Intervista a Fabio Marchesi

Il Giornale Online

Amici di Altrogiornale, siamo molto felici di potervi mostrare questa intervista all'Ing. Fabio Marchesi – http://www.fabiomarchesi.com/ che ha accettato gentilmente di condividere con noi il suo pensiero su alcuni temi, fornendoci un esempio su come sia possibile unire scienza e spiritualità per migliorare il mondo e la vita di tutti. (Intervistatore: Richard)

R: Ciao Fabio, benvenuto nel mondo di Altrogiornale, siamo molto felici di poter attingere conoscenza dai tuoi studi e dalle tue ricerche. Inizierei subito col chiederti di parlarci dei tuoi libri, ad esempio “La Fisica dell'Anima”  e “La Luce che Cura”, oppure quelli che preferisci.

F.M.: La Fisica dell’Anima è stato il mio primo libro, scritto di getto, intuitivamente, in circa 2 settimane, nel mezzo di una crisi nel quale ero riuscito ad essere “contento indipendentemente dalle circostanze”. Ho descritto forse un nuovo modo di interpretare la realtà, quello che stavo vivendo. La Luce che cura è venuto dopo, in quel libro ho potuto descrivere il risultato di circa 20 anni di ricerche in relazione alla Luce e al Sole, la più potente medicina che la natura ha regalato all’uomo….

R: Ora potresti parlarci un po di te. Cosa ti ha spinto ad affrontare in un certo modo questi argomenti anche spirituali? Parlaci del tuo percorso.

F.M.: Io vengo da una preparazione di tipo tecnico scientifico, molto razionale, che mi aveva permesso di credere di avere una certa padronanza nella comprensione del mondo “visibile”, ma la felicità che vivevo era estremamente limitata, rispetto a quella che conosco e vivo oggi, Il mio percorso “evolutivo” è forse iniziato solo dopo che ho iniziato ad interessarmi dell’”invisibile” di ciò che è considerato “mistero”. La spiritualità è l’approccio che ognuno di noi può avere con l’invisibile, ma anziché affidarla semplicemente alla Religione, come normalmente fanno più o meno tutti, ho deciso di iniziare a fare ricerche personali. Da allora è iniziato in me un processo dinamico di scoperta continua. Felice.

R: Che ne dici di descrivere ai nostri lettori cosa intendi definire con il termine “Exotropia”?

F.M.: Quando all’università avevo studiato il concetto di entropia dell’universo -quell’idea, passata per una verità scientifica assoluta, formulata oltre un secolo fa da un grande statistico, ma infelice ( si è poi suicidato…)- ne avevo sofferto e avevo, già allora, desiderato ribellarmi a quella visione infelice e catastrofica di un universo che tenderebbe spontaneamente al caos, al disordine, alla morte…. Solo dopo oltre dieci anni mi sono dedicato a formulare e descrivere il concetto di exotropia, che esprime una tendenza dinamica e irreversibile dell’universo all’evoluzione. Ho scritto un libro a riguardo che descrive un nuovo modello della realtà, molto più ottimistico, anche se individualmente responsabilizzante.

R: Per quanto riguarda la luce a spettro completo, come possiamo arricchire la nostra abitazione con questa fonte di benessere? So anche che ti sei impegnato per portarla negli ospedali ad esempio.

F.M.: Esistono tecnologie, sviluppate soprattutto per l’allevamento di animali (che senza luce solare tendono a comportamenti innaturali e a morire facilmente …) che permettono a chiunque di introdurre nelle proprie abitazioni sorgenti di luce molto simile a quella naturale del Sole, e di trarne gli immensi benefici che ho descritto nel mio libro La Luce che Cura. Esiste però un pregiudizio estremamente limitante, entrato a far parte del senso comune, del quale anche la medicina è vittima, sulla presunta nocività dei raggi ultravioletti. E che và vinto se si vuole iniziare a vivere, anziché limitarsi a sopravvivere…. Nel sito internet www.biodream.com si trovano e sono descritte e acquistabili molte sorgenti a spettro pieno e a uv.

R: Fabio, ti andrebbe di parlare delle tue creazioni tecnologiche per la felicità direi di Anima e Corpo?

F.M.: Per un certo periodo della mia vita mi sono dedicato a inventare, progettare e brevettare sistemi e apparecchiature che potessero contribuire alla felicità dell’uomo, ad aiutarlo a vivere esperienze in sintonia con la sua natura, una di queste è BioDream, la macchina della Gioia, nella quale ho applicato sia principi fisiologici noti, come quello dell’ipertermia sistemica, ottenuta però attraverso raggi infrarossi sincronizzati al battito cardiaco, sia elementi informazionali, quindi invisibili, “spirituali”, come quelli utilizzati in parte dall’omeopatia, ma anziché utilizzare l’acqua come veicolo di informazioni, ho utilizzato la luce.

R: Possiamo provare a toccare alcuni temi particolari che affrontiamo su Altrogiornale? Non sappiamo se ti sei interessato dell'argomento “Scie Chimiche”, vuoi darci un tuo parere in merito?

F.M.: Credo che molte persone arrivino ad essere infelici per ragioni, interiori, delle quale non si sono ancora accorte, allora cercano, all’esterno di sé, argomentazioni o motivazioni che possano in qualche modo giustificare la loro inquietudine esistenziale. Quella di credere in “complotti” globali a loro danno , reali o presunti, come quello delle scie chimiche è una delle possibilità che possono abbracciare, Io credo che la realtà offre a chiunque infinite possibilità di farsi e fare del bene, di farsi e fare del male, ciò che ognuno crede, di se stesso, degli altri e della realtà determina il tipo di esperienze che vive. Credo che una persona che ha saputo avere il coraggio di vivere nell’entusiasmo e nell’ottimismo, possa avere tutta l’energia vitale che gli serve per superare con successo gli effetti di qualunque “complotto”, reale o presunto.

R: Dei fenomeni parapsicologici o spirituali se preferisci, cosa ne pensi? Hai affrontato questo campo nel tuo percorso?

F.M.: Io vivo di fenomeni definibili “paranormali”, o “parapsicologici” o “spirituali”, tutto ciò che va oltre l’ordinario, tutto ciò che è sconosciuto mi affascina tantissimo e ho imparato a rinunciare all’idea di “capire”, mi accontento di interpretarli, e di cercare di farlo utilmente e felicemente.

R: Spingiamoci ancora oltre, qual'e' il tuo parere sul concetto di cicli temporali o Ere che portano l'essere umano, anche se io parlerei di Coscienza in generale, ad evolversi? Cosa pensi dell'argomento “Maya e 2012” di cui si legge molto su internet, ma non solo ultimamente?

F.M.: Ne ho parlato nei miei libri, “Io scelgo Io voglio Io sono” in particolare. I Maya si sono rivelati essere i massimi conoscitori del tempo, e dei suoi cicli evolutivi. Io personalmente non vedo l’ora che arrivi il 2012, e credo che ognuno abbia iniziato a vivere, già da alcuni anni, cambiamenti e crisi che lo portano a confrontarsi con il meglio e il peggio di se stesso per poter potenzialmente arrivare a credere, pensare, immaginare ed essere finalmente , migliore, o per “riprovarci”….

R: Cosa puoi dirci invece delle numerose testimonianze che riguardano visite o presunte tali, da parte di civiltà extraterrestri nel nostro pianeta?

F.M.: Credo siano fenomeni che fanno parte di questo ciclo evolutivo accelerato, che possono portare ogni individuo ad andare oltre la propria concezione di spazio-tempo. Che possano portarlo ad andare oltre una propria idea di realtà limitata alla propria esperienza diretta..

R: Hai mai avvistato un cosiddetto UFO o meglio un “disco volante” nella tua vita?

F.M.: Credo di si, sia quando me ne sono accorto, sia quando ero distratto da altro…

R: Quando e come pensi che l'uomo riuscirà davvero a “conquistare” le Stelle?

F.M.: Quando la smetterà di vivere nel suo giardinetto di credenze e abitudini che gli sono famigliari.

R: Una domanda importante, puoi darci la tua definizione di Amore? Nei nostri tempi sembra ancora che l'uomo non abbia compreso veramente cosa sia e si sente spesso infelice per questo.

F.M.: L’Amore è ciò che permea l’Universo e lo rende vivo, e lo fa evolvere. Ognuno ha nella sua mente una idea di amore che deriva in genere unicamente dalle proprie esperienze affettive, felici o infelici, Io credo in un concetto di Amore molto più ampio, che fa si che ogni cosa che esiste sia in interazione costante con ogni altra cosa che esiste. La mia definizione di Amore è Amore = La più sublime delle esperienze umane, la capacita potenziale dell’essere umano di autorealizzarsi provando gioia nel pensare e agire per produrre reali vantaggi, oltre che per se stesso o per un’altra persona, per ogni cosa con cui riesce a sentirsi un tutt’uno, fino a tutta la Realtà.

Ne ho parlato nel mio libro “La Coppia Illuminata”

R: C'è qualche argomento di cui vorresti parlarci in particolare?

F.M.: Credo di aver già detto abbastanza per una intervista breve e sintetica su argomenti, diciamo, così “importanti” ….

R: Per finire ti andrebbe di lasciare un messaggio ai nostri lettori di tutte le età?

F.M.: Si, recentemente ho fondato L'ENTUSIASMOLOGIA da en, theos, siasmos : essere in collegamento con Dio dentro di se e logos: studio. La materia che studia tutto ciò che riguarda la relazione felice dell’essere umano con il Divino, coniugando razionalità con spiritualità, visibile con invisibile. Uno dei presupposti di partenza è che la felicità che ognuno può vivere è limitata da quanta si è reso capace di sopportarne, è un limite autoimposto che dipende da quanta paura ognuno ha di soffrire. Vincere con un sorriso le proprie paure, i propri demoni, è ciò che più potentemente può permettere ad una persona di essere finalmente, dinamicamente, Felice. Serve solo un poco di buona volonta, e di coraggio, ma, lo garantisco, ne vale la pena.

Grazie

R: Fabio ti ringraziamo ancora moltissimo e ti auguriamo di riuscire a portare veramente tanta Luce nel mondo, come già stai facendo in tutti i sensi col tuo lavoro. Un abbraccio da Altrogiornale.org

Alcuni libri di Fabio Marchesi:

Intervista a Fabio Marchesi ultima modifica: 2009-09-20T07:57:04+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)