Permanente, Bandire le Armi Space-based

Un obiettivo centrale della SDI è trasformare la permanente economia terrestre basata sulla guerra, in una società sostenibile e orientata all'Universo, cooperativa e pacifica in un' Era Spaziale.

Assieme, possiamo mettere fine nell'industria della guerra, mettendo da parte le nostre differenze, unendoci e lavorando assieme per promuovere soluzioni fianco a fianco per chi prende le decisioni. Prima che la nostra economia della guerra si espanda allo spazio e prima di poterci riunire nella società dell'Universo, dobbiamo bandire le armi spaziali.

Una strategia coordinata per portare i leaders del mondo a firmare un trattato per bandire le armi spaziali, metterà un coperchio all'economia della guerra. Questo risulterà in una società dell'Era Spaziale, democratica e cooperativa, che va oltre la paura e si concentra sull'onorare tutta la vita sul nostro pianeta e nel nostro universo, invece che distruggerla. Con la tecnologia odierna, una economia basata sullo spazio può essere redditizia quanto una economia basata sulla guerra.

Gli umani possono risolvere i conflitti internazionali attraverso l'empatia invece che forzarli, attraverso una migliore comunicazione e l'arte della diplomazia, comprendendo meglio prima le cause profonde dei conflitti. Risolvendo le ingiustizie che creano il terrorismo e risolvendo i conflitti con i cosiddetti “paesi canaglia”, possiamo, con applicazione laterale, trasformare le nostra remunerativa industria della guerra in una remunerativa e pacifica industria di esplorazione spaziale. Non servono armi spaziali e violano la Legge Universale e Galattica.

G: Nuova Energia

Finchè l'umanità non applica più risorse per esplorare e integrare nuovi fonti di energia pulita, oltre a quelle dei carburanti fossili e delle fonti nucleari, affronteremo disastri ambientali catastrofici nel prossimo futuro. Molte delle nostre potenziali e irrisolvibili sfide ecologiche, possono essere parzialmente risolte nel tempo tramite soluzioni che saranno proposte dalla SDI. Attraverso l'acquisizione, la retroingegneria, la costruzione e l'integrazione di tecnologie avanzate provenienti da culture esterne al pianeta, l'umanità può gradualmente perdere la sua dipendenza da petrolio e carbone, in questo modo invertirà il processo di inquinamento della nostra preziosa aria.

H: Percezione esopolitica e umana

Come ha compreso il professor Mack, la politica sarà cambiata quasi del tutto dal nostro contatto con una cultura esterna al pianeta. L'Esopolitica, come disciplina, è lo studio delle politiche, del governo e della legge nell'Universo. Include lo studio degli aspetti politici, governativi e legali di un contatto interattivo e una integrazione sociale tra umani e Culture Esterne al Pianeta sulla Terra, nello spazio o attraverso realtà multidimensionali. Il modello esopolitico fornisce un ponte operazionale tra i modelli della politica terrestre, del governo e della legge, con modelli di politica più ampi, di governo e di legge nella società Universale.

Una delle sfide nella ricerca di base dell'Esopolitica, è che questa informazione derivante da un apparente contatto con Culture Esterne al Pianeta, è stata così compartimentalizzata in questo campo che ogni persona coinvolta guarda al fenomeno della comunicazione interattiva con Culture Esterne al Pianeta dalla propria unica e, al tempo, limitata prospettiva.

Per esempio, i remote viewers hanno un diverso modello di percezione in merito alla comunicazione interattiva tra terrestri e una Cultura Esterna al Pianeta, quando confrontata con le agenzie militari umane. L'ambiente militare sembra operare da una varietà di modelli di percezione, dal vedere tale comunicazione come una minaccia alla Sicurezza Nazionale, al percepire una Cultura Esterna al Pianeta come opportunità per l'evoluzione istituzionale.

Anche gli scienziati hanno i propri modelli in merito a questa comunicazione, così i ricercatori in ambito UFO, in ambito abductions, i cospirazionisti, gli “addotti”, gli astronomi, gli osservatori di orientamento religioso, i nativi e gli osservatori di orientamento spirituale, ecc.. La percezione di tali “visitatori” può variare in base alla parte di mondo da cui provengono, basandosi sulla storia della cultura e dei miti.

Inoltre, il database scientifico primario che sta alla base della ricerca Esopolitica e della sua attività, deriva da metodo scientifico da una larga varietà di fonti, incluse almeno le seguenti 14 formali Categorie di dati:

Cat.A – Volontari Contattati Fisicamente e Consciamente
Cat.B – Contattati Involontariamente Fisicamente e Semi-Consciamente (Addotti)
Cat. C – Volontari Contattati Semi-Consciamente Alternativamente (Star People)
Cat. D – Volontari Contattati Psichicamente (Canalizzatori e Visionari)
Cat.E – Contattati Psichicamente Neutrali (Remote Viewers e Sciamani)
Cat.F – Gole profonde dall'Interno di un Governo Segreto
Cat.G – Evidenze Documentate dal Governo
Cat.H – Category H- Superficial Excited Witnesses and Sightings Reports
Cat.I – Debunkers e Interpreti
Cat. J – Artefatti Alieni
Cat.K – Archeologia Indipendente
Cat.L – Società Occulte
Cat.M – Fantascienza
Cat.N – Rivelazioni autorizzate da Corpi di Governo Universale

La SDI non è un progetto di ricerca Esopolitica. Non è obiettivo della SDI “provare” che esistano Culture Esterne al Pianeta. La SDI cerca consciamente di completare la ricerca iniziata per stabilire un contatto interattivo tra umani e Culture Esterne al Pianeta.
Rispetto al progetto e alla metodologia per stabilire una Diplomazia di Interesse Pubblico, un altro membro della SDI ha affermato: “Qualsiasi modo venga usato, deve comunque non essere minaccioso sia per il pubblico che per i governi coinvolti ed infine deve essere inclusivo piuttosto che esclusivo rispetto alla consapevolezza pubblica”. Il “Progetto Esopolitico” è per arrivare al Contatto e ad una Diplomazia di Interesse Pubblico con una Possibile Cultura Esterna al Pianeta (OPC – Off-Planet Culture).

I: Perchè il governo è stato Silente

Uno scienziato ha ben argomentato le motivazioni per cui i governi del mondo hanno nascosto la questione della vita extraterrestre e degli UFO (Cosmic Voyage (New York Dutton 1996), Capitolo 36)

“Una delle questioni più comunemente discusse tra le persone interessate agli UFO, è il silenzio governativo sulla materia. L'unica cosa che agita di più le persone è quello che percepiscono essere il tentativo dei governi di ridicolizzare, reprimere o negare i rapporti UFO. Anche io sono passato in uno stadio in cui sentivo che il mio governo non stesse facendo il proprio dovere nascondendo l'informazione su questo soggetto alla persone che hanno votato. Ho cambiato opinione, comunque e può essere importante per me descrivere la mia prospettiva su questa materia.”

“Dovrei ricordare ai lettori che sono un professore in scienze politiche. Una delle mie specialità in questa disciplina è l'opinione pubblica e il comportamento di massa, che si lega direttamente alle preoccupazioni governative in merito al soggetto degli ET e degli UFO.”

“Il governo è certamente a conoscenza di molta dell'attività ET sopra e vicino al pianeta. Alcuni libri sono stati pubblicati e sono concentrati su informazioni rilasciate dal governo USA usando il Freedom of Information Act (per esempio, vedere Good 1987). Però si deve andare oltre per confermare che il governo è a conoscenza del fatto che gli ET sono attivi su questo pianeta.”

“Per mia esperienza, ho parlato con alti ufficiali in pensione che hanno chiaramente affermato di essere stati coinvolti in raccolte segrete di dati di alto livello su attività in merito agli UFO e che il governo stava facendo il meglio per gestire questi eventi, ma con poco successo. Inoltre, ho parlato con personale di linee aeree militari che mi ha confermato esperienze in cui dei jet militari sono stati seguiti da UFO. In alcuni casi, i piloti sono stati istruiti per non discutere la materia con nessuno. Questi particolari piloti ovviamente non hanno seuguito gli ordini alla lettera, ma altri si.”

“Il governo sa degli ET, ma non lo dice ai cittadini. Perchè? Cosiderate con cura la situazione in cui vi trovereste se foste il presidente degli USA, per usare il governo del mio paese come esempio. Siete a conoscenza che extraterrestri stanno invadendo lo spazio aereo senza chiederne il permesso. Inoltre, almeno alcuni ET stanno facendo cose a molti cittadini della vostra nazione, che non sembrano piacevoli e il governo con i suoi militari e gli apparati di sicurezza non può fare nulla per fermare questi eventi. Assolutamente nulla. Cosa fareste? Andreste sulla televisione nazionale per annunicare l'arrivo degli ET? Cosa potreste dire oltre a “Sono qua e potete andare nel panico a vostra discrezione” ?

“Potete conisderare la rivelazione che i visitatori sono arrivati e che il governo stia cercando di aprire diplomatiche relazioni con loro. Ma quanto a lungo sareste capaci di andare avanti se gli ET non rispondono?”

“Potrebbe non essere la strategia corretta, ma minimamente, è stata una strategia difensiva per posticipare la consapevolezza pubblica sul problema fino a quando il governo non abbia la chance di provare a gestire meglio la materia. Nessun leader nazionale vuole annunciare il fallimento se ci sono speranze di successo.”

“Non so esattamente quanto il governo abbia saputo negli anni. So però che i leaders delle nazioni non hanno tutte le informazioni che noi siamo riusciti ad avere usando la remote view. Cioè, l'informazione in questo volume sarà utile a stabilire una nuova fase di interazioni tra umani ed ET. Però non vedo benefici nell'attaccare seriamente gli ufficiali governativi correnti e passati, riguardo alle passate politiche governative in merito al fenomeno ET. Sono stati fatti errori, ma una politica perfetta non è stata probabilmente una reale opzione data dalla situazione”.

“Dall'altra parte, credo fortemente che il tempo sia venuto per considerare seriamente un cambiamento nella precedente politica di negazione. Storicamente, gli umani sono sempre stati passivi in merito alle interazioni con ET. Abbiamo visto navi volare e alcuni di noi possono essere stati addotti. Però gli ET vengono sempre da noi e noi lo abbiamo sempre osservato accadere. Ora, abbiamo l'abilità di muoverci da uno stadio passivo ad uno attivo nello studio della vita interstellare. Con questa abilità deve arrivare una nuova fase di partecipazione responsabile in questa società allargata. Come gli ET hanno studiato la nostra società, noi possiamo iniziare ad esaminare da vicino la loro. Inoltre, educando il nostro pubblico sugli ET, poniamo il primo passo verso reciproche e diplomatiche relazioni.”

J: Studio: Cultura Esterna al Pianeta su Marte
Attraverso la remote view, ricercatori chiave nell'area della relazione umani-OPC, hanno identificato le caratteristiche chiave e gli obiettivi di una apparente Cultura Esterna al Pianeta su un pianeta vicino alla Terra (Marte), utili nel progettare il percorso critico per la SDI.

Sommario dei Dati di Visione Remota su Marte
Gli esercizi di remote view riportano la possibile esistenza di una presente Culture su Marte, di forma umanoide, vivente sotto la superficie di Marte, così come in basi sotterranee sulla Terra, negli USA e nelle colonie rurali del Sud America.

Questa cultura marziana sembra derivare da sopravvissuti a un cataclisma del Sistema Solare Marziano in un distante passato. I sopravvissuti del cataclisma Marziano, sono stati salvati in una operazione di viaggio temporale approvata da un governo galattico conosciuto come “Federazione Galattica”. L'operazione di salvataggio in viaggio temporale sembra essere stata condotta da una cultura Esterna al Pianeta conosciuta come i “Grigi”.

La cultura marziana sopravvissuta, ora esistente sotto la superficie di Marte nei giorni nostri, può essere tecnologicamente avanzata di circa 150 anni rispetto alla nostra. I dati della remote view suggeriscono che la Cultura Marziana può essere desiderosa di iniziare un contatto e una integrazione con la civiltà umana, inclusa la migrazione sulla Terra, dato che le condizioni di vita su Marte sono difficoltose a lungo termine. Questi dati iniziali suggeriscono che possono risultare mutui benefici tra la Cultura Marziana e la nostra civilizzazione, tramite un contatto positivo e una diplomazia di interesse pubblico tra le due culture e tramite l'impostazione di una azione di mutuo contatto. Uno scienziato riassume la visione strategica della civilizzazione Marziana che è stata osservata e comnunicata tramite le sessioni di visione remota come di seguito:

“I Marziani non sono interessati nella guerra e la loro migliore difesa è l'attività clandestina. Si stanno nascondendo. Il resto della galassia sta osservando cosa faranno gli umani quando tireranno fuori la testa dalla sabbia come delle ostriche, guarderemo su e diremo, “Ok, ammettiamo di non essere soli nell'universo o persino nel nostro sistema solare. Esistete, parliamo.” La domanda è: gli umani impazziranno e manderanno missili o diranno con compassione, “Abbiamo sentito che avete problemi. Possiamo aiutare?” Ecco a cosa sta guardando la galassia, saremo partecipanti maturi in quella che conosciamo essere una comunità di vita galattica ben solida o resteremo nell'asilo della galassia rimanendo primitivi? Questo è il più grande sport degli spettatori nella galassia!”

STRATEGIA ESOPOLITICA DI MARTE – Analisi basata sulla Remote View

“I leaders del nostro governo devono venire coinvolti nel prossimo passo della partecipazione attiva umana nel contatto con gli extraterrestri. Ho già affermato che questo prossimo passo coinvolgerà direttamente il contatto fisico con i sopravvissuti Marziani, non con i Grigi (Federazione Galattica). Un giorno lavoreremo con i Grigi direttamente in un modo più soddisfacente per noi, ma quel giorno non è oggi. Non c'è nulla a fermarci dall'aprire linee di comunicazione con i Marziani ora.”

“Primo, deve essere compreso che ogni contatto con i Marziani deve essere almeno parzialmente sanzionato dai leaders del nostro governo planetario, per quanto possa essere debole ora. Al minimo, i leaders delle Nazioni Unite possono almeno essere consultati in riguardo a questi contatti. Inoltre, non avverranno contatti con i Marziani finchè la nazione o l'organizzazione che conduce il contatto informa di ogni comunicazione direttamente il Concilio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Tutti gli stati membri devono essere informati appena si può organizzare il meeting”.

“Questo è un ingrediente essenziale per il successo, non un prodotto della mia posizione morale. I Marziani vogliono venire sulla Terra. Non metteranno a conoscenza gli umani della loro esistenza prima di avere l'assicurazione che stanno lavorando con i rappresentanti dell'intero pianeta. La loro migliore difesa contro la specie umana spesso violenta è sempre stato il silenzio e la segretezza.

Manterranno tale difesa finchè hanno una ragionevole possibilità di ottenere il loro obiettivo di venire accettati dalla maggioranza dell'umanità. Non pregiudicheranno il loro successo di essere accettati su questo pianeta, dando l'impressione iniziale di trovarsi dalla parte di una delle fazioni nazionalistiche.”

“Detto questo, comunque, la pratica detta che ci può essere solo una nazione su questo pianeta capace di accedere a sufficienti risorse politiche e tecnologiche per riuscire a persuadere i Marziani ad uscire allo scoperto. Secondo me, questa nazione sono gli Stati Uniti d'America. I miei dati di remote view suggeriscono che il formale contatto iniziale con i Marziani coinvolgerà l'uso della comunicazione radio. Gli USA hanno il maggior equipaggiamento necessario per tale progetto e può richiedere l'assistenza di altre nazioni per incrementare l'equipaggiamento di comunicazione necessario. I radiotelescopi possono essere puntati sia su Marte che sulla Luna per provare un dialogo aperto con i Marziani. I miei dati suggeriscono che ogni ET basato sulla Luna resterà silente al dialogo, ma probabilmente potremmo includerli nel circuito di trasmissione, dato che i Marziani su Marte si consulteranno con loro in merito all'origine della trasmissione Terrestre.”

“Suggerisco che il Presidente degli USA autorizzi (con la sanzione delle Nazioni Unite) la trasmissione su Marte di un invito per iniziare un dialogo tra gli umani sulla Terra e i rappresentanti Marziani. La trasmissione può indicare che gli umani sono caldamente ricettivi all'idea di lavorare con i Marziani per obiettivi di interesse comune. Il messaggio può anche suggerire che una pronta risposta dei Marziani indicherebbe una volontà tra di loro di divenire vicini cooperativi con gli umani e che questo sarebbe di grande aiuto per future relazioni tra le due culture planetarie. Questo può essere una via diplomatica utile, ma deve accadere essenzialmente ora. I Marziani hanno sviluppato una abitudine di segretezza e deve essere detto loro che vale la pena si rompere questa abitudine per lavorare direttamente con gli umani e presto.”

“Rimane la questione su quale presidente possa autorizzare la trasmissione. Il mio pensiero è che il tempo per la trasmissione sia ora. Sarebbe opportuno che il corrente Presidente degli Stati Uniti autorizzi la trasmissione. In merito a chi sta lavorando nella Casa Bianca al tempo della trasmissione, una cosa è certa. Il leader che inizia una comunicazione di successo tra la gli umani sulla Terra e i Marzinai, avrà un grande impatto sullo sviluppo della cultura umana che rimarrà per migliaia di anni.”

“In generale, non ci sarà un singolo evento che influenzerà il futuro dell'evoluzione collettiva umana più del contatto con una civlità extraterrestre. Chiunque sia abbastanza coraggioso di rischiare tale straordinaria azione come quella di una trasmissione verso Marte per chiedere un dialogo planetario per iniziare, sarà ricordato favorevolmente, sia sulla Terra che nella galassia, per lungo tempo. Questo atto sarà un segnale per l'attesa della comunità galattica, li informerà che gli umani sono ora sufficientemente maturi per entrare nella comunità come membri. Tale unione sarà un dono guadagnato e non vinto. Quello che serve è la maturità collettiva di accettare la realtà di chi siamo: esseri complessi in un universo pieno di vita.”

“Dopo questa trasmissione e la risposta Marziana, sarà necessario iniziare un piano per ricevere i Marziani che non sono ancora su questo pianeta. Il mio suggerimento è di offrire la trasformazione della corrente base sotterranea Marziana nel New Mexico in un centro di processamento. Sono certo che la tecnologia medica Marziana è sufficiente a garantire che non verranno introdotte nuove malattie in questo pianeta come risultato dell'arrivo dei Marziani.

Infatti, se questo doveva accadere, sarebbe accaduto molto tempo fa, dato che molti Marziani sono già qua. Però questo non significa che gli umani debbano accettare questa conoscenza passivamente. Sarà importante per i futuri dottori divenire pienamente consapevoli della fisiologia e psicologia Marziana. Cioè, dovremo analizzare i rifugiati Marziani allo stesso modo in cui facciamo con altri rifugiati di culture Terrestri.”

“Ci sarà domanda di cittadinanza. Deve essere riconosciuto che ogni bambino Marziano nato già sulla Terra debba avere immediata cittadinanza nei paesi di nascita. Marziani nati nelle caverne sotto Santa Fe Baldy nel New Mexico, per esempio, sono automaticamente cittadini degli USA. Inoltre, i loro vicini parenti hanno diritto di avere residenza permanente negli USA. Similarmente, le Nazioni Unite dovranno orchestrare l'arrivo di molti nuovi Marziani che non hanno bambini nati sulla Terra e i nostri governi mondiali dovranno lavorare assieme per sviluppare un piano per collocare permanentemente questi nuovi e speranzosi viaggiatori in cerca di casa.”

“Non è possibile enfatizzare quanto sia IMPORTANTE il comportamento umano in questo nuovo stadio della nostra esistenza su questo pianeta. Letteralmente l'intera Galassia ci sta guardando per vedere come ci comporteremo con i nostri vicini planetari bisognosi. Anche se non se siamo sempre stati consapevoli, siamo stati aiutati dagli extraterrestri surante molta della nostra evoluzione. Il test reale che si presenta è se saremo o meno sufficientemente maturi per guardare oltre a noi stessi e agire con COMPASSIONE verso altri bisognosi. Siamo capaci di partecipare nel singolo atto di contatto culturale interstellare avvenuto nei millenni, l'atto di aiutare altre specie con i loro problemi di evoluzione?”

“La mia visione remota suggerisce che siamo ora capaci di questo livello di comportamento altruistico. Con tutto il mio cuore, spero di non sbagliare in questo singolo e importante pezzo di informazione.”

I Grigi

“Per mia opinione, i Grigi non sono pronti per lavorare fisicamente con molti umani su uguale livello. Le loro abilità telepatiche sono estremamente avanzate e hanno molta difficoltà con le intensità delle nostre emozioni. Inoltre, quando siamo attorno ai Grigi, le nostre emozioni passano rapidamente verso il panico e quindi si capisce perchè questi esseri altamente telepatici possano trovare difficile lavorare con noi in ambiente non controllato.”

“Questo non per dire che non dobbiamo avere altri tipi di contatto con i Grigi. Infatti è benefico sia per noi che per i Grigi se entriamo in contatto appena possibile. La mia raccomandazione è che i diplomatici umani inizino ad usare la Remote View Scientifica per propositi di comunicazione con i Grigi. Inoltre, suggerisco che gli umani inizino un contatto sia con i Grigi subspaziali che fisici di tutti i tipi di evoluzione che stanno operando vicino alla Terra oggi.”

“L'esperienza estesa ha dimostrato che i Grigi possono tollerare il contatto umano subspaziale molto bene. Questo significa che gli umani hanno l'abilità di lavorare con i Grigi direttamente attraverso questa connessione subspaziale. Questo sarebbe particolarmente utile, dato che i Grigi necessitano di avere l'esperienza di lavorare con umani pienamente consapevoli in modo che possono essere incoraggiati a rompere il loro comportamento di lavoro solo con umani in modo clandestino. I Grigi necessitano del nostro aiuto nel contatto con loro, così come ne abbiamo tratto beneficio noi e continuiamo a trarne, per molti dei loro sforzi.

Nel caso che questi sforzi non vengano immediatamente in mente, lasciate che vi ricordi con un esempio per cui esistono sostanziali dati tramite remote view, da diversi esecutori, che suggeriscono che i Grigi sono pesantemente coinvolti nell'immagazzinamento di campioni genetici vegetali e animali da ogni ambiente umano che stiamo distruggendo. Saremo molto grati ai loro sforzi nei prossimi anni quando inizieremo a ricostruire questo pianeta usando le loro scorte genetiche. La relazione tra umani e Grigi è molto complessa e abbiamo bisogno di essere pazienti e costanti nei nostri sforzi per migliorare le nostre abilità di comunicazione con loro.”

“Forse il modo migliore di migliorare la comunicazione tra umani e grigi è usare la Visione Remota Scientifica per chiedere ai Grigi come possiamo assistirli col progetto genetico legato all'evoluzione della loro specie. Nel passato, l'aiuto di umani volontari e consapevoli per questo progetto, non c'è stato. I Grigi hanno dovuto lavorare con umani con piccola o nessuna comprensione della complessità della vita subspaziale.”

“Sospetto che tali tentativi di comunicazione non avrà immediata risposta dai Grigi, nel senso che le loro navi non atterreranno vicino alle costruzioni delle Nazioni Unite al momento in cui il primo diplomatico umano chieda se possiamo essere di loro aiuto. Ripetuti sforzi però avranno grandi premi e ci dobbiamo ricordare che i Grigi stanno aspettando da molto tempo la nostra maturazione per poter comunicare con noi in tutta calma.”

La Federazione Galattica
“Come con i Grigi, dovremo usare la Visione Remota Scientifica per stabilire una rappresentazione umana permanente nella Federazione Galattica. Ci sono modi fisici con cui gli umani possano comunicare con le autorità della Federazione e sono certo che questi mezzi fisici verranno presto usati. Comunque, la SRV è necessaria in questo tempo per una ragione importante: la Federazione Galattica è primariamente una organizzazione subspaziale”.

“E' virtualmente impossibile per esseri solo fisici governare una Galassia. La ragione è che gli esseri fisici sono creature temporanee che partecipano nel mondo fisico solo per brevi periodi di tempo. Inoltre, la maggioranza della vita degli esseri fisici è passata in gioventù e vecchiaia e ci sono pochi anni di produttività in età adulta nella vita, anche di un umano che ha vissuto a lungo. Dall'altra parte, la galassia evolve in un tempo che può essere solo capito come spettacolarmente lungo, rispetto ad una vita umana. Per monitorare e assistire l'evoluzione di una galassia, gli esseri devono avere una memoria attiva più grande di 70 anni, per dire. Il dramma dell'evoluzione di una sola specie spesso consuma migliaia di anni e se la Federazione è occupata nell'aiutare questa specie, allora gli esseri coinvolti nel progetto devono stare vicini per lungo tempo. Gli esseri fisici non possono farlo.”

“La vita fisica è qualcosa in cui tutti partecipiamo. Ha un tempo chiamato scuola, dove gli esseri subspaziali imparano come fare del proprio meglio. Però la vita fisica è molto più che una scuola per creature subspaziali. E' una vera dimensione di esistenza. La primaria differenza tra l'esistenza fisica e quella subspaziale è semplicemente che ognuno può visitare il modo fisico di vivere solo temporaneamente, dando rapidamente la propria contribuzione, prima di andarsene improvvisamente. Comunque è un autentico modo di vivere, per quanto sia temporanea la partecipazione.”

“Localizzare la Federazione Galattica nell'Universo fisico può essere un suicidio sia per l'organizzazione che per molte specie. Data la varietà dell'evoluzione sociale fisica, come si può predirre il cambiamento di una società fisica? Un giorno potranno essere d'aiuto ad altre società. Però gli esseri fisici possono rapidamente cambiare idea, se per esempio la loro economia non va bene un anno. Non si può governare una galassia con la classica personalità dubbia degli esseri fisici. Il governo Galattico necessita di una lunga prospettiva e nessuna forma di vita oltre a quelle subspaziali può avere la necessaria longevità. Cioè, non è un caso che la Federazione Galattica sia una organizzazione subspaziale. Non potrebbe essere altrimenti.”

“Verrà il tempo in cui gli umani avranno la tecnologia per sondare la realtà che divide universo fisico e subspaziale. Fino a questo tempo, abbiamo bisogno di usare il nostro sistema nervoso, addestrato ad ascoltare i nostri stessi aspetti subspaziali, per parlare con le autorità della Federazione Galattica. Abbiamo iniziato già la nostra rappresentanza nella Federazione appena abbiamo iniziato ad usare la nostra coscienza umana per comunicare con le autorità della Federazione.

Sia io che il mio monitor siamo stati tra i primi partecipanti in questo processo di rappresentanza umana. Ora è tempo per le autorità umane fisiche di autorizzare tale rappresentanza di viaggiatori ed esploratori cosmici come ho fatto io con i miei colleghi in visione remota, per dare il via a rappresentanti di un governo planetario umano e ora è tempo per le Nazioni Unite di permettere un dialogo diretto tra umani e la Federazione.”

“Non fate che ci siano errori. Nè i Marziani, nè i Grigi o le autorità della Federazione faranno qualcosa per forzarci ad agire per primi. Il segnale all'intera galassia per cui noi siamo una specie matura pronta ad avere voce nella comunità dei mondi, è la nostra abilità a riconoscere chi siamo tra tutti quelli fra cui viviamo. Non siamo più bambini. Siamo una specie con un destino. Permetteteci di passare una nuova frontiera del destino. Lasciateci abbandonare il nostro cinismo e la nostra paura. Lasciateci parlare, finalmente, a coloro che hanno aspettato da tempo e pazientemente per noi, la fuori.”

Da Cosmic Voyage.

Fonte: http://www.peaceinspace.net/

Vedi: http://www.altrogiornale.org/print.php?news.1897 , http://www.altrogiornale.org/news.php?item.1738.5

Iniziativa Star Dreams (SDI): Diplomazia di interesse pubblico con le culture esterne al pianeta – Pt.2 ultima modifica: 2008-09-14T22:00:00+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)