Irlanda: vietati gli OGM

Il Giornale Online[color=#666666]L'Irlanda ha deciso di bandire gli OGM[/color]

21 Ottobre 2009
Le preoccupazioni sulla sicurezza degli OGM spingono i governi ad agire. Pochi giorni fa, infatti, l’Irlanda ha deciso di vietare la coltivazione di tutte le colture geneticamente modificate e di introdurre un’etichettatura volontaria “GM free”.

di Alessandra Profilio

L’Irlanda bandisce gli OGM. Pochi giorni fa, infatti, il governo irlandese – guidato da una coalizione composta dai liberal-conservatori di Fianna Fàil e dal Partito dei Verdi irlandesi – ha deciso di vietare la coltivazione di tutte le colture geneticamente modificate e di introdurre un’etichettatura volontaria “GM free” per carne, pollame, uova, pesce, crostacei e latticini per contraddistinguerli e segnalarne il valore aggiunto.

Come riportato nel sito GM Free Ireland, dichiarare tutta l’Irlanda una zona GMO-free è vantaggioso per gli affari, l’ambiente e la salute della popolazione umana e del bestiame. Questo provvedimento, inoltre, proteggerà gli agricoltori dalla perdita di una porzione di mercato e favorirà le esportazioni, dal momento che “l’Irish food sarà riconosciuto come il più affidabile marchio GM-free in tutta Europa, se non addirittura nel mondo intero”. Un sistema di etichettatura simile è stato introdotto tempo fa dalla Germania che, nell’aprile scorso, ha detto no agli ogm. Il governo tedesco, infatti, ha vietato la coltivazione e la vendita di mais geneticamente modificato, precisamente il mais MON 810 della società statunitense Monsanto, che non potrà più essere piantato per il raccolto estivo.
Il Giornale Online[color=#666666]Le preoccupazioni sulla sicurezza degli Ogm spingono i governi ad agire[/color]

“Sono giunta alla conclusione che c'è un ragione giustificabile per ritenere che il mais geneticamente modificato del tipo MON 810 rappresenti un pericolo per l'ambiente”, ha dichiarato la ministra tedesca dell'Agricoltura e della Protezione dei consumatori, Ilse Aigner. Nel marzo 2008 è stata invece la Romania a mettere al bando il mais ogm della Monsanto. Come si legge in un comunicato di Greenpeace riguardante il provvedimento del governo rumeno, “ricerche scientifiche dimostrano che il mais MON810 è dannoso per l'ambiente: la tossina che contiene e che dovrebbe uccidere un parassita del mais si insinua nel suolo, danneggiando animali importanti per mantenere in buono stato il suolo stesso. Anche la salute umana e animale non è al sicuro. È il caso del MON863, un altro mais della Monsanto, che ha causato segni di tossicitá in fegato e reni delle cavie su cui è stato testato.

Il Giornale Online[color=#666666]Nel marzo 2008 è stata invece la Romania a mettere al bando il mais ogm della Monsanto[/color]

La contaminazione delle colture tradizionali causata dagli Ogm è, inoltre, una grave minaccia per la biodiversità. Solo nel 2007 sono avvenuti 39 nuovi casi di contaminazione in 23 paesi. Eppure non esistono standard internazionali che impongano alle aziende biotech di rispondere per i danni e le perdite finanziarie causate con i loro Ogm.” Le preoccupazioni sulla sicurezza degli Ogm spingono dunque i governi ad agire. E così l’Irlanda si è unita a quegli Stati dell’Unione Europea – Austria, Ungheria, Francia, Grecia, Lussemburgo e Germania – che hanno attivato la “clausola di salvaguardia” prevista dalla legislazione Ue, che consente un divieto nazionale temporaneo di coltivazione.

I tentativi della Commissione europea di costringere alcuni di questi Stati a revocare i divieti nazionali sono stati sinora respinti dalla maggioranza qualificata dei Ventisette in Consiglio Ue. Nel frattempo, dall’altra parte del mondo, anche il Perù si prepara a bandire dal Paese la coltivazione delle piante transgeniche fino al 2014.

Fonte: http://www.terranauta.it/a1477/salute_e_alimentazione/irlanda_vietati_gli_ogm.html

Dalla diossina agli OGM: storia di una multinazionale che vi vuole bene
Irlanda: vietati gli OGM ultima modifica: 2009-10-22T15:43:43+00:00 da Quantico
About the Author
Quantico