La Bulgaria e gli extraterrestri: il CUT riceve la risposta dello scienziato Filipov

Il Giornale Online
Il CUT (Centro Ufologico Taranto) è lieto da annunciare, in esclusiva nazionale, la risposta in merito all’articolo apparso qualche giorno fa – e riportato da molti organi di stampa – inerente i contatti stabiliti da alcuni scienziati bulgari con entità intelligenti extraterrestri. La risposta è arrivata via email dall’astrofisico Lachezar Filipov. L’illustre scienziato conferma, in gran parte ciò che è stato anticipato dai quotidiani bulgari “Novinar Daily e Sofia Echo”, con alcune differenze. L’email di risposta è arrivata il 26 Novembre 2009, mentre quella di invio è stata mandata da Antonio De Comite il giorno 23 Novembre 2009.

Innanzitutto l’importante scienziato, che tra l’altro è Segretario della Commissione delle Ricerche Spaziali del Consiglio dei Ministri bulgaro, dichiara che lo Space Research Institute bulgaro non è direttamente coinvolto con l’esperimento denominato “Dialogo 2009″, del quale sia il professor Lachezar Filipov che i suoi colleghi sono attivamente coinvolti. Il “team” è composto da esperti nel campo scientifico e stili di vita diversificati. In cosa consiste questo esperimento? Si basa su un progetto di lavoro originale, portato avanti dalla signora M. Vezneva, ex architetto e membro corrispondente della IAI (nota redazione CUT potrebbe essere, ma non ne siamo certi, la sigla dell’Istituto Affari Internazionali).

La signora Vezneva ha pubblicato due libri contenenti dizionari di lingua simbolica universale, attraverso i quali i pittogrammi (nota redazione CUT i “crop circles”) possono essere interpretati. Nei sui libri mantiene un dialogo coi “creatori” dei cerchi nel grano, sulle questioni globali. E’ tutto basato sul linguaggio dei simboli universali, come la psicometria e la telepatia. Inoltre il professor Filipov afferma che i “crop circles” sono reali formazioni esistenti, di natura inesplicabile e contengono informazioni di fonte aliena per noi. Al momento a questo esperimento ci sono 36 partecipanti, ma si stanno cercando altri che possano partecipare al progetto. L’illustre Filipov conclude che attualmente esistono prove che confermano l’ipotesi iniziale, di cui sopra, tuttavia verrano pubblicati i risultati finali dopo un attento esame di tutti i partecipanti dell’esperimento.
Fin qui il contenuto della missiva, importante e inaspettata, che attesta in maniera preliminare che i “creatori” dei cerchi del grano comunicano tramite linguaggio simbolico universale e che i “crop circles” sono reali formazioni di origini inesplicata. Un affermazione importante che non proviene da persona comune, ma da un autorevole scienziato bulgaro. Sotto il testo in lingua originale dell’email inviata da Antonio De Comite e la risposta del professor Lachezar Filipov

Coordinamento CUT Centro Ufologico Taranto a lfilipov
mostra dettagli 23 nov (3 giorni fa)

Dear Dr. Lachezar Filipov. About the writer is one of the coordinators of the CUT (Centro Ufologico Taranto) Puglia, Italy, an association of research and study of UFO, which takes care of seriously analyze and disclose everything about the UFO phenomenon. We read with astonishment today the website “Novinar” reported the news that you are in “contact” with extraterrestrials. And ‘true this news? Or is it a hoax? Why the official view that the site is about, is the most important discovery of all humanity. We look forward to his famous reply.

Sincerely

Antonio De Comite
(Coordinator CUT Centro Ufologico Taranto)

Risposta di Filipov

Lachezar Filipov a me
mostra dettagli 13.06 (9 ore fa)

BULGARIAN ACADEMY OF SCIENCES
SPACE RESEARCH INSTITUTE

Dear Sir Comite,

Thank you for your interest regarding the prematurely published article in Novinar Daily and Sofia Echo. Firstly, I would like to clarify that SPACE RESEARCH INSTITUTE of BAS is not directly involved in the “Dialogue 2009” experiment, in which myself and my colleagues are currently taking part in. This year, I had the opportunity of putting together a team of experts representing various scientific fields and walks of life. We worked together on a project based on the original work on our own Mrs M.Vezneva, a former architect and correspondence member of IAI. Mrs. Vezneva has two published books containing dictionaries of universal symbols language via which she states that pictograms may be interpreted. In her books, she engages in a dialogue regarding global issues with the crop circles “creators”. It is based on the universal symbols language, I.e. Pcychometry and telepathy.

The aim of the “Dialogue 2009” experiment is to carry out a similar dialogue regarding the use of the crop circles but using different participants. We believe that the crop circles are real existing formations from unexplained nature, and that they carry information from alien to us sources. We have already 36 participant replies which we are currently analyzing. Currently, there are facts confirming our initial hypothesis, mentioned above, however we will publish our final thoughts after careful consideration by all team members.

Please let me know if you’d like any further information or if you’d like to take part in “Dialogue 2010” experiment. Thank you!

With kind regards,
Prof. Filipov

Prof. Lachezar FILIPOV
Space Research Institute
Deputy Director on International and National Activities
Secretary of Interdepartmental Commission on Space Research of Council of Ministers
Head of Astrophysical and Synergetic Department
6 Moskovska Str.
P.O. Box 799
1000 Sofia
Bulgaria
E-mails: lfilipov@mail.space.bas.bg – lfilipov@dir.bg – lachfilipov@gmail.com
Fonte: http://centroufologicotaranto.wordpress.com/2009/11/26/la-bulgaria-e-gli-extraterrestri-il-cut-riceve-la-risposta-dello-scienziato/


La Bulgaria e gli extraterrestri: il CUT riceve la risposta dello scienziato Filipov ultima modifica: 2009-11-27T18:34:09+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)