Interpretazione del cerchio nel grano del 1° giugno 2011

di Pier Giorgio Caria

Anche nella stagione 2011 i cerchi nel grano non tradiscono le attese degli appassionati e dei ricercatori. Puntuali come un orologio svizzero i pittogrammi hanno iniziato ad ornare le campagne inglesi come ormai fanno ininterrottamente da decenni. Era così scontato? Io dico di no, essendo un fenomeno che scaturisce per volontà di esseri non di questo mondo l'agenda operativa di costoro è sconosciuta, anche se possiamo supporre che ci accompagneranno sino alla fine del processo di contatto. Un processo che ha iniziato la sua fase conclusiva l'11 luglio 1991 e che non dovrebbe durare ancora a lungo prima del suo acme, posso credere che siamo ben oltre la metà del tempo operativo previsto. Il primo pittogramma è apparso il 22 aprile in un campo di colza e ben presto ne sono seguiti degli altri.


Cropcircleconnector.com

Tra questi uno in particolare merita la nostra attenzione per le sue peculiarità. È apparso il primo giugno a Wilton Windmill e rappresenta una specie di serpente, ma ricorda anche un girino o uno spermatozoo, sul cui corpo è incisa una scritta in codice universale Brasseur.


Cropcircleconnector.com

Il Brasseur Universal Code è un sistema di caratteri logici simbolici. Ciascuno dei caratteri logici simbolici ha una qualità intrinseca che permette al carattere di creare un campo di energia di risonanza armonica in base binaria. Energia, risonanza armonica… già da questi elementi posseduti dal codice Brasseur possiamo intuire la fonte di provenienza e il perché della sua scelta. Purtroppo la chiarezza di alcuni caratteri è incerta, nell'immagine seguente sono riportate entrambe le interpretazioni.


Cropcircleconnector.com

Leggiamo la parola inglese “BEWARE”, le cifre “6 6 6” o “6 18 18”, il codice “SAM3”
Dal mio punto di vista ritengo che sia più logica l'interpretazione del “6 6 6”, quindi mi atterrò a questa dicitura nel tentare di dare un senso a questo messaggio. Intanto la parola “BEWARE” significa “ATTENZIONE”, quindi il messaggio è: “ATTENZIONE 666 SAM 3”. Ovviamente il “666” non ha bisogno di molti sforzi per essere compreso, ne parla il capitolo 13 del Libro dell'Apocalisse di Giovanni, dove sono descritte le bestie dell'Apocalisse, riporto la parte finale dove compare questo numero:

11-Poi vidi un'altra bestia, che saliva dalla terra, ed aveva due corna simili a quelle di un agnello, ma parlava come un dragone.
12-Essa esercitava tutta l'autorità della prima bestia davanti a lei, e faceva sì che la terra e i suoi abitanti adorassero la prima bestia, la cui piaga mortale era stata guarita.
13-E faceva grandi prodigi, facendo persino scendere fuoco dal cielo sulla terra in presenza degli uomini,
14-e seduceva gli abitanti della terra per mezzo dei prodigi che le era dato di fare davanti alla bestia, dicendo agli abitanti della terra di fare un'immagine alla bestia, che aveva ricevuto la ferita della spada ed era tornata in vita.
15-E le fu concesso di dare uno spirito all'immagine della bestia, affinché l'immagine della bestia parlasse, e di far sì che tutti coloro che non adoravano l'immagine della bestia fossero uccisi.
16-Inoltre faceva sì che a tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e servi, fosse posto un marchio sulla loro mano destra o sulla loro fronte,
17-e che nessuno potesse comperare o vendere, se non chi aveva il marchio o il nome della bestia o il numero del suo nome.
18-Qui sta la sapienza. Chi ha intendimento conti il numero della bestia, perché è un numero d'uomo; e il suo numero è seicentosessantasei (666).

Per l'interpretazione del codice successivo, cioè SAM3, seguiamo lo stesso criterio biblico e prendiamo in esame il libro di Samuele, cap. 3. Qui troviamo:

Samuele 3
La chiamata di Dio a Samuele

1-Il giovane Samuele continuava a servire il Signore sotto la guida di Eli. La parola del Signore era rara in quei giorni, le visioni non erano frequenti.
2-In quel tempo Eli stava riposando in casa, perché i suoi occhi cominciavano a indebolirsi e non riusciva più a vedere.
3-La lampada di Dio non era ancora spenta e Samuele era coricato nel tempio del Signore, dove si trovava l'arca di Dio.
4-Allora il Signore chiamò: «Samuele!» e quegli rispose: «Eccomi»,
5-poi corse da Eli e gli disse: «Mi hai chiamato, eccomi!». Egli rispose: «Non ti ho chiamato, torna a dormire!». Tornò e si mise a dormire.
6-Ma il Signore chiamò di nuovo: «Samuele!» e Samuele, alzatosi, corse da Eli dicendo: «Mi hai chiamato, eccomi!». Ma quegli rispose di nuovo: «Non ti ho chiamato, figlio mio, torna a dormire!».
7-In realtà Samuele fino allora non aveva ancora conosciuto il Signore, né gli era stata ancora rivelata la parola del Signore.
8-Il Signore tornò a chiamare: «Samuele!» per la terza volta; questi si alzò ancora e corse da Eli dicendo: «Mi hai chiamato, eccomi!». Allora Eli comprese che il Signore chiamava il giovinetto.
9-Eli disse a Samuele: «Vattene a dormire e, se ti si chiamerà ancora, dirai: Parla, Signore, perché il tuo servo ti ascolta». Samuele andò a coricarsi al suo posto.
10-Venne il Signore, stette di nuovo accanto a lui e lo chiamò ancora come le altre volte: «Samuele, Samuele!». Samuele rispose subito: «Parla, perché il tuo servo ti ascolta».
11-Allora il Signore disse a Samuele: «Ecco io sto per fare in Israele una cosa tale che chiunque udirà ne avrà storditi gli orecchi.
12-In quel giorno attuerò contro Eli quanto ho pronunziato riguardo alla sua casa, da cima a fondo.
13-Gli ho annunziato che io avrei fatto vendetta della casa di lui per sempre, perché sapeva che i suoi figli disonoravano Dio e non li ha puniti.
14-Per questo io giuro contro la casa di Eli: non sarà mai espiata l'iniquità della casa di Eli né con i sacrifici né con le offerte!».
15-Samuele si coricò fino al mattino, poi aprì i battenti della casa del Signore. Samuele però non osava manifestare la visione a Eli.
16-Eli chiamò Samuele e gli disse: «Samuele, figlio mio». Rispose: «Eccomi».
17-Proseguì: «Che discorso ti ha fatto? Non tenermi nascosto nulla. Così Dio agisca con te e anche peggio, se mi nasconderai una sola parola di quanto ti ha detto».
18-Allora Samuele gli svelò tutto e non tenne nascosto nulla. Eli disse: «Egli è il Signore! Faccia ciò che a lui pare bene».
19-Samuele acquistò autorità poiché il Signore era con lui, né lasciò andare a vuoto una sola delle sue parole.
20-Perciò tutto Israele, da Dan fino a Bersabea, seppe che Samuele era stato costituito profeta del Signore.
21-In seguito il Signore si mostrò altre volte a Samuele, dopo che si era rivelato a Samuele in Silo, (4,1a)e la parola di Samuele giunse a tutto Israele come parola del Signore.


Cropcircleconnector.com

Con tutti questi elementi a disposizione possiamo ora tentare di estrapolare il messaggio di questo particolare cerchio nel grano apparso il primo giugno 2011. Abbiamo la figura che, considerandola uno spermatozoo, indica il concepimento, la nascita, perciò lo ritengo un simbolo che indica la nascita della nuova era, cioè la sua nascita è prossima, la fecondazione di essa è in atto. A tale proposito ricordo che il contattista Eugenio Siragusa diffuse un concetto importante datogli dagli extraterrestri in relazione alle comete: erano considerate degli zoidi cosmici portatrici di una nuova genetica ai soli. E nelle scorse settimane numerose comete hanno impattato sul nostro sole, nelle immagini sotto vediamo due comete che hanno colpito il sole l'11 e il 21 maggio 2011. Perciò possiamo sicuramente aspettarci un aumento dell'attività solare nel prossimo futuro.

Un anticipo di questo già l'abbiamo potuto vedere con una impressionante esplosione solare avvenuta il 7 giugno 2011, di cui sotto vediamo l'immagine ripresa dalla sonda SOHO.

Sappiamo bene dalla profezia Maya quanto l'attività del sole sia importante nei mutamenti in atto che ci stanno traghettando nella nuova Era.

Ovviamente non tutti sono contenti dell'arrivo del nuovo tempo, le forze oscure sappiamo bene quanto impegno stanno mettendo nel tentativo di bloccare o, perlomeno, rallentare questo processo.
Perciò abbiamo l'avviso scritto sul pittogramma: ATTENZIONE 666. Quindi veniamo avvisati di stare attenti alle forze anticristiche (in chiave moderna sono i fabbricanti e trafficanti d'armi, i trafficanti di droga, i politici corrotti, la criminalità organizzata, i principi della chiesa corrotti, le massonerie occulte, i potenti del mondo, ecc. ecc.) sicuramente questa nuova e più intensa fase di cambiamento comporterà un incremento nella forza e nell'attività delle forze negative.
A tale proposito voglio ricordare un importantissimo messaggio dato dagli esseri di luce a Giorgio Bongiovanni il 2 settembre 2010, in esso si parla del figlio di Satana, Arimane:

…COSTUI HA GIÀ PRESO CORPO ED È PRESENTE ED OPERANTE SULLA TERRA AGLI ORDINI DI SUO PADRE SATANA-LUCIFERO. EGLI È IL VERTICE PIRAMIDALE DI UNA COMMISSIONE INTERNAZIONALE GIÀ OPERANTE DA DECENNI NEL VOSTRO MONDO CHE HA IL COMPITO DI SCHIAVIZZARE, SOTTOMETTERE E ANNIENTARE LA SPECIE UMANA. LA LORO FORZA: IL DENARO. LE LORO ARMI: LA GUERRA, LA FAME, L’INQUINAMENTO E L’INGANNO TEOLOGICO. SONO DOTATI ANCHE DI STRUMENTI MOLTO EFFICIENTI E SPIETATI (CRIMINALITÀ ORGANIZZATA). L’ANTICRISTO, IL PRINCIPE DELLE TENEBRE, INGANNERÀ MOLTI E SI PROCLAMERÀ MESSIA E SALVATORE DEL MONDO.

Qui il messaggio completo: http://www.giorgiobongiovanni.org/index.php/messaggi-2010/2378-2-settembre-2010-teologia-applicata.html

La notizia è di quelle da far accapponare la pelle, non solo il diavolo esiste, mentre l'uomo lo ritiene una favola, ma ha preso corpo in un importantissimo uomo d'affari di cui presto sentiremo parlare e le sue intenzioni e quello che farà, sono ben specificate nel messaggio. Ovviamente per diavolo intendiamo una potentissima entità spirituale negativa, non certo il diavoletto con corna, ali di pipistrello, forcone e piedi di caprone di medievale memoria. Quindi l'avviso contenuto nel pittogramma di stare attenti alle bestie dell'Apocalisse, all'Anticristo, ai numerosi inganni che mette e metterà in atto, trova piena conferma negli stessi messaggi degli Extraterrestri.
Ricordiamo che nella profezia biblica del Vangelo, la Nuova Era, il Nuovo Regno, sarà instaurato dopo il giudizio universale che condannerà gli operatori d'iniquità, tutti coloro che hanno attentato alle leggi cosmiche e anche le guide che non hanno fatto il loro dovere.

La storia di Samuele mi sembra in perfetta sintonia con il discorso fatto sinora: Dio parla a Samuele per annunciargli che punirà Eli, guida di Samuele. Nei versetti 13 e14 leggiamo:
13-”…Gli ho annunziato che io avrei fatto vendetta della casa di lui per sempre, perché sapeva che i suoi figli disonoravano Dio e non li ha puniti.
14-Per questo io giuro contro la casa di Eli: non sarà mai espiata l'iniquità della casa di Eli né con i sacrifici né con le offerte!”.

Perciò Dio punisce Eli in quanto padre e guida che non fa il suo dovere e sceglie un nuovo profeta a cui parlare e annunciare la Sua volontà. Mi sembra un chiaro esempio che riflette la situazione del mondo attuale: i figli di Dio sono disubbidienti alle Sue leggi e le guide dei popoli non solo non fanno il loro dovere ma non ammoniscono e sono addirittura complici o peggio, dei malfattori.
Infatti le apparizioni, le comunicazioni divine ed extraterrestri, non sono state date alle guide istituzionali dei popoli ma a persone umili e semplici, veggenti e contattisti, non compromesse con il potere. Ricordo che Samuele era figlio di Anna, che era sterile ma che partorisce Samuele grazie all'intervento di Dio. Quindi Dio sceglie nell'umanità spiritualmente sterile, simboleggiata da Anna, un seme puro da cui farà nascere, scaturire, coloro che instaureranno il Nuovo Regno prossimo a nascere.

Il commento teologico al libro di Samuele ricalca perfettamente quanto sinora espresso, vi troviamo un nuovo regno, una nuova fase di Israele (l'umanità), nuovi e saggi re ecc.:
“Con Samuele, comincia la profezia in Israele” scrive Paolo De Benedetti. E in effetti con Samuele comincia una nuova fase nella storia di Israele. Dopo la conquista della terra (Giosuè), dopo i primi stanziamenti connotati da conflittualità con i popoli vicini, ma anche da divisioni tra le tribù stesse (Giudici), ecco che ora Israele prende forma e si avvia a diventare un regno, e a esprimere dei grandi re, che saranno Saul e Davide. Ma prima di arrivare a questo è con una storia di sterilità vinta che il Primo Libro di Samuele ci racconta la nuova possibilità storica che si apre per l’antico Israele. Il bambino che smentisce questa sterilità sarà Samuele, la cui storia è tra le più letterariamente belle di tutta la Bibbia. Samuele era figlio di Anna, una delle due mogli di Elkana lo Zufita. Essendo sterile, andata pellegrina al Tempio di Silo, una vallata tra Sichem e Rama, la località dove abitava, implora il Signore di renderla madre, facendo voto di offrigli la sua creatura pertutti i giorni della sua vita” (I Sam 1,12). Ottenuta la grazia, Anna impone al figlio agognato uno splendido nome che fa capire trattarsi di una vera e propria consacrazione: Samuele in ebraico vuole dire infatti “il nome (di Dio) è EI” (Shem-EI).

Il fenomeno dei cerchi nel grano sappiamo bene essere un fenomeno comunicativo attraverso i simboli usato dagli esseri di luce per colpire la sensibilità e la coscienza umana. Perciò i messaggi che ci arrivano attraverso i pittogrammi non possono essere scollegati dagli altri segni e messaggi che ci arrivano attraverso i numerosi altri fenomeni ufologici o sacri (contattismo e apparizioni) ma devono essere in armonia con questi e, ovviamente, con gli eventi nel mondo. Cercare in queste straordinarie figure cervellotiche quanto assurde spiegazioni, lo ritengo del tutto inutile e fuorviante. Alla luce di ciò mi sembra che il messaggio estrapolato dal cerchio nel grano del primo giugno sia in perfetta sintonia con gli elementi descritti.

P.G. Caria – 9 giugno 2011

Interpretazione del cerchio nel grano del 1° giugno 2011 ultima modifica: 2011-06-23T11:48:48+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)